PROVATE PER VOI

Ford Kuga: non scatta, ma ti “coccola”

Prova pubblicata su alVolante di
maggio 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 32.000
  • Consumo medio rilevato

    12,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    162 grammi/km
  • Euro

    5
Ford Kuga
Ford Kuga 2.0 TDCi 140 CV Titanium AWD Powershift
L'AUTO IN SINTESI

Ammorbidita nelle linee rispetto al modello precedente, la Ford Kuga è una suv comoda e ben dotata in rapporto al prezzo: di serie ci sono pure il Ford Sync, che abilita alcuni comandi vocali e include la chiamata automatica di soccorso, e il sistema Ford Curve Control che limita il sottosterzo. Sicura anche grazie alla trazione integrale, è facile da guidare ma poco sportiveggiante: del 2.0 a gasolio da 140 CV si apprezza la fluidità più che la grinta, e il cambio robotizzato a doppia frizione, pur rapido, è scomodo da usare in manuale.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
3
Average: 3 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
3
Average: 3 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Dotazione
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Comoda e ben dotata
Cresciuta leggermente nelle dimensioni rispetto al modello precedente, la Ford Kuga è una suv comoda e sicura, anche se il 2.0 turbodiesel da 140 CV – abbinato a un cambio robotizzato a doppia frizione – non è particolarmente grintoso. Generosa di spazio con i passeggeri, ma non altrettanto con i bagagli, ha una dotazione ricca in rapporto al prezzo: nella Titanium sono di serie anche i sedili parzialmente in pelle e il sistema che riduce il sottosterzo quando si affronta una curva con troppa grinta.
 
 
Anche se ha abbandonato i tratti taglienti del vecchio modello, la Ford Kuga è una suv che si fa notare: le profonde nervature che movimentano la carrozzeria, i passaruota sporgenti e il doppio terminale di scarico le donano una certa grinta. La lunghezza, inoltre, è aumentata da 444 a 452 cm, e a bordo lo spazio non manca nemmeno per chi viaggia sul divano. Invece, per quanto riguarda la capacità del baule, questa Ford resta lontana dalle migliori della categoria.
 
Il 2.0 a gasolio risponde con solerzia sin dai regimi inferiori, eppure la grinta non è un granché, anche se il cambio automatico robotizzato a doppia frizione permette di sfruttare al meglio i suoi 140 CV; peccato che quando si vogliono selezionare manualmente le sei marce si debbano fare i conti con uno scomodo tasto, anziché agire sulla leva stessa (o sulle palette al volante, qui non previste) come accade in altri modelli.
 
Pur votata al comfort (nei percorsi tortuosi il rollio si sente) su strada la Ford Kuga è equilibrata, facile da guidare e sicura, anche grazie al Ford Curve Control (di serie nella Titanium): se si esagera con la velocità in curva, agisce sui freni e sul motore per contenere la tendenza ad allargare la traiettoria con l’avantreno. La trazione 4x4 e la buona altezza da terra permettono di cavarsela egregiamente anche sullo sterrato, purché non troppo impegnativo dato che mancano le marce ridotte.
 
Ragionevole il prezzo, anche in considerazione della ricchezza dell’equipaggiamento: sono di serie, fra l’altro, il “clima” automatico bizona e il sistema Sync che abilita alcuni comandi vocali e chiama automaticamente i soccorsi in caso di incidente. Per risparmiare c’è l’allestimento “base”, ma fa rinunciare – fra l’altro – ai cerchi in lega e ai sedili parzialmente rivestiti in pelle. Da aggiungere a pagamento i sensori di distanza (abbinati al sistema di parcheggio semiautomatico).
VITA A BORDO
3
Average: 3 (1 vote)
Spazio e finiture ok, comandi perfettibili
Davvero curato nella scelta dei materiali e nella qualità costruttiva, l’abitacolo è spazioso non solo davanti ma anche dietro, tanto che sul divano si sta in tre senza troppi sacrifici. Peccato, però, che i comandi nella consolle e il tasto che permette di usare il cambio automatico in modalità sequenziale non siano pratici. Il baule non è grandissimo, ma facilmente sfruttabile.
 
 
Plancia e comandi
Il panorama di cui si gode dal posto guida della Ford Kuga è d’effetto: merito dello sportiveggiante cruscotto con strumenti analogici “a binocolo” separati da un display che visualizza pure la ripartizione della coppia fra avantreno e retrotreno, e della larga consolle che discende a formare il tunnel (con doppio portabibita). Peccato, però, che fra i tanti comandi di radio e navigatore (optional, e con schermo di soli 5 pollici) si rischi di fare confusione, e che per raggiungere le manopole del “clima” si debba aggirare la leva del cambio. Di quest’ultimo, inoltre, non convince lo scomodo pulsante a sinistra del pomello, che serve per selezionare le marce manualmente. Elevata la qualità di materiali e finiture.
 
Abitabilità
Le larghe e comode poltrone anteriori sono separate da un bracciolo che nasconde un pozzetto profondo e capiente, nel quale sono collocate le prese Usb e Aux; grande anche il cassetto di fronte al passeggero, che, però, è privo di illuminazione e non climatizzato. Lo spazio non manca nemmeno dietro, dove si viaggia su un divano ampio e dalla seduta piatta, all’occorrenza adatto anche ad accogliere tre adulti; inoltre, come in alcune monovolume, sono previsti i tavolinetti ripiegabili dietro le poltrone anteriori.
 
Bagagliaio
Se si acquista il pacchetto Titanium si ottiene, assieme ad altri accessori, il sistema che permette di far sollevare il portellone elettrico semplicemente passando un piede sotto il paraurti (dov’è collocato un sensore). Ben rivestito e regolare nella forma, il baule della Ford Kuga non è tra i più grandi della categoria ma si sfrutta agevolmente, grazie pure ai 50 cm d’altezza utile fra pavimento e cappelliera: sono abbastanza per sovrapporre due grosse valigie. Ripiegando lo schienale il volume di carico passa da 456 a 1653 litri, e senza che si formino gradini nel pavimento.
COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Tanto comfort e poco sprint
Non è una citycar, ma nemmeno una vettura enorme, perciò nel traffico la Ford Kuga si difende; inoltre, il cambio robotizzato allevia lo stress. Anche se risulta piacevole da guidare e decisamente sicura fra le curve, in velocità lo sterzo non è solido come dovrebbe e, affrontando le curve “alla garibaldina”, il rollio si fa sentire troppo. Meglio godersi il comfort, esaltato dalla fluidità del turbodiesel e dalla buona insonorizzazione. Nella norma i consumi.
 
 
In città
La lunghezza della Ford Kuga è inferiore a quella di molte medie famigliari, e la posizione di guida rialzata favorisce la visibilità: nel traffico ci si muove senza troppo impegno e anche i parcheggi non risultano eccessivamente difficoltosi (ma è meglio avere i sensori di distanza, che sono optional). Risponde bene anche lo sterzo, pronto e leggero, e il cambio robotizzato, che in modalità automatica lavora con dolcezza ed è piacevolmente rapido. Normale il consumo: si sfiorano i 12 km/l.
 
Fuori città
Mettendo il cambio in S, aumenta un po’ la rapidità con cui vengono selezionate le marce e, con essa, il piacere di guida, anche se le prestazioni del motore non sono da primato (come, d’altronde, i consumi). Sebbene manchi della solidità necessaria nella guida brillante, lo sterzo dimostra una buona prontezza; apprezzabile la potenza dei freni che, peraltro, non perdono mordente se chiamati in causa ripetutamente. La maneggevolezza e la tenuta di strada non deludono, tuttavia alzando il ritmo si devono fare i conti con un rollio piuttosto marcato che raffredda i “bollenti spiriti”.
 
In autostrada
L’efficace lavoro delle sospensioni – dalla taratura turistica – fa sentire poco le giunzioni dell’asfalto, e anche l’insonorizzazione dell’abitacolo è curata a dovere: i lunghi viaggi con la Ford Kuga scorrono piacevolmente. Inoltre, il cambio automatico è “sveglio” e scala con prontezza quando c’è da riprendere velocità dopo un rallentamento. Rimane, però, perfettibile la risposta dello sterzo, poco rigoroso alle andature elevate, e non fanno gridare al miracolo i 10,6 km/l di consumo che abbiamo rilevato nel corso della prova.
 
In fuori strada
Su sterrato o fondi a scarsa aderenza questa Ford Kuga si difende grazie all’efficace trazione integrale e alla cospicua altezza minima da terra, che sullo sconnesso aiuta a non fare danni alla meccanica e al sottoscocca. Utili anche le protezioni poste a riparo delle parti della carrozzeria più esposte al pietrisco proiettato dalle ruote (sono in plastica, come d’altronde le piastre color alluminio sotto gli scudi anteriore e posteriore), Ma data la mancanza delle marce ridotte – e anche di dispositivi come il limitatore di velocità in discesa, che alcune rivali offrono – è meglio evitare le situazioni impegnative.
QUANTO È SICURA
5
Average: 5 (1 vote)
Aiuti al top
A sostegno delle cinque stelle ottenute nei crash test Euro NCAP, la Ford Kuga vanta punteggi davvero elevati nei vari ambiti specifici, raggiungendo addirittura il 100% in quello relativo ai sistemi di assistenza. D’altra parte, della dotazione di serie fa parte pure il sistema che chiama automaticamente i soccorsi in caso di incidente, e nell’allestimento Titanium è standard il dispositivo che corregge il sottosterzo se si esagera con la velocità in curva.
 
 
Naturalmente l’Esp è di serie nella Ford Kuga, assieme a sette airbag (fra cui quello per le ginocchia del guidatore), al cruise control con limitatore di velocità e ai fendinebbia, mentre sono a pagamento i fari bixeno. Oltre che dalla trazione integrale, un contributo alla sicurezza attiva arriva dal sistema Ford Curve Control, che quando si esagera con la velocità in curva riduce il sottosterzo rallentando l’auto (agisce sui freni e toglie potenza al motore arrivando, se necessario, al limite minimo di 16 km/h): nell’allestimento Titanium è di serie. Rimarchevole anche il sistema Sync (standard per tutta la gamma), che si connette (via Bluetooth o Usb) a un telefonino o a un dispositivo multimediale permettendo di compiere alcune operazioni (come scegliere un brano musicale, fare telefonate o rispondere agli sms con un testo predefinito) tramite comandi vocali, quindi senza togliere le mani dal volante. Inoltre, essendo collegato ai sensori degli airbag e all’interruttore inerziale che ferma la pompa del carburante in caso di impatto, è in grado di “capire” se la vettura è stata coinvolta in un incidente: nel caso, chiama automaticamente i soccorsi tramite il telefonino connesso, e comunica la posizione del veicolo sfruttando il Gps di bordo. Una simile dotazione spiega, assieme ai risultati ottenuti nei crash test, le cinque stelle (il massimo) che l’Euro NCAP ha assegnato alla Ford Kuga, supportate da un en plein per quanto riguarda la valutazione dei sistemi di assistenza (100%), e da punteggi davvero soddisfacenti negli altri ambiti specifici (94% per la protezione dei passeggeri adulti, 86% per i bambini ospitati su seggiolini specifici e 70% per i pedoni).
NE VALE LA PENA?
4
Average: 4 (1 vote)
Una suv da famiglia
La Ford Kuga offre parecchio, sia in fatto di praticità, sia di qualità costruttiva. Inoltre, non costa molto, e pazienza se si deve mettere in conto qualche extra quando, comunque, il prezzo di listino comprende pure il cambio robotizzato e una dotazione di sicurezza più ricca della media. Motore e assetto non sono da sportiva, ma su asfalto la guida è facile e sicura; senza contare che grazie alla trazione integrale non c’è da temere nemmeno fango e neve.
 
 
Costruita con cura, accogliente e confortevole, la Ford Kuga è una suv che svolge egregiamente il compito di vettura da famiglia (anche se il baule è pratico ma non enorme): è comoda, adatta ai lunghi viaggi e in grado di districarsi senza troppa difficoltà sui percorsi innevati e negli sterrati non troppo impegnativi. Su strada è davvero sicura e piacevole, ma l’assetto turistico e il carattere tranquillo del turbodiesel non invogliano alla guida sportiva: per avere prestazioni più elevate ci si può rivolgere alla variante da 163 CV, che ha la medesima cilindrata. Il prezzo è commisurato ai contenuti tecnici e alla dotazione, che nel caso dell’allestimento Titanium è effettivamente cospicua, tuttavia qualche extra va messo in conto: per esempio i sensori di distanza abbinati al sistema di parcheggio semiautomatico, le barre sul tetto o il navigatore. Volendo, c’è il pacchetto Titanium, che include i sedili in pelle riscaldabili e con regolazioni elettriche dal lato guida, l’avviamento a pulsante, il portellone con apertura automatizzata, i vetri dietro e il lunotto scuri e i sensori di parcheggio posteriori. Chi, invece, vuol risparmiare può orientarsi sulla versione 2WD, offerta sia con il 2.0 a gasolio da 140 CV (che in questo caso promette consumi inferiori), sia con il 1.6 turbo a benzina da 150 CV.
PERCHÉ SÌ
Comfort
L’abitacolo è arioso e accogliente, davanti come pure nella zona posteriore, e le sospensioni sono efficaci nel filtrare le asperità del fondo stradale. Inoltre, l’isolamento acustico è curato come si deve.
 
Finiture
I materiali impiegati nella plancia sono degni di suv di classe superiore, e gli assemblaggi appaiono eseguiti con molta attenzione, non soltanto nelle zone a vista. Elevata pure la cura dedicata ai particolari.
 
Prezzo
Per essere una suv con trazione integrale e cambio robotizzato, generosamente equipaggiata sia sotto il profilo del comfort, sia per quanto riguarda la sicurezza, non si può certo dire che costi troppo.
 
Sync
Il sistema che sfrutta la connessione con uno smartphone aiuta a non distrarsi dalla guida, dato che permette di controllare alcune funzioni tramite comandi vocali, quindi senza togliere le mani dal volante. Inoltre, in caso di necessità lancia l’SOS.
PERCHÉ NO
Accelerazione
I 140 CV del turbodiesel devono vedersela con una massa che supera i 1600 kg, e lo sprint ne risente: nello “0-100” abbiamo rilevato un tempo superiore al dichiarato. Molte rivali, sotto quest’aspetto, fanno di meglio.
 
Cambio
Per selezionare manualmente le marce c’è un pulsante sul lato sinistro della leva: si tratta di una soluzione scomoda e di uso poco intuitivo rispetto, per esempio, alle classiche palette al volante (che non sono previste).
 
Consolle
Sin troppo imponente nell’aspetto, supporta comandi ergonomicamente perfettibili: quelli del “clima” sono troppo in basso, nascosti dalla leva del cambio, e non è facile distinguere i tasti della radio da quelli del navigatore (che ha lo schermo piccolo). Manca, inoltre, un portaoggetti.
 
Sterzo
Di buono c’è che è pronto nella risposta e leggero, quindi poco affaticante in città. Peccato che in velocità tenda a perdere consistenza e, perciò, manchi della precisione necessaria in autostrada o quando si guida sportivamente.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1997
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 103 (140)/3750
Coppia max Nm/giri 320/1750-2750
Emissione di CO2 grammi/km 162
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (aut. doppia frizione) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 452/184/175
Passo cm 269
Peso in ordine di marcia kg 1632
Capacità bagagliaio litri 456/1653
Pneumatici (di serie) 235/55 R17

 

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3600 giri   181,5 km/h 187 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,1   11,2 secondi
0-400 metri 18,1 121,6 km/h non dichiarata
0-1000 metri 33,7 152,0 km/h  
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in Drive 31,4 152,5 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in Drive 30,1 152,6 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in Drive 3,7    
da 80 a 120 km/h in Drive 9,8   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   11,9 km/litro 13,5 km/litro
Fuori città   13,9 km/litro 18,2 km/litro
In autostrada   10,6 km/litro non dichiarato
Medio   12,4 km/litro 16,1 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,1 metri non dichiarata
da 130 km/h   65,9 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   135 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,5 metri 11

 

 

Ford Kuga
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
87
67
80
30
54
VOTO MEDIO
3,3
3.3239
318
Aggiungi un commento
Ritratto di francmel
18 ottobre 2013 - 15:31
Certo che i consumi sono scandalosi.Se il diesel fa 12km con un litro non oso pensare quanto consuma il benzina.
Ritratto di canavese
18 ottobre 2013 - 16:57
grazie so di non essere l unico ad aver problemi con l'assistenza a tal proposito credo che la qualità la FORD non sappia cosa sia almeno per il mio veicolo ma quello che sconcerta tutto e che per ford italia le concessionarie possono fare e vendere quello che vogliono INACCETTABILE Credo che un S MAX 35000 euro che abbia ruggine sui semiassi , ruggine su parti del motore , ventola climatizzatore squilibrata , rivestimento del sedile cucito male , vetri elettrici non funzionanti in salita automatica quindi inutile la chiusura tramite telecomando , fasce paracolpi scollate porta posteriore che chiude sul terzo vetro , vetro posteriore che stenta a salire e poi scende , e poi volante che si scuce , rottura supporto lombare del sedile ( peso neanche 70 kg ) tutto questo non credo sia qualità e la for dche fa ?????? deride il cliente , e non da assistenza SI VERGOGNINO A ROMA
Ritratto di canavese
18 ottobre 2013 - 17:07
ED I TAGLIANDI ???? bene tagliando 40000 km fatto in meni di 45 minuti tempo inadeguato per effettuare tutte le operazioni ma non basta durante il tagliando ti fanno operazioni non richieste senza chiederti nulla , ti fatturano denaro con voci incomprensibili ti aggiungono a serbatoio vuoto un additivo ti fanno la disinfezione del climatizzatore con un prodotto chimico che a me a procurato sforzi vomito e nausea ed ho pagato 260 euro per 45 minuti senza avere il veicolo controllato naturalmente NON TI DANNO SPIEGAZIONI si sono rifiutati di darmi la scheda di sicurezza del prodotto usato e FORD ITALIA ?????? Anche qui la concessionaria puo fare cio che vuole quindi se porti in ford la vettura loro possono fare quello che vuoi TU CLIENTE TACI E PAGHI COMPLIMENTI ALLA FORD ITALIA
Ritratto di Rav
27 ottobre 2013 - 14:05
2
la vecchia era migliore. Look più "aggressivo" dimensioni un po' più compatte.. si distingueva dalla massa mentre questa, pur essendo gradevole la trovo più anonima della precedente.
Ritratto di NeedCars
17 novembre 2013 - 08:41
Comunque resta una buona auto.
Ritratto di Moreno1999
29 novembre 2013 - 14:36
4
Motore ubriaco e guida un po' pigra. Voto 3
Ritratto di Gianluca chieti
11 luglio 2014 - 08:38
2
Bello l'accendisigari messo li come se l'avessero dimenticato .
Ritratto di lapietradario
16 ottobre 2014 - 18:02
modestamente, è la mia preferita! (lo era anche la precedente, e questa ancor d+!)
Ritratto di lapietradario
16 ottobre 2014 - 18:02
modestamente, è la mia preferita! (lo era anche la precedente, e questa ancor d+!)
Ritratto di francysantarsiero
8 gennaio 2015 - 14:26
io ho la kuga 140 cv awd è un' auto bellissima sia come interno e esterno non è scattante però è una macchina affidabile...se tutti i suv fossero come la kuga sarebbe bellissimo
Pagine