PROVATE PER VOI

Hyundai i10: buona accoglienza e relax

Prova pubblicata su alVolante di
maggio 2009
Pubblicato 01 maggio 2009
  • Prezzo (al momento del test)

    € 10.690
  • Consumo medio rilevato

    12,5 km/l
  • Emissioni di CO2

    139 grammi/km
  • Euro

    4
Hyundai i10
Hyundai i10 1.1 Active

L'AUTO IN SINTESI

Questa piccola citycar offre un abitacolo spazioso e, grazie al cambio automatico, sa regalare tanto relax nella guida in città. Quando però si superano i 3500 giri, il motore diventa rumoroso.

Posizione di guida
3
Average: 3 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
3
Average: 3 (1 vote)
Ripresa
3
Average: 3 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
3
Average: 3 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
3
Average: 3 (1 vote)
Dotazione
3
Average: 3 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

Spazio e relax di classe superiore

Ha una linea originale e offre il cambio automatico a un prezzo “sopportabile”. L’abitacolo è davvero comodo per quattro, e ciò rappresenta un risultato brillante per un’auto lunga poco più di tre metri e mezzo. In città la guida è rilassante, ma i consumi sono un po’ alti; questo aspetto, assieme alla rumorosità del motore e alla marcata tendenza al rollìo nei percorsi tortuosi, sono i difetti più gravi.
 

La Hyundai i10 è strettamente imparentata con la Kia Picanto: la “base” è la stessa. Ma rispetto alla seconda, la prima ha una linea più personale, grazie ai fari affilati e alla grande presa d’aria trapezoidale che contorna la targa. Particolare anche la coda, dove spiccano dei grandi fanali verticali.

Utili le protezioni in gomma nera che “circondano” l’auto preservando la carrozzeria dai piccoli urti nelle manovre di parcheggio.
Sensazioni positive si percepiscono anche quando si sale a bordo: sebbene la vettura sia lunga solo 357 cm, l’abitacolo è piacevolmente comodo per quattro persone. Optando per questa versione con cambio automatico (che costa una cifra ragionevole) si può godere di una guida più rilassante nel traffico urbano, anche perché i vari passaggi di marcia avvengono in maniera morbida, senza fastidiosi “strappi”.

Quando ci si lascia la città alle spalle, sui percorsi pieni di curve si deve fare i conti con un certo coricamento laterale dell’auto e con una stabilità perfettibile; senza contare che manca l’ESP, e che, purtroppo, non si può avere neppure a pagamento. Il giudizio sul motore 1.1 a quattro cilindri da 68 CV è sostanzialmente positivo, anche se è afflitto da un’evidente rumorosità agli alti regimi e da consumi piuttosto elevati per un’auto da città.

L’Active è l’allestimento più completo e comprende, tra l’altro, gli airbag frontali e laterali anteriori, il “clima” manuale, i fendinebbia, la radio con lettore di cd e i retrovisori a comando elettrico. Per chi vuole risparmiare qualcosa c’è la Style, che non ha né gli airbag laterali, né i retrovisori esterni a comando elettrico. E la versione “base” non ha nemmeno il “clima”.

VITA A BORDO

3
Average: 3 (1 vote)
Spazio e soluzioni “furbe”

La  forma del tetto fa sì che anche chi è alto si trovi bene sedendo sul divano posteriore. I sedili anteriori, invece, non trattengono a dovere il corpo nei percorsi tortuosi. Curioso che nella strumentazione solo il tachimetro abbia il fondo bianco e che il contagiri non si legga bene. Non mancano i vani dove riporre gli oggetti e un pratico cassetto posto sotto il sedile del passeggero anteriore. Curati i montaggi e solo un po’ rigide alcune parti in plastica. Da sottolineare anche la buona capacità del bagagliaio (per un’auto così piccola).

 

Plancia e comandi
Nel progettare la i10 si è voluta realizzare una plancia razionale, con una comoda leva del cambio automatico in posizione rialzata e tanti vani dove riporre i piccoli oggetti. Molto pratico, in particolare, il cassetto estraibile posizionato sotto il sedile del passeggero anteriore. La strumentazione ha solo il tachimetro su fondo bianco: il contagiri, l’indicatore del livello benzina e il termometro dell’acqua sono su fondo nero e si leggono male. Curati i montaggi ma un po’ rigide al tatto le plastiche di plancia e consolle, mentre i tasti di accensione e spegnimento di fendinebbia e retronebbia hanno “spie” che si vedono poco.

Abitabilità
Elevato il livello di comodità offerto dai sedili anteriori che, però, hanno i bordi scarsamente pronunciati e non trattengono come si deve il corpo in curva. Dietro, due adulti stanno molto bene, mentre in tre si sta strettini. Inoltre, sul divano è notevole lo spazio a disposizione in altezza (ben 94 cm, per cui anche chi è di statura alta trova posto comodamente), senza contare che c’è posto anche per le gambe, il che è un aspetto positivo per un’auto così… corta.

Bagagliaio
La soglia di carico è a 72 cm da terra, per cui sistemare i bagagli non è molto comodo, ma in compenso il vano a disposizione è uno dei più grandi per una citycar, sia a divano alzato sia reclinato. Per ribaltare gli schienali va prima sollevato il piano di seduta, operazione che risulta un po’ macchinosa. E a questo punto si scopre che si è formato  uno “scalino” di 11 cm, che rende complicato far scorrere le valigie sul pavimento del baule. In compenso la capienza è più che sufficiente per un fine settimana in quattro.

COME VA

3
Average: 3 (1 vote)
In curva si corica un po' troppo ma in città se la cava bene

Se la cava bene soprattutto in città, dove si apprezzano il cambio automatico, morbido nei passaggi di rapporto, lo sterzo leggero, la buona visibilità da ogni lato. Sui percorsi tortuosi è bene ricordare che la vettura tende a coricarsi un po’ troppo di lato e che manca l’ESP. In autostrada a 130 km/h il motore risulta piuttosto rumoroso e consuma parecchio; è un peccato perché i sedili comodi e lo spazio a disposizione rendono gradevoli i viaggi.

In città
La piccola coreana è a suo agio nei percorsi urbani, dove dà il meglio di sé grazie allo sterzo leggero e al cambio automatico che effettua morbidamente i passaggi da un rapporto all’altro, consentendo quasi di “dimenticarsi” del piede sinistro (non c’è il pedale della frizione). Inoltre, la buona visibilità da ogni lato favorisce le manovre, e a richiesta si può far montare dal concessionario i sensori di distanza posteriori.

Fuori città
Se si tiene un passo “tranquillo” non ci sono problemi, ma se si vuole guidare con brio è bene ricordare che non c’è l’ESP e che la piccola Hyundai i10 si corica un po’ troppo di lato in curva. Inoltre, il muso tende ad allargare la traiettoria (col sottosterzo tipico delle trazioni anteriori): tutto rimane sempre ben sotto controllo, ma questa vettura non è fatta per ritmi troppo aggressivi.

In autostrada
Nei viaggi in autostrada si apprezzano il comfort dei sedili e il fatto che lo spazio a disposizione internamente non sia poco. Tuttavia, il motore, ai “canonici” 130 km/h “da Codice” lavora a ben 4200 giri, alza un po’ la voce e dà fastidio. Un altro problema è costituito dai consumi, che rimangono piuttosto alti: nei nostri test abbiamo rilevato che non si riescono a percorrere più di 10,5 km/litro, un valore un po’ elevato per una citycar.

QUANTO È SICURA

4
Average: 4 (1 vote)
Protezione valida, ma con qualche carenza

Al vaglio dei crash test dell’EuroNcap, questa citycar ha ottenuto discreti risultati: quattro stelle per la protezione di guidatore e passeggeri, altrettante per i bambini fissati ai seggiolini Isofix e tre per la tutela dei pedoni in caso di investimento. La dotazione di serie non è fra le più complete, visto che prevede solo gli airbag frontali e quelli laterali per chi siede davanti, e l’ESP non si può avere neppure pagandolo a parte.

Sono quattro le stelle (una sotto il massimo) ottenute dalla Hyundai i10 per la protezione di guidatore e passeggeri nei crash test dell’EuroNcap. Analogo il punteggio spuntato per la protezione dei bambini fissati agli appositi seggiolini, mentre tre sono le stelle attribuite per la tutela dei pedoni in caso di investimento: si tratta, in generale, di valori di ottimo livello, soprattutto se si pensa che la dotazione di serie in fatto di airbag non è particolarmente ricca (comprende solo quelli frontali e quelli laterali anteriori) e che il controllo elettronico della stabilità non sia previsto neppure come optional.

NE VALE LA PENA?

3
Average: 3 (1 vote)
Per chi non fa tanti chilometri

Se si fanno pochi chilometri e non si bada troppo ai consumi, il cambio automatico permette una guida rilassante. Inoltre è una vettura abbastanza sicura e agile in città. La i10 si mostra in difficoltà nei lunghi viaggi e in autostrada dove il motore diventa troppo rumorosa.

Per chi vuole una vettura da città divertente, ma anche rilassante e sicura, e non bada troppo ai consumi di carburante (perché non percorre troppi chilometri in un anno) è la scelta giusta: è piccola ma spaziosa, maneggevole,  facile da parcheggiare e gradevole nella linea. Ma chi cerca un’auto per la guida brillante o per effettuare dei lunghi viaggi, è bene che si rivolga altrove: consumi e rumorosità sono handicap pesanti, senza contare che sui percorsi tortuosi si ha anche a che fare con un coricamento laterale piuttosto accentuato.

PERCHÈ SÌ

 
 

Abitabilità
Si sta bene in quattro anche se si è alti di statura, e più che su una citycar sembra di trovarsi a bordo di una piccola monovolume: non si corre il rischio di soffrire di… claustrofobia.

Guida in città
Lunga poco più di tre metri e mezzo, grazie alla leggerezza dello sterzo e alla dolcezza del cambio automatico, è realmente a suo agio e garantisce una guida rilassata ma agile.

Portaoggetti 
Non mancano e sono posizionati con cura. Un asso nella manica è costituito dal cassetto estraibile posizionato sotto il sedile del passeggero anteriore: un’idea davvero “furba”.

Visibilità 
Le grandi superfici vetrate e la forma della carrozzeria agevolano la percezione degli ingombri durante le manovre e in retromarcia. Volendo, si possono montare i sensori di distanza.

PERCHÈ NO

 
 

Consumo
Questa è una delle voci più negative: penalizzato dal cambio automatico di vecchio tipo (ha quattro rapporti ma non si può usare in modo sequenziale) il motore è piuttosto vorace di carburante. Nei nostri test abbiamo riscontrato un consumo medio elevato per una citycar: 12,5 km/litro.

ESP 
Stranamente ce l’ha di serie soltanto la versione 1.2 Dynamic. Invece per le 1.1 non è possibile averlo neppure a pagamento, ed è un grave neo vista la sua indubbia utilità sul piano della sicurezza di guida.

Rollìo 
La morbidezza delle sospensioni e l’altezza della carrozzeria fanno sì che l’auto si inclini parecchio nelle curve. Un fenomeno questo che alla lunga può infastidire guidatore e passeggeri.

Rumorosità
L’imperfetta insonorizzazione fa sì che il motore “invada” l’abitacolo quando si “tirano” le marce.
 

SCHEDA TECNICA

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 4a a 4600 giri   151,8 km/h 142 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 17,4   18,5 secondi
0-400 metri 20,5 108,7 km/h non dichiarata
0-1000 metri 37,8 135,8 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 35,0 136,2 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 32,8 137,3 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 14,3   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   11,5 km/litro 13,9 km/litro
Fuori città   15,9 km/litro 19,6 km/litro
In autostrada   10,5 km/litro non dichiarato
Massimo   7,8 km/litro non dichiarato
Medio   12,5 km/litro 16,9 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   40,4 metri non dichiarata
da 130 km/h   69,1 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   9,8 metri 9,5
Cilindrata cm3 1086
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 49 (66)/5500
Coppia max Nm/giri 99/2800
Emissione di CO2 grammi/km 139
Distribuzione 3 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 357/160/154
Passo cm 238
Peso in ordine di marcia kg 955
Capacità bagagliaio litri 225/910
Pneumatici (di serie) 175/60 R 14

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 4a a 4600 giri   151,8 km/h 142 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 17,4   18,5 secondi
0-400 metri 20,5 108,7 km/h non dichiarata
0-1000 metri 37,8 135,8 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 35,0 136,2 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 32,8 137,3 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 14,3   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   11,5 km/litro 13,9 km/litro
Fuori città   15,9 km/litro 19,6 km/litro
In autostrada   10,5 km/litro non dichiarato
Massimo   7,8 km/litro non dichiarato
Medio   12,5 km/litro 16,9 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   40,4 metri non dichiarata
da 130 km/h   69,1 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   9,8 metri 9,5
Cilindrata cm3 1086
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 49 (66)/5500
Coppia max Nm/giri 99/2800
Emissione di CO2 grammi/km 139
Distribuzione 3 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 357/160/154
Passo cm 238
Peso in ordine di marcia kg 955
Capacità bagagliaio litri 225/910
Pneumatici (di serie) 175/60 R 14
Hyundai i10
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
2
8
11
11
20
VOTO MEDIO
2,3
2.25
52


Aggiungi un commento
Ritratto di osmica
8 luglio 2010 - 17:07
Il diesel, come la i10, e' praticamente la Kia Piacanto. In una "vecchia" prova (di AlVolante o altra testata) hannoprovato il diesel. E' un buon motore, con una buona coppia hai bassi (soprattutto se paragonato al 1.1 benzina), i cavalli sono praticamente gli stessi, ma il problema e' il rumore. L'abitacolo e' mal isolato. E i consumi sono elevati per un diesel cosi piccolo. Alla fine consuma poco meno del benzina (non prendere i dati di consumo di questa prova, si tratta di una vettura con il cambio automatico). Personalmente non credo che conviene prendere il diesel. p.s. di Pikanto diesel se ne trovano in giro (la i10 e' piu' giovane)
Ritratto di lucafox
8 luglio 2010 - 17:23
Quindi dici che non conviene prenderla diesel? Sulla carta è un motore interessante... ma a consumi reali al litro quanto fa?
Ritratto di osmica
11 luglio 2010 - 20:06
Non ricordo i consumi. Ma non erano molto piu' bassi del benzina. Poi se conviene devi fari i tuoi conti: quanti km fai all'anno, prezzo di benzina/gasolio (non faccio mai rifornimento in italia), differenza in assicurazione e manutenzione. E alla fine vedi se accettare o meno i "diffetti" del diesel (rumore, vibrazioni ecc). L'ultima prova della Pikanto su AlVolante era nel 6/2008 (ma non ricordo la motorizzazione). Cmq per avere dei dati sui consumi, ti consiglio il sito tedesco: http://www.spritmonitor.de/de/suche.html (e metti Kia, Pikanto, ecc) - vale per tutte le vetture -
Ritratto di gig
27 febbraio 2012 - 07:56
Verso l' inizio di dicembre, in una fredda serata, la mia Ford Ka non si apre più. Riesco a rimediare e la apro. Il problema è che l' aria calda non esce più, ed in pieno inverno è difficile rinunciarvi. Allora mi reco in diverse concessionarie (Opel, Suzuki, Lancia, Toyota, Citroen, Peugeot, Chevrolet, Hyundai, Ford, Fiat, ecc) dove cerco un' erede alla mia Ka, che aveva i giorni contati. In tutte le concessionarie, anche se erano presenti gli sconti natalizi e gli ecoincentivi, nessuna auto era conveniente. Solo alla Hyundai c' era qualcosa che mi interessava: una Hyundai i10 1.1 Style rossa nuova a soli 7800 euro. La blocco con 10 euro ed il giorno dopo gli faccio l' assegno, con la promessa che mi venisse consegnata sei giorni dopo (cioè il 22 dicembre) il 22, previa telefonata, mi comunicano che, per colpa di un sovraccarico di ordini, non posso ritirarla. Cortesi e disponibili, mi invitano a tornare in concessionaria il 24. Io, prima di andarci, li chiamo, e mi avvertono che stanno montando i sensori di parcheggio e che, quindi, non posso ritirare la macchina. Io, un pò agitato (il 29 devo partire per la vacanze natalizie) esigo la consegna entro il 27. Il 27 dicenbre, alle ore 12.00, mi comunicano che la macchina è in concessionaria, invitandomi a venirla a prendere. Io, tutto felice, mi reco in concessionaria, ma la macchina è al lavaggio. Mi invitano quindi a recarmi a disdire l' asssicurazione della Ka, per ingannare il tempo. Ci vado e torno in concessionaria alle 12.30. Ebbene, fino alle 13.00, la macchina non arriva, ma mi viene comunicato dal venditore che targhe e fusibili non ci sono. Quando arriva (sporca) scopro che mancano i sensori e che al loro posto c' è un graffio. Esigo il montaggio di targhe e fusibili entro le ore 16.00. Infatti, alle 15.00, si presentano. Il 29 parto per le vacanze. Il quattro (previa appuntamento) mi reco in concessionaria perchè mi era stato comunicato che i sensori erano disponibili. Questi, però non vengono montati per disguidi tecnici, e io me ne torno a casa. La stessa cosa si succederà fino al 27 marzo (nove appuntamenti prefissati e saltati) quando mi montano i sensori. A giugno mi accorgo che la cintura ha dei punti di ruggine, e chiedo il ricambio, che mi viene montato tre giorni fa. Per la mia i10 (che non ha mai dato problemi) sono contento e soddisfatto, ma per la concessionaria no. Infatti ho detto addio alla concessionaria Hyundai dove l' ho comprata dopo questa esperienza. Ricomprerei (altrove) la mia i10 Per ulteriori referenze: http://www.alvolante.it/opinioni/hyundai_i10_gig
Ritratto di gig
18 marzo 2012 - 12:42
Spettabile redazione, vista la riuscita della presente prova, potreste inserzionarne un' altra sulla nuova i10, che mi interessa molto? Grazie. Saluti. L' utente "gig".
Ritratto di CICCIOBELON
28 marzo 2012 - 20:29
Come si fa' a comprare questa scatoletta di tonno che consuma come una maserati Ghibli , non ha l'esp neanche a richiesta, ed e' brutta come la la fame !!
Ritratto di gig
13 aprile 2012 - 17:38
Fate una prova del nuovo modello della i10, che è richiestissimo? Grazie! ;)
Ritratto di CICCIOBELON
27 aprile 2012 - 09:59
1) In 17,4 secondi , se mi alleno sullo scatto i primi 80 metri la lascio dietro ahahaha. 2)Consumo in citta' 11 km litro, neanche un panzer consumerebbe di piu' ahahah 3) in autostrada il consumo e' di poco superiore ai 10 km/l, nenche fosse una Ferrari 458 italia ahahahhah Ma dico io, ci sara' pure un demente che compra quest'auto.... perche' Vorrei guardarlo in faccia e dirgli...........ma se proprio una ....................................etcc. etcc
Ritratto di gig
24 giugno 2012 - 11:05
Carissimo, conosco il tuo odio verso la Hyundai e tutti i marchi stranieri. E' davvero inconcepibile e strano, visto che l' unica marca che ami è una tra le peggiori: la Fiat! Sono concorde sul fatto che la versione con cambio automatico non sia vantaggiosissima, ma basta optare per quello manuale che cambia tutto: lo scatto si aggira sui 13 secondi (altro che la Panda, che ne impiega, anche col manuale, 16 o 17!); il consumo in città oscilla tra i 15/16 km/l, e in autostrada si percorrono ben 13 chilometri con un litro (la Panda può solo sognarlo!). Io l' ho comprata, ma mi reputo davvero intelligente ad averlo fatto: ho preso una i10 Style nuova con radio/cd/mp3/aux, clima, fendinebbia, 5 poggiatesta, 5 posti, chiusura centralizzata, vetri elettrici, cerchi di 14'', airbag anteriori e freni a disco anteriori e posteriori (la Panda non li ha nemmeno tra gli optional, davvero vergognoso!), ABS, sensori di parcheggio posteriori, ben 5 anni di garanzia (la pessima Fiat ne da solo 2, segno che i suoi prodotti sono scadenti!) e una qualità maggiore di quella di una station wagon e costosa Fiat. Il bello è che l' ho pagata solo 7800 euro e che i tagliandi sono davvero economici. Inoltre, se avessi voluto prendere la Panda, me la sarei a stento cavata con il doppio (veniva sui 15000 euro scontata!) e avrei rinunciato alla garanzia, alla qualità e alla dotazione dell' eccellente i10. Quindi, io, fossi in te, prima di inventare queste bugie, proverei realmente qualche auto straniera, e lascerei perdere le pessime Fiat.
Ritratto di MaCiao5
21 maggio 2012 - 15:10
3
non tutti si possono permettere la IDEA come te! Alcuni hanno esigienze superiori. Fiat dovrebbe tornare indietro di 20 anni.....quand'ero picolo, faceva auto meravigliose. Ora, solo ca*ate
Pagine
Annunci

Hyundai I10 usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Hyundai I10 usate 20156.7007.41010 annunci
Hyundai I10 usate 20166.9007.3608 annunci
Hyundai I10 usate 20177.4908.36011 annunci
Hyundai I10 usate 20187.3908.69013 annunci
Hyundai I10 usate 20198.50010.70010 annunci
Hyundai I10 usate 20209.50011.8003 annunci
Hyundai I10 usate 202113.90014.1703 annunci

Hyundai I10 km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Hyundai I10 km 0 201814.90014.9001 annuncio
Hyundai I10 km 0 201913.35013.3501 annuncio
Hyundai I10 km 0 202011.91412.5802 annunci
Hyundai I10 km 0 20218.40013.59035 annunci