PROVATE PER VOI

Audi TT Coupé: scatenata? No: facile

Prova pubblicata su alVolante di
marzo 2015
Pubblicato 27 agosto 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    € 44.780
  • Consumo medio rilevato

    17,5 km/l
  • Emissioni di CO2

    110 grammi/km
  • Euro

    6
Audi TT Coupé
Audi TT Coupé 2.0 TDI ultra S line

L'AUTO IN SINTESI

Realizzata con ampio ricorso all’alluminio, l'Audi TT è leggera: va davvero forte anche con il motore “base”, ossia il 2.0 TDI da 184 CV (del quale si apprezzano pure i bassi consumi). Bilanciata nell’assetto, su strada offre una guida redditizia e mai impegnativa, e anche il comfort non è male. Le finiture sono raffinate, ma il prezzo è alto, considerato che si pagano a parte anche il “clima” automatico e il cruise control.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
5
Average: 5 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
5
Average: 5 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Dotazione
3
Average: 3 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

Una sportiva per tutti i giorni
È una coupé 2+2 dalla linea grintosa e dal carattere “facile”: pur efficacissima fra le curve, non mette mai in difficoltà con reazioni difficili da gestire, e nemmeno delude in fatto di comfort. Riuscito il 2.0 turbodiesel da 184 CV della versione in prova, tanto brillante quanto parco nei consumi. La costruzione con ampio uso di alluminio e le finiture curate giustificano solo in parte il prezzo di questa tedesca, che fa pagare a parte addirittura il “clima” automatico.
 
 
Lanciata nel 2014, l’ultima generazione della Audi TT conserva le proporzioni delle edizioni precedenti, a cominciare dal tetto ad arco che sin dalle origini contraddistingue questa coupé 2+2 (ossia con due posti “veri” e due posteriori di fortuna). Tecnicamente raffinata, è realizzata in gran parte in alluminio, e può essere resa più “cattiva” con le pronunciate minigonne e gli squadrati paraurti del kit S line exterior dell’esemplare in prova.
 
Nonostante l’aspetto, la TT non è una sportiva “estrema”: intuitiva da guidare, entra velocemente in curva, ha un assetto bilanciato e un retrotreno “ben fermo”. È davvero efficace nei percorsi tortuosi, eppure non sorprende con reazioni brusche nemmeno se si seleziona la modalità più sportiva fra le cinque previste dall’Audi drive select (di serie): chi è in cerca di emozioni forti potrebbe trovarla poco coinvolgente.
 
Oltre che la risposta dello sterzo (davvero preciso), il selettore dei programmi di guida della Audi TT rende più o meno pronto il 2.0 turbodiesel da 184 CV, un quattro cilindri in grado di unire prestazioni brillanti a consumi degni di un’utilitaria. È abbinabile unicamente al cambio manuale a sei marce – adeguatamente rapido e preciso – e alla trazione sulle ruote davanti.
 
Sul livello delle finiture non si discute, e anche la versatilità, trattandosi di una sportiva, non è male: abbastanza confortevole, la TT conta pure su un baule abbastanza capiente. Tuttavia, il prezzo è alto e lievita con gli optional: di serie ci sono anche i fari bixeno, ma il navigatore (che consente di sfruttare appieno le potenzialità del cruscotto digitale) si paga a parte, come il “clima” automatico al posto di quello manuale e il cruise control.

VITA A BORDO

2
Average: 2 (1 vote)
Raffinata e pratica
Rigoroso e ben rifinito, l’abitacolo è ricercato nei particolari e presenta l’esclusivo cruscotto digitale che può mostrare anche le mappe del navigatore (optional, non prevede lo schermo nella plancia). Davanti lo spazio non manca e si è accolti da comode poltrone sagomate (specialmente nel caso delle S opzionali), mentre i due posti dietro sono omologati per passeggeri alti fino a 145 cm. Per essere quello di una sportiva, soddisfa anche il bagagliaio, piuttosto capiente ed espandibile con facilità; la soglia, però, è alta sia rispetto al suolo, sia rispetto al pavimento.
 
 
Plancia e comandi
Semplicità e rigore estetico si sposano con finiture di ottimo livello e con particolari ricercati nella Audi TT, come la bella pedaliera con metallo a vista o le bocchette d’aerazione che integrano al centro i comandi del “clima” (di serie c’è quello manuale, e l’automatico richiede un esborso extra). Raffinato, ben leggibile e completo il cruscotto digitale, che è basato su uno schermo di 12,3” e permette pure di ridurre le dimensioni dei quadranti circolari del tachimetro e del contagiri per dare più spazio, a esempio, alle mappe del navigatore: quest’ultimo (optional, oltretutto caro) non prevede, infatti, il display al centro della consolle. Perfettibile la manopola, piccola e defilata a sinistra del volante, dalla quale si controllano i fari.
 
Abitabilità
Le poltrone S sono optional, ma fasciano meglio di quelle standard e dispongono della funzionale seduta di lunghezza variabile, che aumenta il comfort quando si passa parecchio tempo alla guida; prevista pure la regolazione del supporto lombare; con sovrapprezzo si possono avere le registrazioni elettriche. Se davanti lo spazio non manca, i due posti dietro (privi di poggiatesta) sono adatti al massimo a due ragazzi: da omologazione possono essere occupati da passeggeri alti fino a 145 cm (oppure 125 cm se si tratta di bambini seduti su seggiolini Isofix). Il cassetto di fronte al passeggero, illuminato e ben rivestito, è piccolo anche a causa della presenza del lettore cd; si può, comunque, contare su altri vani, fra cui quello alla base della consolle (con prese Aux/Usb e fondo in gomma) e quelli fra i sedili (con portalattine e posacenere amovibile).
 
Bagagliaio
I 300 litri di capacità del baule della Audi TT sono sufficienti per una vacanza in coppia, e se si reclina lo schienale del divanetto (diviso in due sezioni) si ottiene un vano di 712 litri con pavimento piatto: niente male per una sportiva, anche perché la sfruttabilità è favorita dai 40 cm di altezza utile al tendalino. Non mancano i ganci per fissare i bagagli, ma le dolenti note arrivano dall’accessibilità: la soglia è di 22 cm più alta del pavimento e dista ben 83 cm dal suolo; ci si consola, in parte, con l’ampia apertura formata dal portellone.

COME VA

4
Average: 4 (1 vote)
Corre e non ti impegna
Compatta ed equipaggiata di comandi leggeri da azionare (a parte la frizione), la TT si lascia guidare senza troppo impegno anche in città; ma di lato e dietro la visuale non è ottimale, e nei parcheggi i sensori di distanza (optional) fanno la differenza. Senza troppo penalizzare il comfort, le sospensioni sportive esaltano l’agilità, e anche lo sterzo è pronto e diretto: quel che serve per divertirsi fra le curve, contando sulla sicurezza di una tenuta di strada inappuntabile e sulla vigorosa erogazione del 2.0 a gasolio. Grazie pure all’efficace insonorizzazione, la Audi TT non stanca nemmeno in autostrada, e consuma poco in tutte le condizioni d’uso.
 
 
In città
Lo sterzo è leggero e il cambio si manovra bene: anche se la frizione è un po’ pesante, in città la Audi TT non è un pesce fuor d’acqua, complice il motore pronto e fluido sin dai regimi più bassi (e anche parco, visto che un litro di gasolio basta per fare quasi 15 km). La carrozzeria non è ingombrante (418 cm di lunghezza e 183 di larghezza), ma si guida seduti piuttosto in basso (la vettura è alta appena 135 cm) e i piccoli finestrini non favoriscono la visuale (specie di tre quarti posteriore): la spesa extra per i sensori di distanza davanti e dietro non è modesta, ma è necessaria.
 
Fuori città
La notizia sorprendente è che, su strade extraurbane, si riescono a percorrere 19,6 km/l senza dover lesinare con l’acceleratore: per una sportiva in grado di passare da 0 a 100 orari in 7,1 secondi, è un risultato eccellente. Alle prestazioni vivaci si accompagna una notevole facilità di guida: lo sterzo piacevolmente diretto e il rollio davvero limitato esaltano la sensazione di maneggevolezza, la tenuta di strada è sicura, il sottosterzo quasi assente e il retrotreno sempre stabile e preciso. Se si esagera, l’Esp è puntuale. Potentissimo, ma anche resistente, l’impianto frenante.
 
In autostrada
La ridotta misura del passo (250 cm) che rende la Audi TT molto pronta a cambiare traiettoria non ha effetti negativi sulla stabilità, che si conferma elevata anche quando la velocità aumenta. Di buon livello il comfort: i sedili sportivi lasciano comunque una discreta libertà di movimento, delle sospensioni sportive ci si può lamentare soltanto sulle giunzioni più pronunciate, il motore si fa sentire poco e il rumore di rotolamento delle gomme è sopportabile anche se la vettura è equipaggiata, come l’esemplare in prova, dei cerchi di 19” (optional al posto di quelli di 18). Ancora una volta degni di nota i consumi, con medie rilevate di 16,7 km/l.

QUANTO È SICURA

4
Average: 4 (1 vote)
Tutto ok, ma il cruise control è extra
Le quattro stelle (su un massimo di cinque) che la Audi TT ha ottenuto nel 2015 a seguito dei crash test Euro NCAP sono accompagnate da valutazioni parziali più che soddisfacenti. Della dotazione di serie fanno parte il cofano anteriore salva-pedoni e i fari bixeno, mentre sono optional quelli full-led, l’avviso di involontaria uscita di corsia e, addirittura, il cruise control.
 
 
Nonostante sia una 2+2, la Audi TT offre di serie – oltre agli airbag anteriori frontali e laterali – anche quelli per la testa estesi ai posti dietro; questi ultimi prevedono gli attacchi Isofix inclusi nel prezzo, a differenza di quelli della poltrona anteriore che sono extra. Standard anche l’Esp, il cofano anteriore attivo (riduce le lesioni ai pedoni in caso di malaugurato investimento sollevandosi leggermente quando appositi sensori rilevano un impatto), i fari bixeno che assolvono anche la funzione di fendinebbia. Fanno, invece, parte dei dispositivi proposti a pagamento il cruise control, l’avviso di involontario abbandono della propria corsia di marcia e i fari completamente a led. “Fresca” di crash test Euro NCAP (effettuati nel 2015), la Audi TT ha ottenuto quattro stelle su cinque e giudizi parziali buoni per la protezione dei passeggeri (81%) e dei pedoni in caso di malaugurato investimento (82%), e ampiamente sufficienti in tema di salvaguardia dei bambini trasportati su seggiolini specifici (68%) e di efficacia dei sistemi di assistenza (64%).

NE VALE LA PENA?

4
Average: 4 (1 vote)
Ha molti numeri, ma non fa sconti
Specialmente in questa versione turbodiesel, la Audi TT è quella che si dice una sportiva per tutti i giorni: agile, incollata all’asfalto, facile da guidare (per gli amanti delle “purosangue”, anche troppo) e davvero brillante in rapporto ai 184 CV del suo 2.0 turbodiesel, è anche capace di consumi da record di categoria. Comoda per due persone e sufficientemente pratica, convince pure per la qualità costruttiva, tuttavia costa cara e la dotazione è da integrare.
 
 
Da vera sportiva, la Audi TT non ha soltanto la linea, ma anche la stazza: più compatta delle principali avversarie, fa ampio ricorso all’alluminio per essere una vera “peso piuma” (1265 kg). Questo spiega perché riesce a essere agilissima e precisa fra le curve anche senza ricorrere a un assetto “punitivo” per il comfort sullo sconnesso, e pure a sfruttare al meglio i 184 CV e i 380 Nm di coppia del suo 2.0 turbodiesel (valori notevoli, ma non da capogiro); non bastasse, aiutata dall’aerodinamica della sua inconfondibile carrozzeria, consuma anche poco (prova ne siano i quasi 17 km/l che abbiamo misurato in autostrada). Al netto di una tenuta di strada esemplare e di un impianto frenante che va oltre le aspettative, gli amanti delle coupé “estreme”, quelle che ti fanno sentire pilota magari con un carattere nervoso e poco incline a perdonare gli errori, potrebbero rimanere delusi da tanta perfezione che, oltretutto, si traduce in un’invidiabile facilità di guida (che, attenzione, non vuol dire scarsa efficacia, anzi). Chi, invece, desidera una coupé adatta all’uso di tutti i giorni, con questa tedesca è sulla strada giusta, anche in considerazione delle buone caratteristiche di abitabilità (il riferimento è ai posti davanti, perché quelli dietro sono meno che di fortuna) e della capacità di carico tutt’altro che disprezzabile. La nota dolente, semmai, arriva dal prezzo, che i raffinati contenuti tecnici e l’elevata qualità costruttiva giustificano solo in parte, sia perché la lista degli optional è lunga e tentatrice (anche se stranamente non prevede l’efficace cambio a doppia frizione DSG), sia perché fra gli equipaggiamenti da pagare a parte figurano “banalità” ormai standard su vetture molto meno costose ed esclusive di questa, come il “clima” automatico o il cruise control.

PERCHÈ SÌ

Comfort
Trattandosi di una coupé sportiva ha sospensioni giustamente rigide, ma non per questo brusche sullo sconnesso. Inoltre, l’abitacolo è insonorizzato a dovere e - almeno nella parte anteriore - piuttosto ampio. 
 
Facilità di guida 
Questa tedesca è precisa, stabile e ha limiti di aderenza elevati, ma si rivela anche intuitiva da interpretare; inoltre, quando la si porta al limite ha reazioni sincere, e l’Esp non è per nulla invasivo.
 
Finiture
Gli interni non hanno nulla da invidiare a quelli delle berline della stessa marca, e denotano una notevole cura sia nella selezione dei materiali, sia nell’esecuzione dei montaggi.
 
Freni
La TT può contare su un impianto al top, non solo potente (da 100 km/h ci si ferma in appena 34,7 metri, e da 130 km/h ne bastano 57,5), ma anche modulabile e resistente all’affaticamento.
 
Prestazioni
Questa versione turbodiesel da 184 CV impiega appena 7,1 secondi per scattare da 0 a 100 km/h, e supera i 235 km/h di punta effettivi. Inoltre, vanta consumi talmente bassi da fare invidia a parecchie utilitarie.

PERCHÈ NO

Coinvolgimento
Chi ama le sensazioni di guida “estreme” rischia di trovare questa Audi sin troppo “perfetta” ed equilibrata nel comportamento: un carattere che contrasta con il look che, invece, è da sportiva purosangue.
 
Comandi
Come in altri modelli del gruppo Volkswagen (che comprende anche l’Audi), le luci si accendono da una manopola nella plancia, a sinistra del volante: non è comoda, anche a causa delle sue ridotte dimensioni.
 
Prezzo
I contenuti ci sono, e dagli altri modelli realizzati sulla medesima piattaforma la TT si distingue anche per le numerose parti in alluminio della carrozzeria. Ma l’assegno da staccare è pesante, e alcuni optional sono indispensabili.
 
Soglia di carico 
Con i bagagli pesanti, per le operazioni di carico e scarico serve prestanza fisica: si deve, infatti, sollevarli di ben 83 cm per “scavalcare” la soglia del baule che, per giunta, dista dal pavimento ben 22 cm.
 
Visibilità 
Il tergilunotto non è previsto, e i finestrini posteriori sono rastremati e l’ingombrante sedile del passeggero occlude la visuale di tre quarti posteriore. Piccoli i retrovisori esterni, a pagamento i sensori di distanza.

SCHEDA TECNICA

Cilindrata cm3 1968
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 135 (184)/3500-4000
Coppia max Nm/giri 380/1750-3250
Emissione di CO2 grammi/km 110
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 418/183/135
Passo cm 250
Peso in ordine di marcia kg 1265
Capacità bagagliaio litri 305/712
Pneumatici (di serie) 245/40 R18

 

 

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3950 giri   235,5 km/h 241 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 7,1   7,1 secondi
0-400 metri 15,2 151,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 27,6 192,5 km/h  
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 35,4 180 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 32,2 170 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 5a 12,5    
da 80 a 120 km/h in 6a 9,7   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,9 km/litro 20,4 km/litro
Fuori città   19,6 km/litro 27 km/litro
In autostrada   16,7 km/litro non dichiarato
Medio   17,5 km/litro 28,8 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   34,1 metri non dichiarata
da 130 km/h   57,5 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,9 metri  

 

 

Audi TT Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
158
102
74
74
100
VOTO MEDIO
3,3
3.283465
508


Aggiungi un commento
Ritratto di NelSeprio
31 agosto 2015 - 20:13
Certo, i consumi delle case sono praticamente irreali. Loro dicono, se guidi in piano col vento a favore puoi arrivare a questi livelli. Tra l altro, ora che li guardo bene, quelli dichiarati sono davvero inventati, cioè la media è più alta degli altri due valori
Ritratto di canton
29 agosto 2015 - 13:02
Belli solo gli interni,esternamente preferivo il primo modello,una coupé diesel e TA non si può sentire dai
Ritratto di emanuel99
29 agosto 2015 - 15:27
Bello il frontale e anche gli interni l unica Audi bella esteticamente per me anche se non emoziona.
Ritratto di gabrielsenna
1 settembre 2015 - 12:21
brera 370 z ma di cosa stiamo parlando di mummie dell auto? audi for ever un salto in lungo avanti.
Ritratto di pulajet
4 settembre 2015 - 14:36
Inizio dicendo che coupé è un termine francese che indica un segmento di autovetture sportive con 2 posti anteriori e 2 di fortuna, quindi mettere un diesel su una coupé è come cercare il dolce dietetico! La linea non è riuscita per il semplice fatto che è rimasta pressochè invariata, gli interni sono ben riusciti ma nulla di così "sportivo" quindi non collegabili alla parola coupé. Ora parlare di una coupé a gasolio (nafta) è da pazzi!!! Chi guadagna 1200€ al mese di certo non si può permettere una tale auto e quindi pensare al risparmio del carburante, caso mai la filosofia VAG (come ormai tutte le tedesche) è di dare una categoria di auto per un menomato che non capisce come funziona un sistema autobloccante e ridotte per i 4x4 (ecco nascere tutti i fanta-cessi-suv teutonici che per fare sterrato è meglio una qualsiasi utilitaria, non hanno spazio interno e costano cifre esorbitanti per andare a parcheggiarli al lavoro in CITTA'!!) e la stessa cosa vale per questa coupé! La coupé deve rispondere al feeling di guida, alla prontezza del motore, a un cambio perfetto e una frizione indolore...bè di tutto questo tale auto non mi sembra che possa avere la sufficienza. 184cv a gasolio per circa 15-16 km/L e dicono che è parca...ma siamo fuoriii? Leggendo i commenti vedo abbinamenti con Brera e 370Z; la Brera era una macchina con un design mozzafiato ma un peso da bisonte (quindi cannata in pieno per il concetto di coupé) la 370Z è una vera coupé posteriore, leggendo nei commenti esce fuori che la Mini JCW va di più...ma ci sei o ci fai? la JCW nasce già pepata se vuoi una 370Z pepata vai su Nismo o Calsonic!!! Ripeto la coupé essendo sportiva deve dare subito il giusto feeling di guida se guidi anche solo 10 minuti in montagna una 370z e poi sali su una Mini JCW sembra di passare dalla .... allo zucchero! Per il mercato attuale di auto le uniche coupe ben fatte sono GT86 e la sorella BRZ e ovviamente le Porsche con motori boxer! in fatto di sportività ma non di coupé con questa cifra di 44500€ per non avere optional fondamentali preferirei una Civic Type-R oppure una Impreza, oppure risparmiando 15.000€ una BRZ-Gt 86.
Ritratto di gabrielsenna
4 settembre 2015 - 19:05
parli di feeling e mi dici che la brera (che tu definisci coupe) aveva una linea mozzafiato (cosa centra col feeling?) e di 370 z (-nismo-ma tu le hai mai provate?). toyota mitsubishi su ma di cosa parli? l unica cosa che hai detto un po sensata e sulla porsche (quelle con il boxer).
Ritratto di pulajet
4 settembre 2015 - 20:21
coupé=sportività=linea=motore la Brera aveva linea ma non motore, tale cosa è indubbia, no mai avuto questa fortuna, di audi invece ne ho provate audi s5, audi tt...posso dire sportività pari a cac.a congelata! ...di Mitsubishi non ne ho proprio parlato, per quanto riguarda Toyota posso dire tranquillamente che non cambierei una GT86 con una TT a Nafta...o meglio se me la regalano la TT la rivendo subito (sfortunatamente le teutoniche essendocene molte nel mercato valgono come le patate) ergo per avere la stessa macchina del cretinetto che la parcheggia sotto l'ufficio preferisco qualcosa che qui da noi non si veda addosso a cani e porci! p.s. il paragone tra una macchina di 29.900€ e una a nafta da 45.000 mi sembra un pò indolore!
Ritratto di gabrielsenna
5 settembre 2015 - 09:08
se la brera aveva linea come mai non e stata ripresa da altri modelli alfa. la sportivita alfa risale ad almeno 30-40 anni fa! dopo no comment. vedo che di mercato auto non sei molto ferrato. le audi e le tedesche in genere costano e valgono di piu ma quando le rivendi sono assegni circolari. la gt 86 al contrario costa e vale molto meno ed e invendibile. be io ho avuto la fortuna di possedere varie bmw ed audi di ultima generazione e se non sono sportive con in piu il fatto che si possono usare tranquillamente tutti i giorni allora parliamo di pesca che e meglio. basta guardare chi vince le competizioni piu prestigiose e i successi commerciali e di opinioni a livello mondiale e il discorso appare chiuso. brera 370 z gt 86 e gemella sono grossi insuccessi commerciali e tecnici. non c e niente da fare per ora le teutoniche sono insuperabili! a dimenticavo i motori a NAFTA di ultima generazione (anche se non come dei motori a benzina di qualita) sono divertentissimi sullu strade aperte al traffico. provare per credere.
Ritratto di pulajet
5 settembre 2015 - 09:57
mamma mia che ridere...dunque di mercato è meglio che ne parli con altri poichè visto che proprio spendo nel lavoro tempo in statistica in ACEA e UNRAE e FORBES e meglio che ne parli con altri. le tue amiche teutoniche in particolare VAG vanno molto bene in Europa, mentre nel resto del mondo hanno ottime vendite in paesi sottosviluppati-emergenti BRIC...nei paesi sviluppati dal punto di vista motoristico: vedesi USA, Canada, Messico, Israele, Sudafrica, Australia, Nuova Zelanda, Giappone, Hong Kong, Singapore...la VAG vende come o meno della Subaru (tra l'altro una misera casa contro un gruppo di 8 marchi), il successo che tu decanti non è da associare al prodotto poichè se guardi un bilancio di VAG scopri che spende 31% degli utili in marketing (tant'è che il successo degli ultimi 5 anni è dovuto proprio al marketing che ha lavato il cervello a paesi in via di sviluppo), altri marchi da te citati che fanno flop Toyota e Nissan spendono qualcosa tipo il 2% del ROI. Ovvio meglio comprare un articolo (di lusso) pensando che lo sia e spendere in 45000€ circa 7/8.000 euro di pubblicità, in fondo si sa tra un tv Samsung e un Loewe meglio Samsung vero??? in giro tutti hanno quello. tra un paio di Nike e una scarpa in pelle meglio Nike a 200€ e costo produzione al porto di Napoli di 12 euro vero??? meno male che la gente in generale non ragiona tutta così. La Audi in termini di storia oltre ai fallimenti che cosa ha portato di innovazione? la fantastica trazione "quattro"? motori che sono di WV??? un family-appeal della casa che le rende uguali? bè all'estero se solo provassi a girare non è così è considerata il marchio per coloro che vogliono ma non possono acquistare bmw e mercedes! tornando alle quotazioni sei ridicolo in casa è stata venduta 1 anno fa un bmw serie 3 (4 anni 110.000 km e sin da nuova entrava acqua dalla portiera, difetto riscontrato, ma per piacere bisogna pagare un'auto 40.000 euro per queste ridicolerie??? dopo 4 anni valore x acquisto di un range rover evoque 7.500 euro) secondo te un assegno in bianco??? ho sei abituato a vendere caramelle del mercato o non sai cosa vuol dire guadagnare! altro esempio civic 1.8 benzina anno 2009 145.000km venduta a 7.000...dunque a te i calcoli statista..chi ci ha perso di +??? le competizioni sono fatte da 3 parti indissolubili...PILOTA-MEZZO-FINANZA CORROTTA, come vedi il mezzo è al 33.3% delle possibilità! bè per gli insuccessi ti posso dire che anche alcune ferrari, lamborghini, o alcune fiat sono stati grossi insuccessi ma poi passate alla storia per quanto meno il loro design...la vecchia 500 che grado di difettosità aveva? eppure in tutto il mondo la comprano perchè FA MODA idem per le attuali VAG...ne riparliamo tra qualche anno, per ancora 2/3 anni il successo VAG è assicurato grazie anche all'aiuto dei partecipanti statali tedeschi, appena i mercati BRICS saranno saturi riderò a crepapelle! per i motori a NAFTA lascia perdere, vanno bene per i lunghi tragitti, ma per fare 15 km al giorno o metterli su auto sportive mi sembra di vedere una borsa Louis Vuitton su una mignot...ta (volere ma non potere)
Ritratto di gabrielsenna
5 settembre 2015 - 14:15
ooooohhhhh! finalmente un genio della finanza e del marketing in rete. per tua sfortuna sono laureato in statistica a bologna e per altra tua sfortuna sono stato stato in canada messico nuova zelanda australia cina srilanka jamaica santo domingo sud africa cuba kenia tanzania egitto thailandia brasile malesia emirati singapore ex unione e quelli che citi tu sarebbero i mercati sviluppati motoristicamente parlando? forse oggi per quantita ma non certo per qualita. ergo si fanno numeri. da che fonte di approvvigioni riguardo al 31% degli utili reinvestiti in marketing? ma tu lo sai che componentistica e tecnologia utilizza Loewe? caro le nike prodotte al porto di napoli sono delle squallide imitazioni. la nike assembla le sue scarpe in vietnam e thailandia avvalendosi solo della manodopera ma specifiche e materiali provengono dagli usa. riguardo alla difettosita del prodotto chi + e chi - tutta la produzione mondiale non ne e esente in qualsiasi classe merceologica. innovazioni audi? solo alcune: quattro motore turbo 5 cilindri in linea poi guardacaso copiato e raddoppiato da honda per costruire il suo famoso e plurivincitore V10 f 1 differenziale centrale torsen procon ten alluminio e non ultime le news turbine elettriche ecc. cosa centra l evoque? comunque chi investe in marketing e fa maggiori utili investe anche molto di piu in ricerca e ovvio. no caro le corse sono tecnologia e knowhow e i piloti migliori vanno sulle auto migliori. cosa centra la finanza corrotta che teorema segui? la 500 venduta in tutto il mondo? ma va la! credo che a crepapelle riderai forse tra qualche lustro! sei piuttosto arretrato sulle tecnologie dei motori a NAFTA. nati per fare lunghi tragitti si ma qualche decennio fa? guarda bi e tri turbo audi e bmw. audi ci ha vinto innumerevoli 24 ore di le mans! massima espressione tecnologica piu della f 1. guarda che le mignotte vogliono e possono piu di molti. tu non sarai mica quello che compra quelle made in napoli?
Pagine
Annunci

Audi Tt coupe usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Audi Tt coupe usate 201422.90022.9001 annuncio
Audi Tt coupe usate 201523.50026.71011 annunci
Audi Tt coupe usate 201627.50031.7709 annunci
Audi Tt coupe usate 201730.55033.63017 annunci
Audi Tt coupe usate 201829.80041.9508 annunci
Audi Tt coupe usate 201938.89045.3508 annunci
Audi Tt coupe usate 202039.90048.5207 annunci

Audi Tt coupe km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Audi Tt coupe km 0 201952.00063.2003 annunci
Audi Tt coupe km 0 202047.80049.1904 annunci