PROVATE PER VOI

Fiat 500: per essere allegra non le serve bere

Prova pubblicata su alVolante di
dicembre 2010
  • Prezzo (al momento del test)

    € 15.050
  • Consumo medio rilevato

    24,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    95 grammi/km
  • Euro

    Euro 5
Fiat 500
Fiat 500 0.9 TwinAir Turbo Lounge
L'AUTO IN SINTESI

La Fiat 500 riceve il nuovo motore 0.9 TwinAir, un bicilindrico turbo dalle prestazioni vivaci e dai consumi contenuti. La precisione del cambio e dello sterzo rende la guida divertente; peccato che l’utile Esp, come pure altri optional, si debbano pagare a parte.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
3
Average: 3 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
3
Average: 3 (1 vote)
Dotazione
3
Average: 3 (1 vote)
Qualità/prezzo
2
Average: 2 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Esclusiva anche sotto il cofano

L’originale Fiat 500 torna al motore bicilindrico come l’omonima antenata, ma lo 0.9 TwinAir è un moderno turbo di 875 cm3 capace di ben 85 CV: offre prestazioni brillanti e i consumi, anche se non eccezionalmente bassi come promesso dalla Fiat, sono contenuti. Volendo c’è anche il pulsante Eco, che toglie un po’ di grinta al motore e ne riduce ulteriormente la sete. Oltre che per la vivacità, la 0.9 si fa apprezzare per la precisione di sterzo e cambio: la guida è divertente, ma se si esagera la coda tende ad allargare ed è meglio avere l’Esp. Che, però, come molti altri accessori, si paga a parte nonostante la 500 Lounge non sia di certo a buon mercato fra le utilitarie.

Fiat 500

La linea è quella, indovinata, che conosciamo, e la novità sta sotto il cofano della Fiat 500: si tratta del raffinato motore TwinAir a due cilindri di 875 cm3, che grazie al turbocompressore offre prestazioni vivaci (ha 85 CV) e beve poca benzina. Premendo il tasto Eco nel cruscotto si rinuncia a una piccola aliquota di prestazioni in favore dell’ulteriore riduzione dei consumi, ma il risparmio è modesto (l’8% circa) e apprezzabile solo in città, dove si può contare pure sul sistema Start&Stop.

Alla precisione del cambio e dello sterzo, che rendono la guida gratificante, si accompagna un comportamento stradale davvero valido. Sui fondi imperfetti, tuttavia, se si esagera con la velocità in curva può insorgere una certa tendenza al sovrasterzo (il retrotreno allarga la traiettoria): così stando le cose è consigliabile aggiungere l’Esp, che si paga a parte ma non ha un costo eccessivo. Migliorabile pure la resistenza dei freni.

La Fiat 500 0.9 TwinAir – che col suo piacevole borbottio ricorda l’antenata, anch’essa bicilindrica – consuma poco, grossomodo come la meno potente 1.2 (che ha 69 CV), ma gli ottimistici valori promessi dalla Fiat restano un miraggio. In compenso, le prestazioni sono effettivamente brillanti, vicine a quelle della versione 1.4 da 101 CV, rispetto alla quale questa “novecento” risulta addirittura più rapida in ripresa.

Le note dolenti arrivano dal prezzo, che per il ricercato allestimento Lounge dell’esemplare in prova è piuttosto elevato, vicino a quello della più potente 1.4 a quattro cilindri. Al preventivo è opportuno aggiungere almeno il succitato Esp e i fendinebbia, oltre al “clima” automatico qualora non ci si accontenti di quello manuale; in compenso, di serie ci sono ben sette airbag. Per risparmiare senza rinunciare al motore 0.9 TwinAir c’è la Pop, che, però, non ha né il “clima” né i cerchi in lega e costa quasi quanto la Lounge 1.2.

VITA A BORDO
2
Average: 2 (1 vote)
Il massimo è viaggiarci in due

L’abitacolo della Fiat 500 è originale e ben rifinito, contraddistinto dalla plancia in tinta con la carrozzeria e movimentata da inserti color avorio; lo si può rendere più luminoso aggiungendo il tetto panoramico, e nella lista degli optional figurano anche i sedili in pelle. Davanti si viaggia comodi, con poltrone ampiamente regolabili e ben sagomate. Chi sta dietro, invece, ha poco spazio per le gambe e sopra la testa. Il bagagliaio è piccolo a va sfruttato in altezza, ma per farlo al meglio bisogna scegliere con cura le valigie e a “incastrarle” con maestria, perché la forma del vano è condizionata dall’andamento spiovente della coda.

Fiat 500

Plancia e comandi
Come sulle altre Fiat 500 la plancia è dello stesso colore della carrozzeria, interrotto da elementi in tinta avorio (volante, cruscotto, radio e bocchette d’aerazione centrali, consolle). Le finiture non deludono, i comandi si individuano con facilità e la strumentazione con il contagiri interno al tachimetro si legge bene; non altrettanto si può dire dello schermo del computer di bordo, troppo affollato di informazioni. Pratica pure la corta leva del cambio in posizione rialzata. Chi vuole il massimo può aggiungere il tetto panoramico in vetro, che aumenta la luminosità dell’abitacolo, e i sedili in pelle.

Abitabilità
Ampiamente regolabili e ben sagomate, le poltrone davanti risultano comode e – in curva – impediscono di scivolare di lato; originali, ma non morbidi, i poggiatesta tondeggianti realizzati in gomma. Il divano è piuttosto largo, considerato che ha solo due posti, ma quel che in realtà manca a chi siede dietro è lo spazio per le gambe e sopra la testa. I portaoggetti sono numerosi ma piccoli, e il cassettino di fronte al passeggero poco pratico: costituito da una piccola mensola dalla forma poco regolare, è privo di sportello e così il suo contenuto resta esposto alla vista di eventuali malintenzionati (e pure al rischio di caduta in curva).

Bagagliaio
L’altezza utile sotto la cappelliera non è male, ma il bagagliaio è piccolo e ha una forma poco pratica a causa del portellone marcatamente inclinato: per sfruttarlo a dovere si deve giocare d’incastri, suddividendo il carico fra valigie e borse morbide. L’imboccatura è ampia, ma con gli oggetti pesanti non aiuta il gradino di 21 cm che separa la soglia dal piano di carico, e nemmeno quello di 13 cm che si forma ripiegando lo schienale (opportunamente suddiviso 50/50).

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Quasi sportiva, ma gradisce l’Esp

Compatta com’è, in città la 500 è nel suo regno, grazie pure alla leggerezza dei comandi – lo sterzo soprattutto – e all’elevata maneggevolezza. Oltre a consumare poco, il brillante TwinAir regala soddisfazioni anche nei percorsi extraurbani, dove la 500 convince anche con la precisione dello sterzo e con la buona tenuta di strada. Attenzione, però, sullo sconnesso, perché affrontando le curve troppo velocemente, oppure in rilascio, la coda tende ad allargare la traiettoria: per neutralizzare il fenomeno è meglio acquistare l’Esp. Il motore ha “birra” sufficiente anche per affrontare l’autostrada senza timori, ove si gode anche di un discreto comfort, visto che vibrazioni e rumorosità sono contenute.
 

Fiat 500

In città
Il volante è leggero e dolce da azionare, ancor più se si preme il pulsante Eco (che riduce il brio del motore e aiuta a consumare meno); validi anche la frizione, che non affatica, e il cambio dalla leva a portata di mano e dagli innesti precisi. Gli ingombri contenuti (355 cm di lunghezza) facilitano nel traffico e al momento di parcheggiare; nelle manovre in retromarcia s’apprezza la possibilità di abbassare i poggiatesta posteriori per meglio sfruttare la scarsa visuale offerta dal piccolo lunotto (i sensori si pagano a parte).

Fuori città
Grazie al turbo il bicilindrico si dimostra piacevolmente vivace e assicura una guida brillante, complici lo sterzo preciso e le sospensioni rigide. Dunque, nei percorsi tortuosi ci si diverte, ma bisogna anche badare a non affrontare con troppa foga le curve con fondo sconnesso: se si esagera con la velocità il retrotreno tende a perdere aderenza, almeno nel caso dell’esemplare in prova, che era privo di Esp (un optional che non costa molto e che conviene comunque acquistare). La potenza dei freni non delude, ma la loro resistenza sì: nell’uso intenso l’impianto perde tono. Bassi i consumi: abbiamo misurato 17 km/l.

In autostrada
A velocità elevata lo sterzo conferma la sua precisione, così come sia la tenuta di strada, sia la stabilità, rimangono rassicuranti pure nei curvoni veloci. Il TwinAir garantisce la riserva di potenza sufficiente ad affrontare viaggi autostradali anche impegnativi, e con la modalità Eco inserita non manca nemmeno di prontezza nelle riprese. Il comfort è più che adeguato, perché l’abitacolo è bene isolato dalle vibrazioni e dal rumore, eccezion fatta per qualche fruscio aerodinamico.

QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
Tanti airbag, ma l’Esp si paga

L’elegante versione Lounge può essere arricchita anche coi fari allo xeno, ma fa pagare a parte già gli antinebbia. Lo stesso vale per l’Esp, che è utile e dovrebbe essere di serie. È, invece, molto curata  la dotazione che aumenta la sicurezza passiva: gli airbag a tendina sono previsti anche dietro e non manca il “cuscino” che protegge le ginocchia del conducente. Nei crash test EuroNcap la 500 ha ottenuto il massimo punteggio per quanto riguarda la protezione degli occupanti.

Fiat 500

La Fiat 500 è stata sottoposta ai crash test EuroNcap con il vecchio capitolato, quello applicato prima del 2009. Brillanti i risultati, che valgono cinque stelle (il massimo) per la protezione degli occupanti, tre stelle per i bambini su seggiolini Isofix e due stelle per la tutela dei pedoni in caso di investimento. D’altra parte, in termini di sicurezza passiva la piccola Fiat è fra le citycar meglio dotate: incluso quello posto a riparare le ginocchia del guidatore, gli airbag sono ben sette. Peccato, però, che un dispositivo importante come l’Esp si debba pagare a parte: visto che non ha un costo eccessivo, e considerato quanto sia utile per tenere a bada le intemperanze del retrotreno che talvolta si verificano sui fondi sconnessi, tanto valeva offrirlo di serie. Optional pure gli antinebbia e i fari allo xeno, mentre il regolatore di velocità – disponibile per alcune rivali – non è previsto.

NE VALE LA PENA?
4
Average: 4 (1 vote)
L’esclusività non è regalata

Citycar dalla linea personale e dalla qualità costruttiva elevata, in questa versione vanta pure un motore dai contenuti tecnici esclusivi: lo 0.9 TwinAir è moderno e sofisticato, parco nei consumi eppure capace di prestazioni brillanti. Qualità che si accompagnano a una grande piacevolezza di guida, ma che pure si pagano care: il prezzo di listino è alto, e anche se si rinuncia ad accessori “di lusso” come i sedili in pelle, la dotazione va completata a pagamento aggiungendo l’Esp e, magari, anche il “clima” automatico al posto di quello manuale.

Con la sua linea azzeccata e sempre attuale, la 500 è la scelta adatta per chi vuole una citycar sfiziosa, piacevole da guidare e tecnologicamente avanzata. Soprattutto in questa versione mossa dal sofisticato 0.9 TwinAir, la cui architettura a due cilindri si richiama al passato, ma che pure è uno dei motori più moderni in circolazione, e non solo perché è turbocompresso: privo di corpi farfallati, impiega un particolare sistema di apertura delle valvole di aspirazione per il dosaggio dell’aria. Così, ai consumi da vera utilitaria unisce prestazioni brillanti e una notevole piacevolezza di guida, che trova adeguato riscontro nelle qualità dello sterzo, nell’agilità e nella tenuta di strada. Perché il quadro sia perfetto, però, si deve aggiungere l’Esp, che si paga a parte come i fendinebbia, che almeno per l’elegante allestimento Lounge avremmo visto bene di serie. Dunque, il rapporto fra prezzo e dotazione è poco favorevole, fermi restando i notevoli contenuti tecnici e l’elevata cura costruttiva di questa Fiat.

PERCHÉ SÌ
Cambio
La posizione rialzata della leva facilita la manovrabilità, e gli innesti sono rapidi e precisi; leggero anche il comando della frizione. Inoltre, la misura dei rapporti è ben calcolata sulle caratteristiche di erogazione del motore.

Motore
Le vibrazioni dei bicilindrici di un tempo non appartengono al raffinato 0.9 TwinAir turbocompresso, che risulta ben controllato anche sul fronte della rumorosità. E alle brillanti prestazioni si accompagnano consumi contenuti.

Sterzo
Per ruotare il volante occorre pochissimo sforzo, ma non per questo la precisione lascia a desiderare, anzi. E quando si attiva la funzione Eco il comando diventa ancor più leggero, facilitando la guida in città.

Stile
Il debutto risale ormai a più di tre anni fa, ma la linea risulta tutt’altro che datata: merito della spiccata personalità stilistica, che rende la piccola Fiat una delle utilitarie più equilibrate e ed eleganti.
PERCHÉ NO
Freni
In condizioni normali ci si ferma in fretta, ma la resistenza alla fatica non è il miglior pregio dell’impianto e così, a seguito di un uso intenso (per esempio scendendo da una strada di montagna a pieno carico), gli spazi di arresto si allungano.

Posti dietro
Sul divano si può viaggiare soltanto in due, ma per farlo comodamente bisogna essere piccolini di statura: in caso contrario, lo spazio per le gambe scarseggia e con la testa si arriva a sfiorare il soffitto.

Prezzo
L’originalità della linea e il sofisticato motore non bastano a giustificare un listino fra i più cari della categoria. Tanto più se si considera che parecchi accessori, alcuni dei quali irrinunciabili, si debbono pagare a parte.

Stabilità
Per l’Esp è richiesto un sovrapprezzo, ma si tratta di un’aggiunta consigliabile dato che sui fondi poco regolari, se si guida con piglio brillante, la coda tende a perdere aderenza allargando la traiettoria.
SCHEDA TECNICA
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 5a a 4800 giri   175,2 km/h 173 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,0   11,0 secondi
0-400 metri 18,2 121,3 km/h non dichiarata
0-1000 metri 33,6 153,2 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 35,4 148,4 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 34,3 140,1 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 15,7   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,1 km/litro 20,4 km/litro
Fuori città   17,0 km/litro 27,8 km/litro
In autostrada   12,4 km/litro non dichiarato
Massimo   5,5 km/litro non dichiarato
Medio   14,5 km/litro 24,4 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,7 metri non dichiarata
da 130 km/h   66,6 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   134 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,0 metri 9,2
Cilindrata cm3 875
No cilindri e disposizione 2
Potenza massima kW (CV)/giri 63 (85)/5500
Coppia max Nm/giri 100/2000
Emissione di CO2 grammi/km 95
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 (manuale) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 355/163/149
Passo cm 230
Peso in ordine di marcia kg 855
Capacità bagagliaio litri 185/550
Pneumatici (di serie) 185/55 R 15
I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 5a a 4800 giri   175,2 km/h 173 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,0   11,0 secondi
0-400 metri 18,2 121,3 km/h non dichiarata
0-1000 metri 33,6 153,2 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 35,4 148,4 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 34,3 140,1 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 15,7   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,1 km/litro 20,4 km/litro
Fuori città   17,0 km/litro 27,8 km/litro
In autostrada   12,4 km/litro non dichiarato
Massimo   5,5 km/litro non dichiarato
Medio   14,5 km/litro 24,4 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,7 metri non dichiarata
da 130 km/h   66,6 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   134 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,0 metri 9,2
Cilindrata cm3 875
No cilindri e disposizione 2
Potenza massima kW (CV)/giri 63 (85)/5500
Coppia max Nm/giri 100/2000
Emissione di CO2 grammi/km 95
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 (manuale) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 355/163/149
Passo cm 230
Peso in ordine di marcia kg 855
Capacità bagagliaio litri 185/550
Pneumatici (di serie) 185/55 R 15
Fiat 500
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
386
148
80
41
86
VOTO MEDIO
4,0
3.954115
741
Aggiungi un commento
Ritratto di Franchigno
18 marzo 2011 - 01:54
Senza scomodare le Coreane che a parità di prezzo danno più del doppio una su tutte la nuova IX20...e la nuova Opel Corsa la lista è lunga ma mi fermo quì...Altro che questo topo Gigio..
Ritratto di manico73
19 marzo 2011 - 16:47
Come al solito fiat peggiore di tutte....Ma chi se le ricompra le coreane come dici te? La valutazione di un'auto non può e non si ferma solo al marchio.
Ritratto di manuel12
18 marzo 2011 - 09:23
2
la 500 e una vettura bella e la puoi personalizzare come vuoi ma con il 0.9 twin air le prestazioni sono tranquille e meglio con la 1.3 multijet e quei stupidi della fiat devono abbassare i prezzi della fiat 500 e anche quella cabriolet a 8000 o 9000 euro rimanendo sotto i 10.000 euro cosi le vendite aumentano e oltre a questo la gamma fiat deve avere l'esp di serie su tutti i modelli.
Ritratto di Franchigno
20 marzo 2011 - 04:48
Chi se le ricompra,io sono uno di quelli...280.000 km la prima e 200.000 la seconda è tuttora funziona alla grande quelle attuali te le danno dai 5-7 anni di garanzia,e affidabilità da carro armato.E non tirare fuori la scusa che se non danno la garanzia così lunga non vendono...ma poi scusa non ti fidi Ok vai da un concessionario Hyundai te le guardi per bene chiedi prezzo dotazioni ecc poi ne riparliamo...PS ambedue i motori erano e sono a benzina..!!!
Ritratto di francmel
20 marzo 2011 - 16:47
Vedo che come al solito gente che non capisce nulla apre la bocca per darvi fiato. La 500 fra le citycar è la più venduta in Europa,seconda solo alla panda, E come vendite ha stracciato la Mini.
Ritratto di Franchigno
21 marzo 2011 - 01:47
Per voi Fiattari le varie Fiat sono sempre le più vendute in europa...Ma questi dati ve li sognate di notte?
Ritratto di francmel
21 marzo 2011 - 13:05
Inanzitutto non sono un Fiattaro,poi chi dorme troppo mi sa che sei tu. I dati che cito sono quelli delle auto più vendute in Europa,dati pubblicati anche da Alvolante.
Ritratto di Dscangia
22 marzo 2011 - 10:45
Credo che la cosa più importante e che motori sovraalimentati di piccola cubatura ma molto potenti e tutto sommati con cosumi contenuti debbano essere trasformati a gpl dalle case madri. Posseggo u aGrandePunto tjet sport a gpl, è fantastica ho un risparmio paragonabile ad unaauto a gasoliao di piccola cilindrata non mi accorgo di andare a gpl non ho mai avuto problemi e faccio a gpl 12 Km/L di media e in autostrada 11Km/L andando a 140Km/h. Perchè la Fiat non fa il twin air e i tjet a gpl di serie anche sui modelli "fiat"?
Ritratto di querelle61
23 marzo 2011 - 17:59
0.9 TwinAir: probabilmente non è ancora perfettamente a punto, e questo spiega l'enorme differenza tra i consumi dichiarati (bassissimi) e quelli effettivamente riscontrati (non male, ma lontanissimi dal dichiarato). Sicuramente però io non lo installerei su di una macchina "sfiziosa e fricchettona" come la 500, ma piuttosto sulla Panda, più piccola e leggera e più consona all'idea del risparmio. Vero è che lo 0.9 TwinAir avrà potenze di 65-85-105 CV: magari la versione da 65 CV consumerà di meno.
Ritratto di gastazzoni
24 marzo 2011 - 18:40
Io ho avuto l'opportunita'di averla per 8 giorni,francamente mi sono divertito. I consumi dichiarati da fiat sono out pero'nel misto e'facile fare i 17-18 al litro,in citta'piu'o meno i 13. Pero'bisogna ricordare che era in rodaggio E'una scheggia ed e'anche stabile. Il prezzo nn e'giustificato per un giocattolino cosi' Ho dei dubbi sulla durata del motore....secondo me'turbo e due cilindri nn sono una bella accoppiata....
Pagine