PROVATE PER VOI

Fiat Panda: va bene, però è tirchia

Prova pubblicata su alVolante di
febbraio 2012
  • Prezzo (al momento del test)

    € 10.950
  • Consumo medio rilevato

    19,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    120 grammi/km
  • Euro

    Euro 5
Fiat Panda
Fiat Panda 1.2 Easy
L'AUTO IN SINTESI

È agile e ha uno sterzo preciso, ma le sospensioni morbide la rendono inadatta alla guida sportiva; fluido e poco assetato il 1.2 a benzina, migliorabile il cambio. Il prezzo appare attraente, ma si devono mettere in conto gli accessori, e la Easy fa pagare a parte pure il climatizzatore.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
2
Average: 2 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
3
Average: 3 (1 vote)
Tenuta di strada
3
Average: 3 (1 vote)
Dotazione
2
Average: 2 (1 vote)
Qualità/prezzo
2
Average: 2 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Piace ed è facile

Rinnovata da cima a fondo, la citycar italiana continua a puntare sulla linea simpatica, ora contraddistinta da più accentuate bombature e da una maggior cura per i dettagli. Originale anche l’abitacolo, adeguato a ospitare quattro adulti. Su strada si apprezzano la facilità di guida, il piacevole funzionamento del 1.2 a benzina – non particolarmente brillante ma parco – e lo sterzo preciso, anche se le morbide sospensioni sono all’origine di un sensibile rollio. Il prezzo non è alto, ma non comprende accessori “indispensabili”, come l’Esp o il climatizzatore.

In quest’ultima generazione, la più famosa delle citycar italiane torna a essere prodotta su suolo nazionale (a Pomigliano d’Arco, mentre la precedente versione era costruita in Polonia) e ha una linea piuttosto ricercata: senza tagli netti con il passato propone forme più arrotondate e “muscolosi” passaruota da piccola suv. Utili ed efficaci i paracolpi in plastica non verniciata che proteggono fiancate e paraurti dalle “toccatine” nei parcheggi, ma si pagano a parte come pure i gusci degli specchietti in tinta con la carrozzeria.

Spaziosa in rapporto ai suoi 365 cm di lunghezza, la Panda ha un abitacolo originale almeno quanto l’esterno (è giocato su linee squadrate e spigoli arrotondati) e offre spazio sufficiente per quattro adulti. Mettendosi al volante convince anche la posizione di guida rialzata che, assieme alle estese vetrature, favorisce la visibilità. Come nel vecchio modello c’è il tasto City che alleggerisce lo sterzo (si manovra con un dito), mentre è notevolmente migliorata l’insonorizzazione.

Il 1.2 a benzina ha prestazioni discrete (ma il cambio è soggetto a impuntamenti), “beve” poco e vanta un funzionamento fluido. Soddisfa anche la tenuta di strada (diversamente che per la 1.3 Multijet, più tendente ad allargare col muso a causa della maggiore massa del motore), sebbene le sospensioni morbide facciano patire un marcato coricamento laterale se si affrontano le curve troppo allegramente; in ogni caso la precisione dello sterzo non delude.

La Easy è proposta a una cifra ragionevole e offre di serie le barre sul tetto e la radio (assenti nella “base” Pop), ma fa pagare a parte i fendinebbia e il “clima” manuale (che, invece, sono di serie nella più ricca Lounge). Purtroppo sono nella lista degli optional anche altri accessori di fatto necessari, come il quinto posto (con relativa omologazione, altrimenti si può viaggiare soltanto in quattro) e l’Esp.

VITA A BORDO
3
Average: 3 (1 vote)
Funzionale, e da arricchire

La vivace plancia che forma una grande tasca davanti al passeggero, e il motivo del quadrangolo stondato che si ritrova nelle cornici dei comandi e nella strumentazione, rendono l’abitacolo piacevole e originale; ok anche per la praticità, dato che i comandi sono al posto giusto e i portaoggetti non mancano. Ma il “clima”si paga parte, come la possibilità di gestire la radio dal volante o il vivavoce Bluetooth. Decisamente buona l’abitabilità, anche per chi sta dietro; tuttavia il quinto posto è optional, come pure il divano frazionato che consente di aumentare la flessibilità del bagagliaio. 

Plancia e comandi
Contraddistinta da una cornice in tinta con la carrozzeria, la plancia ha un aspetto originale; discreta la qualità dei materiali, pur con qualche sbavatura nei dettagli meno in evidenza. Il motivo stilistico quadrangolare con angoli stondati ricorre ovunque, nel cruscotto (completo, nonostante la non ottimale leggibilità degli indicatori digitali del livello del carburante e della temperatura del circuito di raffreddamento) come nei vari comandi. Questi ultimi sono correttamente collocati (inclusi quelli del “clima”, optional), e per quanto riguarda la radio (con vivavoce e prese Aux/Usb nel pacchetto Blue&Me) c’è la possibilità di averli ripetuti al volante (acquistando quello in pelle). Originale, e non scomodo, il freno di stazionamento con impugnatura piatta. 

Abitabilità
Sebbene non ampie, le poltrone sono confortevoli (oltre che regolabili con precisione) e il divano ha la seduta piatta, correttamente distanziata dagli schienali anteriori e dal soffitto: lo spazio è discreto e quattro adulti viaggiano comodi. L’eventuale quinto posto, optional, è stretto, ma acquistandolo nel pacchetto Flex si ottengono anche lo schienale frazionato e lo schienale anteriore destro richiudibile. Niente male la praticità, dato che i portaoggetti non mancano, a cominciare dalla grande mensola di fronte al passeggero (ispirata al “tascone” della Panda degli anni 80): è ampio, ma con i limiti dovuti all’assenza dello sportello di chiusura (previsto, invece, nel sottostante cassettino portadocumenti).

Bagagliaio
Fra quelli delle citycar, con i suoi 225 litri il baule della Panda è uno dei più capienti, ed è anche provvisto di un’imboccatura ampia (anche se non quanto quella del modello precedente) e squadrata; abbondante (55 cm) l’altezza utile fino alla cappelliera. Peccato che fra la soglia e il pavimento vi sia un gradino di 14 cm, e che un altro della stessa altezza si formi abbattendo lo schienale del divano. Quest’ultimo non è rivestito posteriormente, e dunque è facile a graffiarsi; inoltre, per averlo di tipo frazionato (60/40) bisogna sborsare una cifra extra. Venduto a parte anche il ruotino (alloggiato sotto il pavimento) in luogo del kit di riparazione. 

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Prendetevela comoda

La Panda ha comandi dolcissimi e ampie superfici vetrate che favoriscono la visibilità (che non scarseggia neppure dietro): in città, la Panda è nel suo ambiente naturale. Le sospensioni filtrano efficacemente le buche ma sono pure all’origine di qualche dondolio quando si affrontano velocemente i percorsi ricchi di curve; ciò non compromette la tenuta di strada, ma nelle manovre d’emergenza l’Esp - che è optional - fa comodo. Non vivacissimo in ripresa, più che per le prestazioni il 1.2 a benzina si fa apprezzare per i consumi contenuti e per il funzionamento silenzioso: in autostrada danno più fastidio i fruscii aerodinamici.

In città
Né il cambio, né la frizione, stancano, e fino a 35 km/h si può attivare la modalità City che alleggerisce lo sterzo agevolando la guida a bassa andatura e le manovre. Nei parcheggi, poi, non si sente la necessità dei sensori di distanza (comunque disponibili come optional): i finestrini e il lunotto, ampi e quasi verticali, favoriscono la visibilità in ogni direzione. Giudizio positivo anche per il quattro cilindri 1.2, piuttosto silenzioso e poco assetato di benzina (nonostante l’assenza dello Stop&Start, abbiamo rilevato oltre 14 km/l), e per le sospensioni, in grado quasi di “cancellare” i tratti sconnessi.

Fuori città
Lo sterzo soddisfa per precisione, e solo esagerando con l’andatura si provoca un prevedibile sottosterzo, ossia l’auto allarga la traiettoria col muso: nulla di preoccupante, perché la tenuta di strada è sicura e le reazioni sincere, ma ciò non toglie che l’Esp sia un accessorio consigliabile. D’altronde che la Panda non sia una sportiva lo confermano le sospensioni, piuttosto morbide per favorire il comfort (peraltro notevolmente migliorato rispetto alla versione precedente, anche per quanto concerne l’insonorizzazione) ma all’origine di qualche dondolio nelle sequenze di curve affrontate velocemente, e il cambio, che se usato dtroppo sportivamente è soggetto a qualche impuntamento.

In autostrada
Da un’utilitaria in grado di raggiungere una punta massima di poco superiore ai 160 km/h non ci si devono aspettare miracoli in autostrada, e spesso, dopo i rallentamenti, è indispensabile scalare marcia per recuperare velocità in fretta. Tuttavia, lo spazio a bordo non manca, e il “volenteroso” 1.2  – che a 130 km/h in quinta lavora a meno di 3200 giri – non esagera nei consumi né si fa sentire troppo. Disturbano, invece, i fruscii aerodinamici, presenti già attorno ai 120 km all’ora. Ok i freni: sufficientemente potenti e modulabili, non vanno in crisi nemmeno nelle frenate d’emergenza.

QUANTO È SICURA
4
Average: 4 (1 vote)
Le manca una stella

Sottoposta ai crash test dell’Euro NCAP, la Panda ha dimostrato buone capacità di protezione degli occupanti, tuttavia ha ottenuto una valutazione globale di quattro stelle su cinque: sul giudizio ha pesato l’equipaggiamento di serie che – a differenza di quanto accade per molte rivali – non include dispositivi importanti come l’Esp e gli airbag laterali; e sono optional anche i fendinebbia.

Oltre all’Abs, di serie ci sono soltanto i due airbag frontali e quelli per la testa estesi ai posti dietro, mentre i “cuscini” laterali sono disponibili con sovrapprezzo e lo stesso vale per l’Esp e per il controllo di trazione (offerti in pacchetto e consigliabili, anche se la vettura ha un comportamento sicuro e prevedibile), oltre che per i fendinebbia. Sulla valutazione globale di quattro stelle (contro le cinque, cioè il massimo, ottenute da molte rivali) hanno pesato anche i 43 punti percentuali – un valore inferiore alla media – assegnati ai dispositivi di sicurezza; non eccezionale nemmeno la valutazione relativa alla salvaguardia dei pedoni in caso di investimento (49%), mentre è soddisfacente quella riferita alla protezione dei bambini su seggiolini Isofix (63%) e degli adulti (83%). In ogni caso, un passo avanti rispetto al modello di precedente generazione (lanciato nel 2004) c’è stato: in quel caso le stelle furono soltanto 3 su 5, oltretutto ottenute con procedure meno rigorose e complesse di quelle attuali.

NE VALE LA PENA?
4
Average: 4 (1 vote)
Fate i conti con gli optional

Agile, comoda, parca nei consumi e sufficientemente brillante, questa originale citycar non fa rinunciare alla praticità e offre un abitacolo spazioso in rapporto alle dimensioni esterne; inoltre, è comoda piacevole da guidare anche al di fuori delle mura cittadine. Peccato che al prezzo allettante corrisponda una dotazione al limite della sufficienza, e che va completata a pagamento, ma in questo modo il vantaggio sulle rivali si assottiglia.

La Panda non delude chi in una piccola vettura cerca anche una personalità ben definita: sia osservandola dall’esterno, sia accomodandosi nell’abitacolo, è impossibile confonderla con le rivali. Alquanto spaziosa in rapporto alle dimensioni esterne, gioca buone carte sia in fatto di abitabilità sia nella praticità, dato può ospitare senza sacrifici quattro adulti e ha un bagagliaio relativamente ampio e di agevole accesso (la soglia è a soli 66 cm dal suolo). Resta il fatto che, per poter godere appieno di queste qualità, occorre sborsare cifre extra e aggiungere almeno il divano frazionato o, meglio ancora, quello che prevede anche il quinto posto e la relativa omologazione. Fra gli optional irrinunciabili ci sono anche alcuni dispositivi necessari alla sicurezza (Esp e airbag laterali) e il climatizzatore (peraltro piuttosto caro), nonché quei “gadget”, come i comandi della radio nelle razze del volante, il vivavoce Bluetooth e le connessioni per i lettori di musica digitale, che quasi sempre la concorrenza offre inclusi nel prezzo. Questo nulla toglie alla validità di una citycar che vanta discrete prestazioni, si guida con piacere, consuma poco ed è piuttosto confortevole: il punto è che, a conti fatti, se si vuole una dotazione meno “basic” conviene orientarsi sulla più generosa Lounge.

PERCHÉ SÌ

Abitabilità
Corta, ma ben sviluppata in altezza, la Panda ha un abitacolo spazioso: quattro adulti viaggiano comodamente, e sul divano (dal profilo piatto) non soffrono nemmeno i passeggeri di statura superiore alla media.

Comfort 
La seduta rialzata facilita l’accesso e le morbide sospensioni “cancellano” buche e pavé, ma il grande passo avanti rispetto al vecchio modello riguarda l’insonorizzazione, ora ben curata; utile la funzione City, che a bassa velocità alleggerisce lo sterzo.

Linea
Sviluppando i tratti stilistici della precedente generazione, i designer sono riusciti a ottenere una vettura dai volumi equilibrati e dalle forme piacevolmente tondeggianti, ma senza rinunciare a una spiccata personalità.

Visibilità
Oggi è raro trovare modelli impeccabili sotto il profilo della visibilità, soprattutto dietro. Ma in questo caso si può contare su un lunotto ampio e pressoché verticale (come lo sono i finestrini) e sui montanti sottili: dei sensori di distanza (optional) si può fare a meno.

PERCHÉ NO

Colori
Delle sei tinte pastello disponibili, soltanto tre sono comprese nel prezzo; le restanti, invece, comportano un esborso extra, anche se inferiore a quello richiesto per i colori metallizzati e per l’unico micalizzato.

Dotazione
Non solo si pagano a parte gli airbag laterali anteriori (importanti per la sicurezza, dovrebbero essere di serie), ma pure il quinto posto con relativa omologazione, il divano sdoppiato e l’ormai irrinunciabile climatizzatore manuale.

Esp
Rientra nella lista degli optional a pagamento anche il controllo elettronico della stabilità, un dispositivo che compensa gli errori di guida e che raramente non è incluso nell’equipaggiamento standard (soprattutto nei nuovi modelli). 

Tascone
Ispirato a quello della Panda prima serie, il grande portaoggetti a tasca davanti al passeggero anteriore è originale ma funzionale soltanto in apparenza: senza sportello gli oggetti rimangono in vista, e quando si guida allegramente non è detto che restino al loro posto.

 

SCHEDA TECNICA
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 4a a 5900 giri   164,4 km/h 164 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 14,5   14,2 secondi
0-400 metri 19,5 114,9 km/h non dichiarata
0-1000 metri 36,0 141,9 km/h  
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 39,2 133,5 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 38,6 121,7 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 4a 10,7    
da 80 a 120 km/h in 5a 26,3   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,1 km/litro 14,9 km/litro
Fuori città   17,5 km/litro 23,3 km/litro
In autostrada   12,4 km/litro non dichiarato
Medio   14,9 km/litro 19,2 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,4 metri non dichiarata
da 130 km/h   66,2 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   137 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,0 metri 9,3
Cilindrata cm3 1.242
No cilindri e disposizione 4
Potenza massima kW (CV)/giri 51 (69)/5500
Coppia max Nm/giri 102/3000
Emissione di CO2 grammi/km 120
Distribuzione 2 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 (manuale) + retromarcia
Trazione Anteriore
Freni anteriori Dischi 
Freni posteriori Tamburi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 365/164/155
Passo cm 230
Peso in ordine di marcia kg 940
Capacità bagagliaio litri 225/870
Pneumatici (di serie) 175/65 R 14
I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 4a a 5900 giri   164,4 km/h 164 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 14,5   14,2 secondi
0-400 metri 19,5 114,9 km/h non dichiarata
0-1000 metri 36,0 141,9 km/h  
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 39,2 133,5 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 38,6 121,7 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 4a 10,7    
da 80 a 120 km/h in 5a 26,3   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,1 km/litro 14,9 km/litro
Fuori città   17,5 km/litro 23,3 km/litro
In autostrada   12,4 km/litro non dichiarato
Medio   14,9 km/litro 19,2 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,4 metri non dichiarata
da 130 km/h   66,2 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   137 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,0 metri 9,3
Cilindrata cm3 1.242
No cilindri e disposizione 4
Potenza massima kW (CV)/giri 51 (69)/5500
Coppia max Nm/giri 102/3000
Emissione di CO2 grammi/km 120
Distribuzione 2 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 (manuale) + retromarcia
Trazione Anteriore
Freni anteriori Dischi 
Freni posteriori Tamburi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 365/164/155
Passo cm 230
Peso in ordine di marcia kg 940
Capacità bagagliaio litri 225/870
Pneumatici (di serie) 175/65 R 14
Fiat Panda 1.2 Easy
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
11
2
3
2
3
VOTO MEDIO
3,8
3.761905
21
Aggiungi un commento
Ritratto di lada-niva22
22 ottobre 2012 - 10:12
...non è male, una utilitaria spaziosa e ben fatta da quel che ho visto. Probabilmente un po costosa specie in relazione agli equipaggiamenti. Questa versione base è acquistabile solo come auto "da lavoro" in quanto la mancanza di climatizzatore ed esp di serie praticamente "costringono" a passare alla versione più costosa. La nota positiva è che spesso Fiat, con offerte varie e rottamazioni abbassa il prezzo di listino: a questo punto sicuramente, potendo spendere, meglio puntare all'allestimento Lounge con gpl, proposta se non erro a 13500 euro. L'ideale sarebbe comunque che i prezzi di listino scendessero di un migliaio di euro, rendendo così "più onesto" il costo della vettura.
Ritratto di MatteFonta92
22 ottobre 2012 - 10:28
3
Concordo con alVolante, quest'auto defilirla "tirchia" è dire poco! Se uno vuole portarsi a casa una Panda discretamente accessoriata, deve letteralmente svenarsi, con tutto quello che costano gli optional! Altrimenti si passa alla versione successiva, ma, anche lì, c'è sempre qualcosa da pagare a parte, solo la Lounge è completa di tutto (ma è anche la più costosa), ma a quel prezzo posso prendermi una nuova Clio nell'allestimento più completo (l'Energy), che è un'auto molto più spaziosa e comoda! Se la Fiat vuole vendere qualche Panda, pensi prima a rendere più completa la dotazione e ad abbassare i prezzi, poi si vedrà. Di certo ora come ora le Fiat non valgono assolutamente quel che costano.
Ritratto di IloveDR
22 ottobre 2012 - 10:37
4
ha l'enorme pregio di essere costruita in Italia...personalmente ritengo la linea appesantita rispetto alla inossidabile semplicità della Panda Classic...ottimo il motore economico, silenzioso e indistruttibile...resta il problema dei prezzi elevati per averla dotata il giusto, ma Fiat e anche tutte le altre case automobilistiche non hanno ancora imparato la lezione...bisogna puntare sulle Km.0 per avere il prezzo giusto per questo bene di prima necessità...l'automobile...
Ritratto di daniele.corti1975@libero.it
22 ottobre 2012 - 12:48
della Panda 1.2 appena uscita di produzione. Non volevo comprarla (personalmente ho un pessimo passato ricordo delle molte Fiat avute...) ma mia moglie ha insistito, le piaceva, e l'ha voluta. Dal 2006 ad oggi ha percors ca. 55.000km, cambiati 2volte entrambi gli ammortizzori anteriori causa strane perdite di olio (che pare essere di routine su quest'auto), e anche la pompa dell'acqua. Inoltre, per il tipo di auto e di motore, ha un consumo decisamente eccessivo. Riconosco che ha una discreta abitabilità ed un buon bagagliaio visti gli ingombri. Ma tutto sommato, penso che si possa trovare di meglio. anche perchè obiettivamente è cara. la mia, con Clima, e il resto di serie, l'ho pagata (a netto della permuta) nel 2006 8.800€... Francamente non mi sento di consigliare l'acquisto a nessuno.. in modo particolare per consumo e poca affidabilità.
Ritratto di gilrabbit
22 ottobre 2012 - 18:05
Conosco gente che ha la Panda Mtj del 2007 con la quale ha fatto già 100.000 km senza nulla di particolare e con un consumo di 20 km/litro. Quanto agli ammortizzatori davanti mettiamoci in testa che in tutte le auto sonop tutti uguali e non c'è la ditta che li fa per la Fiat a dispetto o più economici. Nella mia Bravo addirittura gli ammortizzatorini del portellone sono made in germany e tutti gli impianti sono Bosh come quelli delle mitiche Golf e Audi!! I componenti oggi come oggi sono prodotti per tutte le case e molti che trovi nelle auto tedesche sono fatti in Padania!!!!
Ritratto di osmica
24 ottobre 2012 - 15:50
Non sapevo dell'esistenza di codesto paese.
Ritratto di opinionista
22 ottobre 2012 - 14:28
2
La 900 twin air con il metano il pieno si fa con 12 €, ma il prezzo della vettura, pur bella e funzionale, mi pare un po' sovradimensionato. Concordo con chi ha detto che nella sua categoria, la fa da padrona.
Ritratto di juvefc87
22 ottobre 2012 - 16:54
con la storiella del pieno a 12 euro ci fanno credere che fa 1000 km col pieno! inr ealtà ne fa 300 si e no.. 12 euro=12/13 kg di metano all'incirca.. ogni kg fa 10 km se va bene
Ritratto di Gino2010
22 ottobre 2012 - 16:27
la fiat ha sempre fatto pagare caro ogni dettaglio,per non parlare dell'alfa.E' una politica deplorevole che l'azienda porta avanti dai tempi in cui era giovane l'avv.Agnelli.In questo modo le fiat sembrano auto economiche rispetto alla concorrenza,con un ottimo rapporto prezzo qualità.Non è vero,perchè se poi si sceglie una panda accessoriata come si deve non si spende meno di una corsa nè si spende di meno di una golf se si sceglie una giulietta di pari prestazione e dotazione.Con questa gestione è stato raggiunto il vertice visto che si paga a parte l'esp che è obbligatorio ma il prezzo base non lo considera attirando il cliente con una promessa di prezzo basso,(neanche tanto),facendolo entrare in concessionaria,illustrandogli la meraviglia delle meraviglie oltretutto scontata come se li sconti li avesse inventati fiat e poi mettiamoci climatizzatore manuale,esp,air bag laterali,roba che ormai hanno pure sulla tata,ed ecco che il cliente,ad ubriacatura avvenuta,firma il contratto credendo di aver fatto un affare.E si ritrova ad aver acquistato una city car pagandola come una berlina di fascia media.
Ritratto di gilrabbit
22 ottobre 2012 - 17:59
chi entra in un concessionario Fiat al 99% dei casi sa ciò che vuole e gira da un concessionario all'altro solo per spuntare l'offerta migliore. Sotto casa ho un grosso concessionario fiat con un piazzale di alcune centinaia di auto in maggioranza Panda. Ce ne stanno di tutti i colori belle e pronte con esp e gli accessori di serie più richiesti. Basta paagre e dopo 24 ore si esce con l'auto. In america che sono più civili di noi si esce dopo un'ora con il passaggio già fatto. Una volta entrai da un amico che vende Chevrolet cercando una macchinetta mi interessava l'Aveo che con l'impianto a gas costava un bel pò di soldini. Dopo 5 minuti visto che storcevo il naso sulle qualità dell'Aveo il venditore voleva rifilarmi una Cruze a benzina che come diceva lui era accesoriata di tutto punto. Non mi ha venduto ne l'una ne l'altra!!!!
Pagine