PROVATE PER VOI

Alfa Romeo Stelvio: tutta muscoli e agilità

Prova pubblicata su alVolante di
febbraio 2018
  • Prezzo (al momento del test)

    € 95.000
  • Consumo medio rilevato

    9 km/l
  • Emissioni di CO2

    210 grammi/km
  • Euro

    6
Alfa Romeo Stelvio
Alfa Romeo Stelvio 2.9 V6 Bi-Turbo Quadrifoglio Q4 AT8
L'AUTO IN SINTESI

Ecco una suv ad alte prestazioni dalle forme muscolose e che esalta, ancor più che per la potenza (510 i cavalli del V6 biturbo), per le sue doti dinamiche: sul misto l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio è agilissima. Merito dell’assetto delle sospensioni efficaci e dello sterzo che trasmette sensazioni sincere, e che crea un feeling unico con l’auto. Ma anche il peso ridotto (1755 kg non sono molti per un’auto di questa categoria) gioca la sua parte. Pure l’interno trasmette una sensazione “racing”, grazie all’abbondante impiego di Alcantara per i sedili e di inseriti in fibra di carbonio per la plancia e la consolle centrale. 

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
5
Average: 5 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
5
Average: 5 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Gran bel compromesso

Se siete indecisi fra una suv e una sportiva, l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio fa al caso vostro. Al primo sguardo spicca per il look tutto muscoli: paraurti specifici (con ampie prese d’aria nel frontale e, dietro, un vistoso estrattore fra le due coppie di scarichi), sfoghi d’aria nel cofano e parafanghi muscolosi per ospitare le grandi gomme messe a punto appositamente dalla Pirelli (P Zero di 255/55 R20 davanti e 285/40 R 20 al posteriore). Alla guida mantiene le promesse del suo accattivante design, risultando, non soltanto potente (nei nostri test, abbiamo raggiunto i 100 km/h in soli 3,6 secondi), ma anche agile e divertente fra le curve: lo sterzo è diretto e preciso come pochi, e gli ammortizzatori a controllo elettronico fanno lavorare al meglio le raffinate sospensioni. Per quanto riguarda i sistemi di sicurezza, si può contare sui sensori per l’angolo cieco dei retrovisori, sulla frenata automatica d’emergenza (che riconosce anche i pedoni) e sull’allarme contro le uscite di corsia (non c’è, tuttavia, la correzione automatica per riportare l’auto in traiettoria). Anche rifacendosi ai crash test Euro NCAP delle versioni meno potenti, non si può certo dire che l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio non sia un’auto sicura: nel 2017 ha ottenuto cinque stelle con un punteggio molto alto nella protezione degli occupanti adulti (97 punti su 100) e 84% per i bambini. Tra i sistemi di assistenza alla guida, si può avere il cruise control adattativo. Tuttavia non costa poco (oltre 1.000 euro), soprattutto se si considera che il radar che sfrutta è lo stesso utilizzato per la frenata automatica d’emergenza, già incluso nella dotazione.

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
La praticità non manca

Plancia e comandi
Decisamente sportiva la strumentazione, a partire dal cruscotto “a binocolo” con due indicatori a lancetta (con lo “zero” in basso) e uno schermo centrale di 7” a colori. Completano l’opera la presenza di inserti in carbonio che impreziosiscono volante (dove non manca un tasto rosso per l’avviamento), plancia, pannelli delle porte e consolle. Qui si trova, ben a portata di mano, il selettore per le modalità di guida Dna (varia la taratura di motore, cambio automatico, Esp, frenai e ammortizzatori): alle tre modalità standard (Dynamic, Natural e Advanced Efficiency), si aggiunge la funzione Race, specifica per l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio. Peccato per lo schermo del sistema multimediale, che ha sì una diagonale di 8,8”, ma è poco esteso in altezza (lo si nota soprattutto nel visualizzare le mappe del navigatore o nell’utilizzare la retrocamera).

Abitabilità
A bordo dell’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio si viaggia comodi in quattro, mentre un eventuale passeggero al centro del divano ha un po’ meno agio per le gambe (per la presenza dell’ingombrante tunnel sul pavimento e per le bocchette del “clima” che sporgono fra le poltrone). Inoltre ha lo schienale rigido per via del bracciolo a scomparsa. Piuttosto piatta la seduta del divano: si scivola un po’ nelle curve. Ben più avvolgenti le poltrone anteriori, anch’esse in pelle e Alcantara.

Bagagliaio
La capacità dichiarata di 525 litri è nella media per un’auto di questa categoria. Al baule si accede attraverso un pratico portellone elettrico (di serie), ma la soglia di carico, a 73 cm da terra, è in plastica e tende facilmente a rigarsi. Pratiche le levette nelle pareti per reclinare rapidamente le tre frazioni del divano: si ottiene un piano quasi perfetto. Di serie la presa a 12 volt, mentre fra gli optional c’è pure quella a 230 V.

COME VA
5
Average: 5 (1 vote)
Le curve sono il suo pane

In città
Nel traffico questa belva si lascia ammaestrare: nella modalità Advanced Efficiency, il V6 è “mansueto” e lo Stop&Start non fa impennare i consumi (7,1 km/litro stando ai nostri strumenti). Buono il comfort dell'Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio grazie agli ammortizzatori a controllo elettronico. Poco agevole fare manovra: il raggio di sterzata è ampio (12,3 metri) e la visibilità è scarsa: rimediano i sensori di parcheggio (di serie anche quelli anteriori) e la retrocamera. Utile anche il sistema a ultrasuoni (abbinato al monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori) che individua i veicoli in arrivo di lato mentre si procede in retromarcia.

Fuori città
Nel misto veloce l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio fa valere le sue caratteristiche: peso ridotto, sterzo diretto e preciso, gran tenuta di strada, rollio limitato, spinta vigorosa... Il differenziale posteriore elettronico favorisce la precisione di guida e limita il lavoro dell’Esp. Potentissimi i freni, ma all’inizio bisogna “fare il piede” alla risposta del pedale fin troppo pronta. Esagerata la spinta del biturbo e rapido il cambio. Comunque, guidando tranquilli, i consumi rilevati non sono male: 11,1 km/litro.

In autostrada
A 130 km/h l’ottava marcia del cambio automatico fa lavorare ad appena 2250 giri il 2.9 biturbo, e se si viaggia con un filo di gas il sistema di disattivazione di tre cilindri su sei tiene a bada la sete di benzina (si percorrono 9,1 km/litro). Utili i sensori per l’angolo cieco dei retrovisori (di serie) e il cruise control adattativo (a richiesta).

PERCHÉ SÌ

Dotazione 
Oltre ai raffinati interni in pelle e Alcantara con inserti in carbonio, l’Alfa Stelvio Quadrifoglio ha di serie ammortizzatori e differenziale elettronico e diversi sistemi di sicurezza.

Guida 
Allo sterzo pronto e preciso, questa suv abbina raffinate sospensioni e una sofisticata gestione elettronica della trazione: il risultato è esaltante.

Prestazioni 
Il 2.9 biturbo assicura una spinta e un allungo da togliere il fiato, e risulta ben supportato dal rapido cambio automatico a otto marce.

PERCHÉ NO

Cruise control adattativo 
Perché far pagare 1.200 euro un dispositivo basato su un radar già nella dotazione di serie? 

Divano
Questa suv sportiva meriterebbe due sole sedute posteriori (il posto centrale non è comodo), ma più infossate, per trattenere meglio in curva. 

Schermo del multimediale
Ha una diagonale di 8,8” (non male), ma è poco esteso in altezza: lo si nota soprattutto quando si utilizza il navigatore.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 2891
No cilindri e disposizione 6 a V di 90°
Potenza massima kW (CV)/giri 375 (510)/6500
Coppia max Nm/giri 600/2500-5000
Emissione di CO2 grammi/km 210
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 470/196/168
Passo cm 282
Peso in ordine di marcia kg 1755
Capacità bagagliaio litri 525/n.d.
Pneumatici (di serie) 255/55 R20 ant. 285/40 R20 post.
Serbatoio carburante litri 64

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 7a a 6250 giri   284,1 km/h 283 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 3,6   3,8 secondi
0-400 metri 11,8 190,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 21,7 239,5 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 20,9 239,1 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 20,4 239,1 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 1,2   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 2,4   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   7,1 km/litro 8,5 km/litro
Fuori città   11,1 km/litro 13,3 km/litro
In autostrada   9,1 km/litro non dichiarato
Medio   9,0 km/litro 11,1 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,9 metri 36,5 metri
da 130 km/h   61,6 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   131 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   12,3 metri non dichiarato
Alfa Romeo Stelvio 2.9 V6 Bi-Turbo Quadrifoglio Q4 AT8
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
32
7
1
3
2
VOTO MEDIO
4,4
4.42222
45
Aggiungi un commento
Ritratto di gjgg
4 settembre 2018 - 06:22
1
Infatti speriamo alla nuova M3 le assegnino qualche HP in più, che secondo me ce la fanno. Sull' attuale penso stia tutto nel fatto che alla sua uscita 400-420Hp di serie erano più che sufficienti per stare davanti alle analoghe by Mercedes e Audi. Alfa "inaspettatamente" (con quelle performance) arrivata poi ha un po' scombussolato la situazione ma, a più che 450HP poi sulla M3 di serie non si è datto atto.
Ritratto di Eccomi di nuovo
4 settembre 2018 - 10:29
La M3 del 2019 oggettivamente farà mangiare la polvere alla Giulia, già ora la CS con 450hp fa gli stessi tempi pur con 60hp in meno. Alfa non ha proprio scombussolato nulla invece visto che è l'unica berlina che hanno. (Mentre BMW deve seguire la gerarchia fra M2, M3&M4, M5, M6 e ora anche M8. Non possono mica fare una M3 più potente di una M8, al contrario di Alfa che altre berline non ne ha e quindi può fare quello che vuole avendone soltanto una.
Ritratto di gjgg
4 settembre 2018 - 11:29
1
Sicuro? Qua http://fastestlaps.com/models/bmw-m3-cs non vedo alcun tempo rilevato in alcuna pista. Solo fra i commenti uno parla di un 1:10,5 on the Hockenheim track.
Ritratto di gjgg
4 settembre 2018 - 11:31
1
Per il resto ci può stare il discorso della gerarchia. Ma comunque a maggior ragione con tanta scelta prima o poi ci dovrebbe essere una berlina della casa che poi sia la più veloce al Ring (se non erro anche la M5 nuova non fa meglio della Giulia Q)
Ritratto di Rieccomi
4 settembre 2018 - 14:49
Cosa farà la M3 che ancora deve uscire non lo sa nessuno. La M5 a Vairano fa tempi uguali alla Giulia. La M4 gts al ring stacca di poco la Giulia, ma è un’auto da pista. Le M4 in tutte le altre salse vengono battute. Rilassati un pochino che ti viene un collasso...
Ritratto di Rieccomi
3 settembre 2018 - 22:55
L’audi rs6 è provato che va qualcosa meno. Su varie piste. E tra i suv Stelvio è la seconda in assoluto...
Ritratto di Leonal1980
3 settembre 2018 - 23:01
3
A mio parere sulla pista tutte le RS vanno qualcosa meno, in fatti tutti i loro Spot, non sono sulle piste, caso mai piste da sci, tornanti di montagna, guida sul bagnato. Sono delle "quattro", non auto da pista, per quello hanno Porsche.
Ritratto di gjgg
4 settembre 2018 - 06:12
1
Boh, non so. Mi sembra difficile/improbo in un tanto vasto mercato automobilistico assegnare un titolo di migliore trazione di un certo tipo ad una specifica casa tout court. Chi mai dicesse (magari sulla base della Type R) le migliori trazioni anteriori le fa Honda, poi non so una Jazz va meglio di una Fiesta St? Oppure la miglior trazione posteriore è solo Bmw (o Alfa)! E allora scusa Ferrari, Lambo, Pagani. Quindi tornando a bomba che una qualsiasi Q7, 8, 5 ecc vada meglio di una RangeR mi sembra alquanto improbabile. Per un uso più dinamico invece (anche se il contesto più dinamico è necessariamente in un circuito; che poi anche la strada di montagna o il parcheggio del supermercato se chiusi al traffico diventano all' occorrenza un circuito e viceversa molti circuiti, vedi Ring, se non per il fatto della destinazione specifica a pista hanno lo stesso tipo di situazioni stradali che tutti i giorni percorriamo), dicevo che per contesti più dinamici non penso qualcuno riterrebbe la trazione della Nissan Gt-R inferiore a qualsiasi RS. Poi boh
Ritratto di Eccomi di nuovo
4 settembre 2018 - 10:33
Rieccomi come sempre si rende ridicolo, prima dice "Tutti gli altri suv stanno dietro e anche di parecchio. E pure certe BERLINE e COUPE teutoniche" poi per motivare la sua tesi si concentra sulla RS6 che NON È NE UNA BERLINA NE UNA COUPÈ MA UNA STATION WAGON. Inoltre da bravo rosicone prende la RS6 di 5 anni fa con 560hp invece dell'attuale Audi RS6 Plus 605hp che ha fatto mangiare la polvere allo Stelvio in TUTTE le comparazioni (attendo impaziente un link che dimostra il contrario, ripeto Audi RS6 Plus 605hp del 2018, non altre versioni di anni fa che piace tiraree fuori ai fiattari di proposito o per elevatissima ignoranza)
Ritratto di Rieccomi
4 settembre 2018 - 14:09
Postale tu le comparative. Visto che le hai lette le puoi reperire e condividere. Rimane il fatto che vai a pescare vetture ben più cavallate per sostenere la tua tesi. Ma come detto, varie berline e coupe tedesche vengono battute. Come C63 e M3.
Pagine
Annunci

alfa-romeo stelvio usate

Prezzo minimoPrezzo medio
alfa-romeo stelvio usate 201734.00040.38037 annunci
alfa-romeo stelvio usate 201859947.87028 annunci

alfa-romeo stelvio km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
alfa-romeo stelvio km 0 201739.90044.76018 annunci
alfa-romeo stelvio km 0 201836.85046.280173 annunci