PRIMO CONTATTO

Peugeot 3008: il nuovo cambio convince

La Peugeot 3008 è disponibile con l’inedita trasmissione automatica a otto rapporti. Abbinata al 1.5 diesel è efficace, ma le palette dietro il volante non sono sempre comode.

12 luglio 2018
  • Prezzo (al momento del test)

    € 35.250
  • Consumo medio

    24,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    108 grammi/km
  • Euro

    6
Peugeot 3008
Peugeot 3008 1.5 BlueHDi 130 CV GT Line EAT8
Due marce in più

Per la crossover media Peugeot 3008 (e per la più grande 5008 a sette posti) arriva un nuovo cambio automatico (sempre di tipo tradizionale, con convertitore di coppia) a otto rapporti. Realizzato dalla giapponese Aisin e con la gestione elettronica sviluppata dalla casa francese, questa trasmissione è più compatta e leggera (di 2 kg) rispetto alla precedente a sei marce e promette una maggiore efficienza. Proposta per tutti i motori della Peugeot 3008, è di serie per le unità più potenti (il 1.6 a benzina da 181 CV e il 2.0 diesel da 177 CV) e optional, a 1.950 euro, per il 1.2 benzina da 131 CV e il 1.5 turbodiesel di pari potenza (quello dell’auto del test). A proposito di prezzi, quelli della Peugeot 3008 sono compresi fra 26.600 euro per la 1.2 PureTech Turbo S&S Active a benzina (di serie l’avviso di involontario cambio di corsia, il climatizzatore automatico bizona e le ruote in lega di 17”) e 39.350 euro per la 2.0 BlueHDi S&S GT EAT8 a gasolio: quest’ultima include l’accesso senza chiave, il cruise control adattativo e le ruote di 19”. Accessori non presenti nella GT Line del nostro test che comunque non rinuncia a fari full led, frenata automatica d’emergenza, navigatore e ruote di 18”.

Sa come distinguersi

Per il resto, la Peugeot 3008 resta identica a quella che ha debuttato un anno fa. Si tratta di una crossover dal look originale, che miscela vistosi elementi cromati e neri a contrasto con la tinta scelta per la spigolosa carrozzeria. Grintoso il frontale con la mascherina a effetto tridimensionale e i “denti” del paraurti che si spingono nei fari. Altrettanto personali gli interni, dove spiccano la plancia su due livelli inframmezzati da un esteso ed elegante inserto in tessuto; la consolle, invece, è caratterizzata da originali tasti tipo alluminio disposti “a pianoforte”. La posizione di guida con il volante di piccolo diametro (35 cm la larghezza) e il cruscotto rialzato sulla plancia danno una sensazione di sportività, comune alle ultime Peugeot. Rispetto ad altri modelli della casa, la seduta rialzata (comoda la poltrona) minimizza la tendenza della corona a coprire parte della strumentazione (digitale e configurabile). I servizi di bordo della Peugeot 3008 sono concentrati nell’ampio schermo tattile (8”), ben visibile in cima alla consolle. Talvolta, però, sono macchinosi da utilizzare: per agire sul climatizzatore, per esempio, sono richiesti più passaggi attraverso le schermate del menù (può far distrarre dalla guida). Nulla da ridire sulla disponibilità di portaoggetti (capiente e refrigerato quello fra i sedili), e sullo spazio per i passeggeri (anche in tre sul divano non si sta male) e per i bagagli.

Un bell’andare

Fluidi e pronti sia il motore sia il cambio automatico della Peugeot 3008 1.5 BlueHDi S&S GT Line EAT8: favoriscono una guida disinvolta (alla portata lo “0-100” in 12,6 secondi e i 192 km/h di velocità massima) e rilassata. Nella modalità sportiva, inseribile con il tasto fra i sedili, la trasmissione mantiene più a lungo il rapporto inferiore (oltre ad appesantire leggermente lo sterzo e a rendere più decisa la risposta del 1.5). Non mancano le levette dietro al volante per gestire, all’occorrenza, le marce manualmente. Tuttavia, essendo fisse (sono solidali al piantone dello sterzo e non ruotano insieme al volante) oltre che abbastanza corte, nelle curve non sempre si riescono a raggiungere. In compenso, sul misto lo sterzo piuttosto diretto (oltre che preciso) e le sospensioni solide danno agilità: gli inserimenti nelle curve sono rapidi e precisi per una crossover. Sulle sconnessioni più marcate, però, la schiena non ringrazia. A fine test diamo un’occhiata ai consumi indicazioni del computer di bordo: dopo un centinaio di chilometri su strade extraurbane pianeggianti e in autostrada la media è di 15 km/litro. La casa, invece, ne dichiara 24,4. Controlleremo con i nostri strumenti in una prova completa…

Secondo noi

Pregi
> Agilità. L’auto è rapida negli inserimenti in curva.
> Cambio. Fluido e piuttosto rapido, ben si accorda al motore.
> Originalità. Sia dentro sia fuori l’auto questa Peugeot non è banale.

Difetti
> Comandi. Quelli per i servizi secondari riuniti nello schermo della plancia non sono d’immediato utilizzo.
> Palette del cambio. A volte restano fuori dalla portata delle dita.
> Sospensioni. Non sempre assorbono efficacemente le buche.

SCHEDA TECNICA
Carburante gasolio
Cilindrata cm3 1499
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 96 (131)/3750 giri
Coppia max Nm/giri 300/1750
Emissione di CO2 grammi/km 108
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 192
Accelerazione 0-100 km/h (s) 12,6
Consumo medio (km/l) 24,4
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 445/184/162
Passo cm 268
Peso in ordine di marcia kg 1430
Capacità bagagliaio litri 520/1482
Pneumatici (di serie) 225/55 R18
Peugeot 3008
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
129
53
37
23
26
VOTO MEDIO
3,9
3.880595
268
Aggiungi un commento
Ritratto di ziobell0
13 luglio 2018 - 17:19
è il giusto prezzo per chi si vuol far spennare, indipendentemente dall'estetica dell'auto
Ritratto di Graziano1978
13 luglio 2018 - 19:57
3
Ho lo stesso motore e lo stesso cambio sulla 308, concordo pienamente quanto detto tranne che per i consumi, io ho una media leggermente più bassa (16.5). Esteticamente è molto bella, ma dentro non ha proprio rivali, magari la mia 308 avesse gli stessi interni!
Ritratto di marcoluga
14 luglio 2018 - 05:53
Sarebbe ora che quelli dell’EURONACP togliessero stelle a quelli che mettono i comandi principali come il clima sotto menu di display digitali. Vedi Volvo che sbandiera la sicurezza e poi ti costringe a guardare il monitor mentre guidi. Che grandissima boyata.
Ritratto di Agl75
14 luglio 2018 - 08:17
Tra poco sarà tutto a comando vocale.
Ritratto di Rav
14 luglio 2018 - 10:49
2
In 8 mesi che regolo il clima dallo schermo a centro plancia non sono mai uscito di strada. Le rotelle basse della 500L invece, anche se fisiche mi hanno dato più problemi, per vedere le cifre nei display bisogna chinarsi. Alla fine è tutto un fatto di ergonomia.
Ritratto di Rav
14 luglio 2018 - 10:44
2
La guido da novembre scorso col 1.6 120cv e AT6 ed è una delle macchine più comode che ho avuto. Con 10cv e 2 marce in più sarà pure meglio. E' vero, non è una supersportiva, ma dipende da cosa si cerca in un'auto, io cercavo il comfort e quindi anche se in ripresa non è un fulmine non è un grosso problema. C'è da dire che premendo il tasto sport le cose cambiano di parecchio, si fa più pronta. Per le palette, in 8 mesi le ho usate due volte quindi anche se restano solidali allo sterzo frega il giusto.
Ritratto di money82
15 luglio 2018 - 11:08
1
Esteticamente mi piace molto, forse uno dei più bei crossover in commercio. L' ideale sarebbe la versione benzina da 180 cv per avere un minimo di soddisfazione, peccato poi farà fatica a fare i 10 al litro. Un 1.5 da 130 cv diesel lo ritengo sottodimensionato tenendo conto del baricentro alto e il peso, se ci aggiungiamo una cambio a convertitore i consumi ne risentono parecchio, infatti su strade extraurbane pianeggianti e autostrada la media è di 15, quindi in città non più di 13. Bella è bella, ha un bel bagagliaio ma come prezzo, prestazioni e consumi siamo lontani dall' auto ideale.
Ritratto di MirtilloHSD
15 luglio 2018 - 14:25
4
Mi piace molto questa 3008. Un parente ne aspetta una 2.0 BlueHDI GT. Certo che potrebbero proporla ibrida. Comunque è veramente bella. Mirtillo
Ritratto di dubbioso
25 luglio 2018 - 17:36
L'ho appena provata. Visto che la macchina è rimasta sostanzialmente la stessa cambio a parte vengo subito al dunque, e cioè alla guida. L'elettronica cerca sempre di distendere il rapporto in modo da far girare il motore al regime più basso possibile. Tuttavia ad ogni richiesta di ripresa, per prendere velocità o per fare un sorpasso, c'è un evidente lag tra lo schiacciare il pedale e il cambio che scala marcia, che dura anche più di un secondo. Più si schiaccia il pedale dell'acceleratore e più il lag è evidente in quanto il cambio scala anche più di un rapporto. Avevo appena provato un sportage con il cambio robotizzato, a confronto le cambiate del kia erano più veloci e le riprese più pronte, di contro sfrizionava spesso per smussare i cambi di rapporto e nelle partenze da fermo sconsigliando partenze alla garibaldina per inserirsi in rotonda.
Ritratto di tonixos1
7 agosto 2018 - 19:31
Salve, ho una 308 eat6 da 3 anni ha un motore esagerato, molte persone mi chiedono se fosse una 2000 visto che si attaccano al sedile,quando premo il tasto Sport si comporta da vera sportiva. Visto che mi scade il piano finanziario la devo cambiare a settembre ho provato tante auto ma nessuna di pari cilindrata e Potenza mi ha soddisfatto come questa. Alla fine ho prenotato la 3008 1500 130 cavalli eat8 GT Line, e devo dire che Dopo averla provata pur avendo lo stesso motore rivisitato ,non rende come la mia 308,peccato!!! Veramente un'auto notevole si fa guardare una linea particolare un interno originalissimo Però come rendimento me l'aspettavo più all'altezza, reattiva ,scattante etc ...
Pagine