PROVATE PER VOI

Alfa Romeo Stelvio: tutta muscoli e agilità

Prova pubblicata su alVolante di
febbraio 2018
  • Prezzo (al momento del test)

    € 95.000
  • Consumo medio rilevato

    9 km/l
  • Emissioni di CO2

    210 grammi/km
  • Euro

    6
Alfa Romeo Stelvio
Alfa Romeo Stelvio 2.9 V6 Bi-Turbo Quadrifoglio Q4 AT8
L'AUTO IN SINTESI

Ecco una suv ad alte prestazioni dalle forme muscolose e che esalta, ancor più che per la potenza (510 i cavalli del V6 biturbo), per le sue doti dinamiche: sul misto l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio è agilissima. Merito dell’assetto delle sospensioni efficaci e dello sterzo che trasmette sensazioni sincere, e che crea un feeling unico con l’auto. Ma anche il peso ridotto (1755 kg non sono molti per un’auto di questa categoria) gioca la sua parte. Pure l’interno trasmette una sensazione “racing”, grazie all’abbondante impiego di Alcantara per i sedili e di inseriti in fibra di carbonio per la plancia e la consolle centrale. 

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
5
Average: 5 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
5
Average: 5 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Gran bel compromesso

Se siete indecisi fra una suv e una sportiva, l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio fa al caso vostro. Al primo sguardo spicca per il look tutto muscoli: paraurti specifici (con ampie prese d’aria nel frontale e, dietro, un vistoso estrattore fra le due coppie di scarichi), sfoghi d’aria nel cofano e parafanghi muscolosi per ospitare le grandi gomme messe a punto appositamente dalla Pirelli (P Zero di 255/55 R20 davanti e 285/40 R 20 al posteriore). Alla guida mantiene le promesse del suo accattivante design, risultando, non soltanto potente (nei nostri test, abbiamo raggiunto i 100 km/h in soli 3,6 secondi), ma anche agile e divertente fra le curve: lo sterzo è diretto e preciso come pochi, e gli ammortizzatori a controllo elettronico fanno lavorare al meglio le raffinate sospensioni. Per quanto riguarda i sistemi di sicurezza, si può contare sui sensori per l’angolo cieco dei retrovisori, sulla frenata automatica d’emergenza (che riconosce anche i pedoni) e sull’allarme contro le uscite di corsia (non c’è, tuttavia, la correzione automatica per riportare l’auto in traiettoria). Anche rifacendosi ai crash test Euro NCAP delle versioni meno potenti, non si può certo dire che l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio non sia un’auto sicura: nel 2017 ha ottenuto cinque stelle con un punteggio molto alto nella protezione degli occupanti adulti (97 punti su 100) e 84% per i bambini. Tra i sistemi di assistenza alla guida, si può avere il cruise control adattativo. Tuttavia non costa poco (oltre 1.000 euro), soprattutto se si considera che il radar che sfrutta è lo stesso utilizzato per la frenata automatica d’emergenza, già incluso nella dotazione.

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
La praticità non manca

Plancia e comandi
Decisamente sportiva la strumentazione, a partire dal cruscotto “a binocolo” con due indicatori a lancetta (con lo “zero” in basso) e uno schermo centrale di 7” a colori. Completano l’opera la presenza di inserti in carbonio che impreziosiscono volante (dove non manca un tasto rosso per l’avviamento), plancia, pannelli delle porte e consolle. Qui si trova, ben a portata di mano, il selettore per le modalità di guida Dna (varia la taratura di motore, cambio automatico, Esp, frenai e ammortizzatori): alle tre modalità standard (Dynamic, Natural e Advanced Efficiency), si aggiunge la funzione Race, specifica per l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio. Peccato per lo schermo del sistema multimediale, che ha sì una diagonale di 8,8”, ma è poco esteso in altezza (lo si nota soprattutto nel visualizzare le mappe del navigatore o nell’utilizzare la retrocamera).

Abitabilità
A bordo dell’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio si viaggia comodi in quattro, mentre un eventuale passeggero al centro del divano ha un po’ meno agio per le gambe (per la presenza dell’ingombrante tunnel sul pavimento e per le bocchette del “clima” che sporgono fra le poltrone). Inoltre ha lo schienale rigido per via del bracciolo a scomparsa. Piuttosto piatta la seduta del divano: si scivola un po’ nelle curve. Ben più avvolgenti le poltrone anteriori, anch’esse in pelle e Alcantara.

Bagagliaio
La capacità dichiarata di 525 litri è nella media per un’auto di questa categoria. Al baule si accede attraverso un pratico portellone elettrico (di serie), ma la soglia di carico, a 73 cm da terra, è in plastica e tende facilmente a rigarsi. Pratiche le levette nelle pareti per reclinare rapidamente le tre frazioni del divano: si ottiene un piano quasi perfetto. Di serie la presa a 12 volt, mentre fra gli optional c’è pure quella a 230 V.

COME VA
5
Average: 5 (1 vote)
Le curve sono il suo pane

In città
Nel traffico questa belva si lascia ammaestrare: nella modalità Advanced Efficiency, il V6 è “mansueto” e lo Stop&Start non fa impennare i consumi (7,1 km/litro stando ai nostri strumenti). Buono il comfort dell'Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio grazie agli ammortizzatori a controllo elettronico. Poco agevole fare manovra: il raggio di sterzata è ampio (12,3 metri) e la visibilità è scarsa: rimediano i sensori di parcheggio (di serie anche quelli anteriori) e la retrocamera. Utile anche il sistema a ultrasuoni (abbinato al monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori) che individua i veicoli in arrivo di lato mentre si procede in retromarcia.

Fuori città
Nel misto veloce l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio fa valere le sue caratteristiche: peso ridotto, sterzo diretto e preciso, gran tenuta di strada, rollio limitato, spinta vigorosa... Il differenziale posteriore elettronico favorisce la precisione di guida e limita il lavoro dell’Esp. Potentissimi i freni, ma all’inizio bisogna “fare il piede” alla risposta del pedale fin troppo pronta. Esagerata la spinta del biturbo e rapido il cambio. Comunque, guidando tranquilli, i consumi rilevati non sono male: 11,1 km/litro.

In autostrada
A 130 km/h l’ottava marcia del cambio automatico fa lavorare ad appena 2250 giri il 2.9 biturbo, e se si viaggia con un filo di gas il sistema di disattivazione di tre cilindri su sei tiene a bada la sete di benzina (si percorrono 9,1 km/litro). Utili i sensori per l’angolo cieco dei retrovisori (di serie) e il cruise control adattativo (a richiesta).

PERCHÉ SÌ

Dotazione 
Oltre ai raffinati interni in pelle e Alcantara con inserti in carbonio, l’Alfa Stelvio Quadrifoglio ha di serie ammortizzatori e differenziale elettronico e diversi sistemi di sicurezza.

Guida 
Allo sterzo pronto e preciso, questa suv abbina raffinate sospensioni e una sofisticata gestione elettronica della trazione: il risultato è esaltante.

Prestazioni 
Il 2.9 biturbo assicura una spinta e un allungo da togliere il fiato, e risulta ben supportato dal rapido cambio automatico a otto marce.

PERCHÉ NO

Cruise control adattativo 
Perché far pagare 1.200 euro un dispositivo basato su un radar già nella dotazione di serie? 

Divano
Questa suv sportiva meriterebbe due sole sedute posteriori (il posto centrale non è comodo), ma più infossate, per trattenere meglio in curva. 

Schermo del multimediale
Ha una diagonale di 8,8” (non male), ma è poco esteso in altezza: lo si nota soprattutto quando si utilizza il navigatore.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 2891
No cilindri e disposizione 6 a V di 90°
Potenza massima kW (CV)/giri 375 (510)/6500
Coppia max Nm/giri 600/2500-5000
Emissione di CO2 grammi/km 210
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 470/196/168
Passo cm 282
Peso in ordine di marcia kg 1755
Capacità bagagliaio litri 525/n.d.
Pneumatici (di serie) 255/55 R20 ant. 285/40 R20 post.
Serbatoio carburante litri 64

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 7a a 6250 giri   284,1 km/h 283 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 3,6   3,8 secondi
0-400 metri 11,8 190,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 21,7 239,5 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 20,9 239,1 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 20,4 239,1 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 1,2   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 2,4   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   7,1 km/litro 8,5 km/litro
Fuori città   11,1 km/litro 13,3 km/litro
In autostrada   9,1 km/litro non dichiarato
Medio   9,0 km/litro 11,1 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,9 metri 36,5 metri
da 130 km/h   61,6 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   131 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   12,3 metri non dichiarato
Alfa Romeo Stelvio 2.9 V6 Bi-Turbo Quadrifoglio Q4 AT8
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
32
7
1
3
3
VOTO MEDIO
4,3
4.347825
46
Aggiungi un commento
Ritratto di Eccomi di nuovo
4 settembre 2018 - 14:31
Sostenere quale tesi? Siete tu e gjgg che parlate a vanvera senza sapere niente. Vai a paragonare i tempi che fra di loro non c'entrano assolutamente nulla, come dei tempi fatti da una rivista al ring con i tempi "ufficiali" fatti su uno Stelvio con il tachimetro che sembra un albero di natale talmente tante spie sono accese per segnalare che praticamente tutti i sensori sono sballati visto che il modello usato per fare il pseudo record non c'entra nulla con uno Stelvio uscito dal concessionario. Poi pure usando i tempi delle riviste la BMW M5 fa meglio di oltre 10 secondi. Facesse BMW un tempo ufficiale con M3 o M5 starebbe davanti di 30 secondi, proprio come ha fatto con la M4 GTS quando ha fatto L'UNICO TEMPO UFFICALE, a differenza dei tempi da ciaparat che usate voi come riferimento, mostrando tutta la vostra ignoranza
Ritratto di Rieccomi
4 settembre 2018 - 14:51
Ti staibsentendo male. Ti si alza la pressione, ci fai preoccupare!
Ritratto di Eccomi di nuovo
4 settembre 2018 - 15:03
Ti "staibsentendo" male. Che lingua è? Non comprendo il linguaggio dei leasingari… Vai a pagare la rata di agosto che sei in ritardo :D
Ritratto di gjgg
4 settembre 2018 - 14:57
1
Cioè stiamo dicendo che agli 8 minuti e 18 secondi fatti dalla 4c quando portata al ring da al volante: metti un mezzo minuto in meno per il fatto che a testarla era una rivista e a questo punto almeno un'altra ventina di secondi (direi visto il fondo umido e i tanti sorpassi fatti in quel giro) visto che la pista era in un giorno non ottimale a inoltre trafficata e non in uso esclusivo e, secondo le tesi di sopra, in verità la 4c da 240HP se in condizioni di pista esclusiva periodo ottimale e con team ufficiale girerebbe in circa 7:28 ossia pari a una M4 GTS da 450Hp e 135mila euro portata al Ring dal team ufficiale a pista libera??? Bah
Ritratto di Eccomi di nuovo
4 settembre 2018 - 15:09
Qua si vede ancora l'ennesima dimostrazione della totale ignoranza del signor gjgg che ancora non ha capito che alvolante non può proprio fare un tempo al ring in quanto le prove le fa con la pista aperta e da "bridge to bridge", praticamente un paio di chilometri in meno rispetto alla pista dove gira "Sport Auto" (rivista molto più seria visto che ha il privilegio di prendersi tutta la pista per se). Basta vedere come AlVolante con una Giulia QV abbia girato in 08:08:73 mentre il tempo fatto da Alfa lo conosci bene https://www.alvolante.it/news/confronto-alfa-romeo-giulia-quadrifoglio-mercedes-c63-amg-nurburgring-348834. Quindi se si vanno a paragonare i tempi si possono comparare SOLO i tempi ufficiali con tempi ufficiali, i tempi di Sport Auto con altri tempi di Sport Auto e basta. Tutto il resto è fuffa ignorante da gjgg
Ritratto di gjgg
4 settembre 2018 - 15:32
1
Effettivamente non ci sto a capire niente. Allora la Seat Leon Cupra (tempo con la squadra ufficiale e pista libera) che tutti spesso userebbero per denigrare la 4c ed il relativo tempo. Su che lunghezza di pista è stato fatto?
Ritratto di gjgg
4 settembre 2018 - 15:38
1
Cioè, per intenderci, il tempo che troviamo qua http://fastestlaps.com/tracks/nordschleife alla posizione 168ima è buono o neanche questo? No perché alla fine non è che cambi tanto: a 8:04 togli 30sec di cui sopra e siamo a 7:32. Cioè un'auto da 240HP a 4 sec dalla M4 GTS (450Hp e 135 mila euro) portata in pista dalla squadra ufficiale in condizioni di pista libera (7:28)
Ritratto di Eccomi di nuovo
4 settembre 2018 - 17:07
Bello ragionare con il cùlo come fai te, ora ti imito: "Effettivamente non ci sto a capire niente. Allora la Stelvio Q (tempo con la squadra ufficiale e pista libera) che tutti spesso userebbero per denigrare la Audi RS4 ed il relativo tempo. Su che lunghezza di pista è stato fatto? Cioè, per intenderci, il tempo che troviamo qua di 07:58 fatto dalla rivista è buono o neanche questo? No perché alla fine non è che cambi tanto: a 07:58 togli 30sec di cui sopra e siamo a 7:28. Cioè una station wagon da 450HP da 4 sec alla Giulia Q (510Hp e motore Ferrari) portata in pista dalla squadra ufficiale in condizioni di pista libera (7:28)" Cit. gjgg caprone
Ritratto di gjgg
4 settembre 2018 - 17:27
1
Ma infatti quello che sto dall'inizio a presumere (e per cui ho generato il paradosso) è che non trovo significato mettersi a fare calcoli su 30 secondi in meno se facessero così o 40 se colà, con pista trafficata o pista libera, se lo fa la rivista o la casa madre o addirittura uno che ci è andato a girare con 3 amici come passeggeri e ci ha fatto il video; il tutto per poi calcolatrice alla mano andare a mettere e togliere secondi. Per affibbiare un tempo ad un'auto, il tempo tale auto in tale pista lo deve andare a fare, non va dedotto. Ci sono per questo classifiche facilmente reperibili on line: Giulia e Stelvio (come Type R o Leon Cupra o Panamera Turbo o 911 GT2 RS o Nissan Gt-R) hanno i tempi stampati in quelle classifiche; chi ha forza e coraggio andasse a insidiarli cercando la prestazione REALE migliore alle condizioni migliori.
Ritratto di Eccomi di nuovo
4 settembre 2018 - 18:07
Quindi proprio per coerenza dovresti citare SOLO i tempi ufficiali, e non quelli fatti dalle riviste (che sia Sport Auto, Alvolante, nonna pina, ecc...) e se vai a vedere i TEMPI UFFICIALI scoprirai che BMW M3 O M5, O Audi RS4 - RS5 - RS6, o Mercedes C 63 AMG o E 63 AMG non HANNO MAI FATTO UN TEMPO al ring. Ed esistono già da generazioni (si parla abbondantemente di oltre 20 anni di esistenza). Quindi perché ogni tot arriva sempre qualche cogIione a tiràe fuori queste auto che NON HANNO MAI FATTO UN TEMPO UFFICIALE quando si parla di tempi al ring??? Se parliamo di BMW, l'unico tempo ufficiale è della M4 GTS (migliore di tutte le alfa mai fatte) e della Mercedes-AMG GT R (migliore di tutte le alfa mai fatte), altri tempi ufficiali non esistono. Ed Audi per esempio non ha mai portato nessuna vettura al ring, eppure i cogIoni citati prima dicono che una R8 V10 da 610hp gira come una giulia, talmente sono ritardati e cogIioni da non capire cosa sia un tempo ufficiale. Poi gli stessi ingegneri ci portano una Huracan (stesso motore, telaio, cambio, ecc...) e fanno un 6:52.01 umiliando qualsiasi auto FCA... Per dire, se agli ingegneri della Audi R8 vai a chiedergli "ma voi sapete fare un auto che va forte" loro ti rispondono "abbiamo fatto sia la R8 che la Huracan. Veda un po'lei…"
Pagine
Annunci

alfa-romeo stelvio usate

Prezzo minimoPrezzo medio
alfa-romeo stelvio usate 201731.50040.12038 annunci
alfa-romeo stelvio usate 201859947.78028 annunci

alfa-romeo stelvio km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
alfa-romeo stelvio km 0 201739.90044.78018 annunci
alfa-romeo stelvio km 0 201833.95046.220167 annunci