PRIMO CONTATTO

Volkswagen Amarok: confortevole e accogliente. Fin troppo…

Restyling di mezza età per il pick-up Volkswagen Amarok, che offre ora un comfort da maxi suv. In Europa, però, sarà solo a doppia cabina: non il massimo, per un veicolo soprattutto da lavoro. 

16 giugno 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 45.000*
  • Consumo medio

    12,6 km/l
  • Emissioni di CO2

    199 grammi/km
  • Euro

    6
Volkswagen Amarok
Volkswagen Amarok Doppia Cabina 3.0 V6 TDI 224 CV Aventura 4Motion permanente automatico

*Prezzo indicativo

Evoluzione. Con qualche limitazione

Nuovo look, abitacolo profondamente aggiornato, gamma rivista con motori (turbodiesel V6 3.0) tutti Euro 6: così, a sei anni e mezzo dal lancio, si rinnova il pick-up Volkswagen Amarok. Per il mercato italiano, il veicolo da lavoro tedesco è ora proposto in tre livelli di allestimento (Comfortline, Highline e Aventura), ma in solo tipo di carrozzeria, quella a doppia cabina: una limitazione per chi il pick-up lo deve utilizzare soprattutto per impieghi duri. Per quello che riguarda la trasmissione, si può scegliere fra la 4x4 (4Motion) permanente, abbinata a un cambio automatico a 8 rapporti, e la trazione posteriore con quella integrale inseribile, cambio manuale a sei rapporti e marce ridotte; non sarà, per ora, importata la versione 2wd con il manuale. In prevendita da luglio, ma in consegna da ottobre, il nuovo modello presenta anche un'offerta di sistemi di infotainment più evoluti, in grado di connettersi a internet via smartphone. Due i motori al lancio, entrambi a gasolio, da 204 e 224 CV. I prezzi, al momento, sono ancora in fase di definizione: da noi, comunque, partiranno dai 35.965 euro della versione 4Motion Comfortline con motore da 204 CV (165 euro meno di quella in allestimento Trendline e con il quattro cilindri 2.0 TDI 180 CV 4WD, la più direttamente paragonabile tra quelle presenti nel listino attuale). 

Stessi muscoli, “sguardo” da Tiguan

Praticamente invariato nelle dimensioni esterne, il nuovo Volkswagen Amarok sfoggia un frontale più accattivante rispetto al modello che sostituisce: ispirato alla suv Tiguan, ha un aspetto insolitamente elegante per un veicolo da lavoro, ottenuto con piccoli ritocchi e con l'adozione di nuovi proiettori. Anche la parte inferiore del fascione paracolpi riprende con maggiore evidenza impostazioni e tratti della suv di medie dimensioni. Lungo 532 cm e largo 195, l'Amarock viene proposto con motori Euro 6 ma solo con carrozzeria a cabina doppia: una scelta che contribuisce rendere competitivo, per comfort e accoglienza, il nuovo modello rispetto alle più tradizionali suv, ma che in Italia (dove questo tipo di veicoli viene immatricolato come autocarro, destinato quindi a trasporti professionali) potrebbe risultare penalizzante per chi sul pick-up deve spesso caricare oggetti ingombranti. Il cassone, tuttavia, pur misurando appena 1,55 metri di profondità, può caricare un europallet, offre 2,52 metri quadrati di superficie utile e, negli esemplari equipaggiati con le sospensioni rinforzate "heavy duty", può accogliere fino a 1 tonnellata di merce.

È un “duro”, ma ti coccola

Nell'allestimento di vertice Aventura, il nuovo Volkswagen Amarok offre agli occupanti interni in pelle, climatizzatore bi-zona e un bel sistema di infotainment. Già nella versione base, comunque, il pick-up tedesco riserva un comfort di alto livello: la cabina è ampia e ariosa; la nuova plancia, di tipo automobilistico e allineata nello stile al resto della produzione della casa, è appagante anche nei materiali. Il climatizzatore è potente, efficiente e silenzioso come ci si aspetterebbe su una suv. Ma è soprattutto il comfort acustico in marcia a stupire piacevolmente su un veicolo di questo tipo, una qualità che pone l'Amarok una spanna sopra la concorrenza nell'utilizzo urbano ed extraurbano. In queste condizioni, infatti, il motore si sente appena e anche il rumore di rotolamento degli pneumatici è filtrato a dovere. Discorso differente, invece, per i trasferimenti veloci, a causa dei fruscii aerodinamici generati dal cassone, che risultano piuttosto fastidiosi a 130 km/h anche quando la copertura amovibile è montata. A questa velocità, poi, se il cassone è vuoto, le sospensioni posteriori a balestra si rivelano un po’ troppo elastiche e danno origine a qualche fastidiosa oscillazione.
Anche per questo motivo, in autostrada conviene viaggiare attorno ai 110 km/h: una velocità che “fa bene” anche al portafogli, perché (come indicato dal computer di bordo durante il nostro test) consente di percorrere circa 13,8 km/l (meno realistico, invece, vedere confermato il consumo medio ufficiale, di 12,6 km/litro). Con queste semplici attenzioni, sul nuovo Amarok si viaggia bene anche in cinque, e si arriva a destinazione riposati e senza spendere troppo in carburante.

Ok anche nell’off-road

Sul piano tecnico, la grande novità del Volkswagen Amarok è rappresentata dall'adozione di una nuova serie di “tremila” TDI V6, tutti Euro 6, in tre varianti di potenza: 163 CV (120 kW), accreditata di soli 122 g/km di emissioni di CO2 (sarà disponibile su alcuni mercati europei, ma non in Italia); 204 (150 kW) e 224 cavalli (165 kW). A cui corrispondono, rispettivamente, picchi di coppia massimi di 450, 500 Nm e 550 Nm, erogati nella versione più potente tra 1.400 e 2.750 giri. Di quest’ultimo motore abbiamo apprezzato l'elasticità e lo spunto, anche a pieno carico, grazie all'overboost che, per alcuni secondi, ne innalza la potenza sino a 245 CV: sembrano del tutto realistici sia i 193 km/h di velocità massima sia i 7,9 secondi per lo “0-100” che la casa promette. Notevole pure la fluidità del cambio automatico (azionabile anche manualmente con le palette dietro il volante), l’unico abbinabile a questo propulsore. I nuovi sedili sono decisamente più comodi (gli anteriori in particolare): anche dopo tanti chilometri di guida alla schiena non si avvertono indolenzimenti. E anche nell’off-road l'Amarok sa dire la sua, come abbiamo potuto verificare in un percorso di prova allestito in una cava: inserito il blocco del differenziale posteriore, anche i twist (i passaggi con due ruote sollevate agli angoli opposti) vanno via lisci, le salite vengono “bevute” dai 500 Nm di coppia e dalla prima marcia corta dell'automatico a 8 rapporti, mentre nelle discese l'hill descent control permette di procedere a passo d'uomo, frenando automaticamente le singole ruote. Per gli impieghi più gravosi, comunque, è consigliabile optare per il modello con trazione integrale inseribile, che dispone anche del riduttore al cambio: un vero e proprio mulo.

Secondo noi

Pregi
> Cambio automatico. L'otto rapporti è rapido e fluido, un plus di comfort. E con la prima corta è ok anche nell'off-road.

> Comfort acustico. Fino a circa 110 km/h, l’insonorizzazione dell’abitacolo è simile a quella di una suv di taglia media.
> Motore. Il V6 è lo stesso già montato sulle Audi A4 e A6: con 224 CV spinge bene, e con 550 Nm di coppia anche i traini pesanti non sono un problema.



Difetti

> Dimensioni del piano di carico. La carrozzeria a doppia cabina (la sola prevista) riduce la profondità del cassone a 155 cm: ne tenga conto chi avesse bisogno di più. 
> Fruscii aerodinamici. Oltre i 110 km/h quelli generati dal cassone (anche se munito dell’apposita copertura) diventano fastidiosi.

> Oscillazioni. A 130 km/h, con il cassone vuoto, le sospensioni posteriori a balestra “rimbalzano” un po'.


SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2967
No cilindri e disposizione 6 a V
Potenza massima kW (CV)/giri 165 (224)/3000-4500 giri
Coppia max Nm/giri 550/1400-2750
Emissione di CO2 grammi/km 199
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (autom.) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 193
Accelerazione 0-100 km/h (s) 7,9
Consumo medio (km/l) 12,6
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 532/195/183
Passo cm 310
Peso in ordine di marcia kg 1857
Cassone (largh./largh. passaruota/lungh.) cm 162/122/155
Pneumatici (di serie) 255/50 R20
Volkswagen Amarok
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
39
31
26
20
60
VOTO MEDIO
2,8
2.823865
176
Aggiungi un commento
Ritratto di marian123
17 giugno 2016 - 14:53
Ma che c'entra, mica v6 è sinonimo di sportività. Hanno scelto quel motore per incrementare la coppia, so che qualche costruttore proponeva dei 3.0 con 4 cilindri in linea a tale scopo.
Ritratto di LOL25
16 giugno 2016 - 20:50
A mio parere questo 3.0 su un pick-up è inutile. Se voglio un mezzo da lavoro mi prendo il 2.0 che basta e avanza, se invece voglio un grosso suv 3.0 per la famiglia mi prendo un Touareg (tanto per restare in casa VW)
Ritratto di AMG
16 giugno 2016 - 21:16
Un bel mezzo, certo non è da considerarsi unicamente da lavoro, in quanto è fatto con delle caratteristiche che lo elevano a pick up semi-premium (si lo so che non esiste, ma non dimenticatevi che arriverà anche un pick up Mercedes e alcuni americani in opportune configurazioni non sono solo da "lavoro") è un cabinato che offre posto in abbondanza, si avvale di un valido e potente motore e non sfigura in nessun aspetto. Il design squadrato e massiccio mi piace (il Silverado in merito è il mio preferito) bisogna avere sia la necessità del pick up che quella del mezzo versatile anche come veicolo quasi normale, da utilizzarsi come unica vettura. In tal proposito l'Amaro riesce perfettamente, basta avere il portafoglio. Non mi spiace ma c'è di meglio... Per citare alcuni elementi che non gradisco ci sono in primis il volante, poi il disegno del frontale dal quale si potrebbe ottenere di più, alcuni elementi qua e là e un cassone troppo poco profondo considerando che non c'è una versione lunga.
Ritratto di slvrkt
16 giugno 2016 - 21:51
3
qui in USA ogni brand ha un pickup premium, sino a poco tempo fa anche Cadillac e Lincoln ne facevano, ma questo in USA non e' in vendita. Giustamente, perche' venderebbe zero e lo deriderebbero.
Ritratto di luperk
16 giugno 2016 - 22:00
Non è esatto. Volkswagen decide di non importarla, anche se direbbe la sua contro colorado e il risibile piccolo pick up toyota sotto il tundra. Il punto è che mancano motori benzina decenti.
Ritratto di slvrkt
16 giugno 2016 - 22:06
3
Il Tacoma? non e' fatto ridicolo, ed ha un buon mercato, dato che di piccoli truck ormai non ne fa quasi piu' nessuno, ne esistono, e comprano, solo full-size. Ed in USA VW non ha la stessa immagine che ha in Italia, sono piuttosto considerati mezzi fragili, poco affidabili, e molto poco duraturi: specie per un truck, queste sono caratteristiche che ne decreterebbero la morte prima della commercializzazione. Pensa che la Tiguan riscono a venderla solo ora che fanno sconti immani sul vecchio modello. Per il resto, qualche GTI, e poi il nulla.
17 giugno 2016 - 13:19
Cose da pazzi...risibile il Toyota Tacoma che e' il più venduto da sempre nel suo segmento di mercato e punto di riferimento per qualità /prezzo/affidabilità. E se te lo vuoi rivendere da usato ti stendono un tappeto rosso per prenderlo in permuta perche' Toyota/Lexus gia' di suo e' il gruppo piu' commerciabile e dalla migliore tenuta del valore negli usa, immagina nel settore dei veicoli da lavoro dove Toyota e'sinonimo di garanzia. E ancora nessuno ha citato l'Hilux che e' il pick up più venduto al mondo e in assoluto uno dei migliori se non il migliore nell'ultima generazione.
Ritratto di slvrkt
17 giugno 2016 - 15:13
3
tutto vero, pensa che io, vivendo a Manhattan, ho comprato (oltre ad altri mezzi veri) una Scion (Toyota) iQ per girare e parcheggiare in citta', e pure quella sono riuscito a vendere bene usata dopo anni di maltrattamenti estremi ancora era in perfetta forma. Non ho mai considerato altri mezzi del gruppo pero', le Toyota qui hanno una tristissima immagina da auto da famiglia senza pretese, dopo secoli di Camry indecenti e Minivan, e c'e' da dire che su tutta la linea sono esattamente quello: non c'e' un modello attraente, tutte esteticamente sgradevoli e dinamicamente deprimenti, e la concorrenza fa di meglio in ogni singolo settore; e la Lexus e' auto da anzian, o da mamme.
16 giugno 2016 - 23:49
Non penso che il pickup Mercedes sarà premium, sarà un mezzo da lavoro come il Citan o lo Sprinter il cui top di gamma non sarà più lussuoso di un qualsiasi pickup top di gamma. Anche perchè da noi un pickup di lusso non avrebbe mercato.
17 giugno 2016 - 00:26
Aggiungo, sono sicuro che come la versione Renault (la stessa alleanza di Smart, Classe A ecc) saranno su base Nissan Navara.
Pagine