PRIMO CONTATTO

Skoda Octavia Wagon: “Alla spina” con grinta

La Skoda Octavia RS iV è un’ibrida ricaricabile che abbina consumi ed emissioni contenuti con una notevole vivacità di marcia. Bene anche la guida (se non per qualche indecisione del cambio robotizzato), la praticità e la dotazione.
Pubblicato 06 maggio 2021
  • Prezzo (al momento del test)

    € 42.800
  • Consumo medio (dichiarato)

    83,3 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    27 grammi/km
  • Euro

    6d
Skoda Octavia Wagon
Skoda Octavia Wagon 1.4 TSI iV Plug-In Hybrid RS DSG
La rs più “eco”

Famigliare fra le più apprezzate, la Skoda Octavia Wagon è offerta con una gamma molto estesa di motori. Ci sono versioni a benzina e diesel, ibride (leggere e ricaricabili) e anche a metano. Abbiamo già guidato, fra le altre, l’ibrida plug-in iV da 204 CV (qui il primo contatto), e adesso ci occupiamo della più sportiva Skoda Octavia Wagon RS iV, sempre nella variante “ecologica” e con 41 cavalli in più. La muove un sistema ibrido formato dal quattro cilindri 1.4 TSI turbo a benzina da 150 CV, abbinato a un motore elettrico da 116 CV (85 kW) integrato nel cambio robotizzato a doppia frizione con sei marce. La trazione è anteriore e la potenza combinata è di 245 CV, la stessa della Octavia 2.0 TSI RS (solo a benzina). L’unità elettrica è alimentata da una batteria agli ioni di litio da 13 kWh che, secondo la casa, garantisce 62 km di autonomia media senza consumare benzina (secondo il ciclo di omologazione WLTP). Dentro e fuori non mancano tutte le personalizzazioni tipiche delle Skoda RS: dai profili neri dei finestrini e della mascherina, passando per le pinze dei freni verniciate di rosso ai cerchi in lega specifici, fino ai comodi e contenitivi sedili in pelle e Alcantara con poggiatesta integrato, e alle finiture in simil-fibra di carbonio per la plancia. 

Fa tanta strada, con poca benzina

Dal menù del sistema multimediale è possibile scegliere due tipi di trazione per la Skoda Octavia Wagon RS iV (elettrica e ibrida), nonché cinque modalità di guida: Eco, Confort, Normal, Sport e Individual; con quest’ultima si impostano in modo indipendente la risposta del motore, dello sterzo e delle eventuali sospensioni a controllo elettronico (optional). Quando si avvia l’auto, è impostata la modalità “Normal Hybrid”: se abbiamo caricato prima la batteria (per passare da 0 al 100% servono tre ore e mezza con una corrente da 3,6 kW), il sistema privilegia l’utilizzo dell’unità elettrica a tutto vantaggio dei consumi, che, in base al computer di bordo, facilmente superano i 20 km/l. Una volta portata “a zero” l’energia immagazzinata via cavo (o se preserviamo la carica in vista di un utilizzo futuro, per esempio per un tratto di città) i consumi salgono, ma anche muovendosi in questo modo difficilmente si scende sotto i 14 km/l. Il passaggio dalla sola trazione elettrica al benzina avviene in modo fluido, senza “strattoni” e il cambio robotizzato passa velocemente alle marce più alte.

Veloce, ma soprattutto facile

In modalità Sport, il 1.4 della Skoda Octavia Wagon RS iV è sempre acceso: si hanno a disposizione tutti i 245 CV, e la coppia del motore elettrico disponibile in maniera istantanea regala grande brio in accelerazione (lo “0-100” dichiarato di 7,3 secondi ci è parso realistico), tanto che si avverte qualche reazione al volante e non è raro che il controllo di trazione intervenga per limitare lo slittamento delle ruote anteriori. Tra le curve, il cambio robotizzato mostra qualche limite, specie se utilizzato in modalità manuale: in scalata il ritardo tra la pressione delle palette dietro al volante e l’effettivo passaggio di marcia è evidente. Risposte positive arrivano invece dall’assetto e dallo sterzo: la tenuta di strada è molto elevata e con gli ammortizzatori a controllo elettronico dell’auto provata (890 euro), si può scegliere tra un gran livello di comfort (nonostante i cerchi 19”) o una risposta pronta della vettura ai cambi di direzione. La Skoda Octavia RS iV è intuitiva e sicura e vanta uno sterzo preciso e omogeneo.

Pratica e spaziosa

Per tutto ciò che riguarda spazio e finiture degli interni, la Skoda Octavia Wagon RS iV conferma quanto già appurato con le versioni più “tranquille”: l’abitacolo è ampio e l’elevata escursione del volante e del sedile permette a chiunque di trovare una comoda posizione di guida. Dietro c’è tanto spazio anche per due adulti alti e di corporatura robusta, mentre il massiccio e spigoloso tunnel centrale limita (un po’) il comfort di un’eventuale terza persona seduta al centro. Nonostante l’ingombro della batteria faccia perdere 150 litri, il bagagliaio resta capiente: 490 litri a divano su, che diventano 1550 reclinandolo e caricando fino al soffitto. E i cavi di ricarica trovano posto nel sottofondo. L’accesso è favorito da una soglia a soli 63 cm da terra e dall’ampio portellone (a movimentazione elettrica per 380 euro, e 550 aggiungendo il comando senza mani). Non mancano poi le soluzioni pratiche tipiche delle Skoda moderne: i portaoggetti hanno tutti un rivestimento antirumore, il cassetto è refrigerato, mentre nella portiera del guidatore c’è un vano con ombrello. E con il pacchetto Family (250 euro) si ottengono i poggiatesta posteriori con supporti laterali estraibili, per poter dormire comodamente, e le tendine parasole avvolgibili. 

Di serie c’è tanto

Con il propulsore ibrido, la Skoda Octavia Wagon RS iV parte da 42.800 euro, 3.400 euro in più della Octavia Wagon iV Style da 204 CV. Un prezzo che comprende tutti i più importanti accessori e dispositivi di sicurezza: sono di serie, tra gli altri, il cruise control adattativo, il sistema di mantenimento in corsia, la frenata automatica d’emergenza con riconoscimento dei pedoni, i fari full led, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, l’accesso senza chiave, i protocolli di connessione agli smartphone via Apple CarPlay e Android Auto e il cruscotto digitale e configurabile da 10,2”. 

Secondo noi

PREGI
> Brio. L’auto acquista velocità con prontezza e rapidità.
> Dotazione. Nel prezzo di listino sono compresi tutti i più importanti accessori e ausili alla guida. 
> Praticità. Non ci sono altre wagon così ricche di accessori che facilitano la vita durante i carichi, i viaggi e nelle situazioni di tutti i giorni.

DIFETTI
> Bagagliaio. Non è piccolo in assoluto, ma perde 150 litri rispetto alle altre versioni.
> Cambio. Rapida e fluida nella guida più rilassata, la trasmissione non risponde al meglio nella guida sportiva; un peccato, per una versione RS.
> Quinto posto. Chi viaggia al centro del divano ha l’alto tunnel centrale tra i piedi; inoltre, seduta e schienale sono rigidi.

SCHEDA TECNICA

Motore a benzina  
Cilindrata cm3 1395
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 110 (150)/5000-6000 giri
Coppia max Nm/giri 250/1550-3500
Emissione di CO2 grammi/km 27
Distribuzione 4 valvole per cilindro
   
Motore elettrico  
Potenza massima kW (CV)/giri 85 (116)/n.d.
Coppia max Nm/giri 330/n.d.
   
Potenza massima compless. kW (CV)/giri 180 (245)/5000-6000
Coppia massima complessiva Nm/giri 400/n.d.
   
No rapporti del cambio 6 (robotizz. doppia friz.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 225
Accelerazione 0-100 km/h (s) 7,3
Consumo medio (km/l, ciclo WLTP) 83,3*
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 470/183/147
Passo cm 268
Peso in ordine di marcia kg 1707
Capacità bagagliaio litri 490/1550
Pneumatici (di serie) 225/40 R19

 

*Nel ciclo WLTP, partendo con batterie cariche.

Skoda Octavia Wagon
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
57
59
23
14
26
VOTO MEDIO
3,6
3.597765
179


Aggiungi un commento
Ritratto di zioesse
7 maggio 2021 - 06:51
Il fatto però è forse più che di avversarie strettamente confrontabili non ce n'è, per fare poi un paragone realistico sul prezzo coveniente o no. devo dire che con le opportune dustanze di una che è una lunga sw su base golf e l'altra una monovolume abbastanza piu corta ma in verità stessa base come segmento, rispetto a una 225xe da 38 mila euro e comunque oltre 220cv, 4*4 ma soprattutto trattasi di una bmw, la ceca a oltre 42 mila non sembra prorpio l'affarissimo del momento :)
Ritratto di Ivan92
7 maggio 2021 - 16:34
8
Io però non lo prendo come criterio il marchio dell'auto, guardo solo i contenuti, se poi sopra c'è scritto Skoda, Porsche, Dacia, BMW o Smart per me è uguale. E se dovessi prenderla sceglierei la berlina non la station wagon. Tornando alle SW ibride con +200 cv le più economiche sul mercato per ora sono le Seat Leon e Skoda Octavia e se la Passat GTE costasse uguale prenderei comunque l'Octavia perchè mi piace di più, anche se ha un marchio considerato da molti meno nobile. Se poi si sale di segmento e (parecchio) di prezzo la BMW 530e e l'Audi A6 55e le trovo sicuramente più interessanti, e anche loro le preferisco berline (ragione per la quale fra le ibride finirei per prendere la 545e, rigorosamente usata con 2-3 anni di vita per dimezzare il prezzo d'acquisto).
Ritratto di Paolo Giulio
6 maggio 2021 - 18:31
"eppure nacque per la produzione di auto del popolo Ceco come la Dacia Romena" .. esattamente con Volks-Wagen (auto del popolo) nacque per i tedeschi... l'ignoranza di certi commenti trasuda dalla giovane età e dall'esperienza di vita che non travalica il buio della tua cameretta... I prodotti in questione sono OGGI delle validissime alternative che fanno delle economie di scala il loro VANTAGGIO. C'è scritto "Skoda", ma è un prodotto VW in tutto e per tutto (anzi: ha anche "spunti" in più!) con il vantaggio di costare anche MENO. Qui si parla, poi, di una versione ibrida ricaricabile che è il top dei costi. Senza contare che, se ti fai accompagnare dal babbo in un concessionario "a toccare con mano", potresti scoprire anche che sono fatte "bene" quanto un'Audi. Quando poi un giorno, scavallati i 18, trovato un lavoro e con il desiderio di un'auto "valida", vedrai che prenderai in considerazione anche questa tipologia di offerta... magari non questa ibrida da 40mila euro, ma gli altrettanto validi modelli della famiglia (che, tra l'altro, stanno vendendo assai bene).
Ritratto di Andre_a
6 maggio 2021 - 19:58
9
Stavo per risponderti che VW è ancora l'auto del popolo, del popolo tedesco visto che le tre auto più vendute da loro sono Volkswagen. Poi ho visto che lo stesso vale anche per Skoda e la Repubblica Ceca... forse siamo rimasti solo noi a non voler spendere per un auto nuova
Ritratto di zioesse
7 maggio 2021 - 06:38
La frase finale, faccio una battuta eh, sembra come se voler spendere di più per un'auto fosse un prerogativa da dover rispettare qunanto più possibile, e da elogiare in ogni caso. poi magari sj fanno i complimenti di stima ai francesi che non disdegnano di comprare le dacia con la loro lodevole tradizione che risale a quando compravano le 2cv e le renault 4 e ci andavano anche al teatro o al museo, in barba alle etichette :)
Ritratto di Andre_a
7 maggio 2021 - 10:44
9
Non volevo fare giudizi morali, io per primo comprando solo auto usate non sono disposto a spendere per un'auto. È solo che spesso si dice che in Italia l'auto più venduta è la Panda perché gli italiani non possono permettersi altro, e vedendo le auto più vendute in paesi più poveri del nostro, dico che questo non è vero. Da noi la più venduta è la Panda perché gli italiani non vogliono comprare altro, o magari perché preferiscono due Panda a una Octavia
Ritratto di Claus90
7 maggio 2021 - 10:19
Compratevela 40 mila euro, non conviene ibrida plug-in una via di mezzo inutile , da valutare seriamente un elettrica come una Tesla model 3 anche se costa qualcosa in piu. Girate ancora con la uno Turbo
Ritratto di deutsch
7 maggio 2021 - 13:54
4
resta il fatto che nel 2021 hanno vendono molte più plugin che elettriche in Italia. evidentemente chi ha scelto plugin non è d'accordo con te. io personalmente non la vedo una scelta sbagliata a priori, ma come ogni prodotto è vincente in alcuna aspetti e/o usi e perdente in altri, soprattutto quelli sbagliati
Ritratto di Andre_a
8 maggio 2021 - 01:22
9
Ero fortemente contrario al plug-in ma, vedendo i prezzi dell'elettricità nelle colonnine rapide, ci sto ripensando. Intorno a casa è uguale, vai solo a corrente, anche in viaggio tra un'ibrida e un'elettrica mi sa che i prezzi sono molto vicini, ma con l'ibrida si può mettere benzina ovunque e più velocemente. Considerando la complessità meccanica e la riduzione del bagagliaio, io non le comprerei lo stesso, ma almeno capisco chi lo fa.
Ritratto di Ivan92
7 maggio 2021 - 16:47
8
@Claus90. Non so se è un messaggio di risposta rivolto a tutti oppure a qualcuno in particolare, in ogni caso posso risponderti. Io non la comprerei a 40'000 €, se dovessi prenderla la prenderei nuova a 33-34'000 € da Auto Kunz AG, o da Auto Discount Uster, o da SCHÖNI CARS AG, o da Auto Züri West AG, o da Auto Welt von Rotz AG. Non ho mai girato con una Fiat Uno Turbo (mi piacerebbe provarla comunque), le auto/moto con le quali giro sono visibili sul mio profilo.
Pagine