PRIMO CONTATTO

Subaru Levorg: meno scattante, ma sempre generosa

La wagon si rinnova a quattro anni dal lancio: cambia poco lo stile, ma al posto del 1.6 turbo c’è un 2.0 aspirato (non sempre silenzioso). Ricca la dotazione.
Pubblicato 17 luglio 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 32.000
  • Consumo medio (dichiarato)

    11,5 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    196 grammi/km
  • Euro

    6d-Temp
Subaru Levorg
Subaru Levorg 2.0i Style Lineartronic AWD
Ancora originale ma più “normale”

Di wagon come la Subaru Levorg non ce ne sono molte, perché questa famigliare di medie dimensioni (è lunga 469 cm) ha la trazione integrale sempre in presa, il cambio automatico a variazione continua di rapporto e un motore aspirato di 2.0 litri, che con questo restyling della vettura ha sostituito il 1.6 turbo da 20 CV in più (170 contro 150). L’aspetto della Levorg ha subito qualche “ritocchino” (l’auto è in vendita da quattro anni) e il dettaglio più significativo è il nuovo cofano senza presa d’aria, che rende questa wagon meno grintosa. Gli amanti delle Subaru da rally storceranno il naso davanti a questa scelta, ma la richiesta di un frontale meno appariscente è arrivata da molti clienti in tutto il mondo e, data l’assenza di intercooler (presente sul precedente 1.6), la sua funzione era anche venuta meno.

Con le dita ci si… “perde”

L’interno della Subaru Levorg aggiornata è grande e luminoso, complice il tetto apribile di serie. I materiali sono di buona qualità, e anche i montaggi non deludono. Il guidatore gode di una buona visibilità, favorita anche dai montanti sottili e dalla telecamera di parcheggio anteriore e posteriore comprese nel prezzo. A non convincere sono i troppi comandi nelle razze al volante e la strumentazione, perché non è facile “orientarsi” fra il computer di bordo nel cruscotto, lo schermo in cima al mobiletto centrale e quello di 7’’ del sistema multimediale (che comprende anche Android Auto e Apple CarPlay). Il divano è accogliente per chi siede sui posti ai lati, mentre il passeggero al centro deve tenere le gambe un po’ divaricate per via dell’alto tunnel; si apprezzano però le due prese usb per la ricarica, che si aggiungono alle due nella consolle anteriore. Il baule è discretamente capiente, di forma regolare e ha un utile doppio fondo, anche se manca lo spazio in cui riporre il tendalino quando lo si rimuove.

Soprattutto regolare

L’abbandono del 1.6 turbo è stato dettato da questioni legate all’omologazione: lo sostituisce un 2.0 aspirato da 150 CV a 6.200 giri e 198 Nm di coppia a 4.200, che ha nella fluidità la sua carta principale. È meno vivace del 1.6, con il quale condivide l’architettura a quattro cilindri contrapposti (un marchio di “fabbrica” per la Subaru) ma ha un funzionamento regolare. È abbinato a un cambio automatico a variazione continua di rapporto, che riesce a contenere (ma non far scomparire del tutto...) il fastidioso “effetto scooter” tipico di queste trasmissioni, in cui il motore viene tenuto molto su di giri quando si accelera con decisione: nelle riprese più sollecite, di conseguenza, il rombo del 2.0 penetra all’interno. In compenso, la Subaru ha introdotto guarnizioni più spesse nelle portiere anteriori, che fanno il loro dovere filtrando il rumore di rotolamento dei pneumatici e fruscii, che non si avvertono anche oltre i 100 km/h. Il cambio permette comunque al guidatore di selezionare sei marce manualmente: è possibile farlo attraverso le palette al volante.

Vince in comfort

La Subaru Levorg è dotata anche delle quattro ruote motrici, anch’esse un tratto distintivo della Subaru. Su fondi asciutti il 60% della trazione è inviato alle ruote anteriori e il 40% a quelle dietro, ma a seconda delle condizioni di guida l’elettronica può inviare fino al 100% su un solo asse. Ne deriva una maggiore di sicurezza su asfalto umido o bagnato. Valido il comportamento su strada, grazie ai freni potenti e allo sterzo dal giusto peso: non è troppo leggero per trasmettere una maggiore sensazione di sportività. Le sospensioni sono state ritarate rispetto al vecchio modello, ma rimangono poco cedevoli; il comfort tuttavia non viene pregiudicato e la Levorg “digerisce” senza scossoni per i passeggeri le irregolarità dell’asfalto. Nel corso di questo primo test i consumi si sono dimostrati simili a quelli dichiarati, e i 11,9 km/l letti nel computer di bordo sono una buona media per un’auto con queste caratteristiche (anche se va detto che a causa del traffico abbiamo guidato con un “filo” di gas in città e tangenziale).

Due sole versioni

La Subaru Levorg sarà nelle concessionarie da settembre con due soli allestimenti: Style e Premium. La prima costa 32.000 euro e ha un equipaggiamento assai completo, perché sono di serie i fari full led, le ruote di 18”, il tetto apribile, il “clima” bizona, lo schermo a sfioramento di 7” con funzionalità Android Auto e Apple CarPlay, la telecamera di parcheggio anteriore e posteriore, il regolatore di velocità adattativo e la frenata automatica d’emergenza. La Premium costa 2.500 euro in più e aggiunge alla dotazione i sedili in pelle e il navigatore satellitare.

Secondo noi

PREGI
> Dotazione. L’equipaggiamento di serie è ricco anche per l’allestimento di primo livello.
> Fluidità di marcia. Il cambio CVT e il 2.0 rendono “dolce” la guida in città.
> Visibilità. È buona in tutte le direzioni, e le telecamere di serie danno un bell’aiuto nei parcheggi.
 
DIFETTI
> Rumorosità del 2.0. Accelerando a fondo si sentono fin troppo le “note” del motore
> Strumentazione. Contiene tante informazioni, ma non è sempre facile trovarle.
> Tasti al volante. Sono molti e possono distrarre mentre si guida.

SCHEDA TECNICA

Carburante benzina
Cilindrata cm3 1995
No cilindri e disposizione 4 boxer
Potenza massima kW (CV)/giri 110 (150)/6200 giri
Coppia max Nm/giri 198/4200
Emissione di CO2 grammi/km 196
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio automatico CVT + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 195
Accelerazione 0-100 km/h (s) 11,7
Consumo medio (km/l) 11,5
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 469/178/149
Passo cm 365
Peso in ordine di marcia kg 1545
Pneumatici (di serie) 225/45 R18
Subaru Levorg 2.0i Style Lineartronic AWD
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
2
1
0
0
0
VOTO MEDIO
4,7
4.666665
3


Aggiungi un commento
Ritratto di money82
18 luglio 2019 - 13:07
1
Levorg ne ho viste 2 in questi anni...è una bella macchina ma devi avere la passione per il marchio e un bel conto in banca per comprarla e mantenerla con i suoi 10 al litro. Per il resto concordo con l'utente che diceva non essere fatta per il nostro mercato.
Ritratto di SHVRENTZ
18 luglio 2019 - 17:49
Fosse stata a gasolio avrei già firmato il contratto.
Ritratto di supermax63
19 luglio 2019 - 05:48
Secondo me vettura spettacolare e di grande interesse. Al momento nella gamma Subaru il dubbio sarebbe tra XV e Levorg
Ritratto di alex_rm
19 luglio 2019 - 12:24
Auto old style per chi bada alla sostanza,ma la gamma motori e molto ristretta
Ritratto di supermax63
20 luglio 2019 - 10:41
Personalmente non la ritengo old style, viceversa concordo con la gamma motori limitata al 2000cc benzina.Purtroppo/per fortuna dipende dai punti di vista questo è lo stile e la filosofia giapponese.In generale a livello estetico piacciono o sono odiate per giunta non offrono grande scelta in termini di motorizzazioni, allestimenti e tinte.
Ritratto di supermax63
20 luglio 2019 - 10:45
Quando acquistai la mia Corolla Berlina esisteva un solo allestimento, tre tinte e motori 1.4 e forse 1.6 benzina, 2.0 diesel.Scelsi 2.0 D4D colore Silver Grey vettura già completa di quasi tutto alla quale aggiunsi allarme, lettore CD da 6 dischi in plancia, paraspruzzi completi e vasca di protezione bagagliaio.Toyota proponmeva già ai tempi 5 anni di garanzia
Ritratto di dumbo54
20 luglio 2019 - 11:44
1
Esteticamente non fa impazzire. Il cambio è ottimo, prima di parlare di scooterone bisognerebbe provarla. Resto convinto che , in assenza di versioni GPL, Subaru farà enorme fatica a rimanere sul nostro mercato. Quanto alle panzane ecologiste sul diesel, meglio stendere un velo pietoso. Sull’argomento ecologia e clima c’e enorme disinformazione . E intorno a quella roba lì girano investimenti e speculazioni di proporzioni gigantesche. Con lo scopo di far stare meglio noi, o di arricchire loro? Sarebbe il caso di capire che la CO2 NON è un “gas serra”, e quella derivante dalle attività umane è lo 0,3% del totale. E il clima viene studiato seriamente (?) da una ventina d’anni, a fronte di migliaia di anni di presenza umana sul pianeta, nel corso dei quali abbiamo avuto anche periodi decisamente più caldi dell’attuale. E allora ? Bah...
Ritratto di supermax63
20 luglio 2019 - 13:04
A me piace anche esteticamente, probabilmente sarà dovuto al fatto che apprezzo lo stile giapponese avendo posseduto due Corolla di cui una che guido tuttora, i miei sono alla terza Suzuki. Penso che si possa avere ancce GPL o almeno era possibile
Ritratto di AndySport
20 luglio 2019 - 18:47
Per quanto riguarda l'estetica di questa Subaru e delle giapponesi in generale ci sarebbe da fare una precisazione. In Giappone sono pragmatici per cultura e quindi nella progettazione delle auto seguono parametri culturali differenti. Il progetto di un auto può partire da una estetica di base o da parametri tecnici da rispettare. Sapevate che Subaru progetta le auto di serie con la migliore visibilità a 360° in assoluto? Poi il boxer (piatto ma molto largo con le sue due testate), le portiere che si "devono" aprire a 90° con il vetro che "deve" scendere completamente, le sospensioni di un altro livello in rapporto alla classe del veicolo ma più ingombranti che ne so di un braccio torcente... Ecc. Non voglio apparire saccente ma personalmente amo le Subaru e apprezzo le giapponesi in generale. Il progetto di molte giapponesi deve rispettare principalmente molti standard tecnici. Questo non vuol dire che un produttore non debba seguire altre strade progettuali come l'aerodinamica o l'estetica pura. C'è l'auto per tutti dalla Mini Clubman alla Subaru Forester... Io da ingegnere meccanico guardo certi parametri ma le scelte personali anche opposte vanno sempre capite e rispettate. Sarà più brutta ma...ripeto a volte bisogna guardare fuori dalla finestra e non il vetro. :)
Ritratto di supermax63
20 luglio 2019 - 23:29
In maniera più esauriente ha confermato ciò che definisco la filosofia costruttiva Giapponese che si apprezza o si detesta.
Pagine