PROVATE PER VOI

Audi A3 Sportback: non è “regalata” ma poi ti ripaga

Prova pubblicata su alVolante di
luglio 2014
Pubblicato 05 gennaio 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    € 27.250
  • Consumo medio rilevato

    14,5 km/l
  • Emissioni di CO2

    113 grammi/km
  • Euro

    6
Audi A3 Sportback
Audi A3 Sportback 1.4 TFSI g-tron Ambition S tronic

L'AUTO IN SINTESI

Mossa da un 1.4 turbo da 110 CV silenzioso, parco e abbastanza vivace, la A3 Sportback g-tron grazie all’impianto a metano assicura un cospicuo risparmio al distributore, ancor più se l’auto monta il cambio robotizzato a doppia frizione (optional). Fra le curve si apprezza la taratura di sterzo e sospensioni, e il peso aggiuntivo delle bombole non si sente troppo. Se la cura costruttiva è adeguata al prezzo, non così la dotazione, che va integrata a pagamento.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
5
Average: 5 (1 vote)
Sterzo
5
Average: 5 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Dotazione
2
Average: 2 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

Un’alternativa al turbodiesel
Viaggiando a metano fa spendere circa la metà rispetto a un buon turbodiesel, e grazie al serbatoio della benzina da 50 litri l’autonomia complessiva rimane elevata. La precisione di guida è quella delle altre versioni e il maggior peso sul retrotreno, dovuto alle bombole del gas, si sente soltanto nelle manovre brusche. Fluido ed equilibrato, ancorché non grintoso, il 1.4 turbo da 110 CV, validamente affiancato dal cambio a doppia frizione S tronic (optional). Adeguata al prezzo la qualità costruttiva, ma non la dotazione.
 
 
Per il suo primo modello a metano, la Audi ha scelto come base la A3 Sportback, berlina compatta (431 cm di lunghezza) ma dall’immagine “ricca” e dagli interni di indiscutibile qualità. Il motore è il 1.4 turbo da 110 CV (la potenza dichiarata è la medesima indipendentemente dal fatto che si viaggi a benzina o a gas), silenzioso e capace di una spinta piena e omogenea, ancorché non particolarmente grintosa.
 
La priorità viene data al funzionamento a metano, che permette di tagliare i costi di circa la metà rispetto a un buon turbodiesel di prestazioni simili. L’autonomia consentita dal gas naturale contenuto nelle bombole (in fibra di carbonio) non è elevata: in autostrada, stando ai nostri rilevamenti, si riduce a meno di 300 km. Ma si può contare anche sul serbatoio della benzina (50 litri, sufficienti per circa 700 km). 
 
Anche se le bombole pesano soltanto 50 kg, essendo sistemate sotto il baule (che, per questo, perde un centinaio di litri di capacità rispetto alle altre versioni) sono all’origine di una leggera tendenza al sovrasterzo nelle manovre brusche. Ciò non toglie che il comportamento sia gratificante anche fra le curve, complici le sospensioni irrigidite (ma non penalizzanti sullo sconnesso) e ribassate di 1,5 cm della A3 Sportback g-tron.
 
I consumi, già bassi, si riducono ulteriormente con il rapido cambio a doppia frizione S tronic (optional presente nella vettura in prova), che in modalità “eco” innesta la folle ogni volta che si rilascia l’acceleratore. Peccato, però, che oltre a essere venduta a caro prezzo questa cinque porte faccia pagare a parte anche accessori ordinari, come il cruise control oppure i sensori di distanza (disponibili anche davanti).

VITA A BORDO

3
Average: 3 (1 vote)
Ricercatezza immutata, baule ridotto
Lo sportiveggiante abitacolo è la fotocopia di quello delle A3 a benzina e diesel: ci si accorge di essere alla guida della versione a metano soltanto per la presenza del doppio indicatore del livello del carburante nel cruscotto. Curate le finiture, ma alcuni pulsanti sono troppo minuti. L’abitabilità è buona davanti, mentre dietro lo spazio è sufficiente soltanto per due persone. Il bagagliaio è ben rifinito e ha una conformazione regolare, tuttavia le bombole del gas, che sono sotto il pavimento, ne riducono la capacità rispetto a quella delle altre versioni.
 
 
Plancia e comandi
Sportiveggiante e raffinato nei materiali, l’abitacolo della A3 Sportback g-tron non differisce da quello delle altre versioni, anche perché il commutatore benzina/metano non è previsto. Così l’unico indizio della “specialità” di questa versione è l’indicatore del livello de gas nel cruscotto (per il quale è stato sacrificato il termometro del liquido refrigerante). Con il pacchetto Navigation (optional), lo schermo a scomparsa di 5,8” nella plancia mostra anche le mappe del navigatore satellitare. Appena sopra i comandi del “clima” bizona (a pagamento al posto di quello manuale di serie) ci sono vari pulsanti (troppo piccoli) fra cui quelli dell’hazard e del selettore della modalità di guida (modifica la risposta di sterzo, climatizzatore, motore e cambio automatico).
 
Abitabilità
Anche se ha cinque porte, la A3 Sportback g-tron è davvero spaziosa soltanto per chi viaggia davanti, ospitato su poltrone sportive (di serie nella Ambition) avvolgenti e comode. È sagomato anche il divano che, per questo motivo, penalizza un eventuale passeggero centrale (infastidito anche dall’ingombrante tunnel fra i piedi); inoltre, per chi siede dietro è poco generoso l’agio per le gambe, specialmente se i passeggeri anteriori arretrano parecchio il sedile. Quanto ai portaoggetti, pur essendo sufficientemente numerosi risultano angusti (come lo è il cassetto di fronte al passeggero), e nessuno di essi è refrigerato.
 
Bagagliaio
Rispetto a quella delle versioni a benzina o diesel, la capacità del bagagliaio è inferiore di 100 litri: dunque, passa da 380 litri a 280 con tutti i posti in uso, e da 1220 a 1120 a divano giù: si tratta di un compromesso dovuto alla presenza delle bombole sotto il piano di carico, peraltro comune alle versioni a metano della Volkswagen Golf e della Seat Leon (che impiegano lo stesso pianale). In compenso, il vano – che ha un’altezza al tendalino di 44 cm – ha una forma regolare che ne favorisce la sfruttabilità ed è accessibile da un’imboccatura ampia. Bene anche le finiture, adeguate al prezzo della vettura.

COME VA

4
Average: 4 (1 vote)
Non risparmia sul piacere di guida
La A3 Sporback è a suo agio anche in città, sebbene sia consigliabile aggiungere i sensori di distanza per parcheggiare tranquilli. Nei tragitti extraurbani si apprezzano la fluidità del 1.4 turbo, la velocità del cambio robotizzato e le qualità dell’assetto, che asseconda anche la guida brillante (il peso delle bombole che grava sul retrotreno si fa sentire soltanto al limite); inoltre, i consumi sono davvero bassi. Precisa in velocità e correttamente insonorizzata, la A3 Sportback è a suo agio anche in autostrada, dove l’unico limite può essere rappresentato dal fatto che il metano si esaurisce dopo meno di 300 km, dopodiché si prosegue a benzina. 
 
 
In città
In città, i 431 cm di lunghezza della carrozzeria della A3 Sportback g-tron non sono troppi nemmeno quando bisogna trovare parcheggio, ma i sensori di distanza sono (date le piccole dimensioni del lunotto) un optional obbligatorio; altrettanto si può dire del cambio automatico S tronic, che non prevede il pedale della frizione e che, a bassa velocità, funziona con dolcezza. Ok anche il comfort, favorito dalle sospensioni non eccessivamente rigide sullo sconnesso, e i consumi: con un chilogrammo di metano si percorrono più di 19 km (anche grazie allo Stop&Start che spegne e riavvia il motore nelle brevi fermate). 
 
Fuori città
Va a metano, ma non è lenta, anzi: si riesce a tenere un buon passo senza dover insistere con l’acceleratore, dato che la potenza viene erogata con regolarità sin dai regimi inferiori, e che il rapido cambio robotizzato a doppia frizione si rivela una valida “spalla” del 1.4 turbo. Il tutto con la sorpresa positiva di consumi davvero bassi non soltanto viaggiando a metano (24,4 km/kg) ma pure a benzina (17,0 km/l). Fra le curve la tenuta di strada è simile a quella delle altre versioni, e lo stesso vale per la precisione dello sterzo; la taratura solida delle sospensioni favorisce la stabilità, e solo se si guida in modo aggressivo si sentono gli effetti del peso delle bombole, sottoforma di una tendenza ad allargare la traiettoria con la coda che non affligge le altre versioni.
 
In autostrada
In settima marcia il motore lavora a regimi rilassanti ma, qualora occorra guadagnare in fretta velocità, il cambio S tronic è prontissimo a scalare rapporto. E a proposito di ripresa, vale la pena di sottolineare che i tempi da noi rilevati sono sostanzialmente gli stessi indipendentemente dal tipo di alimentazione. Rigorosa nel seguire le traiettorie anche a velocità elevata, e capace di frenate incisive in caso di bisogno (spazi d’arresto e resistenza dell’impianto a quattro dischi sono da sportiva), la A3 Sportback g-tron è anche bene insonorizzata e comoda. Resta il neo dell’autonomia: il metano si esaurisce (secondo i nostri rilevamenti) dopo soli 296 km, e a quel punto si prosegue con i 50 litri di benzina, ovviamente spendendo di più (13,3 km/l, contro 20,8 km/kg rilevati a gas).

QUANTO È SICURA

5
Average: 5 (1 vote)
Promossa, ma qualcosa va aggiunto
Di base c’è una dotazione discreta, che include pure il settimo airbag, quello per le ginocchia del guidatore, ma “dimentica” il cruise control, che si paga a parte e, volendo, può essere del tipo con radar di distanza. L’Euro NCAP ha sottoposto a crash test la versione a tre porte, promuovendola con le cinque stelle corrispondenti al punteggio massimo: un risultato che può essere preso a riferimento per la Sportback in quanto la piattaforma tecnica è la medesima. 
 
 
Ai crash test Euro NCAP è stata sottoposta, nel 2012, la Audi A3 con carrozzeria a tre porte, che ha riportato le cinque stelle del punteggio massimo accompagnate da valutazioni parziali del 95% per la salvaguardia dei passeggeri, dell’87% per i bambini ospitati su seggiolini dedicati, del 74% per i pedoni e dell’86% per i sistemi di “aiuto” alla sicurezza. Sono risultati che fanno fede pure per la A3 Sportback g-tron, con due porte in più ma realizzata sulla medesima base tecnica. I dispositivi di sicurezza previsti di serie sono quelli indispensabili (anche in considerazione del prezzo di listino), vale a dire l’Esp (con sistema anti-arretramento in salita disponibile a pagamento) e un complesso di airbag che include quelli a tendina estesi ai posti dietro e quello dedicato alle ginocchia del guidatore; con un costo extra, si possono aggiungere i “cuscini” laterali posteriori. I fendinebbia sono standard, mentre si deve mettere mano al portafogli per avere i fari bixeno, con ulteriore sovrapprezzo per quelli a orientamento automatico. Potendo spendere, c’è di tutto e di più: dal sistema di assistenza al mantenimento della propria corsia al monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori, passando per i sensori luce e pioggia fino al cruise control, sia di tipo standard (che in una vettura di questa classe dovrebbe essere di serie), sia adattativo.

NE VALE LA PENA?

4
Average: 4 (1 vote)
In equilibrio fra lusso e risparmio
Basta un’occhiata al listino e al prezzo degli optional – alcuni dei quali d’obbligo – per comprendere che la A3 Sportback 1.4 TFSI g-tron non è una vettura che fa risparmiare all’acquisto, tantomeno nell’allestimento Ambition. La convenienza arriva dopo, sotto forma di costi di gestione nettamente inferiori a quelli della versione diesel paragonabile per prestazioni e prezzo, ossia la 1.6 TDI da 105 CV. A patto, sia chiaro, di muoversi principalmente in zone dove è facile rifornirsi di metano, e di accettare un bagagliaio con capacità ridotta di circa un quarto. 
 
 
Forte di una qualità costruttiva indiscutibile, la A3 Sportback è la prima berlina compatta “premium” a essere offerta con alimentazione a metano. Può sembrare una contraddizione ma non lo è, dato che in questo caso la piacevolezza di guida delle altre versioni si sposa con i vantaggi derivanti dall’alimentazione a gas naturale: scendono le emissioni inquinanti (tanto che le vetture con questo tipo di alimentazione sono di solito esentate dai blocchi temporanei del traffico che vengono spesso imposti in alcune metropoli) e cresce la convenienza alla pompa. Ed è proprio quest’ultimo aspetto che rende interessante la 1.4 TSI g-tron: a parità di chilometri percorsi, per il carburante fa spendere circa la metà dell’omologa versione a gasolio 1.6 TDI da 105 CV (la più vicina per prestazioni e prezzo). Ciò non toglie che vadano valutati altri aspetti, primo fra tutti la diffusione dei distributori di metano nelle zone in cui ci si muove normalmente: l’autonomia a gas non è elevata e, una volta che il contenuto delle bombole è esaurito si va a benzina (con consumi comunque bassi, ma senza convenienza). Inoltre, chi “tiene famiglia” soffrirà per il bagagliaio da utilitaria. Quanto alle considerazioni sul prezzo e sulla necessità di integrare la dotazione a pagamento, sono valide per questa versione della A3 Sportback come per le altre: se il cruise control e i sensori di distanza sono indispensabili, come rinunciare al cambio S tronic a doppia frizione?

PERCHÈ SÌ

Costi di gestione
Il metano offre un conveniente rapporto fra prezzo al distributore e resa chilometrica. E questa Audi ne consuma davvero poco: a parità di tragitto, fa spendere meno della metà rispetto a un buon diesel di prestazioni simili. 
 
Finiture 
Accomodandosi a bordo (nella Ambition, su comode e avvolgenti poltrone sportive) colpisce la qualità delle finiture, curate con attenzione anche nei piccoli dettagli. All’altezza del prezzo i materiali utilizzati.
 
Guida
Il 1.4 turbo ha un’erogazione vivace, complice il cambio automatico (optional) rapido nel selezionare il rapporto giusto. Adeguata anche alla guida brillante la risposta di sterzo, sospensioni e freni.
 
Motore
Silenzioso al minimo e dotato di un timbro piacevole in accelerazione, assicura un’erogazione omogenea e piuttosto vigorosa anche se potenza e prestazioni non sono da record.

PERCHÈ NO

Bagagliaio
Le bombole del metano “mangiano” parte del bagagliaio che, con il divano in uso, “tiene” appena 280 litri: per quanto si tratti di un problema riscontrabile anche nelle rivali, si rivela penalizzante. 
 
Pulsanti 
Quelli collocati nella pancia e nella consolle hanno dimensioni troppo ridotte, che li rendono riconoscibili con difficoltà: almeno il tasto che aziona le quattro frecce avrebbe meritato maggiore evidenza.
 
Optional
La A3 Sportback è una vettura costosa, ancor più con l’allestimento Ambition, eppure fa pagare a parte accessori che sono ormai inclusi nel prezzo anche in alcune utilitarie: per esempio i sensori di distanza, il “clima” bizona o il cruise control.
 
Portaoggetti
A partire dal cassetto di fronte al passeggero (che non è neppure refrigerato) nessuno dei vani presenti nell’abitacolo risulta ampio come ci si aspetterebbe in una vettura destinata anche alla famiglia.

SCHEDA TECNICA

Cilindrata cm3 1395
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 81 (110)/4800-6000
Coppia max Nm/giri 200/1500-3500
Emissione di CO2 grammi/km 92 (88*) a metano; 120 (113*) a benzina
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 431/179/143
Passo cm 262
Peso in ordine di marcia kg 1260 (1280*)
Capacità bagagliaio litri 280/1120
Pneumatici (di serie) 225/45 R17

* valori con cambio a doppia frizione a sette marce S tronic

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
    192,3 (195,5) km/h 197 (197) km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 11,1 (10,7)   10,8 (10,8) secondi
0-400 metri 17,9 (17,7) 128,3 (129,5) km/h non dichiarata
0-1000 metri 32,5 (32,3) 161,9 (163,4) km/h  
       
RIPRESA in DRIVE S Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 29,7 (29,7) 163,0 (164,0) non dichiarata
1 km da 60 km/h 28,4 (28,3) 164,1 (164,7) non dichiarata
da 40 a 70 km/h 3,0 (3,0)    
da 80 a 120 km/h 7,9 (7,8)    
       
CONSUMO in km/kg (km/l)   Rilevato Dichiarato
In città    19,2 (12,8) 9,6 (13)
Fuori città   24,4 (17) 37,5 (23,3)
In autostrada   20,8 (13,3) non dichiarato
Medio   22,2 (14,5) 31,4 (20)
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,6 metri non dichiarata
da 130 km/h   60,8 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   135 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,8 metri 10,9

 

Tra parentisi i dati riferiti alla vettura alimentata a benzina.

Audi A3 Sportback 1.4 TFSI g-tron Ambition S tronic
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
10
12
3
0
5
VOTO MEDIO
3,7
3.733335
30
Aggiungi un commento
Ritratto di troy bayliss
8 gennaio 2015 - 13:06
1
io ho versato la mia vecchia audi A3 2.0 TDI 140 cv ambition (8 anni 200.000 km) per l'arrivo del pupo, e ho acquistato una giulietta 2.0 mjet 140 cv distinctive....per carità bellina l'alfa a parte piccole sciocchezze in tre anni, però...rimpiango ogni volta la mia audi A3..altro pianeta.E' vero il detto che...chi scende da un audi la rimpiange a vita
Ritratto di Flavio Pancione
8 gennaio 2015 - 18:01
7
Venditi l auto e metti la benzina!! Ma che tocca sentirci? Maserati qua, maserati di la e parla di 50 euro a settimana, che ce li metto io per andare all'universitá.. Buona giornata.
Ritratto di Scooby2003
8 gennaio 2015 - 22:43
La mia è una constatazione oggettiva sul consumo della vettura. Prima di acquistare la A 3 avevamo valutato l'acquisto di una I3 ma ritenuto troppo prematuro il progetto auto elettrica.. Se tu leggessi con più attenzione per l utilizzo quotidiano utilizzo una modestissima Mito diesel , eogiando le doti ma criticando la minuteria della componentistica. La Maserati da te citata è un auto ad utilizzo esclusivo familiare quindi prettamente in uso per le ferie e nei fine settimana. Siccome a diversità tua (deducendo che tu abbia una famiglia che ti sostenga nello studio) il tragitto casa lavoro mio e di mia moglie è a carico della mia impresa e sono abbastanza sensibile al risparmio. Libero certamente di pensare quello che uno vuole.in bocca al lupo per gli studi
Ritratto di Scooby2003
8 gennaio 2015 - 23:47
la I3 era una idea perchè ci sarebbero stati ulteriori vantaggi, sconto all'acquisto di 8000 euro come contributo dalla Bmw,possibilità di utilizzarla a costo 0 avendo un impianto fotovoltaico che cede molta energia prodotta gse . Poi però analizzando vari fattori si è abbandonata l'idea. Prima cosa il tempo di ricarica lunghissimo e poi in mano ad una donna che si dimentica di sicuro la ricarica serale sarebbe stato un dramma, 4 posti omologati ( cercavamo una vettura capiente avendo 3 figli da dover scarozzare con zaini o ad allenamenti vari pomeridiani con sacche) Necessitavamo di spazio quindi alcune autovetture da te citate non facevano al caso nostro quali la Yaris. Io personalmente ero indirizzato ad una elettrica (poi abbandonato l idea xchè a differenza della Bmw le altre case interpellate le batterie le forniscono a noleggio e dopo un tot di km vanno cambiate) ma ritenuta la tecnologia ancora allo stato premordiale, abbiamo valutato un combustibile differente. La scelta è caduta sul Metano e da li direttamente sulla Audi poichè la concorrenza offre molto poco sul mercato ( la Classe B ormai obsoleta , La Golf non mi piaceva e le altre troppo piccole). Ho trovato in arrivo una vettura da una concessionaria la quale mi ha riservato uno sconto aziendale particolare e così l'ho acquistata. Di Audi A3 ne abbiamo gia avute 2 negli ultimi 14 anni e ci eravamo trovati sempre bene, inoltre quando le vendemmo non trovamo alcuna difficoltà a collocarle nel mercato dell'usato . Il termine di risparmio sinceramente lo calcolo sullo stesso modello a benzina gasolio o a metano, di certo non su un altro tipo di vettura non rispecchiando appieno le mie esigenze. Ho un carissimo amico ( che mi convinse lui a valutare una vettura a metano) che con una Panda a Metano ha percorso 250.000 km senza mai riscontrare problemi o noie, ovvio che se gli avesse percorsi con una Mercedes avrebbe viaggiato più comodo...
Ritratto di RIOC
9 gennaio 2015 - 07:41
Sono contento per te della soddisfazione che provi nei confronti della Audi della tua signora. Ma buttare la croce sulle auto italiane non mi pare giusto probabilmente avrai preso male. Io ho sostituito l'auto di mia moglie cinque anni fa ,una vecchia Twingo comprandole una panda 4x4 a benzina la usa con grande soddisfazione ogni giorno facendo svariati chilometri e non posso dire che la tratti coi guanti , ma pare ancora nuova e a parte la normale routine di interventi non siamo andati oltre. Ho posseduto per 15 anni una Alfa 156 a benzina che era una bomba che ho sostituito solo perché distrutta da un daino ,era praticamente ancora nuova e zero problemi , ho attualmente una mito a benzina la piccola è onestamente mi ci trovo benissimo, e ora che ha già fatto svariati chilometri non solo non ha scricchiolii ma è diventata anche più prestante e consuma meno che da nuova. Quindi vedi so che le Audi sono ottime auto , ma poi alla fine è un prenderci. Per inciso ho avuto durante la mia esperienza anche auto straniere tra le quali una Citroen utilitaria eccezzionale e una Ford talmente rottame che ho dovuto demolirla a 113.000 chilometri ,ed ha fatto sì che quando passo vicino ad un concessionario Ford faccio il giro alla larga.
Ritratto di hulk74
5 gennaio 2015 - 15:15
Rispondo: il mio commercialista..
Ritratto di hulk74
5 gennaio 2015 - 16:09
Secondo me ha fatto una pessima scelta... Anche se fa 40000 km all'anno
Ritratto di Paglianti
5 gennaio 2015 - 16:12
che i gestori dell sito e della rivista, prendano atto che e' stato scritto che praticamente i giornalisti sono in mano a Wv. ma se nn ti piace quello che scrivono, e secondo te sono tutti pilotati.. ma che ci vieni a fare? E' come quello che va allo stadio e dice che le partite sn tutte comprate.. allora che ci va a fare??? Boh..
Ritratto di hulk74
5 gennaio 2015 - 16:39
E non wv
Ritratto di onlyroma
8 gennaio 2015 - 06:46
Sentenze della magistratura hanno confermato che parecchie squadre si compravano gli arbitri e quindi le partite. Poi se un paese come il nostro e una federazione ridicola come la nostra,da punti di penalizzazione e addirittura la serie B alle big,vuol dire proprio che avevano rubato di brutto. Quindi,non è il caso dei bravissimi giornalisti di AV,ma se un giorno uscisse la notizia che qualche giornalista sia sportivo che come in questo caso automobilistico,venga "omaggiato" da qualche costruttore,non è che mi meraviglierei più di tanto. Le case farmaceutiche si compravano (non so adesso) i dottori x segnare ricette di antibiotici o altri farmaci a pazienti che nemmeno avevano la tosse. Siamo in Italia ricordalo.
Pagine
Annunci

Audi A3 sportback usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Audi A3 sportback usate 201415.50016.0002 annunci
Audi A3 sportback usate 201517.80021.6704 annunci
Audi A3 sportback usate 201614.90027.1408 annunci
Audi A3 sportback usate 201717.90022.1005 annunci
Audi A3 sportback usate 201821.95024.3904 annunci
Audi A3 sportback usate 201922.90026.9107 annunci
Audi A3 sportback usate 202034.90034.9001 annuncio

Audi A3 sportback km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Audi A3 sportback km 0 201827.00027.0001 annuncio
Audi A3 sportback km 0 201920.55031.18012 annunci