PROVATE PER VOI

DS 3 Cabrio: guarda avanti, ti divertirai

Prova pubblicata su alVolante di
aprile 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 30.400
  • Consumo medio rilevato

    14,1 km/l
  • Emissioni di CO2

    125 grammi/km
  • Euro

    6
DS 3 Cabrio
DS 3 Cabrio 1.6 THP 208 CV Performance
L'AUTO IN SINTESI

La DS 3 Cabrio è l’unica, tra le piccole scoperte, a offrire cinque posti e un vano di carico adeguato (245 litri). Ha anche una capote in tela ben fatta, ma il “soffietto” che si crea quando è aperta porta quasi a zero la visibilità posteriore. Sotto il cofano della DS 3 c’è un moderno 1.6 turbo a iniezione diretta, che ha una potenza notevole per la cilindrata e una bella grinta (l’accelerazione è bruciante e le riprese sono rapide); inoltre, spinge bene e con regolarità anche ai bassi regimi. L’auto è sicura e divertente da guidare, grazie anche alle sospensioni “solide” che tengono a bada il coricamento della carrozzeria in curva.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
5
Average: 5 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
SFIZIOSA E ANCORA ATTUALE 

Caratterizzata dalla capote in tela che scorre lungo gli archi laterali del tetto e si può fermare nella posizione che si preferisce, questa DS 3 Cabrio ha una personalità spiccata, e si presenta ancora attuale. Tutto questo, pur derivando con modifiche di dettaglio dalla Citroën DS 3 Cabrio del 2009 (nel gruppo Psa, DS è diventato un marchio a sé nel 2016). L’estesa mascherina è raccordata da due listelli lucidi ai fari, il lunotto avvolgente pare un tutt’uno con i finestrini posteriori e gli inserti cromati nelle fiancate danno un tocco di eleganza all’insieme. Esclusivi di questa versione sportiva della DS 3 sono i fari allo xeno (di serie, con abbaglianti anche a led) e i cerchi neri e diamantati di 18”. I pedali in alluminio e il volante con la corona appiattita danno un tocco di grinta all’abitacolo.

Questa sportività nel look la ritroviamo anche su strada. Il 1.6 turbo a iniezione diretta di benzina con 208 cavalli, assai grintoso e pronto già dai 2000 giri, è abbinato a un cambio ben manovrabile e dai rapporti ben scalati; le sospensioni piuttosto rigide e l’assetto ribassato (di 1,5 cm) limitano il rollio in curva della DS 3 Cabrio. In tema di sicurezza, la vettura se la cava: ha sei airbag (quelli a tendina proteggono dagli urti laterali sia i passeggeri anteriori sia quelli posteriori), ma la frenata automatica d’emergenza è optional, e altri aiuti alla guida non sono disponibili. Anche per questo motivo, la DS 3 (nella versione “chiusa”) ha meritato tre stelle nel crash test EuroNCAP svoltosi nel 2017: un po’ poco. Peccato anche per la visibilità posteriore:  il “soffietto” che si crea a capote completamente aperta praticamente azzera la visuale verso la parte retrostante; in parcheggio vengono in aiuto i sensori di distanza, ma la telecamera è optional.

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
PICCOLA E CABRIO, MA ACCOGLIENTE

Plancia e comandi
La plancia della DS 3 Cabrio, moderna ed elegante con l’ampia fascia in plastica lucida, non è più affollata di pulsanti come nelle DS 3 prodotte sino al 2016: molte funzioni sono accessibili attraverso il display di 7”, ben leggibile ed equipaggiato con il Mirror Screen che gli permette di “dialogare” con gli smartphone compatibili. Notevole, per una “piccola”, il numero di portaoggetti: dentro il bracciolo centrale, nel tunnel, e alla base della consolle. Ma il tasto per attivare le quattro “frecce” è troppo a destra per essere raggiunto comodamente dal guidatore, e il comando per regolare l’altezza dei fari è nascosto dietro la leva del cruise control.

Abitabilità
Piuttosto spazioso in rapporto alle dimensioni della carrozzeria, l’abitacolo della DS 3 Cabrio è rifinito e assemblato con precisione. La posizione di guida è comoda e ha un’impostazione sportiva, con la seduta bassa. Le cinture di sicurezza anteriori, però, non sono regolabili in altezza. Ampiamente registrabili, invece, il volante e la poltrona, che trattiene bene il corpo. Il divano è piatto: stringendosi, si può viaggiare in tre.

Bagagliaio
Per quanto riguarda la capienza (245 litri) il vano di carico della DS 3 Cabrio primeggia tra le piccole scoperte (oltre a offrire il vantaggio extra del divano frazionato). Con la piccola bocca di carico, tuttavia, stivare oggetti ingombranti è poco agevole.  

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
TI PUOI DIVERTIRE. MA IN RETROMARCIA…

In città
Al semaforo la DS 3 Cabrio 1.6 THP può scattare come una “scheggia” e nel traffico, grazie alle dimensioni ridotte e allo sterzo pronto, si muove con agilità. A capote aperta, però, bisogna fare i conti con la scarsissima visibilità all’indietro, che rende poco agevoli “retro” e parcheggi. Vengono in aiuto (ma solo in parte) i sensori di distanza posteriori. Non male, considerando le prestazioni sportive, il consumo: 12,4 km/litro. 

Fuori città
Nei percorsi tortuosi, le soddisfazioni non mancano: il 1.6 è grintoso e pronto nella risposta, le sospensioni sono efficaci (anche per chi non è un “pilota” esperto) e lo sterzo diretto e preciso; sicura (anche se gli spazi di arresto sono solo discreti) la frenata. I ridotti vortici d’aria rendono piacevole la guida anche con la capote aperta, e, se non si sfruttano i tanti cavalli a disposizione, si consuma anche poco: i nostri strumenti elettronici hanno detto 17,2 km/litro.

In autostrada
Oltre i 120 km/h, con la capote chiusa, si avverte qualche fruscio aerodinamico (che, comunque, non dà troppo fastidio). A 130 km/h, in sesta, il motore è a 3200 giri: non si fa sentire più di tanto e consente di percorrere 13 km con un litro di benzina. A tutta prova la stabilità: i curvoni autostradali affrontati “allegramente” non impegnano troppo.

PERCHÉ SÌ

Finiture 
Materiali di qualità e accoppiamenti accurati: è una vettura ben fatta.

Motore 
Potente e davvero vivace, il 1.6 spinge vigoroso a tutti i regimi e si accontenta di poco carburante.
 
Sospensioni 
Mantengono la vettura sempre ben “attaccata” alla strada, senza arrivare a essere “punitive” per la schiena di chi è a bordo.
 
Sterzo 
Anche alle velocità elevate garantisce una notevole precisione di guida.

PERCHÉ NO

Bagagliaio 
Con la bocca di carico così piccola, stivare oggetti ingombranti è difficile.

Comandi 
L’hazard è troppo a destra, e il comando per regolare l’altezza dei fari è nascosto.
  
Dotazione
Per un prezzo di oltre 30.000 euro, la frenata automatica d’emergenza non dovrebbe essere optional. 

Visibilità  
In “retro” si vede poco anche con la capote chiusa, e quando la si abbassa la visuale diventa quasi nulla. 

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 1598
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 153 (208)/6000
Coppia max Nm/giri 300/3000
Emissione di CO2 grammi/km 125
Distribuzione 4valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 395/171/146
Passo cm 245
Posti 5
Peso in ordine di marcia kg 1250
Capacità bagagliaio litri 245/940
Pneumatici (di serie) 205/40 R18
Serbatoio litri 50


Dati dichiarati dalla casa. Auto in prova equipaggiata con gomme Michelin Pilot Super Sport.

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 5600 giri   231,0 km/h 230 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 6,7   6,7 secondi
0-400 metri 14,9 155,6 km/h non dichiarata
0-1000 metri 27,1 193,9 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 30,2 188,2 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 29,0 178,3 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 5a 6,1   non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 8,4   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   12,4 km/litro 14,5 km/litro
Fuori città   17,2 km/litro 21,7 km/litro
In autostrada   13,0 km/litro non dichiarato
Medio   14,1 km/litro 18,5 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,3 metri non dichiarata
da 130 km/h   63,7 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,1 metri non dichiarato
DS 3 Cabrio
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
9
11
18
10
24
VOTO MEDIO
2,6
2.59722
72
Aggiungi un commento
Ritratto di Alfiere
23 maggio 2018 - 09:37
1
Tanti, troppi per un'auto cosi piccola. Ai tempi la Pluriel toccava 18mila con le versioni superaccessoriate, ora 30mila per ciò? Merita per il solo fatto che le segmento B cabrio praticamente non esistono, però...
Ritratto di Rikolas
23 maggio 2018 - 13:05
PER LA REDAZIONE: Per favore chiedo di controllare gli IP dei profili duplicati, Nik Jac e Racing 75 sono proifili duplicati (uno da youtube e un altro da un vecchio utente di AlVolante che non c'è più). Prego di intervenire per violazione delle regole del sito, è impossibile che i topic vengano continuamente intasati di spam e vecchi messaggi copiati e incollati. Grazie
Ritratto di Kascia80
23 maggio 2018 - 17:42
beh 30000 euro per un auto progettata più di gia anni fa mi manda in bestia quanto una panda/500 da 20000 euro......stanno tutti fuori di testa con questi prezzi aiutooooooooo
Ritratto di Kascia80
23 maggio 2018 - 17:43
scusate più di 10 anni fa
Ritratto di Giuliopedrali
23 maggio 2018 - 18:20
Ormai di auto a 3 porte si salvano solo 500 e Mini, insomma sono proprio passate improvvisamente di moda, (io ho un Maggiolino comunque) le altre sono veramente urgammal come direbbero gli svedesi: vecchissime, certo la DS3 era una bella auto. Il concessionario Citroën e DS della mia zona crede più nella DR che nella DS, (tiene soprattutto la DR) non crede manco nella DS7 dice che se ne venderanno si e no una miseria. Parlo dal ricco nord est.
Ritratto di ELAN
24 maggio 2018 - 10:00
1
Un tipeu ridicule, cette voiture, selon moi.
Ritratto di ziobell0
24 maggio 2018 - 16:17
estetica orrenda.....
Ritratto di Turbodiesel
29 maggio 2018 - 17:18
2
gialla versione cabrio è oscena... ma bianca in versione normale è me-ra-vi-glio-sa.
Ritratto di Fulminebianco
7 giugno 2018 - 11:44
Adesso basta prendere una normale auto e sostituire il tetto rigido con uno di tela a soffietto per poterla chiamare cabrio? Boh!!
Ritratto di Giulk
7 giugno 2018 - 16:42
A prescindere dalla bontà dell'auto, continuo a pensare che i prezzi, almeno quelli di listino, sono fuori di testa
Pagine