PRIMO CONTATTO

Subaru Outback: comoda e versatile. Ma il cambio…

La nuova edizione della crossover giapponese è accogliente e si comporta bene anche nel fuori strada, ma la trasmissione CVT non è un fulmine.
23 gennaio 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    € 41.330
  • Consumo medio (dichiarato)

    14,3 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    161 grammi/km
  • Euro

    6
Subaru Outback
Subaru Outback 2.5i Unlimited Lineatronic
Non guidi da solo
 
Via di mezzo fra una grande wagon con l’assetto rialzato e una suv, la quinta generazione della Subaru Outback (la prima è nata 20 anni fa) si conferma una crossover spaziosa e, grazie anche alla trazione integrale, capace di affrontare fondi molto scivolosi. Inoltre, è dotata di serie del sistema Eye Sight, basato su due telecamere nella parte alta del parabrezza, che raggruppa vari sistemi di aiuto alla guida: dal regolatore di velocità adattativo, alla frenata automatica, fino alla segnalazione di uscita involontaria dalla propria corsia.
 
Da 36.290 euro
 
Gradevole nell’aspetto, anche se non molto originale, la Subaru Outback sarà in vendita dal 28 febbraio 2015 con una ricca dotazione e soltanto nelle versioni con il cambio a variazione continua di rapporto, abbinate ai motori boxer a benzina e a gasolio (quello a Gpl al momento non è previsto). La versione meno cara è la Free con il 2.0 turbodiesel da 150 CV: a 36.290 euro offre anche l’airbag per le ginocchia del guidatore e il sistema X Mode, che ottimizza il funzionamento del 4x4 nel fuori strada e attiva il dispositivo per mantenere costante la velocità nelle discese più ripide. La Style, a 39.315 euro e sempre con lo stesso motore, aggiunge l’avviamento senza la chiave (c’è un tasto) e il tetto apribile. La più ricca Unlimited include nel prezzo il navigatore, i sedili in pelle, le ruote di 18” e i vetri posteriori scuri. Con il 2.5 a benzina da 175 CV costa 41.330 euro; 43.350 con il 4 cilindri a gasolio.
 
Poco ricercata
 
Assemblato con cura, l’abitacolo della Subaru Outback è spazioso e offre molto agio anche per chi diede ai lati del divano che, mediante una pratica levetta annegata nell’imbottitura, permette di reclinare leggermente lo schienale all’indietro. La persona nel mezzo viaggia meno comodamente per via del mobiletto fra le poltrone anteriori, invadente. La posizione di guida con ampie regolazioni è confortevole mentre i numerosi comandi sono disposti in maniera tradizionale e, quindi, si individuano subito. Fa eccezione il display per il climatizzatore nella consolle: così sottile e denso di informazioni, non è il massimo della leggibilità. Invece, seppur numerosi, anche i grossi tasti nel volante s’individuano senza difficoltà. Considerati i prezzi elevati della vettura, però, ci saremmo aspettati dettagli più ricercati, una plancia dall’aspetto più attraente e materiali di qualità superiore (non sono poche le plastiche dure al tatto). Il baule è capiente (fino a 1848 litri), facilmente accessibile e dotato di ganci portaborse a scomparsa, oltre che di due pratiche leve nelle pareti per ripiegare automaticamente il divano. 
 
Stabile, ma lenta
 
La buona visibilità e il favorevole diametro di svolta fanno presto dimenticare i generosi ingombri della Subaru Outback 2.5i Lineartronic Unlimited: pur non molto agile, nella guida la crossover giapponese non è impegnativa e si rivela stabile. Il 2.0 a benzina da 175 CV è silenzioso, ma non così brillante, anche per via della lentezza con cui il cambio CVT (a variazione continua di rapporto) risponde ai comandi del guidatore. La situazione migliora leggermente inserendo la modalità sport con il tasto nel volante e, volendo, si possono anche inserire manualmente le sette “marce virtuali” preimpostate con le levette al volante. Tuttavia, questa non è una crossover sportiveggiante e non si sente la necessita di utilizzarle. 
 
Confortevole
 
La Subaru Outback 2.5 Unlimited, infatti, preferisce andature rilassate (lo sterzo non è dei più pronti), nelle quali si fa apprezzare per il comfort, anche se viaggiando a 130 km/h l’isolamento dell’abitacolo dai fruscii aerodinamici potrebbe essere migliore. Nulla da ridire, invece, sul funzionamento del regolatore di velocità adattativo (nel sistema EyeSight), un autentico co-pilota, che permette di mantenere costanti sia la velocità sia la distanza dai veicoli che precedono. Finito l’asfalto, questa crossover ha affrontato disinvolta un fuori strada nel fango (il fondo dell’auto è distante ben 20 cm dal suolo) e ripide discese (il dispositivo che mantiene costante la velocità si è dimostrato efficace). I consumi della Subaru Outback 2.5 Unlimited, infine, non sono eccessivi per una vettura di queste caratteristiche: 10 km/l la media calcolata dal computer di bordo.
 
Secondo noi
Pregi
> Fuori strada. Se l’è cavata bene.
> Sistema Eye Sight. Si è rivelato un valido ausilio alla guida.
> Spazio. È abbondante.
 
Difetti
> Cambio. Non tiene testa alle più moderne trasmissioni automatiche e a doppia frizione.
> Interno. Dati i prezzi dell’auto, li avremmo desiderati più raffinati.
> Rumorosità. A velocità autostradali, quella aerodinamica è avvertibile.

SCHEDA TECNICA

Cilindrata cm3 2498
No cilindri e disposizione 4 boxer
Potenza massima kW (CV)/giri 129 (175)/5800 giri
Coppia max Nm/giri 235/4000
Emissione di CO2 grammi/km 161
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (CVT) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 198
Accelerazione 0-100 km/h (s) 10,2
Consumo medio (km/l) 14,3
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 482/184/161
Passo cm 275
Peso in ordine di marcia kg 1598
Capacità bagagliaio litri n.d./1848
Pneumatici (di serie) 225/60 R18

 

Subaru Outback 2.5i Unlimited Lineatronic
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
11
13
2
2
4
VOTO MEDIO
3,8
3.78125
32


Aggiungi un commento
Ritratto di Larrive
21 giugno 2015 - 20:06
Dopo Audi A4, Discovery, Range Rover Sport, Mercedes classe E e ML, tutte TDV6 o TDV8, passo ad una giapponese. Con qualche dubbio prima dell'acquisto. Ed invece no. Semplicemente fantastica. Ben costruita fuori e dentro (chi dice che non ci sono plastiche morbide ha visto un'altra vettura). Posto guida fantastico, ti fai 1000 km senza nessun indolenzimento alla schiena. Spazio posteriore superiore alla media, così come il bagagliaio. Molto silenziosa anche a velocità autostradale, sembra di viaggiare sul velluto. Motore dolcissimo, rotondo, non vibra, ma spinge. Cambio cvt sorprendente: forse siamo abituati a sentire tutte le marce che si scaricano in sequenza regalandoci la sensazione di prestazioni. Il CVT Invece mantiene il motore al regime di coppia ottimale ed agisce sui rapporti. Il risultato è che la macchina accelera e riprende con grande elasticità senza quasi che te ne accorgi. Se poi usi la modalità manuale, i cambi sono rapidissimi, molto più rapidi degli automatici tradizionali. Anche in questo caso, chi ha sentito rumore di sferragliamento dovuto alla cinghia metallica del cambio ha provato un'altra macchina. Sospensioni morbide, rollio sensibile in curva. Ti aspetteresti una guida patatosa, ed invece se entri in curva anche veloce ti segue la traiettoria come se fosse sui binari. Nulla a che vedere con i SUV, anche quelli di alta gamma, che al confronto sembrano dei barconi. Eyesight utilissimo e molto ben funzionante, di offre una sicurezza (anche psicologica) che anche in caso di distrazione c'è lui a fare la guardia. Che altro: con la ML320 facevo nella media (50/50 autostrada e città) 10 litri/100 km. Con la suby ne faccio 6,5. Certo, altre potenze, altre masse. Ma non rimpiango la ML, anzi ... La linea: non certo di tendenza, forse non ti fa innamorare, ma a me piace comunque. I difetti: qualità del l'audio non all'altezza. Barra display del clima un po' sacrificata. Altro non ho trovato Il prezzo: non costa poco, ma fate il conto degli opzional che include (la mia è la versione unlimited) e vedrete che non c'è confronto con A4 allroad o XC70 che tenga. Soffrirò forse a rivenderla, ma non è poi così certo. Affidabilità: troppo presto per dare giudizi, mi baso però sui rapporti di affidabilità dei siti americani, che la pongono in assoluto ai primi posti. In sintesi: è così fuori dal coro nelle scelte meccaniche (Diesel boxer, symmetrical AWD, cambio CVT, eyesight) che prima devi provare, poi dai giudizi.
Ritratto di motoRE
15 luglio 2015 - 20:42
Dedicato a chi non capisce (2) Cercavo un'auto per la famiglia, con tutta la sicurezza disponibile oggi sul mercato (quando hai bimbi ci pensi molto di più), che mi portasse in giro per la Sicilia (con le sue bellezze e strade... di tutti i tipi - dalle autostrade alle strade in terra battuta), dove lavoro, e che mi consentisse di fare un paio di volte l'anno (estate e inverno) l'attraversata dell'Italia dove c'è l'altra metà della famiglia. Requisiti: spaziosa, confortevole, cambio automatico, trazione integrale. Budget 40.000 circa. Valuto e provo Honda CR-V, valuto e provo Discovery Sport e infine provo la Outback 2.0D-S Unlimited. Ecco qui la svolta, nessun dubbio: Outback. Il motore è perfetto per le esigenze famigliari, se premi và quel che serve e, personalmente, ritengo ottimamente assistito dal nuovo lineartronic. La guida dà veramente una sensazione mai provata: sicurezza in ogni condizione, sempre sui binari anche quando si esagera quasi per distrazione, per non aver valutato l'effettiva velocità dell'auto che ti porta ad "andare" grazie al comfort generale che si percepisce. Certo i suoi difettucci ce li ha. Linea non proprio all'ultimo grido, ma si tratta di un'auto ce deve accontentare tutti i mercati mondiali e poi, guardando il bicchiere mezzo pieno, difficilmente stuferà anche se si tiene l'auto a lungo, sicuramente per chi non vive dell'auto come status-symbol. Interni io li trovo piacevoli soprattutto in versione unlimited, lineari con qualche plastica dura ma che non disturba. Due i difettucci: bracciolo centrale del guidatore corto e orologio+temp. esterna in posizione infelice e poco leggibili. Dotazione di serie concreta e completa anche se anche qui un difetto c'è: manca l'attivazione automatica della chiusura centralizzata al raggiungimento di una velocità minima. Per il resto soddisfattissimo. Ho percorso 3000 km dal giorno dell'acquisto e complessivamente ho fatto 14,5 km/l. Guida attenta ma non mi sono mai privato di un sorpasso o di una accelerazione sostenuta quando avevo voglia di sentire un po' la macchina sotto. Prezzi alti? Considerato che la unlimited con vernice metallizzata e estensione di garanzia 5anni/150.000km di fatto l'ho pagata poco più di 40.000, non mi sembra molto in rapporto alla dotazione. Poi chiaro che Subaru è l'unica a fare il boxer-diesel e ad avere la nota e apprezzata Symmetrical AWD, qualcosa più degli altri costeranno. Ma vuoi mettere il piacere di avere un'auto non comune dalla meccanica non comune? Per chi ne capisce.... Ultimo apprezzamento per l'eyesight: funziona ottimamente e rende veramente la guida più rilassata soprattutto nel traffico intenso autostradale: una svolta in quelle condizioni. Insomma auto di sostanza, concreta e molto confortevole anche se non certo una WRX-STI, ma credo che la sua missione sia ben diversa.
Ritratto di sullaneve
5 settembre 2015 - 12:55
Vedo con piacere che ci sono moltissimi sostenitori delle giapponesi e proprio da voi vorrei sapere una cosa: come giustificate tutti i problemi (forum subaru club pieno) che danno volano e frizione in queste auto? Grazie per le eventuali risposte!
Ritratto di VentoGagliardo
7 settembre 2015 - 10:09
Ciao, questa Outback però ha il cambio automatico, ma poi i problemi a volano e frizione sono recenti o ti riferisci a qualche anno fa ? Anche io con la Focus ho dovuto cambiare la frizione per il problema al volano bimassa non riconosciuto da Ford.....
Ritratto di norace
15 novembre 2015 - 08:50
Buon giorno a tutti. Da poco ho outback unlimited Diesel. Erano anni che non possedevo una Subaru. La trovò una vettura di grande qualità . Al di là di alcuni passaggi tecnici disponibili su YouTube, che mai effettuerò con una vettura del genere la ritengo una delle migliori auto sulla neve. Per lavoro vado a Livigno ed in altre zone di montagna. È comunque la qualità degli interni è elevata. Grande confort, sedili ben sagomati, accessori di qualità. Ovvio in certi particolari potrebbe essere considerata povera, per esempio tendalino vano bagagli. Ma sono dettagli. La pietra di paragone è l'auto di mia moglie, Mercedes E 300 sw, vettura di novembre 2013. Bene non ha nulla da invidiare se non gli 80 cavalli in meno. Non ho preso la Subaru per andare forte. Altrimenti avrei tenuto l'auto che avevo con 300 CV! In sintesi, dopo avere fatto i primi 500 km vi dico che i sistemi di sicurezza sono validi, non assillanti ma efficienti. Lo spazio per i passeggeri è validissimo anche dietro ( le mie tre figli ieri hanno dichiarato che stanno più comode che sull'auto della mamma!). E cosa non da poco per me: non è un'auto appariscente, grande si , ma discreta. Non mi fa percepire come un commenda! Ultima cosa. Nel 1985 mio padre aveva la Subaru ( come si diceva allora in quanto esisteva solo la Leone, 1800 turbo benzina, cambio manuale a 5 marce e 5 ridotte). La usavo molto io, che avevo appena preso la patente. Andando in montagna, senza gomme da neve, erano poche le vetture che mi stavano dietro in certe condizioni. E non ero un fenomeno della guida visto che avevo appena preso la patente. Un saluto a tutti
Ritratto di Oliviero Soragni
25 marzo 2016 - 21:59
Rispondo a Rav Ho già posseduto 6 Subaru Questa è la settima Provala sul bagnato sulla neve sul ghiaccio e poi puoi commentare Sul prezzo? Prendi tutti gli optional : cambio automatico trazione integrale guida radar assistita Interno in pelle sedili elettrici riscaldati navigatore tetto elettrico portellone elettrico cerchi in lega fari allo xeno etc etc etc etc : mettili su una Audi o una Mercedes e il conto è presto fatto Per fortuna siamo in pochi a capire di auto : faccio mediamente 50000 chilometri all'anno : se Guido Subaru forse qualche motivo ci sarà
Ritratto di Oliviero Soragni
3 febbraio 2017 - 13:47
aggiungo per Flavio Pancione : la trazione integrale con tre differenziali fa la differenza : se poi ci aggiungi una elettronica che trasferisce la motricita ogni volta che il fondo stradale lo richiede alla ruota a maggior aderenza con un controllo basato su sensori ad altissima affidabilita' , ecco che hai l'integrale Subaru !!!! quaranta anni di ricerca vorranno dire qualcosa ! La trovi scomoda l'Outback ? hai guidato un'altra vettura !!! interni indecenti?: sono seduto su un sedile in pelle e che pelle! riscaldato ho un volante multifunzione elegantissimo ; apro un tetto in cristallo ho un cambio automatico alla mia destra e un monitor del navigatore integrato nella plancia che dopo avere visto quella orrenda padella che l'Audi sta montando sui suoi modelli, trovo ancora piu' bello!!! e' un privilegio viaggiare con questa vettura : volevo ancora ricordarti che su una famigliare Bmw o Audi o Mercedes abbiamo provato ad aggiungere tutto quello che di serie ha l'Outback e siamo arrivati mediamente a oltre 60000 euri !! le plastiche sono forse piu morbide ma certo quasi 20000 euro per toccarle e non sentirle dure..............,,,,!!!!!!
Ritratto di duracell
2 ottobre 2017 - 07:55
Ma non si può immaginare una vettura da 2500 c.c.se non è affiancata ad un motore elettrico . Difficoltà non tanto per l'acquisto ma venderlo ,....chi ti compra un 2500 a benzina ? Nessuno . È sufficiente un 2.0 turbo benzina dove si risparmia nelle tasse , consuma meno , ed è commerciabile alla grande . L'IBRIDO SAREBBE IL MASSIMO .
Ritratto di alessiomal
30 gennaio 2019 - 12:18
2
Ma un motore turbo ha costi di manutenzione più alti, sul consumo è tutto da dimostrare che sia più parco e il bollo si paga in base ai kw non alla cilindrata.
Ritratto di alessiomal
30 gennaio 2019 - 12:17
2
Gran bella macchina. Ho guidato la 2.0D ed era molto divertente e confortevole. Interni ben fatti e tanto tanto spazio. Mi piacerebbe provare questo benzina.... se è montabile il gpl (causa 35000 km annui) potrei farci più di un pensiero.
Pagine