PROVATE PER VOI

BMW X1: fatta bene, costa tanto

Prova pubblicata su alVolante di
gennaio 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 44.100
  • Consumo medio rilevato

    16,1 km/l
  • Emissioni di CO2

    133 grammi/km
  • Euro

    6
BMW X1
BMW X1 20d xDrive xLine Steptronic
L'AUTO IN SINTESI

Tutta nuova, la BMW X1 ha forme più importanti rispetto al modello che ha mandato in pensione: crescono abitabilità, piacere di guida e qualità degli interni. Il due litri da 190 CV è silenzioso e spinge forte già dai primi giri mentre il cambio automatico a otto marce vale tutti gli oltre 2.000 euro richiesti: è tanto rapido quanto dolce e sceglie sempre la marcia adeguata. La trazione è sulle ruote anteriori ma, in caso di necessità, l'elettronica invia la coppia anche alle posteriori. Il prezzo, però, è cresciuto parecchio: la nuova X1 è fra le suv medie più care. Nonostante la sua dotazione, per di più, sia tutt'altro che generosa.

Posizione di guida
3
Average: 3 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
5
Average: 5 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
5
Average: 5 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
LE CURVE NON LA SPAVENTANO

La BMW X1, la più piccola fra le suv della casa tedesca, è tutta nuova: nasce sulla piattaforma comune alla Serie 2 Active Tourer e alle Mini più recenti. Accorciata di 4 cm e più alta di 3, sembra più “importante” della precedente. È migliorata nei materiali e nella guida, e offre maggior spazio: merito anche del motore, che ora è disposto trasversalmente, anziché longitudinalmente come sul vecchio modello (il cofano è quindi più corto e c’è più spazio a disposizione dell'abitacolo). Nei percorsi tortuosi è a proprio agio: il merito è anche dello sterzo a demoltiplicazione variabile Variable Sport Steering (è basato su una cremagliera con denti meno fitti alle due estremità: superati i primi gradi di rotazione del volante, il comando diventa più diretto), di serie dalla xLine provata. Il due litri a gasolio da 190 CV spinge con vigore fin dai bassi giri; il cambio automatico sportivo a otto marce (optional) sceglie sempre quella più adeguata ed è rapido e dolce. Nella xDrive (4x4) l’elettronica invia alle ruote dietro solo la coppia che serve (ma ci sono anche le versioni sDrive a trazione anteriore, a circa 2.000 euro in meno). La versione xLine è cara, e in più fa pagare il cruise control adattativo, l’avviso di cambio involontario di corsia, la frenata automatica e il sistema che riproduce i segnali stradali (nel pacchetto Driving Assistant Plus). La Sport e la M Sport offrono la stessa dotazione, ma aggiungono diverse ruote e paraurti più aggressivi. Cruise control, portellone elettrico, specchi elettrici e sensori di distanza posteriori li ha già la intermedia Advantage. Elevata la sicurezza: nei crash-test effettuati dall'Euro NCAP nel 2015 ha meritato cinque stelle (il massimo).

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
SPENDENDO PER QUALCHE EXTRA, SI VIAGGIA DA RE

Plancia e comandi
Nei materiali, il passo avanti rispetto al vecchio modello è evidente. La plancia della BMW X1 è rivestita da uno spesso strato morbido e, in questa versione, è impreziosita da inserti laccati neri; di serie ci sono l’illuminazione soffusa a led sotto le modanature e i rivestimenti parzialmente in pelle (quelli completi, optional, si estendono fin sopra i pannelli delle porte). L’elettronica è avanzata, ma intuitiva: sul “rotellone” di controllo del sistema multimediale è possibile tracciare col dito lettere e numeri. Il navigatore Connected Pro (che si paga a parte, e caro) integra un sistema che proietta sul parabrezza alcune indicazioni, la velocità e altri avvisi, permettendo così di tenere gli occhi sempre sulla strada. Luci e ombre per il cruscotto: è facile da leggere, ma la sua parte bassa viene nascosta dal volante e non riproduce le indicazioni del navigatore. 

Abitabilità
Quattro adulti viaggiano comodi quasi come nella X3 (che è più lunga di 22 cm). Il posto al centro del divano è penalizzato dal largo tunnel nel pavimento e dalla seduta. Per avere una posizione di guida corretta c'è però da spendere: si sta in alto, in una posizione non distesa e la poltrona di serie ha il minimo indispensabile delle regolazioni. Conviene spendere per i sedili sportivi (optional). 

Bagagliaio
Ampio, in relazione alla lunghezza della vettura, il baule: 505/1550 litri Il divano è diviso in tre parti, ciascuna con la seduta scorrevole (per dare più o meno spazio ai bagagli) e regolabile nell’inclinazione dello schienale (optional). Inoltre, può essere ripiegato elettricamente anche dal baule. La bocca del baule è ampia e di forma regolare; pratica la soglia, alla stessa altezza del piano di carico. Assai capiente il doppiofondo: è alto 20 cm, largo 67 e lungo 89. Non molti, però, i 44 cm sotto al tendalino.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
TUTTA DA GUIDARE, MA NON SCOMODA

In città
Le sospensioni elettroniche della BMW X1 (optional) rendono la vettura confortevole su fondi sconnessi e pavé. Grazie pure al cambio automatico, si riprende velocità con vigore anche da meno di 1000 giri. In manovra la telecamera posteriore (optional) aiuta; lo sterzo, però, non è “una piuma” (in manovra si fa un po' di fatica...). I sensori di distanza anteriori (anch'essi optional) integrano il sistema di parcheggio semiautomatico. Ok i consumi (14,7 km/l rilevati).

Fuori città
In modalità Sport, il cambio passa ai rapporti superiori un po’ più tardi; inoltre, il due litri si fa più vivace (allunga fino a “quota” 4500 giri) e gli ammortizzatori s’induriscono (pur conservando un buon assorbimento). È comunque in modalità Eco che garantisce i consumi migliori: 19,2 km/l registrati in media. Grazie allo sterzo pronto e preciso, in curva ci si diverte. E la trazione 4x4 aiuta sui fondi viscidi. Se, però, si guida con il sedile abbassato al massimo, sterzando a destra il bracciolo centrale intralcia. L'auto ha gomme larghe ma di mescola non sportiva, eppure i suoi limiti sono elevati. S’inclina un po’ in curva, ma la si sente sempre “in mano”.

In autostrada
A 130 km/h, in ottava marcia, il motore della BMW X1 lavora in silenzio (a 2100 giri), ma un tocco sull’acceleratore basta per sorpassare in un baleno. Se, però, l’asfalto non è dei più lisci, il rumore di rotolamento delle gomme è evidente. A tutta prova la stabilità nei curvoni e utile il cruise control adattativo: funziona fino a 140 km/h e fa parte del pacchetto Driving Assistant Plus, che include il sistema di mantenimento della corsia. La carrozzeria alta e l'elevata luce da terra non favoriscono i consumi che, comunque, non sono mai preoccupanti: 14,2 km/l in media.

Fuori strada
La parte bassa della carrozzeria è in plastica antigraffio, ma la vettura non è fatta per i percorsi severi: non è alta da terra e ha gomme con mescola e disegno stradali. Assenti le ridotte; ci sono un programma di guida per la marcia su neve e il sistema HDC, sigla che sta per Hill Descent Control (controllo della velocità in discesa): si aziona con un tasto e aumenta la sicurezza sui pendii ripidi e a bassa aderenza. Può essere attivato sotto i 35 km/h e permette di procedere senza toccare i freni fra i 6 e i 25 km/h (la velocità è regolabile con una rotella sulla razza sinistra del volante, ma per aumentarla si può usare il pedale del gas). Il sistema si disattiva oltre i 60 km/h e funziona anche in “retro”.

PERCHÉ SÌ

CAMBIO
La trasmissione automatica a otto marce (della giapponese Aisin, diversa dalla ZF montata negli esemplari della generazione precedente) è rapida e dolce, oltre che precisa.

FINITURE
Inserti lucidi, comandi gradevoli da azionare, belle illuminazioni a led e trattamenti morbidi: tutto quello che si vede e si tocca dà un’idea di qualità.

GUIDA
a vettura è assai più agile e precisa in curva della vecchia serie; e senza risultare scomoda o “nervosa” in velocità.

SPAZIO
Sarà pure più corta della precedente generazione, ma lo spazio per quattro abbonda. E il bagagliaio, oltre che di forma regolare, è anche ampio.

PERCHÉ NO

CRUSCOTTO
Il “cuscino” del volante può nascondere la parte bassa dello schermo multifunzione. Che non ripete le indicazioni del navigatore: bisogna acquistare il sistema che proietta i dati sul parabrezza.

DOTAZIONE
Anche nelle versioni più care (come la xLine provata) si pagano a parte importanti sistemi di sicurezza quali l’allarme di mantenimento della corsia.

LISTINO
È più “pesante” di quello delle rivali tedesche (Mercedes GLA e Audi Q3) mentre la Land Rover Evoque ha una dotazione più ricca.

RUMORE DI ROTOLAMENTO
Su asfalto non proprio liscio, le larghe gomme (optional, con i cerchi di 19’’) si fanno sentire.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1995
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 140 (190)/4000
Coppia max Nm/giri 400/1750
Emissione di CO2 grammi/km 133
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 444/182/160
Passo cm 267
Peso in ordine di marcia kg 1550
Capacità bagagliaio litri 505/1550
Pneumatici (di serie) 225/50 R18

 

Dati dichiarati dalla casa.  Auto in prova equipaggiata con gomme Pirelli Cinturato P7 225/45 R 19 (optional).

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 7a a 4300 giri   222,9 km/h 219 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 8,1   7,6 secondi
0-400 metri 15,9 140,9 km/h non dichiarata
0-1000 metri 29,2 179,0 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE S Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 27,6 181,0 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 26,3 181,7 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 2,7   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 6,0   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,7 km/litro 17,2 km/litro
Fuori città   19,2 km/litro 21,7 km/litro
In autostrada   14,2 km/litro non dichiarato
Medio   16,1 km/litro 19,6 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   36,8 metri non dichiarata
da 130 km/h   63,1 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,0 metri 11,4

 

Prestazioni rilevate in Sport e consumi in Eco Pro. Dati ufficiali con il cambio automatico e i cerchi di 19’’.

BMW X1
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
72
66
32
20
39
VOTO MEDIO
3,5
3.489085
229
Aggiungi un commento
Ritratto di nicktwo
3 agosto 2016 - 14:26
e' un po' la regola... mi permetto di ampliare il discorso... prima le prestazioni erano uno dei fatti fondamentali delle segmento d premium, ora da quando e' arrivata la giulia che si e' posta al vertice per questo aspetto per molti allora la dinamica non conta piu' e contano invece le plastiche delle manopole l'ergonomia dei comandi e lo schermo del navigatore... saluti
Ritratto di Strige
3 agosto 2016 - 21:33
sulla giulia ci andrei piano, concordo che è bella, concordo che è più veloce della BMW, concordo che possa dare più piacere di guida della BMW, ma un conto è essere una vettura coi controfiocchi (la giulia) e un conto è venderla. Se tra 5 anni, la giulia venderà un po' meno della BMW avrà fatto centro, se invece, dopo il boom (e ci metto la mano sul fuoco che ci sarà), non crescerà e non prenderà quote di mercato agli altri, sarà una bellissima auto che ha fallito (e sono tante le auto bellissime ma che purtroppo non hanno venduto e hanno dovuto smettere di produrle). Quindi aspettiamo con la giulia, le auguro tutto il meglio, ma ancora non ha fatto nulla.
Ritratto di Strige
3 agosto 2016 - 21:29
ho letto che sia stata la fiat ad introdurre la trazione anteriore per le auto comuni e fece il boom (mi pare che fosse la 127, vado a memoria). La BMW invece è sempre rimasta fedele alla tp, e lo è tutt'ora. La BMW ha deciso che a chi piace il marchio, ma non capisce una cippa di ta/tp, che senso ha spendere soldi e vendergli la TP? magari poi montano le catene davanti? Quindi dalla serie 3 in su (auto da intenditori) tp, per le altre auto del popolo la TA va più che bene (FIAT docet)
Ritratto di PopArt
3 agosto 2016 - 21:44
La prima auto a trazione anteriore è stata la Citroën Traction Avant, giusto per essere precisi. Purtroppo quello che dici è vero riguardo alle scelte commerciali di BMW, hanno capito che ci sono i polli che spendono una fortuna per le loro auto solo per il marchio. Una qualunque Kuga o 3008 non hanno niente da individiare a questa insipida X1.
Ritratto di Magnificus
3 agosto 2016 - 14:10
Personalmente la trovo molto ben fatta.comunque di questo segmento premium preferisco la land rover evoque...sul generalista per risparmiare un po' di euro la kuga o tiguan
Ritratto di Mattia Bertero
3 agosto 2016 - 14:25
3
X1. Mi piace ma con la TA ha fatto un passo indietro. Prezzo spropositato nonostante sia rifinita molto bene e con materiali di qualità ma meccanicamente...non so se la prenderei.
Ritratto di rallo
3 agosto 2016 - 15:13
Un "suv" trazione anteriore, per di più BMW non si può sentire. Sulla qualità non c'erano dubbi: assemblaggio e attenzione per i dettagli sono il fiore all'occhiello di BMW, ma con il cambio di trazione hanno fatto non uno ma dieci passi indietro. Speriamo se ne rendano conto in futuro e non ripetano questo errore.
Ritratto di Claus90
3 agosto 2016 - 15:54
Inutile aggiungere altro "Al Volante" ha già detto tutto, l'auto su motore;ripresa;cambio;sterzo, ha 5 stelle adesso l'auto è migliorata anche nel design ha un area più massiccia più da SUV e non più da station wagon rialzata come nel caso della precedente x1, insomma superato lo shock del listino di chi può permettersela quest' auto è un gioiellino, la ciliegina sulla torta sarebbe stata la trazione xdrive.
Ritratto di v8sound
3 agosto 2016 - 16:49
Personalmente non mi entusiasma, come del resto tutti i suv dell'attuale gamma BMW. Trovo la linea esterna piuttosto pesante, inoltre gli interni, che saranno pure ben assemblati, non mi convincono del tutto: non hanno né la sportività né l'eleganza di altre produzioni della casa, mi danno l' idea di qualcosa di poco ricercato. Emblematica la leva del cambio: non potevano piuttosto dotare l' X1 di qualcosa di più convincente a livello di design? Non mi pare che a Monaco manchino ottimi esempi in proposito, e invece, cos'hanno messo? Un comando che assomiglia a quello di un furgone vintage...
Ritratto di Sepp0
3 agosto 2016 - 19:24
Molto meglio della prima serie, ma il prezzo è una follia.
Pagine