PRIMO CONTATTO

Skoda Superb Wagon: spaziosa e confortevole, non è un “carrozzone”

Promossa in comfort e abitabilità, la nuova Skoda Superb Wagon si guida pure con piacere. Ma fa pagare a parte tanti dispositivi di sicurezza.
Pubblicato 09 luglio 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    38.450 euro
  • Consumo medio (dichiarato)

    19,6 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    134 grammi/km
  • Euro

    6
Skoda Superb Wagon
Skoda Superb Wagon 2.0 TDI SCR 190 CV Executive DSG 4X4
Che bagagliaio!
 
Dopo la berlina, ecco la versione famigliare Skoda Superb Wagon: rispetto al modello della precedente generazione,  ha una linea più tesa e spigolosa, con i fari squadrati e che sembrano “sospesi” sul paraurti anteriore e i grandi fanali che, dietro, “sbordano” sul portellone. La Superb Wagon è costruita sulla piattaforma MQB, un pianale modulare usato per numerosi modelli (dall’Audi TT a Golf e Passat, alla Seat Leon), ed è la famigliare più spaziosa del gruppo Volkswagen. Se la lunghezza rispetto alla berlina non cambia, lo spazio per i bagagli è decisamente superiore: 660 litri (contro i 625 della berlina e i 633 della precedente wagon), che salgono a 1950 reclinando il divano (1760 litri la berlina e 1865 la famigliare della vecchia generazione). Per entrambe le carrozzerie le consegne avranno inizio a settembre. I prezzi della Wagon partono da 27.000 euro e arrivano a 43.590 euro.
 
Meccanica collaudata
 
Dalla berlina la Skoda Superb Wagon riprende anche i motori, a benzina o a gasolio, con potenze fra 120 e 280 CV. Esclusa, invece, una versione a metano (benché sulla piattaforma MQB si possano già contare diversi modelli con questa alimentazione e non sussistano limitazioni tecniche, ma solo di natura commerciale). Come da tradizione, al cambio manuale si affianca il robotizzato DSG a doppia frizione, e non mancano le versioni a trazione integrale. Di serie per tutte, sette airbag, Esp, frenata automatica d’emergenza a bassa velocità, limitatore di velocità e fendinebbia, tergicristalli automatici, “clima” bizona e cerchi in lega. La più ricca Ambition ha anche il dispositivo che riconosce l’insorgere del colpo di sonno e i sensori di distanza posteriori, mentre solo a partire dalla Executive (le versione pensata per le flotte) si hanno di serie il vivavoce Bluetooth, il navigatore e i fari bixeno.
 
Ombrelli a portata di mano
 
L’abitacolo della Skoda Superb Wagon è identico a quello della berlina: lo spazio è generoso, sopratutto per i passeggeri posteriori che, anche se “spilungoni”, hanno grande agio per le gambe. Chi siede al centro del divano, però, deve fare i conti col divano un po’ sporgente e con l’alto tunnel sul pavimento (necessario per l’albero di trasmissione delle versioni 4x4, ma presente in tutte le versioni), peraltro sovrastato dal mobiletto con le bocchette di ventilazione (che la precedente Superb proponeva nei montanti delle porte). Le finiture sono di qualità, ma la fantasia abita altrove: la plancia è molto lineare e il cruscotto, per quanto completo e dotato di uno schermo multifunzione a colori, è dotato di due elementi analogici la cui grafica è al limite dello spartano. Inoltre, i comandi del “clima” si trovano un po’ troppo in basso: per usarli si distoglie lo sguardo dalla strada. Parecchie le soluzioni “intelligenti”, come le luci d’ingombro integrate nelle porte che illuminano anche il suolo (per mostrare dove si mettono i piedi quando si scende al buio), il bracciolo centrale refrigerabile (che si aggiunge al cassetto di fronte al passeggero anteriore), le reti portaoggetti sul fianco delle poltrone, la linguetta portabiglietti sul parabrezza, il raschiaghiaccio dietro lo sportello di rifornimento e l’ormai tradizionale ombrello che si estrae da entrambe le porte anteriori (prima era alloggiato solo in quella posteriore sinistra).
 
Più grande e pratico
 
I miglioramenti hanno interessato anche il baule, che non è solo più grande. Infatti, dispone di due pratici comandi che fanno scendere lo schienale del divano (assenti nella vecchia Skoda Superb Wagon, si pagano 90 euro) e dell’apertura “senza mani” del portellone; con le chiavi in tasca, basta muovere il piede davanti a un sensore nel paraurti posteriore: costa 610 euro. Inoltre, grazie alla poltrona destra dotata di schienale ripiegabile (altri 90 euro), questa Skoda può trasportare oggetti lunghi fino a 310 cm e non mancano piccole praticità come la presa 12V. Da segnalare anche la luce a led rimovibile (si ricarica durante la marcia), i tanti gancetti di fissaggio e i due vani sotto il piano di carico (ciascuno grande come una scatola da scarpe). Insomma, se avesse anche le guide per fissare le reti fermacarico, questo bagagliaio meriterebbe la lode, anche perché la soglia d’accesso (a 62 cm da terra) è piuttosto bassa per una famigliare. A divano giù, tuttavia,  il fondo del bagagliaio non è piatto e rimane un vistoso scalino all’altezza degli schienali posteriori (a meno di ordinare, a 165 euro, il piano di carico ad altezza variabile).
 
Comoda anche in modalità sport
 
Chi compra un’auto come la Skoda Superb Wagon difficilmente cercherà prestazioni brucianti e una guidabilità da sportiva; eppure, quest’auto è tutt’altro che un… “carrozzone”. Lo sterzo, mai troppo pesante, è piuttosto preciso per il tipo di vettura e con le sospensioni elettroniche (975 euro) si può variare la rigidità della taratura: in Comfort, per esempio, l’inclinazione laterale della carrozzeria in curva è evidente e sulle asperità l’auto “ondeggia” un po’; nella modalità Sport, invece, il rollio si riduce ma l’auto non diventa certo una tavola, dato che il comfort  resta di alto livello (anche coi pneumatici a spalla bassa su cerchi di 18’’, un optional da 400 euro dell’auto del nostro test). Quanto al motore, il 2.0 TDI è ben insonorizzato e, in questa versione da 190 CV, ha il brio che serve per riprendere velocità senza incertezze; inoltre, specialmente sotto i 1500 giri, offre parecchio tiro in più di quello regalato dalla versione con “soli” 150 CV. Il cambio robotizzato DSG a doppia frizione è tanto rapido quanto dolce nei passaggi di marcia e tiene il motore sempre nella fascia utile di giri (e con i comandi al volante si può cambiare marcia manualmente). 
 
Ti aiuta, ma si fa pagare
 
Le lisce strade asfaltate sulle quali si è svolto il test della Skoda Superb Wagon non ci hanno permesso di sfruttare le qualità della trazione integrale (a comando elettronico e a inserimento automatico), tanto che non abbiamo rilevato differenze con le versioni a trazione anteriore. Di grande aiuto (e facili da gestire, grazie all’apposito pulsante nel volante) i numerosi dispositivi di assistenza alla guida, come il cruise control adattativo (335 euro). Pccato, però, dover pagare (persino per la più ricca Laurin&Klement) il sistema di mantenimento della vettura in corsia (ben 510 euro), così come il rilevatore di veicoli nell’angolo “cieco” del retrovisore sinistro (380 euro), gli abbaglianti automatici (280 euro) e persino la telecamera che legge i segnali stradali e li riproduce nel cruscotto (70 euro).
 
Secondo noi
 
PREGI
> Comfort. Le sospensioni elettroniche (optional) lavorano bene: anche in Sport si viaggia “isolati” a dovere.
> Praticità. Tante le soluzioni pensate per facilitare la vita a bordo o le operazioni di carico e scarico dei bagagli.
> Spazio. Anche nei posti laterali posteriori si sta come dei pascià, e il baule è una vera “piazza d’armi”.
 
DIFETTI
> Dotazione di sicurezza. Persino la versione di punta fa pagare a parte sistemi di sicurezza che sono ormai di serie nelle utilitarie.
> Optional del baule. L’auto è progettata per caricare tanto, ma per farlo “come si deve” bisogna acquistare il piano di carico ad altezza variabile, i comandi per reclinare il divano e la poltrona destra abbassabile.
> Posto centrale. Il divano sagomato e soprattutto l’alto tunnel di trasmissione rendono il quinto posto meno ospitale.

SCHEDA TECNICA

Cilindrata cm3 1968
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 140 (190)/3500-4000 giri
Coppia max Nm/giri 400/1750-3250
Emissione di CO2 grammi/km 134
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (robotizz. doppia friz.) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 228
Accelerazione 0-100 km/h (s) 7,7
Consumo medio (km/l) 19,6
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 486/186/147
Passo cm 284
Peso in ordine di marcia kg 1560
Capacità bagagliaio litri 660/1950
Pneumatici (di serie) 215/55 R17

 

Skoda Superb Wagon
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
79
69
31
24
36
VOTO MEDIO
3,5
3.548115
239


Aggiungi un commento
Ritratto di studio75
10 luglio 2015 - 17:52
5
io ho la Leon Fr 150cv. ho fatto proprio questo ragionamento: perchè spendere di più per avere le stesse cose? e, comunque, solo la Leon aveva al lancio i fari full Led e le impressioni di guida erano le migliori del gruppo. Senza contare che è anche la più bella del gruppo.
Ritratto di Piacere Ugo
12 luglio 2015 - 13:25
Ah ah ah ah leon ridicola ha orbelli stile fari led per rendere interessante una banale macchinuccia meglio una macchina vera sportiva veloce non seat senza nulla di speciale i faretti full ultra led si dimenticano le emozioni della guida no hahahahahahahaha che non offre niente piu di golf hauuahahah vedi skoda offre almeno spazio con octavia e macchina grossa con superb usa bene la tecnica impeccabile vw eheheh a prezzo bassissimo
Ritratto di AlexTurbo90
10 luglio 2015 - 23:14
@ Osmica) Si perché la Leon mi attira più di tutte anche come estetica. Poi la versione FR ha in dotazione cose che per esempio la Golf Highline non ha! Ho configurato la più volte sia la Golf che la Leon nei rispettivi allestimenti top di gamma 2.0 tdi 150 cv, e aggiungendo alla Golf gli optional (pochi) aggiunti alla Leon, c' erano, nel prezzo finale, circa 2500-3000 Euro di differenza a favore della Leon
Ritratto di lucio 85
10 luglio 2015 - 12:54
6
M93, tralasciando i gusti personali, che di solito fanno pendere l'ago della bilancia tra un'auto è un'altra, io partirei da questo punto che è quello capitato a me: Tra una Golf Sw, una Leon Sw e un'Octavia Sw se le snudi di carrozzeria e interni qual'è la differenza? Nessuna, sono la stessa cosa, quindi slitti al secondo punto: Qual'è quella che mi piace di più?? E qui si entra nei gusti personali, terzo punto: Visto che stilisticamente sono la stessa cosa, qual'è che ha il rapporto prezzo migliore?? ( non ho messo qualità affianco a rapporto di proposito ). Ecco io dopo tutte queste considerazioni ho preso la Leon St, e non me ne "vergogno", perchè se avere una Golf è "figo" un'Octavia è una "furbata" non capisco perchè la Leon sarebbe da "scemo" :)
Ritratto di M93
10 luglio 2015 - 13:06
@lucio 85 - Concordo con il tuo discorso, e non c'è assolutamente nulla da vergognarsi (o sentirsi "scemi") a comprare una vettura piuttosto che un'altra, ci mancherebbe altro! Libero mercato, libera scelta del consumatore. Ma conoscendomi, pur prendendo in considerazione la Leon per un eventuale acquisto, non credo che arriverei effettivamente ad acquistarla, ma solo per gusti e inclinazioni personali, e nulla più. Come già ribadito, Seat ha dalla sua una dotazione completa, una qualità costruttiva apprezzabile e un prezzo interessante. Ma io, sinceramente, opterei per la Octavia Wagon per le ragioni sopra indicate. Anche perché, sono vetture che fanno riferimento a target di mercato e clientele differenti o comunque posizionate in modo tale da non "cannibalizzarsi" tra di loro, per quanto possibile. Un saluto ;)
Ritratto di Piacere Ugo
12 luglio 2015 - 13:27
Grandissimo marco! Bravo W la octavia diccelo con i tuoi modi impeccabilissimi
Ritratto di francu
25 maggio 2016 - 15:07
fare della seat l'alfa spagnola con telai motori e tipo di trazione della golf e' una scommessa persa in partenza come fu alfa dell'era fiat fino ad ora anche se il piacere di giudarla era notevole mentre nelle seat era come giudare una polo
Ritratto di robertoGT
9 luglio 2015 - 17:16
5
Secondo me questa è meglio di una passat, che ora mi sa di auto da pensionato, e poi Skoda non è low cost, visti i prezzi, W Mercedes classe c!!!
Ritratto di IloveDR
9 luglio 2015 - 17:39
4
a me piaceva anche la vecchia versione, questa è superlativa. non è migliore delle concorrenti, ma è quella più pratica come un paio di jeans, è buona per tutto tranne cercare parcheggio in centro.
Ritratto di MatteFonta92
9 luglio 2015 - 18:06
3
Non è la "solita" Škoda; certo, è un'auto concreta che bada al sodo, ma è ben fatta, pratica e soprattutto anche molto gradevole esteticamente. Unica pecca il prezzo alto, ma dato che questa è la versione top di gamma basta sceglierne una meno "ricca" e rinunciare a qualche optional non necessario (es. la trazione integrale col cambio DSG).
Pagine