PROVATE PER VOI

Chrysler Grand Voyager: tutta comodità e niente brio

Prova pubblicata su alVolante di
settembre 2008

Listino prezzi Chrysler Grand Voyager non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 46.320
  • Consumo medio rilevato

    9,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    247 grammi/km
  • Euro

    4
Chrysler Grand Voyager
Chrysler Grand Voyager 2.8 CRD 16V Limited
L'AUTO IN SINTESI

Una monovolume dalla classica impostazione americana: lunga più di cinque metri, ha linee squadrate e un muso imponente, è comoda e spaziosa anche per sette.

Posizione di guida
3
Average: 3 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
5
Average: 5 (1 vote)
Motore
2
Average: 2 (1 vote)
Ripresa
3
Average: 3 (1 vote)
Cambio
2
Average: 2 (1 vote)
Frenata
3
Average: 3 (1 vote)
Sterzo
2
Average: 2 (1 vote)
Tenuta di strada
3
Average: 3 (1 vote)
Dotazione
5
Average: 5 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Un "minibus" per grandi viaggi

È l'auto ideale per un viaggio in tanti, particolarmente nella versione "Limited", quella meglio accessoriata. Peccato per il motore che non è sempre sufficiente a spostare un "minibus" da oltre due tonnellate.

Solo se possedete un box sufficientemente ampio potrete farci entrare questa monumentale monovolume americana. Lunga 5 metri e 14 cm, larga quasi due metri e alta 1 metro e 75, è più vicina a un “pulmino” che a una vettura.

Decisamente impegnativa da guidare, può accogliere comodamente sette persone senza che nessuno sia costretto a stare spalla a spalla, offrendo un ambiente ben rifinito e “chicche” come il climatizzatore trizona. E c’è pure lo spazio per i bagagli di tutti i passeggeri.

Il motore non ha molti cavalli in rapporto al peso, e la ripresa è penalizzata sia da una certa mancanza di vigore ai bassi regimi, sia dal cambio automatico sequenziale che non è veloce nei passaggi di rapporto (ma che, in compenso, ha un funzionamento piacevolmente “morbido”).

La Limited, la versione più ricca, ha un prezzo elevato, ma ha di serie anche gli interni rivestiti in pelle, il navigatore satellitare con schermo a colori e la telecamera posteriore che agevola le manovre in retromarcia.

VITA A BORDO
5
Average: 5 (1 vote)
Non si scenderebbe più

Gli interni sono appariscenti per quanto qualitativamente non eccelsi. Facile trovare la posizione di guida ideale, visto che si regola anche la pedaliera, mentre è poco funzionale la leva del cambio dislocata nel cruscotto. I sedili sono molto comodi, e le due poltroncine della fila centrale come pure il divano posteriore (a tre posti) possono essere ripiegati nel pavimento per aumentare la già abbondante capacità del bagagliaio. La dotazione contempla anche un sistema “car video” con lettore DVD.

Plancia e comandi
I materiali utilizzati per la plancia non sono pregiati ma piuttosto vistosi, mentre la consolle è squadrata e davvero massiccia. Altrettanto invadente la grossa leva del cambio automatico-sequenziale sul cruscotto, non molto comoda da utilizzare. In compenso, la Chrysler Grand Voyager offre la possibilità esclusiva di regolare la pedaliera tramite un tasto sul piantone dello sterzo.

Abitabilità
I sedili, larghi, comodi e rivestiti in pelle, hanno il riscaldamento elettrico incorporato, mentre le due poltrone della fila centrale (che possono scorrere di 10 cm) hanno di serie i braccioli e, insieme al divano a tre posti della terza fila (diviso in due parti, 1/3 e 2/3), possono sparire nel pavimento al tocco di un pulsante. Non mancano le tendine parasole per la seconda e la terza fila, lettori DVD e relativi monitor per l’intrattenimento a bordo, ed è pure previsto un intrigante optional (“Swivel ‘n go”) che fa ruotare le poltrone centrali creando un salotto con tanto di tavolino rotondo da fissare al pavimento.

Bagagliaio
Anche quando si è in sette a bordo, c’è spazio abbondante per i bagagli (questo è, di solito, un punto debole per le monovolume…), che si stivano agevolmente grazie all’apertura ampia e regolare, salvo il limite dovuto al piano di carico posto 25 cm al di sotto della soglia (peraltro bassa: 62 cm da terra). Il vano di carico è grandissimo (più di tre metri cubi) e modulabile a piacere: i sedili della seconda e della terza fila possono, infatti, scomparire sotto il pavimento.

COME VA
2
Average: 2 (1 vote)

Lunghezza e larghezza la  penalizzano in città, soprattutto nelle manovre, mentre nei parcheggi si rivela preziosa la telecamera posteriore di serie. Nei percorsi extraurbani conviene mettere da parte la guida aggressiva, e non solo perché il motore è tutt’altro che brioso: la vettura si corica parecchio in curva e la precisione dello sterzo è solo sufficiente. In ossequio alle sue origini, la Grand Voyager è, invece, nel suo habitat elettivo quando si viaggia in autostrada: motore silenzioso e fruscii aerodinamici appena percettibili consentono lunghi trasferimenti avvolti nella bambagia.

In città
Sembra di trovarsi… alle redini di un dinosauro. Gli oltre 5 metri di lunghezza e i quasi 2 di larghezza da “gestire”, assieme al diametro di sterzata tutt’altro che contenuto, impongono di scegliere con attenzione anche l’area dove sostare, che deve essere sufficientemente ampia. Per fortuna, in manovra  si può contare sul prezioso aiuto della telecamera posteriore, inclusa nell’equipaggiamento di serie.

Fuori città
In America le strade sono molto più larghe e rettilinee, per cui è logico che da noi la Chrysler Grand Voyager sia un po’ più impacciata: gradisce poco il misto stretto e se ne lamenta con un rollìo piuttosto pronunciato. In aggiunta, lo sterzo è lento nella risposta e non molto preciso, per cui è meglio andare tranquilli, come “consiglia”, del resto, anche la pigrizia del motore. Buoni, invece, i freni.

In autostrada
Come era logico attendersi vista l’impostazione dell’auto, i grandi viaggi rappresentano l’impiego elettivo di questa grossa monovolume. Ai “canonici” 130 km/h autostradali, il motore gira a soli 2200 giri e non “invade” l’abitacolo col suo rumore. I nostri test hanno evidenziato moderati fruscii aerodinamici, che, però, non costringono ad alzare la voce per parlarsi.

QUANTO È SICURA
3
Average: 3 (1 vote)
Acciaio speciale e airbag per tutti

La carrozzeria è stata riprogettata anche in funzione della sicurezza, visto che il precedente modello aveva ottenuto risultati poco brillanti nei crash test EuroNcap. Oltre all’ABS, monta di serie il controllo della trazione e della stabilità. Gli airbag per la testa sono previsti per ciascuna delle tre file di sedili.

I passeggeri sono protetti da numerosi airbag: anteriori, laterali e per la testa (questi ultimi per tutte le file di sedili), e sono di serie anche i controlli di stabilità e trazione. A seguito degli scarsi risultati ottenuti nel 2007 nei crash test Euro NCAP, per il modello 2008 (che non è ancora stato sottoposto al “test di distruzione”) è stata progettata una carrozzeria particolarmente resistente per dare la massima protezione al guidatore e ai passeggeri. L'uso di acciaio speciale “Dual Phase” e di strutture di assorbimento d'urto anteriori e posteriori dovrebbero essere in grado di assorbire (e dissiparla fuori dell’abitacolo) l'energia degli impatti.

NE VALE LA PENA?
2
Average: 2 (1 vote)
Per chi viaggia (e carica) molto

I passeggeri sono sempre molto coccolati ma in città la Grand Voyager rischia di diventare un vero problema. Con una lunghezza di oltre cinque metri e un larghezza che supera i due, parcheggiarla potrebbe essere una missione impossibile.

Non sarà veloce come un Eurostar, ma la sensazione di viaggiare in prima classe la Chrysler Grand Voyager sa darla, eccome! Confortevole e spaziosa, è fatta per le lunghe distanze, dove sa dare il meglio di sé, coccolando a dovere i passeggeri con tutti i comfort.

PERCHÉ SÌ

Baule
È grandissimo e può realmente soddisfare le più svariate esigenze, sia con due passeggeri a bordo, sia con tutti i posti occupati. Impagabile il sistema che fa “sparire” i sedili della seconda e terza fila nel pavimento per aumentare la capacità di carico.

Comfort
Le sospensioni assorbono bene le asperità del fondo stradale, il climatizzatore “trizona” fa sentire i suoi effetti in tutte le parti dell’abitacolo, e il motore non risulta mai troppo rumoroso.

Dotazione
Il prezzo è elevato, ma se si tiene conto del ricco equipaggiamento di serie (cambio automatico e sequenziale, sedili rivestiti in pelle, navigatore GPS e telecamera posteriore) appare molto più ragionevole.

Spazio 
Anche i passeggeri che occupano l’ultima fila di sedili non si possono lamentare. Fra le  monovolume sul mercato la Grand Voyager si colloca al vertice in fatto di abitabilità e capacità di carico.

PERCHÉ NO

Cambio  
Questa monovolume viene fornita esclusivamente con un automatico che può essere utilizzato anche in modalità sequenziale. Peccato che sia lento nei passaggi di marcia e poco intuitivo nell’impiego manuale.

Linea
Il frontale massiccio e le forme poco armoniche (che, sotto certi scorci, sembrano “tagliate con l’accetta”), peccano di originalità e sono mal sintonizzate con l’interno (molto più personale).

Motore
A volte le strategie delle Case sono difficili da capire: su questo modello, al posto del 2.8 turbodiesel con 163 CV, sarebbe stato meglio montare quello di pari cilindrata ma con 177 CV utilizzato su altri modelli del Gruppo Chrysler.

Sterzo
Per quanto non affatichi in manovra (nonostante l’ampio raggio di svolta), risulta poco preciso alle basse e medie andature, nonché piuttosto lento nelle reazioni.

SCHEDA TECNICA
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3100 giri   184,1 km/h 185 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,4   12,8 secondi
0-400 metri 18,4 122,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 33,7 154,2 km/h non dichiarata
       
RIPRESA in Drive Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 31,3 154,6 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 29,8 155,5 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h 9,1   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   7,6 km/litro 7,8 km/litro
Fuori città   11,6 km/litro 13,7 km/litro
In autostrada   8,9 km/litro non dichiarato
Massimo   6,5 km/litro non dichiarato
Medio   9,3 km/litro 10,8 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   40,9 metri non dichiarata
da 130 km/h   68,4 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   12,0 metri 11,9
Cilindrata cm3 2777
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 120 (163)/4400
Coppia max Nm/giri 360/1800
Emissione di CO2 grammi/km 247
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (aut.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilati
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 514/195/175
Passo cm 308
Peso in ordine di marcia kg 2175
Capacità bagagliaio litri 638/1936/3296
Pneumatici (di serie) 225/65 R 17
I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3100 giri   184,1 km/h 185 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,4   12,8 secondi
0-400 metri 18,4 122,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 33,7 154,2 km/h non dichiarata
       
RIPRESA in Drive Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 31,3 154,6 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 29,8 155,5 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h 9,1   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   7,6 km/litro 7,8 km/litro
Fuori città   11,6 km/litro 13,7 km/litro
In autostrada   8,9 km/litro non dichiarato
Massimo   6,5 km/litro non dichiarato
Medio   9,3 km/litro 10,8 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   40,9 metri non dichiarata
da 130 km/h   68,4 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   12,0 metri 11,9
Cilindrata cm3 2777
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 120 (163)/4400
Coppia max Nm/giri 360/1800
Emissione di CO2 grammi/km 247
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (aut.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilati
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 514/195/175
Passo cm 308
Peso in ordine di marcia kg 2175
Capacità bagagliaio litri 638/1936/3296
Pneumatici (di serie) 225/65 R 17
Chrysler Grand Voyager
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
1
2
2
1
VOTO MEDIO
2,9
2.857145
7
Aggiungi un commento
Ritratto di angela federico
20 dicembre 2009 - 19:55
è una gran bella macchina, comoda e sicura al punto giusto e con un gran baule, non capisco perché se ne vedano ancora poche (il modello precedente ha avuto una buona vendita)
Ritratto di lorenzo.benz
24 dicembre 2009 - 14:26
Gli italiani ormai puntano molto sui suv invece che alle grandi monovolumi. Preferiscono l'appariscenza che la comodità . Io la consigli a famiglie numerose che viaggiano spesso. Il rapporto qualità prezzo è eccellente.
Ritratto di sterling-87
6 marzo 2010 - 23:24
Bella, comoda, grande...forse un pò troppo.....perché non l'hanno riproposta come la vecchia in versione corta e in versione grand?
Ritratto di CODMW2
26 marzo 2010 - 18:26
è orribile troppo squadrata sembra un furgone la vecchia serie come estetica è 100 volte meglio.Purtroppo i motori rimangono gli stessi molto assetati e molto rumorosi a causa del cambio a variazione continua.
Ritratto di Furbetto00
29 marzo 2011 - 19:05
è orribile,quando ne vedo una dico-ecco un furgone- mi sorprendo che nn abbiano fatto la versione van :D :D :D :D :D :D