PRIMO CONTATTO

Toyota bZ4X: a batteria e comoda, ma con dei limiti

La Toyota bZ4X è la prima crossover della casa nata a corrente: ha comandi ben tarati e tanti aiuti alla guida, ma certe plastiche sono “povere” e lo spazio per persone e bagagli è generoso solo in alcune direzioni.
Listino prezzi Toyota bZ4X non disponibile
Pubblicato 15 giugno 2022
  • Prezzo (al momento del test)

    60.000 (indic.)
  • Autonomia (dichiarata)

    470 km
  • Tempo di ricarica (dichiarato)

    7 ore a 11 kW
  • Euro

    71,4
Toyota bZ4X
Toyota bZ4X 4x4
Un nome, un programma

Dietro il nome Toyota bZ4X “da codice fiscale”, c’è la prima Toyota nata per essere elettrica: bZ è infatti la famiglia “beyond zero” (oltre lo zero, inteso come emissioni) di veicoli 100% elettrici, 4 si riferisce alla taglia e X sta per crossover. Più lunga di 9 cm rispetto alla Rav4, questa crossover a corrente ha personalità da vendere: le forme sono filanti, con superfici lisce che si affiancano a quelle scolpite e ampie zone rivestite con plastica scura. Non meno originali le luci: quelle davanti sono sottili e appuntite, mentre dietro sbordano sulle fiancate. I listini arriveranno il 28 settembre e da noi l’auto sarà nelle concessionarie fra fine anno e inizio 2023, con prezzi stimati che partono da 50.000 euro per la versione a trazione anteriore da 204 CV in allestimento “base” (già molto ricca per la sicurezza) e 3.000 in più per le versioni 4x4 con 218 CV (come quella del test). 

Luci e ombre per le finiture

Dentro la Toyota bZ4X ritroviamo parte dell’originalità dell’esterno, miscelata a pratici elementi tipicamente Toyota come i grandi bottoni fisici sulla consolle centrale. Luci e ombre per quanto riguarda le finiture: i pannelli delle porte sono rivestiti in materiale morbido, non mancano eleganti superfici in nero lucido e la plancia ricoperta di tessuto “tecnico” fa scena. Però, alcune altre plastiche (per esempio quelle nere delle maniglie interne) stonerebbero perfino su una citycar. Tanti, in compenso, i vani, con quelli delle porte e nella consolle centrale che sono capienti. Tuttavia, nessuno è refrigerato e manca del tutto il cassetto destro: secondo gli ingegneri della casa è stato “sacrificato” per dare più spazio alle ginocchia del passeggero anteriore.

Inoltre, nessun vano (neppure quelli delle porte) è rivestito: durante la marcia gli oggetti che sbatacchiano possono fare rumore.  Apprezzabili i comandi del “clima” della Toyota bZ4X: due pratiche levette fisiche montate sotto il display centrale, a portata di dita. Quest’ultimo è reattivo e intuitivo da usare, sebbene mostri una sola funzione per volta (sarebbe stato più pratico affiancarne due o tre a scelta). Non mancano Android Auto e Apple CarPlay, ma il primo funziona solo col cavo. Fra l’altro, davanti c’è una sola presa Usb (altre due sono dietro): poco per un’auto da famiglia.

Cruscotto da rivedere

A dominare la scena è la posizione di guida: i sedili della Toyota bZ4X sono comodi e ampiamente regolabili, mentre il cruscotto montato in alto e alla base del parabrezza può non convincere. Infatti, è fatto per essere letto da sopra la corona del volante e non attraverso le razze, come da tradizione. Questo vuol dire che, per vedere la strumentazione, il volante va regolato basso: i più alti se lo ritroveranno fra le ginocchia mentre chi è basso rischia di vedersi nascosta parte della strumentazione. Questa soluzione diventerà forse più pratica con l’optional dello sterzo “by wire”, ovvero senza collegamento fisico fra volante e cremagliera, in arrivo nel 2023: permetterà di variare dinamicamente il rapporto di demoltiplicazione, consentendo a bassa velocità di fare inversione o affrontare un tornante ruotando di pochi gradi il volante. Così, non servirà un volante rotondo ma basterà una più bassa cloche tagliata in alto, tipo quella degli aerei. Una soluzione che è già stata mostrata sulla sulla Lexus RZ, che condivide con la Toyota bZ4X la meccanica.

Tanto agio, ma…

Se davanti lo spazio è generoso, dietro stupisce quello per le gambe: è quasi da limousine e il pavimento è piatto. Lo apprezzeranno in particolare quelli alti che, però, incontreranno un paio di problemi: come su molte auto che hanno la batteria nel pianale, la distanza fra il fondo e la seduta del divano è ridotta: appena 30 cm. Inoltre, lo spazio per la testa è solo adeguato: chi è alto 190 cm sfiora il soffitto con la testa e, rinunciando al tetto panoramico, si guadagna appena un centimetro e mezzo. Anche il bagagliaio della Toyota bZ4X convince a metà: è profondo ma non alto (anche abbassando, di soli 7 cm, il piano di carico), mentre il doppiofondo può ospitare giusto i cavi di ricarica: utile, visto che, a differenza di parecchie vetture elettriche, sotto il cofano anteriore non c’è un vano. In pratica, si dispone di 452 litri, che scendono a 441 nelle versioni più ricche dotate di subwoofer. Non pochissimo in assoluto ma, tanto per fare un esempio “in casa”, la più corta Rav4 di litri ne offre 148 in più (quasi tutti nel doppiofondo). E il valore non cambia neppure nelle bZ4X a trazione anteriore, prive del motore al retrotreno.

Sicurezza sempre aggiornata

In assenza dei listini non è possibile parlare di dotazioni di serie ma, basandosi su quanto offerto in paesi dove la Toyota bZ4X è già in vendita, è probabile che l’equipaggiamento per la sicurezza sarà generoso: tutti i più evoluti sistemi sono infatti disponibili, a partire dal cruise control che lavora di concerto col centraggio di corsia (la cosiddetta guida semiautonoma di Livello 2) e non mancano quelli meno diffusi. Come il monitoraggio dell’angolo cieco che avvisa, da fermi, del sopraggiungere di un veicolo (anche una bici) quando si sta per aprire la porta. E, grazie agli aggiornamenti via internet, tali dispositivi miglioreranno col tempo.

Tetto solare

Tutte le Toyota bZ4X hanno una batteria da 71,4 kWh lordi (quelli realmente utilizzabili sono un po’ meno, ma la casa non ne dichiara il valore). La Toyota garantisce almeno il 70% della loro capacità dopo a 8 anni o 160.000 chilometri e, facendo eseguire un check-up annuale in occasione dei tagliandi, la copertura si estende fino a 10 anni o 1 milione di chilometri. Sfruttando la corrente continua delle colonnine super-rapide, l’auto accetta fino a 150 kW: per la casa, si passa dal 10 all’80% circa mezz’ora. Tutte le bZ4X che arriveranno in Italia, inoltre, avranno di serie un nuovo caricatore trifase, che permetterà di assorbire fino a 11 kW di corrente alternata (quella delle wallbox e delle colonnine più diffuse). Inoltre, dovrebbe arrivare nel 2023 anche l’optional del tetto a pannelli solari: secondo i calcoli della casa, nei paesi soleggiati potrebbe portare a quasi 12 km di autonomia gratis al giorno.

Che comfort!

Sicuramente il pregio principale della Toyota bZ4X è la facilità di guida, unita al comfort: i comandi hanno il giusto “peso” e l’accelerazione è decisa e lineare (niente “botta” di potenza, come troviamo su altre elettriche). In particolare, convince la taratura dei freni: sono davvero a punto, con una risposta ben modulabile e sempre costante alla pressione del pedale. Una caratteristica non scontata su ibride ed elettriche, dove è difficile “miscelare” l’azione dei dischi con quella del recupero di energia nei rallentamenti. Riguardo a quest’ultimo, è assente la funzione one-pedal, ovvero quella che imposta un freno motore così intenso da arrivare all’arresto della vettura e che permette di guidare solo modulando il pedale destro; con un tasto si può comunque aumentarlo parecchio.

Di qualità l’assorbimento e, a una prima impressione, anche l’insonorizzazione della Toyota bZ4X; la giornata molto ventosa del test, però, non ci permette di dare un giudizio definitivo. Di serie per tutte le 4x4 c’è poi la funzione X-Mode pensata per la marcia su fango e neve. Inoltre, non mancano quelle che regolano la velocità nelle discese e nelle salite su fondo viscido mentre i freni provvedono a fermare la ruota che in accelerazione slitta, per trasferire il moto all’altra sullo stesso asse (simulando, così, la presenza di un differenziale autobloccante).

Secondo noi

PREGI
> Comfort. L’auto convince per capacità di assorbimento e insonorizzazione. Mai faticosi da azionare e ben tarati i comandi.
> Garanzia. Nessun altro costruttore offre 10 anni di copertura o 1 milione di chilometri sulla batteria.
> Motricità. Questa è una delle poche elettriche che può dire la sua sui fondi viscidi.
> Personalità. Moderna e originale, non è certo un’auto che passa inosservata.

DIFETTI
> Distanza divano-fondo. Lo spazio longitudinale è generoso, ma il pavimento è molto vicino alla seduta del divano: si viaggia con le ginocchia “in bocca”. E i più alti dietro sfiorano il soffitto con la testa. 
> Finiture. Alcune plastiche sono davvero “povere” e mancano i rivestimenti dei vani 
> Niente one-pedal. Nulla da ridire sulla modulabilità del pedale, però manca la funzione per guidare modulando il pedale destro: sarebbe comoda nel traffico. 
> Posizione di guida. Il dover leggere il cruscotto da sopra il volante costringe alcuni a trovare un compromesso.

SCHEDA TECNICA

Motore anteriore elettrico
Potenza massima kW (CV)/giri 80 (109)/n.d.
Coppia max Nm/giri n.d.
Motore posteriore elettrico
Potenza massima kW (CV)/giri 80 (109)/n.d.
Coppia max Nm/giri n.d.
   
Potenza massima complessiva kW (CV)/giri     160 (218)/n.d.
   
Batteria ioni di litio
Capacità kWh 71,4 nominali
Tensione volt 355
Tempo di ricarica 7 ore (a 11 kW)
Potenza max di ricarica 11 kW in corr. alternata
  150 kW in corr. continua
   
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 160 (autolimitata)
Accelerazione 0-100 km/h (s) 6,9
Autonomia (km) 470
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 469/186/165
Passo cm 285
Peso in ordine di marcia kg 2065
Capacità bagagliaio litri 441/n.d.
Pneumatici (di serie) 235/50 R 20


*Stimato.

VIDEO

Toyota bZ4X
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
50
18
17
19
35
VOTO MEDIO
3,2
3.208635
139
Aggiungi un commento
Ritratto di Tu_Turbo48
15 giugno 2022 - 14:16
@Alvolantino però anche il tuo cervello dovrebbe passare all'elettrico, perché ormai il tuo sta diventando troppo noioso.
Ritratto di Tu_Turbo48
15 giugno 2022 - 14:21
Auto davvero brutta forte sia dentro che fuori, addirittura anche il nome è davvero orrendo e difficile da pronunciare, sembra un codice fiscale. Per me questa Toyota è Bocciatissima.!!!
Ritratto di Check_mate
15 giugno 2022 - 14:24
Forse Musk si ispirerà per il nome del prossimo figlio ahahah
Ritratto di Tu_Turbo48
15 giugno 2022 - 15:17
@Check_mate sicuramente Ahahahaha... :-D
Ritratto di calogeroc
15 giugno 2022 - 15:22
1
Subaru Solterra
Ritratto di calogeroc
15 giugno 2022 - 16:46
1
Subaru Solterra
Ritratto di Magnificus
15 giugno 2022 - 15:30
Per fortuna ho ancora la mia escort rs 2000 in garage
Ritratto di - ELAN -
16 giugno 2022 - 00:47
1
La vuoi convertire in elettrica?
Ritratto di Magnificus
16 giugno 2022 - 12:23
Non si sa ..per ora no ma un domani..chissà
Ritratto di gil24
15 giugno 2022 - 16:17
60k per un plasticone inguardabile...
Pagine
Annunci

Toyota Bz4x usate

Toyota Bz4x km 0 per anno