PRIMO CONTATTO

Toyota Prius: eco e vispa, ma non “da trasloco”

La Toyota Prius Plug-in col pieno di benzina e le pile cariche promette quasi 1000 km, di cui 50 solo in elettrico. Da guidare è facile, vivace e gradevole; le batterie, però, sottraggono spazio nel baule.

9 febbraio 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 41.000*
  • Consumo medio

    100 km/l
  • Emissioni di CO2

    22 grammi/km
  • Euro

    6
Toyota Prius
Toyota Prius 1.8 Hybrid Plug-in E-CVT
*prezzo indicativo
 
In EV fino a 135 km/h

A un anno dal lancio della quarta generazione, la gamma della Toyota Prius si completa con la versione Plug-in, quella cioè con le batterie ricaricabili anche dalla presa domestica, e con un’autonomia maggiore in modalità esclusivamente elettrica. La casa dichiara che la vettura è in grado di percorrere 50 km a zero emissioni, fino a una velocità massima di 135 km/h: un bel passo avanti rispetto al vecchio modello analogo (che aveva un’autonomia elettrica di 25 km fino a una punta di 85 km/h), in gran parte dovuto al nuovo pacco di accumulatori maggiorato a 8,8 kWh (il doppio rispetto a quello della Prius ricaricabile del 2012) e alla superiore efficienza del quattro cilindri e dell'intero sistema ibrido. Ora i motori elettrici sono due: uno ricarica le batterie e aiuta in accelerazione; l'altro, con più kw, ha la funzione di aggiungere la sua potenza a quella del 1.8. Lunga 465 cm (quanto la Prius+ a sette posti), la Plug-in (che di posti ne ha solo quattro) da un paraurti all'altro supera le altre versioni di 11 cm. Esteticamente si differenzia per i sottili fari full led o a matrice di led, le luci diurne verticali e il paraurti e la mascherina ridisegnati; di profilo è riconoscibile grazie ai cerchi in lega bi-color di 17”; dietro, per i fanali orizzontali invece che verticali. La parte posteriore della carrozzeria è allungata, per poter contenere il pacco batterie maggiorato sotto il baule (una soluzione che sottrae capacità al vano, che dai 502 litri delle Prius ibiride “classiche” passa a 360, con un'altezza sotto il tendalino ridotta a soli 28 cm). Alta, poi, la soglia di carico, a 77 cm da terra.

50 km a batteria

L’aerodinamica della Toyota Prius Plug-in è curata: la griglia della mascherina anteriore si chiude, a determinate velocità, per ridurre la resistenza all'aria. Quanto ai tempi di ricarica, quelli promessi dalla casa sono molto interessanti: 3 ore e 10 minuti per portare gli accumulatori al 100% dalla presa domestica, e 2 ore con lo specifico caricatore di tipo rapido. Elevata l’autonomia complessiva dichiarata: quasi 1000 km con un pieno di benzina (il serbatoio è appena inferiore a 43 litri) e la batteria completamente carica. Ma è l’autonomia elettrica a distinguere l'auto giapponese, perché a chi vive e lavora in città i 50 km ufficiali consentirebbero di percorrere “a pile” gran parte degli spostamenti quotidiani. Una volta esaurita l’energia degli accumulatori, l’auto funziona come le altre Prius, col 1.8 a benzina che entra in funzione: per scegliere la modalità d’uso della macchina ci sono tre tasti nella consolle, a destra della leva del cambio automatico. Col pulsante Drive Mode si selezionano tre programmi di guida (Normale, Eco e Power), per privilegiare i consumi o la reattività dell'auto; con il tasto HV/EV si sceglie la modalità ibrida, con l'apporto del 1.8, o solo elettrica; infine, con EV City si riduce la potenza complessiva, consentendo l'intervento del motore termico solo quando si preme a fondo sull'acceleratore. Battery Charge, invece, è il programma che consente di ricaricare le batterie durante la marcia sfruttando il motore a benzina: è poco efficiente, ma permette di fare il pieno di energia se all'arrivo si ha bisogno di usare l'auto a zero emissioni, per esempio per entrare in una ZTL.

Batteria riscaldata

Il sistema ibrido, con il motore 1.8 a benzina VVT-i a quattro cilindri a ciclo Atkinson, gioca un ruolo chiave nell’efficienza complessiva della Toyota Prius Plug-in. Il miglioramento del processo di combustione e un’innovativa gestione del riscaldamento delle componenti meccaniche e, quindi, degli attriti hanno consentito un netto miglioramento dell’efficienza termica, pari al 40%. Nella Prius Plug-in l’intervento dei motori elettrici non è limitato alla sola modalità EV, ma si estende a tutte quelle situazioni in cui può assicurare maggior efficienza rispetto al motore termico, specialmente nella guida urbana e nei tragitti brevi. La nuova tecnologia PHV (ibrida plug-in) riduce al minimo l’utilizzo del motore termico, anche durante le accelerazioni repentine o in caso di attivazione del riscaldamento nei mesi invernali, attraverso l’adozione di un dispositivo che riscalda la batteria e ne migliora l’efficienza con le temperature più rigide, oltre che grazie al primo sistema al mondo di climatizzazione con pompa di calore a iniezione di gas, che riesce a rilevare quando i sedili anteriori e posteriori sono occupati riducendo i consumi non necessari.

Facile e sicura

La Plug-in, come le altre Toyota Prius, anche se un po' più pesante, è maneggevole e tiene bene la strada. L’insonorizzazione è curata (solo il rumore di rotolamento delle gomme non è filtrato al meglio) e le sospensioni sono rigide (sul pavé fanno sobbalzare un po', ma contribuiscono a rendere l’auto gradevole da guidare sui percorsi tutte curve), anche se non scomode. Al semaforo lo spunto è buono; in autostrada, a 130 km/h costanti, c’è una buona riserva di potenza che, dopo i rallentamenti, consente di recuperare velocità in fretta (anche grazie al cambio a variazione continua che scende di rapporto con una certa rapidità). La cosa più rilevante di questa macchina, però (e non poteva essere altrimenti), è il consumo: impostando la modalità EV (esclusivamente elettrica), nel nostro test in città, in autostrada e su alcuni tratti extraurbani della Costa Brava, in Spagna, a batterie completamente cariche siamo riusciti a fare 41 km (poco meno di quelli promessi), senza alcun contributo da parte del motore termico. Se si considera che la media degli spostamenti quotidiani dell’80% dei cittadini europei è inferiore ai 50 km, si apprezza ancor di più l’autonomia “eco” raggiunta con la nuova Prius Plug-in, che consente di soddisfare le esigenze di mobilità quotidiane, senza ricorrere al motore termico.

In vendita a giugno

La Toyota Prius Plug-in sarà in concessionaria a partire da giugno, in un solo allestimento, a un prezzo indicativo di poco superiore a 40.000 euro. Ricca la dotazione di serie: sette airbag, fari full led, cruise control adattativo, frenata automatica d’emergenza con riconoscimento dei pedoni, “clima” bizona, head-up display, visualizzazione dei segnali stradali nel cruscotto e mantenimento automatico della corsia di marcia, sedili riscaldabili, retrocamera (molto utile nei parcheggi, perché la visibilità posteriore è scarsa). Interessante, tra gli optional, il tetto con celle solari per immagazzinare l’energia del sole (cui è dedicato un accumulatore, che poi cede corrente al sistema ibrido e ai servizi di bordo, per aumentare le percorrenze).

Secondo noi

PREGI

> Autonomia in elettrico. I 50 km promessi in modalità a zero emissioni ci sono sembrati a portata della vettura (a patto di guidare in modo molto attento): si può immaginare il tragitto casa-uffico e ritorno senza passare dal benzinaio. 
> Dotazione di sicurezza. Di serie ci sono parecchi dispositivi elettronici di ausilio alla guida. 
> Guida in città. Nel traffico non affatica. Inoltre, scatta bene senza farsi sentire e consuma poco. 

DIFETTI
 
> Baule. Per far posto al pacco batterie più grande, offre poco spazio in altezza e ha una capacità ridotta.
> Divano. Ha solo due posti. E c'è poco agio in altezza per la testa.
> Visibilità posteriore. Il lunotto piccolo e sdoppiato ostacola la visione nelle manovre in retromarcia.

SCHEDA TECNICA
Motore termico  
Cilindrata cm3 1798
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 72 (98)/5200 giri
Coppia max Nm/giri 142/3600
Emissione di CO2 grammi/km 22
Distribuzione 4 valvole per cilindro
   
Motore elettrico 1  
Potenza max kW (CV) 22,5/31
   
Motore elettrico 2  
Potenza max kW (CV) 53/72
   
Potenza max complessiva kW (CV) 90/122
   
No rapporti del cambio automatico CVT + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 162
Accelerazione 0-100 km/h (s) 11,1
Consumo medio (km/l) 100
Autonomia max in elettrico (km) 50
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 465/176/147
Passo cm 270
Peso in ordine di marcia kg 1475
Capacità bagagliaio litri 360/n.d.
Pneumatici (di serie) 215/45 R17
Toyota Prius
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
56
28
39
26
84
VOTO MEDIO
2,8
2.76824
233
Aggiungi un commento
Ritratto di ducart
14 febbraio 2017 - 17:20
Lode solo allo sforzo ecologico..
Ritratto di Cruiser956
14 febbraio 2017 - 17:59
1
Orrenda / Inquietante ( ovviamente è un opinione personale )
Pagine