PRIMO CONTATTO

Skoda Kamiq: bene guida e spazio, ma il divano non scorre

La Skoda Kamiq è la più compatta fra le crossover della casa ceca: convince per lo spazio e la praticità (ma non ha il divano scorrevole). Ben tarati sterzo e sospensioni, e il 1.6 a gasolio lavora bene col dolce cambio robotizzato.
Pubblicato 30 agosto 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 25.500*
  • Consumo medio (dichiarato)

    20 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    132 grammi/km
  • Euro

    6d-TEMP
Skoda Kamiq
Skoda Kamiq 1.6 TDI Style DSG
Niente 4x4

Dopo Kodiaq e Karoq, arriva la terza e più piccola fra le suv e crossover della casa. La meccanica della Skoda Kamiq è ripresa dalla media Scala (e infatti la trazione è solo anteriore), rispetto alla quale è di 12 cm più corta, arrivando a quota 424 cm. A dispetto di ciò, il baule della Kamiq è abbastanza ampio: 400 litri, che passano a 1395 abbattendo il divano (sono 429/1372 sulla Scala). La stessa base è usata anche per le più compatte Seat Arona e per la Volkswagen T-Cross, che sono lunghe rispettivamente 414 e 411 cm e hanno un bagagliaio di 400/1280 e 385-455/1281 litri (la T-Cross dispone infatti del pratico divano scorrevole di 14 cm). 

Linee decise

Nette le linee della Skoda Kamiq, con spigolosi fari su due livelli. A differenza di molte rivali, la Kamiq non cerca uno stile “avventuroso”: la carrozzeria è interamente in tinta e non dispone di quelle protezioni in plastica scura che aiutano a mascherare le “toccatine” e le “strisciate” tipiche di parcheggi e manovre. Tali inserti in plastica “grezza” arriveranno solo su una specifica versione dall’aspetto più fuoristradistico, il cui debutto è previsto per la metà del 2020.

Ricca già la “base”

Due, al momento, i motori per la Skoda Kamiq: 1.0 TSI tre cilindri turbo a benzina da 95 o 116 CV (il secondo anche con cambio robotizzato a doppia frizione DSG) e 1.6 TDI a gasolio da 116 CV (anch’esso disponibile col DSG). Le prime arriveranno nelle concessionarie fra ottobre e novembre, con prezzi indicativi da 20.000 euro (che scenderanno a 18.000 con la promozione in via di definizione che accompagnerà il lancio commerciale); seguiranno le 1.5 TSI con 150 CV e 1.0 TSI a metano da 90 CV. Già la “base” Ambition ha di serie il cruise control adattativo, i fari full led automatici, i sensori di distanza posteriori, la frenata automatica d’emergenza con riconoscimento dei pedoni, il mantenimento di corsia, l’anticolpo di sonno e il sistema multimediale con schermo di 8’’ (completo di Android Auto e Apple CarPlay). La Style aggiunge i cerchi di 17’’ anziché 16, il “clima” automatico bizona, il navigatore con schermo di 9,2’’ e un anno di servizi online gratuiti e il cruscotto digitale di 10,2’’.

C’è aria di casa

Entrando, è facile capire che la Skoda Kamiq trae le sue origini dalla Scala: plancia e pannelli porta (rivestiti di materiale morbido) sono esattamente gli stessi. Non che sia un difetto: le forme sono razionali le finiture non deludono. Il grande schermo tattile centrale domina la scena: dà accesso a un infotainment lesto nella risposta e molto ricco (optional c’è anche la possibilità di avere Android Auto e Apple CarPlay che funzionano senza fili). Peccato solo che integri anche la gestione dei flussi d’aria del climatizzatore bizona: avere dei comandi fisici porterebbe a minori distrazioni alla guida, senza contare che le bocchette dell’aria non hanno comandi separati per intensità e direzione dell’aria: si chiudono spostando il comando zigrinato tutto da un lato. Per la temperatura, invece, ci sono due pratiche rotelle, che integrano il tasto del ricircolo. Non mancano le bocchette per chi siede sul divano, dove c’è anche parecchio spazio per le persone. Peccato che il tunnel sul pavimento sia voluminoso e costringa l’eventuale quinto passeggero a viaggiare con le gambe un po’ divaricate. 

Tanta praticità e un “neo”

Molte, come da tradizione della casa, le soluzioni “furbe”: sono un esempio l’ombrello integrato nel pannello porta anteriore sinistro, i “parabordo” in plastica che fuoriescono automaticamente quando si aprono le porte e la luce a led estraibile nel baule, che si ricarica quando è nel suo alloggiamento. A proposito del bagagliaio della Skoda Kamiq, la capacità è di buon livello e le forme sono regolari anche se, a differenza di quello di alcune rivali, non si può modulare: il divano scorrevole non è previsto. In compenso, si può contare sul portellone motorizzato: una rarità sulle crossover compatte.

Diesel? non per tutti

Il “matrimonio” fra il quattro cilindri a gasolio e il cambio robotizzato a doppia frizione è riuscito: i passaggi di marcia sono impercettibili e rapidi e il motore spinge già dai bassi giri, dove spesso e volentieri si trova a lavorare visto che l’elettronica predilige i rapporti alti per ridurre i consumi. Anche in queste condizioni, comunque, le vibrazioni sono limitate e la “voce” del 1.6 TDI non è mai invadente, sebbene a orecchio si capisca subito che è un diesel. Come è normale, con questo motore, più pesante, le sospensioni (con ammortizzatori regolabili elettronicamente nell’auto del test) ci sono sembrate più rigide che su una Skoda Kamiq gemella con motore 1.0 TSI. Certo, le auto scomode sono altre, ma per questo motivo, e vista la silenziosità e la vivacità della meno cara versione a benzina, il 1.6 TDI è da consigliare solo a chi davvero percorre molti chilometri l’anno. Indipendentemente dal propulsore, comunque, lo sterzo ha mostrato buone doti di precisione, non risultando mai affaticante.

Secondo noi

PREGI
> Cambio. Il robotizzato a doppia frizione è rapido e dolce nei passaggi di rapporto.
> Sistema multimediale. Quello con schermo di 9,2’’ è reattivo e ricco di funzioni,  comprese quelle online.
> Spazio. A bordo ce n’è parecchio, sia per le persone che per i bagagli.

DIFETTI
> Comandi “clima”. Alcuni si trovano nel display: per azionarli servono più passaggi e si distoglie lo sguardo dalla strada. Inoltre, le bocchette non hanno la gestione separata di portata e direzione del flusso d’aria.
> Divano. Non è scorrevole, al contrario di quello di certe rivali: non il massimo per un’auto che fa della praticità la propria bandiera.
> Protezioni carrozzeria. Curiosamente per una crossover, non ci sono protezioni antigraffio sulla carrozzeria. Arriveranno, ma fra molti mesi e solo su una specifica versione.

*Prezzo indicativo.

SCHEDA TECNICA

Carburante gasolio
Cilindrata cm3 1598
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 85 (116)/3250-4000 giri
Coppia max Nm/giri 250/1500-3250
Emissione di CO2 grammi/km 132
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (robot. doppia frizione) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 192
Accelerazione 0-100 km/h (s) 10,4
Consumo medio (km/l) 20
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 424/179/153
Passo cm 265
Peso in ordine di marcia kg 1289
Capacità bagagliaio litri 400/1395
Pneumatici (di serie) 215/55 R 17

VIDEO

Skoda Kamiq
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
55
46
24
36
50
VOTO MEDIO
3,1
3.094785
211


Aggiungi un commento
Ritratto di flynn71
22 aprile 2020 - 08:05
Sono d'accordo. Hanno azzeccato tutte e tre i suv/crossover
Ritratto di Metalmachine
30 agosto 2019 - 18:34
1
E’ a dir poco ridicola....forse negli anni 80 avrebbe avuto successo.... Complimenti a Skoda ..
Ritratto di Metalmachine
30 agosto 2019 - 20:42
1
Si , come no....
Ritratto di Metalmachine
31 agosto 2019 - 18:36
1
Tu capisci te...vai a prendere il latte bimbominkya.....ah ah ....
Ritratto di Metalmachine
30 agosto 2019 - 20:43
1
Una delle auto più brutte della storia
Ritratto di Luzo
30 agosto 2019 - 23:01
decisamente brutta...ma brutta brutta brutta
Ritratto di The_Duke
30 agosto 2019 - 23:11
invece auto come queste, SKODA, che una volta vedevamo come la peste, piano piano sono cresciute, si sono adattate alle modernità ed hanno occupato settori che prima erano predominio di FIAT (FCA). Quando capirete che FIAT se ne frega dell'Italia, degli Italiani, e di produrre auto per il popolo con le maestranze italiane, allora forse ci sarà speranza per questo paese dominato dai nicolini ed i gigini a cui non affiderei nemmeno la segreteria della riunione condominiale.
Ritratto di Metalmachine
31 agosto 2019 - 06:15
1
A Fiat non gli lega nemmeno le scarpe , la tipo e’ nettamente più bella e ha più stile di questa ...
Ritratto di Metalmachine
31 agosto 2019 - 18:38
1
Per violazione della policy del sito.
Ritratto di Metalmachine
31 agosto 2019 - 21:25
1
Per violazione della policy del sito.
Pagine