PROVATE PER VOI

Alfa Romeo Giulietta: divertente, sobria e rigida

Prova pubblicata su alVolante di
luglio 2011
Pubblicato 14 luglio 2011
  • Prezzo (al momento del test)

    € 27.580
  • Consumo medio rilevato

    22,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    119 grammi/km
  • Euro

    Euro 5
Alfa Romeo Giulietta
Alfa Romeo Giulietta 2.0 JTDm 140 cv Exclusive

L'AUTO IN SINTESI

Vivace e gratificante da guidare, la Giulietta si rivela pure piuttosto parca; per contro il comfort sullo sconnesso risente delle sospensioni decisamente sportive, studiato per privilegiare la duttilità di guida. La Exclusive è la versione di punta: costa parecchio ma la dotazione è ricca.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Dotazione
3
Average: 3 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

Una berlina “da pilotare”

Con i suoi 140 CV, questa versione “intermedia” della gamma turbodiesel della Alfa Romeo Giulietta rappresenta un interessante compromesso: alle prestazioni brillanti abbina consumi contenuti. Fra le curve convince con le sue notevoli qualità dinamiche, che nell’esemplare in prova erano accentuate dallo Sport Pack e dai cerchi di 18 pollici (tutti optional a pagamento), ma a parte i limiti di comfort imposti dalle sospensioni sportive, si presta anche alla marcia in città e ai lunghi viaggi. La Exclusive è cara, ma anche meglio equipaggiata delle altre versioni.

Apprezzata per la linea originale e grintosa e per l’abitacolo curato, l’Alfa Romeo Giulietta non disdegna i motori a gasolio, e così fra la “base” 1.6 da 105 CV e la “top” 2.0 da 170 CV si inserisce la variante intermedia protagonista di questa prova, mossa sempre da un “due litri”, ma con 140 CV: è l’ottimale compromesso per chi, senza rinunciare alle prestazioni brillanti, vuole tenere d’occhio anche i consumi.

Il divano è sufficientemente comodo soltanto per due persone, e il bagagliaio non è fra i più capienti della categoria: a differenza delle rivali, questa berlina si sceglie soprattutto per la sportività e per le qualità di guida. Che nell’esemplare in prova erano esaltate da accessori come i cerchi in lega di 18 pollici (in luogo di quelli di 17”, che sono di serie) e il pacchetto Sport, del quale fanno parte pure le sospensioni più rigide.

Un’esclusiva che le rivali non hanno è il sistema Dna, che permette al “pilota” di variare la risposta di controlli elettronici, sterzo e motore agendo su un manettino davanti alla leva del cambio: selezionando Dynamic (le altre posizioni sono la Normal e la All-Weather, dedicata i fondi sdrucciolevoli), acceleratore e sterzo diventano più pronti e l’Esp più “permissivo” ; inoltre, si attiva il differenziale elettronico Q2 (che in curva invia più coppia alla ruota esterna se quella interna inizia a slittare).

La Exclusive è la versione di punta, e giustifica il suo notevole prezzo con una dotazione che include anche il parziale rivestimento in pelle dei sedili (mentre la “pelle totale” è optional), peculiarità che la più abbordabile Progression non offre (e lo stesso vale per il vivavoce Bluetoooth). Per risparmiare ulteriormente c’è la Progression, che, però, fa rinunciare anche agli utili sensori di distanza, e che ha il “clima” manuale anziché quello automatico bizona.

VITA A BORDO

3
Average: 3 (1 vote)
Molto fascino e poca praticità

Ricca di spunti rétro, la plancia è gradevole, tanto più se impreziosita dalla fascia in alluminio che fa parte dello Sport Pack; esteticamente riuscito anche il cruscotto, che, però, non è scevro da riflessi. L’abitabilità è buona soprattutto davanti: sulle sagomate e avvolgenti poltrone si viaggia comodamente. Il divano, invece, ha la parte centrale rialzata e poco imbottita ed è “giusto” per due persone. Sotto la media la capacità di carico: è vero che la botola passante per gli sci è di serie, ma i portaoggetti nell’abitacolo sono pochi e piccoli, e il baule è fra i meno capienti della categoria.

Plancia e comandi
Il cruscotto a binocolo (purtroppo afflitto da qualche riflesso) cita il passato come le comode manopole del “clima”, poste dove alcune Alfa di un tempo recavano la strumentazione aggiuntiva e sormontate da una fila di comandi a bilanciere (fra cui quello per disattivare lo Stop&Start). Ma a riportarci ai giorni nostri ci sono il bene organizzato computer di bordo (che indica pure la modalità del Dna in uso), e i controlli della radio ripetuti al volante che “compensano” la scarsa funzionalità dei piccoli tasti principali. Acquistando lo Sport Pack si ottengono pure la fascia brunita nella plancia e la pedaliera in alluminio (stesso materiale impiegato per il pomello del cambio); optional anche il navigatore, il cui schermo fuoriesce all’avviamento del motore e, se non serve, può essere “richiuso” con un tasto. 

Abitabilità
Impreziosite da cuciture rosse, le poltrone anteriori sono avvolgenti ma niente affatto “costrittive” (peccato che la regolazione dello schienale sia difficoltosa a causa del poco spazio disponibile intorno alla manopola). Sagomato anche il divano, rialzato al centro e perciò comodo soltanto per due; il bracciolo estraibile dallo schienale cela un pozzetto e un portalattina. Un portaoggetti è ricavato anche nel poggiagomiti fra i sedili davanti, ed è utile perché gli altri vani presenti nell’abitacolo sono piccoli. In ogni caso, il cassetto nella parte destra della plancia è accuratamente rivestito, provvisto di una mensola portalattine e refrigerato; ospita pure gli ingressi Aux/Usb della radio (di serie come il vivavoce Bluetooth). 

Bagagliaio
Il vano ha una forma regolare ed è pure provvisto di occhielli di fissaggio e di un gancio appendiborsa. Tuttavia, la forma dell’imboccatura (che va a restringersi inferiormente e superiormente) non favorisce l’accessibilità, considerato pure che la soglia si trova a ben 77 cm da terra e forma un gradino di 22 cm rispetto al piano di carico. Un altro dislivello di 4 cm viene a crearsi ribaltando il divano, operazione che permette di aumentare la capacità da 350 a 1045 litri e di ottenere una profondità utile di 163 cm: si tratta di “numeri” solo sufficienti, superati da quasi tutte le rivali. Positivo, comunque, che la botola passante per caricare gli sci sia di serie.

COME VA

4
Average: 4 (1 vote)
Veloce e silenziosa, ma rigida

Con il Dna in posizione Normal l’Alfa Romeo Giulietta si fa apprezzare per lo sterzo leggero, e pur patendo la rigidità delle sospensioni sul pavé, in città ci si muove agevolmente. Ma è fra le curve che dà il meglio: spostando il “manettino magico” su Dynamic aumenta la prontezza del motore, lo sterzo si fa più diretto e, se necessario, entra in gioco il differenziale elettronico Q2. Le notevoli doti di stabilità si apprezzano anche in autostrada, come pure l’efficacia dell’impianto frenante. Sempre all’altezza delle attese il brioso turbodiesel, che non alza mai la voce e “beve” poco in tutte le condizioni.

In città
L’Alfa Romeo Giulietta non è eccessivamente lunga (435 cm) e, con il Dna in posizione Normal, lo sterzo è leggero e favorisce la maneggevolezza: nel traffico ci si muove senza difficoltà. La visibilità concessa dal piccolo lunotto, però, è tutt’altro che eccezionale, e così nei parcheggi in retromarcia è meglio affidarsi ai sensori (che sono inclusi nel prezzo). Piuttosto pronto e parco nei consumi (grazie, anche, allo Stop&Start che lo spegne nelle soste al semaforo), il motore non alza la voce neppure in accelerazione, ma sul pavé “si balla” per colpa delle sospensioni sportive e delle gomme ribassate.

Fuori città
Fra le curve i cerchi maggiorati e le gomme larghe fanno la differenza, complici pure il raffinato retrotreno con sospensioni multilink (permettono un più preciso controllo del movimento delle ruote, perché sono collegate alla scocca con tre bracci anziché due): l’auto è agile, sicura e progressiva anche nelle reazioni al limite, e l’Esp interviene di rado. Con il Dna su Dynamic la spinta del motore, vivace sin dai 1800 giri, diventa ancor più pronta e si mantiene sostenuta sin quasi a 5000 giri (mentre in Normal la progressione si esaurisce attorno ai 4000 giri…); impeccabile pure il cambio. Completano il quadro consumi degni di un’utilitaria.

In autostrada
L’assetto rigoroso e lo sterzo solido si apprezzano pure ad andatura sostenuta: l’incedere della Giulietta è sempre sicuro e i veloci curvoni vengono digeriti senza incertezze. Il comportamento resta facilmente gestibile nelle manovre d’emergenza, quando pure s’apprezzano la potenza e la tenacia dell’impianto frenante. Se non fosse per la rigidità delle sospensioni, che “si paga” su giunzioni e rattoppi, il comfort sarebbe quasi perfetto: il motore (che a 130 orari in sesta lavora a soli 2300 giri) quasi non si percepisce. Bene anche la prontezza in ripresa e l’autonomia, visto che senza particolari accortezze si sta ben sopra i 15 km/l.

QUANTO È SICURA

5
Average: 5 (1 vote)
Per l’Euro NCAP è fra le migliori

Volendo si possono aggiungere i fari bixeno a orientamento automatico, ma i fendinebbia sono di serie come il cruise control e i sei airbag. Fanno pendere dalla parte giusta il piatto della bilancia anche i controlli “avanzati”, a cominciare dall’Esp che si adatta alle impostazioni del sistema Dna per finire al differenziale elettronico Q2: sono accessori - tutti di serie - che mettono d’accordo sicurezza e sportività. Ottimi anche i riscontri ottenuti nei crash test dell’Euro NCAP.

Le cinque stelle (cioè il massimo) ottenute nei crash test Euro NCAP si basano su risultati parziali di notevole spessore: per la protezione degli occupanti la Giulietta ha ottenuto 97 punti percentuali, cui si aggiungono gli 85 punti relativi ai bambini che viaggiano su seggiolini Isofix e i 63 punti percentuali per la capacità di salvaguardare i pedoni in caso di investimento; ai sistemi di assistenza alla sicurezza è andato, invece, un punteggio dell’86%. La dotazione di serie non presenta manchevolezze: oltre ai sei airbag (fra i quali quelli a tendina estesi ai posti dietro), ci sono i fendinebbia, il regolatore elettronico di velocità e, naturalmente, l’Esp. Che in questo caso merita un discorso a parte, perché è in grado di adattarsi alle impostazioni del sistema Dna: diventa più “sensibile” quando è selezionata la modalità All-weather (quella ottimizzata per i fondi a bassa aderenza), o concede alla vettura un maggiore grado di “libertà” se il guidatore sposta la levetta su Dynamic (abilitando pure il differenziale elettronico Q2). Così il piacere di guida offerto da questa berlina - superiore alle rivali per stabilità, tenuta di strada e frenata - non prescinde mai dalla sicurezza. A pagamento si possono aggiungere i fari bixeno con orientamento automatico.

NE VALE LA PENA?

4
Average: 4 (1 vote)
I suoi pregi si pagano

Brillante, ma pure silenziosa, con il turbodiesel da 140 CV la sportiveggiante Giulietta ha anche il pregio di consumare poco, qualità che la rende interessante per coloro che fanno parecchi chilometri. Abitabilità posteriore e bagagliaio non sono da record, mentre il comfort risente delle sospensioni rigide e degli eventuali cerchi maggiorati, che sono optional. Ma sulle qualità dinamiche non si discute, come pure soddisfano la le finiture e l’equipaggiamento, che nel caso della top di gamma Exclusive è completo. Come, considerato il prezzo, è lecito attendersi.  

Rispetto alle rivali di dimensioni simili l’Alfa Romeo Giulietta non è altrettanto accogliente nella zona posteriore dell’abitacolo, visto che in tre, sul divano, “si resiste” soltanto per tragitti brevi; inoltre, anche in fatto di bagagliaio ci sono rivali che offrono di meglio. Ma la Giulietta ha dalla sua qualità dinamiche che la rendono quasi unica fra le berline a cinque porte: le caratteristiche del telaio, le sofisticate sospensioni posteriori con schema multilink, la presenza del sistema Dna che permette di “regolare” la vettura in base ai propri desideri ne fanno la scelta giusta per chi - anche da un’auto pensata fondamentalmente per la famiglia - vuole quel qualcosa di più in termini di piacere di guida. A tutto questo la JTDm da 140 CV aggiunge un motore davvero riuscito: silenzioso e fluido, nonché abbinato a un cambio all’altezza della situazione, è “pepato” quanto basta per divertirsi e vanta consumi che fanno felici i macinatori di chilometri. La dotazione completa aiuta a digerire un prezzo che, soprattutto nel caso della “ricca” Exclusive, è superiore alla media. Ed è anche destinato a crescere perché una vettura del genere - con buona pace del comfort - trova il suo naturale completamento con lo Sport Pack e i cerchi di 18 pollici, che si pagano a parte.

PERCHÈ SÌ

 
 

Cambio
Abbinato a una frizione tutt’altro che dura da azionare, è ben manovrabile: l’escursione della leva è abbastanza contenuta e gli innesti netti e precisi. Inoltre, la “misura” dei sei rapporti è appropriata alle caratteristiche d’erogazione del motore.

Consumi
Quali che siano le condizioni di utilizzo (città inclusa), il motore si accontenta di poco gasolio: non solo la Giulietta consuma meno delle rivali, ma riesce addirittura a essere più parca di svariate utilitarie (che hanno, ovviamente, prestazioni inferiori).

Freni
Come dimostrano gli spazi d’arresto che abbiamo misurato (a livello di quelli delle “vere” sportive), l’impianto non manca certo di potenza. Ma nell’impiego in condizioni reali se ne apprezzano anche la modulabilità e la notevole resistenza alla fatica.

Guida
Precisa di sterzo e veloce nei cambi di direzione, ha un’elevata tenuta di strada e non si scompone neppure spingendo al limite; inoltre, impostando il Dna su Dynamic, la prontezza del motore aumenta: fra le curve c’è da divertirsi, e senza che la sicurezza venga mai meno.  

Linea
All’originalità di alcune soluzioni - come lo scudetto che sembra sospeso al centro del grintoso frontale - unisce equilibrio ed eleganza; riuscita pure la coda: il tetto rastremato e le maniglie posteriori “nascoste” le donano un look da tre porte.

PERCHÈ NO

 
 

 

Accessibilità
La forma discendente del padiglione rende poco agevole l’accesso al divano: soprattutto i passeggeri di elevata statura sono costretti ad abbassare parecchio la testa per evitare di picchiarla contro il montante (peraltro parecchio inclinato).

Baule
L’imboccatura non è il massimo della comodità, perché va a restringersi nella parte inferiore e in quella superiore, e la soglia è alta da terra. Inoltre, la capacità del vano è fra le meno “interessanti” della categoria (soprattutto a divano reclinato).

Comfort
Questa berlina costringe a scegliere “da quale parte stare”: se si cerca sportività, e dunque si aggiungono sospensioni rigide e cerchi maggiorati con gomme ribassate, ci si deve rassegnare a soffrire sullo sconnesso.

Cruscotto
Niente da dire sul design, che è elegante e sportivo. Ma nonostante siano “annegati” dentro due tronchi di cono, tachimetro e contagiri non sono del tutto al riparo dalla luce: in determinate condizioni si formano riflessi che penalizzano la leggibilità.

Portaoggetti
Svuotare le tasche può essere un problema: i ripostigli disseminati nell’abitacolo non sono molti, e anche la loro capienza (soprattutto per quanto riguarda il pozzetto alla base della consolle) lascia a desiderare. 

 

SCHEDA TECNICA

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3700 giri   206,5 km/h 205 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 9,3   9 secondi
0-400 metri 16,7 134,8 km/h non dichiarata
0-1000 metri 30,7 170,9 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 35,0 165,2 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 33,9 157,2 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 5a 10,3   non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 12,2   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,3 km/litro 17,9 km/litro
Fuori città   17,9 km/litro 25,6 km/litro
In autostrada   15,6 km/litro non dichiarato
Medio   16,7 km/litro 22,2 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,9 metri non dichiarata
da 130 km/h   62,4 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   135 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,6 metri 10,9
Cilindrata cm3 1.956
No cilindri e disposizione 4
Potenza massima kW (CV)/giri 103 (140)/4000
Coppia max Nm/giri 350/1750
Emissione di CO2 grammi/km 119
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (manuale) + retromarcia
Trazione Anteriore
Freni anteriori Dischi autoventilanti
Freni posteriori Dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 435/180/146
Passo cm 263
Peso in ordine di marcia kg 1320
Capacità bagagliaio litri 350/1045
Pneumatici (di serie) 205/55 R 16

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3700 giri   206,5 km/h 205 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 9,3   9 secondi
0-400 metri 16,7 134,8 km/h non dichiarata
0-1000 metri 30,7 170,9 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 35,0 165,2 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 33,9 157,2 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 5a 10,3   non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 12,2   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,3 km/litro 17,9 km/litro
Fuori città   17,9 km/litro 25,6 km/litro
In autostrada   15,6 km/litro non dichiarato
Medio   16,7 km/litro 22,2 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,9 metri non dichiarata
da 130 km/h   62,4 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   135 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,6 metri 10,9
Cilindrata cm3 1.956
No cilindri e disposizione 4
Potenza massima kW (CV)/giri 103 (140)/4000
Coppia max Nm/giri 350/1750
Emissione di CO2 grammi/km 119
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (manuale) + retromarcia
Trazione Anteriore
Freni anteriori Dischi autoventilanti
Freni posteriori Dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 435/180/146
Passo cm 263
Peso in ordine di marcia kg 1320
Capacità bagagliaio litri 350/1045
Pneumatici (di serie) 205/55 R 16
Alfa Romeo Giulietta
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
533
268
173
153
218
VOTO MEDIO
3,6
3.553905
1345


Aggiungi un commento
Ritratto di money82
16 dicembre 2011 - 16:06
1
Se posso fare un piccolo appunto però vorrei dire che è si interessante vedere le prove di stesse vetture con motori diversi però sarebbe bello variare un po' i marchi...la mito, la giulietta, la punto, la panda, la 500 sono state provate in tutte le salse...altre auto che vendono di più hanno appena una recensione o addirittura nemmeno una.
Ritratto di blackthunder_987
16 dicembre 2011 - 16:44
faccio il rappresentante e ho la giulietta con 2.0 jtd da 140 cv da 5 mesi e quasi 20000 km e per chi fa parecchia strada è ottima. ho provato varie volte la 1.6 e secondo me è adatta alla città, piccoli viaggi fuori porta o chi ha esigenze di un auto dai costi di gestione bassi. Senza particolari attenzioni faccio di media oltre 18 km/l (il computer dichiara 19.2) e mi da grandi soddisfazioni nella guida. Se invece si passa ad uno stile di guida sportivo scordatevi di far molto più di 11 km/l. L'unica cosa sconsiglio i cerchi da 18'' perchè l'auto diventa troppo rigida, con i 17'' si ha già un buon compromesso e anche dal gommista non si prende un infarto.
Ritratto di Dragon 88
16 dicembre 2011 - 23:37
Nella prova della Giulietta 2.0 JTDm da 140 cv, lessi che il consumo medio rilevato è di ben 16,7 km a litro, possibile che sia così basso. Con una Grande Punto 1.3 MJT 75 cv, facevo i 17 a litro in media, con una guida normale...
Ritratto di Bellafrance
18 dicembre 2011 - 15:31
Ciao Dragon, non ho la giulietta ma la mia golf 2.0 da 140cv mi ha piacevolmente stupito riguardo ai consumi molto più bassi di quello che mi sarei aspettato in autostrada (2200 giri in VI ai 135 indicati di tachimetro) ed in extraurbano. Sono medie paragonabili alla golf 1.6 di un collega (il 1.6 VW ha 105 cv e cinque marce). Dove invece consuma più del 1.6 è in città, ma in questi casi prendo le due ruote quindi sono molto contento di aver comprato il 2.0.. ;)
Ritratto di Dragon 88
3 gennaio 2012 - 12:52
che in media tale Golf fa i 13,5 in media, non è un risultato proprio eccezionale, ma è abbastanza dignitoso, considerando che (esempio) la Mercedes Classe E Coupe 350 CDI in media ne fa 12,5 e ha un poderoso 3.0 turbodiesel... In media quanto ti segna il computer di bordo sia in autostrada e in città?
Ritratto di Bellafrance
3 gennaio 2012 - 14:00
13,5km/l è un consumo molto alto, su al volante di marzo 2011 pag 30 riportano i consumi della golf plus 2.0 dsg pari a 12,8-18,2-15,9km/l in città-fuori ed autostrada (media 15,6km/l) e dovrebbero essere maggiori visto che la plus è più alta della golf normale ed era pure dotata del dsg. Il computer di bordo della mia segna medie ancora più alte fuori città ed in autostrada usandola a velocità codice del tachimetro (che reali saranno meno) ma dopo un po' di conti km percorsi/litri introdotti ho visto che grandi differenze col computer non ci sono. In città non saprei dire, sicuramente consuma visto che è un 2000, ma difficilmente mi capita di usarla.
Ritratto di pecosbill76
30 dicembre 2011 - 00:00
La giulietta può piacere o non piacere. L'unica cosa certa è che è un'auto che strizza l'occhio alla sportività. Ebbene: secondo questa logica, dal momento in cui si è disposti a prendere il motore 2000 cc diesel, allora l'unico da prendere è il 170cv. Ancora meglio sarebbe se Fiat avesse messo in questa macchina un vero motore sportivo twin turbo, erede del 190cv montato sulla Delta... Poi è vero che per muoversi il 1.6 basta e avanza. Così come è vero che per muoversii basta una Punto. Chiaramente con i propri soldi ognuno ci fa quel che ci vuole: si può badare più alla sostanza o più all'immagine Insomma...però il 1.6 da 105 cv sulla Punto ce lo vedo, su un'auto del segmento B ce lo vedo...sforzandomi ce lo vedo sulla Bravo...o al limite sul Doblò...ma sulla Giulietta proprio no. Non è paradossale che in un'auto "sportiva" frulli un "motorino" con 30cv in meno di quello che gira nel mio Doblò ?
Ritratto di Dragon 88
3 gennaio 2012 - 12:59
Mi chiedo come mai abbiano scelto di mettere solo 105 cv per il 1.6 JTD della Giulietta, quando la Punto o la Mito ne hanno 120, doveva essere il contrario siccome la Giulietta è di categoria superiore ed è ben più pesante. Con questo motore la Giulietta a dire la verità va quasi sempre tirato per avere una bella ripresa, (quando arriva è buona, ma bisogna aspettare un pò), perciò l'ideale sarebbe optare su un 2.0 JTDM, i prezzi non sono molto lontani dal 1.6 (che tra l'altro sono già alti), quindi c'è da pensarci.
Ritratto di biskero
30 dicembre 2011 - 16:47
Io sono in attesa di un 1.6 105 cv, per l'uso che ne faccio va più che bene un motore del genere, anche se ho speso molto sugli optional, ma mi piacciono le comodità. IO IL MOTORE L'HO PROVATO! Quindi prima di dire che il 1.6 non sia valido o che gli altri motori non siano all'altezza, provatela e poi ne riparliamo! "Prima di parlare di me, provami"
Ritratto di pecosbill76
3 gennaio 2012 - 17:13
Come dicevo, per me quel motore non era sufficiente neppure per il Doblo' per avere un po' di brio. A maggior ragione, non puo' esserlo su un'auto che vuole essere sportiva. E' piu' che sufficiente, invece, su una che vuole SEMBRARE sportiva. Non ho detto che non sia valido. Anzi, lo e' sicuramente, se non altro per la coppia che eroga. Per come la vedo io, pero', se voglio un'auto sportiva ed ho un certo budget, le priorita' sono l'auto, il motore e poi gli optional: un'Alfa Romeo Giulietta con un diesel da 105 cv e magari con sedili in pelle e cerchi da 18 mi fa piu' che altro tenerezza. E' essenzialmente una questione filosofica, non e' che ci possa essere un'idea giusta ed una sbagliata, in questo contesto. Certo e' che qualsiasi altra segmento C con un motore un po' piu' "grosso" gia' nel banalissimo 0-100 se ne va...
Pagine
Annunci

Alfa romeo Giulietta usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Alfa romeo Giulietta usate 20157.50011.52015 annunci
Alfa romeo Giulietta usate 201610.20014.16035 annunci
Alfa romeo Giulietta usate 201712.30015.20019 annunci
Alfa romeo Giulietta usate 201817015.16030 annunci
Alfa romeo Giulietta usate 201916.75019.07016 annunci
Alfa romeo Giulietta usate 202017.25019.56018 annunci
Alfa romeo Giulietta usate 202119.90020.4002 annunci

Alfa romeo Giulietta km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Alfa romeo Giulietta km 0 201820.89021.8002 annunci
Alfa romeo Giulietta km 0 201919.99020.4502 annunci
Alfa romeo Giulietta km 0 202022.06022.0601 annuncio
Alfa romeo Giulietta km 0 202122.40023.0804 annunci