PRIMO CONTATTO

Porsche Panamera: Ora sa anche bere gasolio

Alle potenti versioni a benzina a sei e a otto cilindri, si aggiunge la 3.0 V6 turbodiesel: è brillante, silenziosa e ha tutte le doti della grande viaggiatrice. Come le sorelle, però, fa pagare parecchio anche optional che dovrebbero essere di serie.
26 luglio 2011
  • Prezzo (al momento del test)

    € 83.299
  • Consumo medio (dichiarato)

    15,4 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    172 grammi/km
  • Euro

    5
Porsche Panamera
Porsche Panamera 3.0 V6 Diesel
Non può ruggire

Dopo la suv Cayenne, ora anche la grossa coupé a cinque porte Panamera cede al turbodiesel. Qualche purista storcerà il naso. Però, bisogna dire che la Panamera non è una sportiva pura, come la 911. E poi, non tutti i clienti del marchio tedesco si esaltano ascoltando quel rombo coinvolgente che solo il motore a benzina sa regalare, meglio se a sei o a otto cilindri, e si sentono pienamente soddisfatti solo quando vedono l’ago del contagiri schizzare oltre quota sei, settemila giri. C’è anche chi preferisce godersi il comfort di marcia a cinque stelle, apprezzando l’atmosfera ovattata e lussuosa che auto come la Porsche Panamera sanno offrire. Magari, senza continue e fastidiose soste per fare rifornimento.

A gasolio, ma non sembra

E infatti, il 3.0 V6 turbodiesel da 250 CV della Panamera, lo stesso che equipaggia la Cayenne, l’Audi Q7 e la Volkswagen Touareg, è estremamente silenzioso (non si avverte il solito, fastidioso borbottìo dei diesel), e non turba mai la quiete che regna nell’abitacolo, neppure quando lo si spreme nella guida sportiva. Certo, i 250 cavalli del sei cilindri a gasolio non sono molti se confrontati con i 299 del 3.6 V6 a benzina o con i 400 del 4.8 V8. Tuttavia, sono più che sufficienti per rendere brillante la grossa coupé tedesca, tanto da garantire un buono scatto al semaforo (i dati ufficiali parlano di 6,8 secondi nello “0-100”, esattamente quanto la 3.6 V6, e a noi il tempo è sembrato realistico) e una velocità di punta degna del rango della Panamera (la casa dichiara 242 km/h).

Una coppia davvero sostanziosa

A impressionare di più, comunque, è la formidabile coppia di cui è capace il 3.0 a gasolio. I 550 Nm disponibili fra i 1750 e i 2750 giri fanno sì che il motore sia prontissimo nella risposta ai comandi, con un tiro e una progressività non indifferenti. Anche a basso regime, premendo a fondo sul pedale dell’acceleratore, ci si sente schiacciare contro lo schienale del sedile, con una buona spinta fin oltre i 4000 giri. Ovviamente manca l’allungo di cui sono capaci i motori a benzina, tuttavia la Panamera Diesel si dimostra adatta anche a un uso moderatamente sportivo. Tanto più che a livello di sterzo, freni e sospensioni, la tradizione del marchio viene rispettata. La tenuta di strada e la precisione con cui s’impostano le traiettorie sono da vera sportiva. Anche il cambio automatico Tiptronic S a otto rapporti (di serie) si comporta bene. Non ha la velocità del PDK a doppia frizione (disponibile sulle altre versioni), ma si distingue per gli innesti morbidi; e nell’uso sportivo, utilizzando le due levette dietro il volante, sa anche far divertire.

Fino a 1200 chilometri con un pieno?

Anche sul fronte dei consumi la Panamera Diesel ha qualcosa da dire. La Porsche dichiara una percorrenza media di 15,4 km/l ed emissioni pari a 172 g/km di CO2 (che diventano 15,9 km/l e 167 g/km di CO2 con pneumatici a bassa resistenza al rotolamento su cerchi di 19”, previsti come optional): non poco per un bestione della stazza e con le prestazioni della coupé tedesca. Nel nostro breve test sulle strade tedesche abbiamo letto 11,3 km/l sul computer di bordo della macchina, che, comunque, è un valore di tutto rispetto (ottenuto anche grazie al sistema Stop&Start, di serie). Per la casa, con gli 80 litri del serbatoio si possono percorrere fino a 1200 chilometri; una distanza considerevole, che consente a chi viaggia sulla Panamera Diesel di pianificare poche soste nelle aree di servizio, guadagnando tempo e denaro nei lunghi tragitti, dove si può sfruttare al massimo la parsimonia del 3.0 a gasolio (che alla velocità di 130 orari in ottava marcia contiene il regime a soli 1900 giri).

Non si smentisce

Per il resto, la coupé a gasolio ricalca i pregi e i difetti delle altre Panamera. Ha un abitacolo confortevole e ben rifinito; si guida bene e sa farsi amare anche da chi ogni tanto vuole concedersi una guida sportiva. Peccato che faccia pagare cari i numerosi optional (alcuni dei quali dovrebbero essere di serie e non a pagamento) e che a livello estetico non sia del tutto convincente, soprattutto sul piano dell’equilibrio delle forme (la coda appare un po’ sproporzionata).

Secondo noi

PREGI 

> Comfort. L’abitacolo è ben insonorizzato, ampio (c’è spazio a volontà, anche sui sedili posteriori) e luminoso; le poltrone sono confortevoli e le sospensioni filtrano bene le irregolarità dell’asfalto (specie, quelle pneumatiche, che costano 3.528 euro).
> Guida. Anche senza avere la potenza delle “sorelle” a benzina, la Panamera è piacevole da guidare. Tiene bene la strada, è veloce e sa adattarsi a ogni situazione, nel traffico del tragitto casa ufficio, sulle lunghe autostrade e nel misto, dove riesce anche a far divertire.
> Motore. Pur essendo a gasolio (un tempo sarebbe stata un’eresia su una Porsche), si comporta bene anche su un’auto che ha velleità sportive. Ha una coppia vigorosa, è pronto e molto fluido. E si fa sentire poco.

DIFETTI 

> Comandi. I tasti sulla ingombrante consolle centrale sono troppi e confondono: per usarli al meglio servono tempo e pazienza.
> Linea di profilo. La fiancata, con la parte centrale molto allungata, la porta anteriore corta e la coda bombata e “pesante”, è poco equilibrata.
> Optional. Su auto da 80.000 euro, accessori come i vetri posteriori scuri (474 euro) e i sensori di parcheggio anteriori e posteriori (480 euro) dovrebbero essere di serie.

 

SCHEDA TECNICA

Cilindrata cm3 2.967
No cilindri e disposizione 6 a V
Potenza massima kW (CV)/giri 184 (250)/3800
Coppia max Nm/giri 550/1.750
Emissione di CO2 grammi/km 172
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (aut.-seq.) + retromarcia
Trazione Posteriore
Freni anteriori Dischi autoventilanti
Freni posteriori Dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 4.970/1.931/1.418
Passo cm 2.920
Peso in ordine di marcia kg 1.880
Capacità bagagliaio litri 445/1.273
Pneumatici (di serie) 245/50 ZR 18 ant. e 275/45 ZR18 post.


Aggiungi un commento
Ritratto di komoguri
28 luglio 2011 - 16:27
Mai macchina più orrenda è uscita dagli stabilimenti Porsche. La classica macchina da pappone...ci sono molte altre coupé a 4 porte più belle di questo sgorbio.
Ritratto di MARYO
2 agosto 2011 - 02:59
costa molto mettendo sulla lista gli optional utili... peccato che non ci siano motori piu' inferiori di potenza a benzina come a 150 CV con impianto a GPL cosi' anche il prezzo scienderebbe di conseguenza essendo piu' concorenziale alle sportive. Secondo me ci vogliono motori di piu' bassa cilindrata a benzina e diesel anche... se ci fosse un 2,5 TD e un 2,0 TB o 3,0 TB da 150 o 200 CV, non guasterebbe neanche un po'.
Ritratto di jack86
2 agosto 2011 - 21:43
mettiamoci anche il bicilindrico fiat da 85 cv tanto l'importante è apparire... ma dai!!!!
Ritratto di sharry
6 agosto 2011 - 23:28
1
(1950) porsche, casa automobilistica di auto sportive apprezzata da chi voleva un auto sportiva, abbastanza lussuosa, con un motore potente e un aderenza a prova di attack (2011) porsche, casa automobilistica di auto di ogni genere e forma apprezzata da chi va a spasso con lo stemma e non con l auto vera e propria
Ritratto di marcosil
12 agosto 2011 - 23:30
Il motore metterei un 5 o 6 lt almeno 8 o 10 cilindri ibrida non supererei i 60000 per il prezzo.Giocherei con il nome cayman-one,oppure rimettere i numeri 941 0 951. Di serie tutti gli optional mancanti come sensori parcheggio praticamente obbligatori su un auto del genere( scarsa visibilità in manovra)Cerchi da 19 e sospensioni pneumatiche. Farei una versione mini suv
Ritratto di MotoriFumanti
14 agosto 2011 - 15:52
l'ho vista piu volte e non mi dispiace.
Ritratto di Kamilp.
17 agosto 2011 - 17:45
Non è male, ma preferisco una Aston Martin Rapide
Ritratto di MotoriFumanti
19 agosto 2011 - 01:15
Anche io preferisco la 458 italia invece che la 500.. Al massimo usa la Quattroporte come concorrente.. ma non la Rapide.
Ritratto di andrea9595
19 agosto 2011 - 00:51
ma secondo me è più bella la panamera come porsche a me all'inizio nemmeno piaceva ma poi ne ho vista una favolosa e vista realmente in un concessionario cè molta differenza
Ritratto di supermax63
26 agosto 2011 - 02:43
Le concorrenti di elezione della Panamera sono Mercedes CLS,Maserati Quattroporte, Audi A7,BMW Serie 6 e come detto giustamente Aston Martin Rapide ovvero una sportiva/coupé premium a 4 porte
Pagine