PRIMO CONTATTO

Volkswagen up!: non ha un “motorone”, ma non teme il fango

Il 1.0 da 75 CV della Volkswagen up! in versione “quasi suv” è abbastanza brioso, anche se lento in ripresa nelle marce alte. Con le protezioni in plastica e l’altezza da terra maggiorata, la macchina è ben attrezzata per affrontare anche facili fuori strada.
27 settembre 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 14.900
  • Consumo medio (dichiarato)

    21,3 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    109 grammi/km
  • Euro

    5
Volkswagen up!
Volkswagen up! cross up! 1.0 75 CV 5 porte
“Cittadina” da campagna
 
Per chi non si limita a usare la sua citycar nelle strette e trafficate vie urbane, ma ogni tanto desidera azzardare qualche escursione fuori asfalto, su strade di campagna o di montagna, ecco la Volkswagen Cross up!. Si tratta, in sostanza, di una up! a cinque porte, leggermente più alta da terra (15 mm) per superare senza timore piccoli ostacoli naturali (come sassi e radici), e con fasce in plastica nera sulle porte (recanti il logo “cross up!”) e modanature nere protettive lungo la linea dei passaruota; al tutto si aggiungono cerchi in lega di 16” e gomme 185/50 che le conferiscono un aspetto da piccola suv. La meccanica, però, è la stessa delle altre versioni, con la trazione sulle ruote anteriori e il classico tre cilindri da 75 CV abbinato al cambio manuale a cinque marce. Altri particolari che differenziano la Cross up! sono le barre argento sul tetto, gli specchietti retrovisori esterni verniciati in Light Silver Metallic e i paraurti con inserti anch’essi argentati.
 
Sportiva dentro 
 
Anche all’interno la Volkswagen Cross up! mostra un’indole più sportiva. Ci sono sedili con un tessuto (a scelta, rosso o antracite) studiato apposta per questa versione, la plancia con la parte centrale rossa, nera o argento scuro e il volante, la leva del cambio e l’impugnatura del freno a mano rivestiti in pelle con cuciture colorate in contrasto. La personalizzazione comprende anche cornici cromate per le bocchette dell’aria e per la strumentazione, oltre a listelli battitacco con la scritta “cross up!” . La Volkswagen Cross up! sfoggia pure un equipaggiamento di serie più completo, che prevede, tra l’altro, la chiusura centralizzata con radiocomando, gli alzacristallo elettrici anteriori, i fendinebbia, gli specchietti retrovisori esterni regolabili e riscaldabili elettricamente, il divano posteriore abbassabile e sdoppiabile in modo asimmetrico, il piano di carico variabile, il contagiri e il computer di bordo.
 
Su strada si comporta bene 
 
Sul piano dinamico, il 1.0 della Volkswagen Cross up! appare piuttosto vivace, vibra un po’ solo al minimo ed è abbastanza fluido nell’erogazione della potenza. Ai bassi giri il rumore è sotto controllo, ma sale un po’ appena si incominciano a “tirare le marce”. Lo sterzo preciso, l’elevata tenuta di strada e la frenata potente rendono l’auto piacevole da guidare anche fuori città, e la sensazione di sicurezza è sempre elevata (l’Esp è di serie). Le sospensioni assorbono bene le asperità della strada: anche su fondi stradali un po’ sconnessi, la Cross up! consente di viaggiare in maniera confortevole, senza troppi sobbalzi. In compenso, in curva le sospensioni non riescono a frenare granché il coricamento laterale della carrozzeria, consentendole un certo rollio che, alla lunga, può diventare fastidioso.
 
In vendita da metà ottobre
 
Nella nostra breve prova, sulle strade tedesche attorno alla città di Hannover, i dati di accelerazione e velocità dichiarati dalla casa per la VW Cross up! (14,2 secondi nello “0-100” e 167 all’ora di picco massimo) ci sono parsi verosimili. Un po’ meno quello relativo al consumo, che non siamo riusciti a replicare: il dato omologato parla di 21,3 km/l, mentre nel test, stando al computer di bordo, non siamo andati oltre i 17,5. La Cross up! sarà in concessionaria a partire da metà ottobre, a circa 14.900 euro (il prezzo che è stato anticipato non è ancora definitivo).
 
Secondo noi
 
PREGI

> Linea. Con le protezioni in plastica nera e i cerchi in lega di 16”, la Cross up! ha un aspetto quasi da suv, più sbarazzino e gradevole. 
> Finiture. Montaggi curati e materiali di qualità: la citycar tedesca è fatta bene.
> Sicurezza. L’Esp è di serie, i freni sono efficienti e di serie c’è anche il sistema di frenata automatica a bassa velocità.
 
DIFETTI
 
> Dettagli. Anche la Cross up! non ha, nella porta del guidatore, il tasto per comandare il vetro elettrico di destra: scomodo.
> Ripresa. Se si vuole guadagnare velocità in fretta, dopo un rallentamento, il 1.0 mostra il fiato un po' corto.
> Rollio. Le sospensioni morbide non frenano a sufficienza la carrozzeria di lato in curva.

SCHEDA TECNICA

Cilindrata cm3 999
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 55 (75)/6200 giri
Coppia max Nm/giri 95/3000-4300
Emissione di CO2 grammi/km 109
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi
Freni posteriori tamburi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 356/165/152
Passo cm 242
Peso in ordine di marcia kg 996
Capacità bagagliaio litri 251/959
Pneumatici (di serie) -

 

Volkswagen up!
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
254
106
90
81
286
VOTO MEDIO
3,0
2.952265
817


Aggiungi un commento
Ritratto di skarletto
30 settembre 2013 - 17:27
10000 vs 15000 vuol dire che la Panda costa 2/3 di questa, non mi sembra sia proprio lo stesso prezzo.. Altrimenti vado dal concessionario a comprarmi una macchina da 60000 Euro e 20000 ce li metti tu, ok? Scherzi a parte la Panda e' pure piu' grande (10cm piu' lunga, qualche cm piu' alta).. Per quanto riguarda il "molto piu' accessoriata", di serie ti daranno al massimo l'ESP in piu' della concorrenza. Tu lo valuti 5000 Euro?
Ritratto di 911 Carrera
1 ottobre 2013 - 16:41
Offre il NULLA di serie, mentre la UP a 8.500, , 9.000€ offre di più, se vai a vedere l' altro articolo sulla UP scrivo gli accessori di serie x entrambi, UP offre qualcosa in più, a meno. A questi livelli costano quasi uguali, la Panda offre il differenziale, la UP compensa con altri accessori, credo sia full optional in questa versione. X le dimensioni, dipende, se serve compatta e van bene 4 posti ( x legge non può montate il 5', troppo corta, come 500 , C1....ecc.) x lavoro e parcheggi UP. Se a PAGAMENTO più di 200€. serve il 5' posto, un po' di baule, e non ci sino difficoltà a trovare parcheggi più ampi dove vivi o lavori Panda. In questo segmento io vado su Stepway, x risparmiare, a poco di più, la versione più bella e 4x4 del Duster, o, a pari prezzo, il 4x2, entrambi a 4 stelle come la Panda, con 500/800€ di kit di sicurezza, 3 senza.
Ritratto di Jinzo
30 settembre 2013 - 23:59
meglio prendere una swift 4wd outdoor , 17mila di listino con uno sconto, la suzuki la darà via sui 15mila
Ritratto di gattus
1 ottobre 2013 - 16:47
Già la versione normale "made in Ikea" è orribile, ma questa la batte!! poi con quei vetri posteriori a compasso a 15.000€!!!!! la Panda è un'altro pianeta, e lo dico non da cliente Fiat
Ritratto di GiorgioBG68
2 ottobre 2013 - 14:23
1
per sta orribile scatoletta portasapone (messa così ancora più inguardabile), coi vetri a compasso, e senza nemmeno l'alzavetro del finestrino destro azionabile dal lato guida, che manco una Uaz...io dico che la gente è veramente impazzita, ma ci sarà qualche vaggaro fulminato che se la comprerà!
Ritratto di kerium
5 ottobre 2013 - 14:41
La gente la compra perché dice che è VAG se mettessero un motore ed un volante e il loro stemma su un bidone della spazzatura riuscirebbero pure a vederlo. Nella mia città di UP ne ho viste ben 2, ma diciamolo chiaramente la VAG a parte "ILLO" MK7 che vende???? che auto fa?????
Ritratto di brunastro
6 ottobre 2013 - 22:26
12
...potevamo farne a meno ....chi se la compera un auto utilitaria cosi cara....neppure il cumenda per la sua amante.....rischia di vedersela rimandare al mittente.
Ritratto di VinMaggio
7 ottobre 2013 - 13:10
2
Non serve un commento, l'oggetto dice già tutto
Ritratto di supermax63
16 ottobre 2013 - 05:08
in tutte le salse,versioni e cloni
Ritratto di libra87
3 dicembre 2013 - 14:22
Una city car nasce per lo più per chi usa poco auto ma soprattutto per chi abita in città, quindi proporre una versione cross cosa serve? Poi non è neanche 4x4, a sto punto meglio la panda che ha la trazione integrale oppure la panda trekking che ha il traction+. Ultimo punto a sto sfavore è neanche il prezzo elevato perché aggiungendo pochi euro in più si può comprare una polo che è più spaziosa e nello stesso tempo ha cmq dimensioni contenute quindi và bene anche per la città. È vergognoso che alcune city car abbiano lo stesso prezzo di auto più grandi e più potenti.
Pagine