PROVATE PER VOI

BMW Serie 3: è al volante che convince

Prova pubblicata su alVolante di
maggio 2019
Pubblicato 17 dicembre 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 52.000
  • Consumo medio rilevato

    17,1 km/l
  • Emissioni di CO2

    119 grammi/km
  • Euro

    6d-Temp
BMW Serie 3
BMW Serie 3 320d MSport Steptronic

L'AUTO IN SINTESI

Completamente rinnovata, la nuova edizione della BMW Serie 3 non cambia molto nella linea (anche se ha forme più muscolose), ma offre un’abitabilità maggiore: il passo cresce di 4 cm. Più tecnologici glì interni, grazie allo schermo a sfioramento nella consolle di 10,3” e alla strumentazione digitale, con display di 12,3” (in verità non sempre facile da leggere). Stupisce, inoltre, che il sistema multimediale non preveda Android Auto, neppure a pagamento; mentre Apple CarPlay fa parte della lunga lista degli optional. Finiture e montaggi sono di buon livello. Apprezzabile sotto il profilo dinamico, la 320d M Sport, che ha l’assetto ribassato, è sempre sicura in curva, garantisce spazi d’arresto contenuti, ha lo sterzo preciso e sa far divertire alla guida, grazie al riuscito abbinamento del 2.0 a gasolio da 190 CV con il rapido cambio automatico a otto marce, con convertitore di coppia.

Posizione di guida
5
Average: 5 (1 vote)
Cruscotto
5
Average: 5 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
5
Average: 5 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
5
Average: 5 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Aiuti alla guida
3
Average: 3 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

PIÙ GRANDE E SPAZIOSA 

Senza essere stata stravolta nell’aspetto (nonostante i tratti più muscolosi e il frontale affilato), la BMW Serie 3 è stata completamente riprogettata: ora è più grande (da un paraurti all’altro misura 471 cm, 8 in più di prima, di cui 4 di passo), più comoda (almeno viaggiando in quattro), e meglio rifinita. Ed è anche più leggera, in media (dipende dalla versione) di 55 kg. Il quattro cilindri 2.0 biturbodiesel fa sentire bene i suoi 190 CV: spinge forte fin dai 1500 giri, non alza troppo la voce ed è pure poco assetato. Specie con il rapido cambio automatico sportivo e con le sospensioni attive (optional), la vettura sa regalare delle belle soddisfazioni. E con i dischi maggiorati offre una frenata ancora più potente. La M Sport ha l’assetto ribassato di 1 cm, i fari full led e il sistema di parcheggio semiautomatico.

Visto il prezzo della BMW 320d, però, alcuni optional (come il cruise control adattativo) potrebbero essere di serie. Quanto alla sicurezza, sono inclusi la frenata automatica d’emergenza, l’allarme anti-colpo di sonno e il mantenimento in corsia. La guida semiautonoma in autostrada è nel Driving Assistant Professional Pack. Nel crash test dell’Euro NCAP (realizzato nel 2019), la BMW Serie 3 ha ottenuto il massimo punteggio, meritando cinque stelle, con un ottimo risultato nella protezione degli adulti nell'urto frontale e laterale (97%). Elevato anche il dato (87%) relativo alla protezione dei bambini presenti a bordo. Stesso valore per i pedoni. È invece del 76% il voto per la dotazione di sicurezza, relativa agli ausili alla guida.

VITA A BORDO

4
Average: 4 (1 vote)
SOLO QUALCHE “SVISTA”

Plancia e comandi
La plancia della BMW Serie 3 coniuga eleganza e sportività. Le finiture rivelano una notevole cura per i dettagli: materiali di qualità (le plastiche della plancia e delle porte sono morbide) e assemblaggi sempre precisi. Il sistema multimediale, con display di 10,3”, si comanda sia col pomello nel tunnel sia a voce; peccato, però, che non possa avere Android Auto (ed Apple CarPlay, senza cavo, si paga a parte). La strumentazione digitale configurabile di 12,3” cambia colore in base alla modalità di guida selezionata: è completa (visualizza anche le mappe del navigatore), ma non sempre di immediata lettura, specie all’inizio. Fulmineo il display del sistema multimediale, che ha una grafica austera e curata. Mentre appare solo mediocre il suono dell’impianto hi-fi, un po’ ovattato. Ben fatti i portaoggetti: nel vano protetto da un coperchio basculante, subito sotto la consolle, si trovano un portabibita, una presa a 12 V e il caricabatteria senza cavo, per gli smartphone predisposti. Il cassetto di fronte al passeggero anteriore è ben rivestito e offre una luce interna. Ma è piccolo, non refrigerato (come del resto non lo sono neppure gli altir vani) e privo di chiusura a chiave.

Abitabilità
La seduta bassa, il volante verticale e i sedili che hanno (di serie) i fianchetti registrabili in larghezza per contenere al meglio il busto nelle curve, offrono la sensazione di essere in un’auto più sportiva. L’accesso a bordo della BMW Serie 3 è agevole e la posizione di guida ben studiata, con la poltrona comoda e, come il volante, facilmente regolabile. L’allungamento del passo ha portato benefici non trascurabili in termini di spazio: davanti non ci sono problemi, anche per chi è alto di statura e dietro, i due passeggeri ai lati hanno agio per le gambe e la testa. Resta poco comodo, invece, il posto al centro del divano.

Bagagliaio
L’apertura del vano è ampia e squadrata e la capacità di carico buona (il valore è nella media di quanto offerto dalle vetture rivali). Lo spazio in altezza, sotto il tendalino, non è male: usando borsoni morbidi basta per i bagagli di tutta la famiglia. Lo schienale del divano, in tre parti, consente di caricare oggetti lunghi reclinando solo quella centrale. 

COME VA

4
Average: 4 (1 vote)
APPAGANTE NELLA GUIDA

In città
Lo sterzo non pesante e il motore e il cambio fluidi sono di grande aiuto nel traffico. E nei parcheggi si è facilitati dal Parking Assistant (di serie); in più, quando si procede in avanti (fino a 35 km/h) memorizza le manovra negli ultimi 50 metri e, se occorre fare una “retro” in spazi ristretti, aziona il volante, ripetendoli. La percorrenza media rilevata è di 15,2 km/l. 

Fuori città
La BMW 320d è un’auto che può dare grandi soddisfazioni, specie su tratti misti, con continue curve e saliscendi. In modalità Sport lo sterzo è più consistente, il motore risponde con maggiore prontezza e il cambio automatico (in manuale) ritarda il passaggio di marcia fino all’intervento del limitatore; in più, le sospensioni attive velocizzano le reazioni. Molto potenti i freni. Bassi i consumi (19,1 km/l in media nel nostro test).

In autostrada
L’efficace isolamento dai rumori esterni e la contenuta rumorosità del motore (che a 130 km/h, in ottava marcia, lavora a 1900 giri), rendono più confortevoli i lunghi trasferimenti. Le poltrone sono comode; il cruise control adattativo (optional) regala viaggi in relax. Disaccoppiando in rilascio il due litri dalle ruote, la modalità Eco Pro sfrutta l’abbrivio per consumare meno. Non male i 16,1 km/h di percorrenza media totalizzata a fine test in autostrada.

PERCHÈ SÌ

Finiture
I materiali dei rivestimenti sono gradevoli al tatto e alla vista, i montaggi precisi.

Frenata
L’impianto M Sport è potente e ben modulabile: gli spazi d’arresto rilevati in pista sono davvero contenuti. 

Guida
Lo sterzo è preciso, il cambio rapido e le sospensioni attive efficaci.

Motore
Il 2.0 turbodiesel, aggiornato con la doppia sovralimentazione, è pronto ai bassi regimi, vigoroso e non assetato.

PERCHÈ NO

Android auto
Non è disponibile, neppure pagando: impossibile “trasferire” nel sistema multimediale la maggioranza degli smartphone.

Cruscotto digitale
Ha una grafica piacevole ed è ricco di informazioni, ma non sempre offre una buona leggibilità.

Quinto posto
Chi siede al centro del divano ha l’ingombrante tunnel di trasmissione tra i piedi: scomodo. 

Vani
A bordo non ci sono portaoggetti refrigerati (neppure quello, piccolo, nella plancia): peccato, in un’auto di questo livello.

SCHEDA TECNICA

Carburante gasolio
Cilindrata cm3 1995
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 140 (190)/4000
Coppia max Nm/giri 400/1750-2250
Emissione di CO2 grammi/km 119
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 471/183/144
Passo cm 285
Peso in ordine di marcia kg 1455
Capacità bagagliaio litri 480/n.d.
Pneumatici (di serie) 255/40 R18


Dati dichiarati dalla casa. Auto in prova equipaggiata con gomme Michelin Pilot Sport 4 225/40 R 19.

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 7a a 4300 giri   228,2 km/h 240 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 7,2   6,8 secondi
0-400 metri 15,3 146,1 km/h non dichiarata
0-1000 metri 28,0 186,5 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE S Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 26,4 187,2 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 25,4 187,9 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 2,3   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 5,2   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   15,2 km/litro 18,2 km/litro
Fuori città   19,1 km/litro 24,4 km/litro
In autostrada   16,1 km/litro non dichiarato
Medio   17,1 km/litro 22,7 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   33,7 metri non dichiarata
da 130 km/h   55,5 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   136 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,2 metri 11,4

 

BMW Serie 3
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
119
66
35
29
47
VOTO MEDIO
3,6
3.611485
296


Aggiungi un commento
Ritratto di ciccibucci
17 dicembre 2019 - 20:52
Forse la migliore sarà la E46 ma quella più innovativa e moderna è ovviamente la E36: Non era un evoluzione della E30 ma un vero e proprio manifesto di ciò che sarebbero diventate le BMW dell'era moderna.
Ritratto di Spock66
17 dicembre 2019 - 21:29
Concordo, la E36 è stata la BMW della svolta che ha portato il marchio nell'era moderna (insieme alla 5 E34). Invece come linea più bella in assoluto per me è la E92, una coupè che ancora oggi non sente minimamente gli anni
Ritratto di Giuliopedrali
18 dicembre 2019 - 09:25
Qui sta il punto questa categoria di auto rappresentava nel 2003 il 15% del mercato in Italia tra berline e station, ora rappresenta il 3%...
Ritratto di ciccibucci
18 dicembre 2019 - 11:18
Giulio qui si sta parlando di linee e innovazioni, delle preferenze del pubblico non mi importa nulla. La E36 portava al debutto le proporzioni delle moderne BMW, l'impostazione delle moderne BMW (quando la E30 era ancora legata a canoni di fine anni 70), sempre sulla E36 abbiamo trovato per la prima volta su una Serie 3 il Multilink, i fari carenatura, i sedili anteriori a guscio (che amavo e che purtroppo hanno eliminato già dalla E46) il crash controllata (in caso di incidente sbloccava le porte e accendeva le luci di cortesia), la prima M3 a sei cilindri a superare i 300 cv (286 all'inizio, 321 dal 95 col 3.2), doti dinamiche di livello incredibilmente superiore sul bagnato proprio laddove era il punto debole delle precedenti. La E46 è stata solo un evoluzione di tutto ciò ma senza la E36 che ha dato il via alla rivoluzione mutuando tutti gli elementi dalle 5 E34 e 7 E32 nate prima di lei, la E46 non avrebbe raggiunto quei livelli.
Ritratto di ciccibucci
18 dicembre 2019 - 11:19
*Crash Control, colpa del t9.
Ritratto di Bull 1000
20 dicembre 2019 - 22:30
Giulio, ne racconti di balle, ma questa. Prima di tutto perchè le vendite vanno considerate a livello mondiale: quest'auto non viene venduta solo qua. Altrimenti i Nepalesi potrebbero trovare insensate tutte le vetture, al di fuori delle fuoristrada vere. E poi perchè a livello mondiale le berline asono ancora le vetture che vendono di più. Informati.
Ritratto di carmelo.sc
19 dicembre 2019 - 09:39
la e46 cosa avrebbe di speciale? A parte la m3 ovviamente ? Nulla. Io personalmente preferisco la e90 di bangle, che ancora oggi dopo 15 anni è attualissima come design e ha soluzioni che sono state riprese da tanti modelli di oggi..
Ritratto di ardo
17 dicembre 2019 - 19:39
io l'ho vista dal vivo, per me è bellissima. questa della prova eccelle in ogni dove. ammazza come frena, sotto i 34 metri, uao. questo diesel ha raggiunto un'efficienza mostruosa : 230 km/H, accelerando in 7 secondi nello 0-100 con una media di 17 km/l. uao. è costruita pure bene, rifinita come si deve anche. e ha un sistema multimediale tra i migliori (ora dovrebbe arrivare anche android auto). la guida è tra i suoi punti di forza e per essere una berlina di 4,70 metri ha un peso relativamente contenuto. ci sono tutte le premesse per una serie 4 coi fiocchi.
Ritratto di studio75
18 dicembre 2019 - 08:00
5
Ancor più notevole lo spazio di 55mt per la frenata da 130km/h. Credo sia merito dei super pneumatici che montava l'auto in prova. Michelin pilot sport 4 con misura R19 ribassati.
Ritratto di ardo
18 dicembre 2019 - 18:41
anche
Pagine
Annunci

Bmw Serie 3 usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Bmw Serie 3 usate 20154.50016.45084 annunci
Bmw Serie 3 usate 201611.90017.220113 annunci
Bmw Serie 3 usate 201712.90019.180116 annunci
Bmw Serie 3 usate 201814.90022.37064 annunci
Bmw Serie 3 usate 201921.50036.57092 annunci
Bmw Serie 3 usate 202029.90038.010141 annunci
Bmw Serie 3 usate 202138.80044.25017 annunci

Bmw Serie 3 km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Bmw Serie 3 km 0 201729.39031.6502 annunci
Bmw Serie 3 km 0 201926.55045.61024 annunci
Bmw Serie 3 km 0 202037.50042.75021 annunci
Bmw Serie 3 km 0 202140.50044.6003 annunci