PRIMO CONTATTO

Peugeot Rifter: spaziosa e comoda, con qualche ingenuità

La Peugeot Rifter è un’ampia multispazio dalla guida gradevole; valida l’accoppiata fra il 1.5 diesel e il cambio automatico, ma c’è qualche dettaglio interno da migliorare.

22 giugno 2018
  • Prezzo (al momento del test)

    € 27.850
  • Consumo medio

    23,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    113 grammi/km
  • Euro

    6
Peugeot Rifter
Peugeot Rifter 1.5 BlueHDi 130 CV GT Line EAT8
Lunga o corta

Erede della Partner Tepee, la Peugeot Rifter è una pratica multispazio con alcuni caratteristiche da crossover: le estese protezioni in plastica nera per la zona inferiore della carrozzeria (parafanghi compresi), la buona distanza da terra del sottoscocca (18 centimetri, un valore che aiuta ad affrontare i terreni sconnessi) e l’Advanced Grip Control (proposto a 980 euro, o 610 per la GT Line del test, insieme ai pneumatici M+S). Ruotando una manopola fra i sedili, quest’ultimo sistema permette di scegliere fra cinque diverse risposte di acceleratore, controllo della trazione e freni, rendendo un po’ più facile muoversi sui fondi a bassa aderenza (come sabbia e neve). Frutto di un nuovo progetto basato sulla piattaforma delle Peugeot 3008 e 5008 (della Partner Tepee sono state mantenute soltanto le sospensioni posteriori a ruote interconnesse) la Peugeot Rifter è proposta in versione “corta” (440 cm, come quella che abbiamo guidato) o, per 1.200 euro in più, “lunga” (475 cm). Entrambe sono disponibili anche a sette posti (i due sedili della terza fila costano 600 euro, o 650 per la Rifter “lunga”, che li ha scorrevoli) e vantano un aspetto gradevole, con frontale spigoloso e originali finestrini dagli angoli smussati.

Da 21.550 euro

I motori della Peugeot Rifter sono tutti turbo. A benzina c’è il 1.2 a benzina con tre cilindri da 110 CV (in seguito arriverà quello da 131 CV), a gasolio il 1.5 da 75, 102 o 131 CV, quest’ultimo anche in abbinamento al cambio automatico a 8 marce (così era l’auto del test). Già ordinabile e con consegne da settembre 2018, la Rifter ha prezzi compresi fra i 21.550 euro della 1.5 BlueHDi Active da 75 CV  (di serie il Bluetooth, il climatizzatore manuale e sistemi di sicurezza come l’avviso di involontario cambio di corsia e la frenata automatica d’emergenza) e i 29.050 euro della GT Line “lunga” con il 1.5 diesel da 131 CV (di serie, anche l’accesso senza chiave, il climatizzatore bizona, il lunotto apribile, il monitor di 8” nella consolle e le ruote in lega di 17”). Fra gli optional, il tetto in cristallo (da 780 euro) e il navigatore (da 550 euro). Previsto anche l’arrivo di una versione 4x4, nel 2019.

Formato maxi

Come ci si può aspettare da una multispazio di queste dimensioni, l’abitacolo della Peugeot Rifter offre spazio a volontà e una seconda fila di sedili, ben accessibile tramite le porte scorrevoli, costituita da tre poltroncine indipendenti. Pur realizzato con pannelli in plastica rigida, l’interno ha uno stile gradevole e moderno e vanta una notevole praticità. Tanti i portaoggetti, fra cui quello molto grande fra i sedili anteriori, e i due pozzetti sotto i piedi dei passeggeri posteriori. Non mancano tre prese Usb e quelle di 12 V e, per 70 euro, anche di 230 V. Lamentiamo, però, l’assenza di specchietto e illuminazione nelle alette parasole, e le minuscole dimensioni dei braccioli nelle porte posteriori; un difetto che si può far risalire all’ingombro del meccanismo degli alzacristallo elettrici (una rarità per questo genere di veicoli, che di solito hanno i meno comodi vetri scorrevoli). Altro piccolo appunto riguarda le poltrone posteriori, che sono comode ma hanno la seduta corta: con 43 cm non sostengono bene le cosce. Come per tutte le Peugeot più recenti, la posizione di guida della Peugeot Rifter si distingue per il piccolo volante (la corona di forma esagonale è alta appena 32 centimetri e larga 35) e per il cruscotto sopraelevato sulla plancia. Tuttavia, in questo caso, grazie alla seduta alta, la strumentazione non viene coperta dalla parte superiore del volante; valida la disposizione e la funzionalità dei comandi, inclusi quelli del “clima”. Infine, merita pieni voti il bagagliaio, che è molto grande e di forma regolare. Al vano si può accedere anche aprendo soltanto il lunotto: utile quando dietro l’auto non c’è spazio sufficiente per spalancare il maxi-portellone. 

Non impegna

Nonostante l’assetto rialzato e la notevole larghezza della carrozzeria (185 cm), la Peugeot Rifter non è impacciata e si guida senza fatica; merito anche alla buona visibilità in tutte le direzioni. Le sospensioni non troppo morbide limitano il rollio senza sacrificare il comfort sulle buche, mentre il piccolo volante (al quale si fa presto l’abitudine) contribuisce ad avere una sterzata più diretta; apprezzabile la precisione con cui si impostano le traiettorie. Il 1.5 è silenzioso e spinge con regolarità e una certa verve fin dai bassi regimi (ci sono parsi alla portata del mezzo gli 11 secondi per lo “0-100” e i 184 km/h di velocità massima dichiarati dalla casa) e si abbina favorevolmente al cambio automatico, dolce nel selezionare gli otto rapporti e abbastanza pronto; per scegliere fra marcia avanti e indietro c’è una manopola nel tunnel anziché una classica leva, e due palette dietro il volante consentono al guidatore di scegliere le marce in modalità manuale. Nel corso del test su strade collinari affrontate ad andatura rilassata il computer di bordo ha calcolato un consumo di 14 km/l; se realistico (ci ripromettiamo di verificarlo in una prossima prova su alVolante) sarebbe un valore più che discreto.

Secondo noi

Pregi
> Guida. L’auto si lascia condurre con facilità.
> Praticità. Porte scorrevoli, tanti portaoggetti, lunotto apribile: sono parecchi i dettagli che semplificano la vita.
> Spazio. È abbondante sia per le persone sia per i bagagli.

Difetti
> Alette parasole. Sono prive di specchietto e luce.
> Poggiagomiti posteriori. Sono così piccoli da risultare  inutilizzabili.
> Seduta. Quelle delle poltroncine posteriori è corta.

SCHEDA TECNICA
Carburante gasolio
Cilindrata cm3 1499
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 96 (131)/3750 giri
Coppia max Nm/giri 300/1750
Emissione di CO2 grammi/km 113
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 184
Accelerazione 0-100 km/h (s) 11
Consumo medio (km/l) 23,3
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 440/185/187
Passo cm 279
Peso in ordine di marcia kg 1430
Capacità bagagliaio litri 597/2126
Pneumatici (di serie) 205/60 R17
Peugeot Rifter
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
16
16
10
2
3
VOTO MEDIO
3,9
3.851065
47
Aggiungi un commento
Ritratto di studio75
22 giugno 2018 - 20:02
5
ma un bel Doblo' 120cv? se ne trovano tantissimi km/0 a 15.000euro più o meno.
Ritratto di MirtilloHSD
22 giugno 2018 - 20:59
4
A me 28000 euro per un van sembrano un po' troppi. Oggi costa 3-4000 euro in meno con i vari accessori. Comunque bella e moderna la plancia (secondo me è più bella di quella della 308), mentre dietro ricorda troppo la vecchia generazione. Mirtillo
Ritratto di Sprint105
22 giugno 2018 - 22:49
Un mezzo pratico e anche bello nel suo genere. Non costa poco però
Ritratto di Rav
23 giugno 2018 - 12:52
2
Linea azzeccata, lo trovo il migliore tra le proposte PSA e Opel e sicuramente più gradevole della maggior parte delle vetture di questo segmento. Hanno fatto decisamente bene a caratterizzare frontali ed interni, così finalmente non sarà solo un fatto di costi ma pure di gusto e personalità. I prezzi mi sembrano adatti al mezzo e alla buona qualità, solo il tunnel raccordato lo trovo forse non adatto a questa tipologia di veicolo e sembra anche un po' spoglio.
Ritratto di Gordo88
24 giugno 2018 - 16:34
Valore più che discreto 14km al litro quando il dato dichiarato è 23km/l??
Ritratto di BETTER
25 giugno 2018 - 10:55
Il mezzo è bello se paragonato agli avversari (Caddy, Doblò, Kangoo), di sicuro però l'acquirente medio di questa categoria, guarda più alla sostanza (e quindi sceglie il Caddy) o al prezzo (e quindi vira sul Doblò oggi in promozione ad €14.900 nuovo). Non penso quindi che in Italia ne venderranno molte. Poi se tra 1 anno la mettono in offerta ad €16.500 tutto compreso (come spesso accade) il discorso cambia.
Ritratto di MarGhi
28 giugno 2018 - 18:58
Non capisco perchè sul sito Peugeot leggo che il bagagliaio è, nella versione corta, 775/3500 litri, mentre nella prova AlVolante è indicato 597/2126. Boh.
Ritratto di Heimdall
20 luglio 2018 - 12:32
bella la comprerei versione 4x4 e assetto rialzato così normale non mi piace non fa per me!
Ritratto di Tizianocaporale
31 agosto 2018 - 11:09
Io ho visto la versione GT veramente ben fatto, non sembra nemmeno un furgone. Credo sarà la mia prox auto.
Ritratto di pat70
27 novembre 2018 - 12:14
qualcuno ha caricato una moto da cross nella versione allungata ?
Pagine