PROVATE PER VOI

Kia Sportage: per viaggiare comodi su ogni terreno

Prova pubblicata su alVolante di
febbraio 2011
Pubblicato 26 febbraio 2011
  • Prezzo (al momento del test)

    € 28.900
  • Consumo medio rilevato

    13,0 km/l
  • Emissioni di CO2

    156 grammi/km
  • Euro

    Euro 5
Kia Sportage
Kia Sportage 2.0 CRDI Class AWD

L'AUTO IN SINTESI

Generosamente equipaggiata in rapporto al prezzo, è una suv dalle dimensioni ragionevoli e dall’ottima abitabilità, ma le finiture sono da migliorare. Su strada è confortevole ma non sportiva. Nonostante la trazione integrale, la limitata luce a terra sconsiglia i fondi troppo accidentati.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
3
Average: 3 (1 vote)
Ripresa
3
Average: 3 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
1
Average: 1 (1 vote)
Tenuta di strada
3
Average: 3 (1 vote)
Dotazione
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

Offre spazio e comfort

Suv in apparenza imponente, in realtà associa ingombri non esagerati all’ottima abitabilità e a uno spazioso bagagliaio; finiture e materiali, però, non soddisfano del tutto. Il 2.0 turbodiesel dà il meglio ai medi regimi e favorisce la guida in souplesse, che è peraltro quella che si accorda con la taratura delle morbide sospensioni, orientata al comfort. Grazie alla trazione integrale si possono affrontare in sicurezza anche i fondi scivolosi, ma l’altezza da terra è insufficiente per il fuori strada duro. La Class è ricca in rapporto al prezzo e offre di serie anche i sedili in pelle, e come le altre versioni della gamma gode della garanzia di sette anni. Migliorabile lo sterzo.

Anche se questa suv coreana non ha dimensioni esagerate (con i suoi 444 cm risulta più corta di una media famigliare), appare piuttosto imponente: la carrozzeria ha linee moderne e piuttosto elaborate, soprattutto nel frontale. Tuttavia gli indicatori di direzione, inglobati nella scocca dei retrovisori, sono esposti agli urti, e anche la carrozzeria è priva di protezioni: se si abbandona l’asfalto, meglio non esagerare.

Anche l’altezza da terra (17,2 cm) non è l’ideale per avventurarsi nel fuori strada, per quanto la trazione integrale (con differenziale centrale bloccabile) assicuri una buona mobilità sui fondi scivolosi. I 136 CV del 2.0 turbodiesel si sfruttano bene soprattutto nella guida in souplesse, quella che meglio si adatta all’assetto turistico: le morbide sospensioni privilegiano il comfort a scapito della maneggevolezza fra le curve. Peccato anche per il servosterzo incoerente.

Non molto luminoso per colpa dei finestrini piccoli, l’abitacolo è generoso e permette di viaggiare comodamente in cinque, complice il tunnel della trasmissione poco pronunciato che non ruba spazio sul pavimento. Quel che lascia a desiderare, però, sono le finiture e la qualità delle plastiche. Adeguato alla famiglia anche il bagagliaio; peccato solo che abbattendo lo schienale il fondo non rimanga piatto.

Fra i punti di forza della Class, versione al top della gamma, c’è l’ottimo rapporto fra prezzo e dotazione: oltre a tutto quanto occorre per la sicurezza, sono di serie anche i sedili in pelle, il “clima” a due zone e i sensori di parcheggio; e se la si vuole arricchire con il cambio automatico, con i fari allo xeno o con il navigatore, non si spende uno sproposito. Promossa a pieni voti anche la garanzia, che dura sette anni o 150.000 km.

VITA A BORDO

4
Average: 4 (1 vote)
Bene lo spazio, meno le finiture

Poco originale e realizzata con plastiche povere – i soli rivestimenti morbidi sono quelli della parte superiore – la plancia contrasta con la qualità delle poltrone rivestite in pelle; in compenso, ospita comandi correttamente disposti e pratici, come pure risulta di facile lettura il cruscotto. Lo spazio non manca nemmeno in altezza, e dietro anche tre adulti viaggiano senza problemi. Sebbene la soglia distante da terra renda faticoso caricare le valigie più  pesanti, il bagagliaio risulta ampio e sfruttabile; e sotto il pavimento cela una ruota di scorta di dimensioni standard, che ormai è una rarità anche nelle suv.

Plancia e comandi
La plancia ha forme semplici e poco originali, e nonostante le plastiche che rivestono la parte superiore siano morbide, l’insieme appare povero e mal rifinito. In compenso, la praticità non delude: i comandi sono facili da individuare e da raggiungere, come pure risulta ben leggibile (seppure troppo semplice, specialmente per quanto riguarda lo schermo al centro del grande tachimetro) la grafica del cruscotto. Con un ragionevole sovrapprezzo si può avere la chiave elettronica che sblocca le porte senza che sia necessario toglierla di tasca; è abbinata all’avviamento a pulsante, e quando si è in marcia la si può riporre in un alloggiamento ricavato nel bracciolo anteriore.
 
Abitabilità
Nonostante i finestrini sottili riducano la sensazione di “ariosità”, l’abitacolo è alto e spazioso. Davanti si viaggia su poltrone ampie e comode, oltre che sufficientemente profilate per trattenere il corpo come si deve fra le curve; precisa la regolazione degli schienali, che è a rotella. Il divano ha il profilo piatto ed è abbastanza ampio per tre persone, tanto più che il tunnel sporge di poco dal pavimento e non dà fastidio ai piedi dell’eventuale quinto passeggero. Se il posto centrale è libero, dallo schienale può essere estratto un bracciolo con portabibita; peccato che manchi la botola passante verso il bagagliaio, che sarebbe utile per chi va spesso a sciare.

Bagagliaio
L’imboccatura ampia e squadrata rappresenta un bel vantaggio quando si caricano colli voluminosi, ma l’altezza della soglia dal suolo è elevata: ben 77 cm. Sebbene l’altezza al tendalino non sia un granché, il vano si sfrutta facilmente grazie alla forma regolare (i passaruota sono poco ingombranti); reclinando gli schienali – che purtroppo restano un po’ sollevati dal pavimento – si ottiene un piano lungo 185 cm. Considerato che quest’auto si acquista anche per percorrere strade sterrate, è apprezzabile che sotto il piano di carico si celi una ruota di scorta di dimensioni standard.

COME VA

4
Average: 4 (1 vote)
Ama la tranquillità

La Sportage non è una suv enorme, e in città si muove senza troppi problemi anche perché davanti e di lato la visibilità è buona, mentre ai limiti imposti dal piccolo lunotto si rimedia affidandosi ai sensori di distanza. L’assetto turistico è alla base di un elevato comfort anche sullo sconnesso, ma si rivela inadatto alla guida sportiva: la tenuta di strada è discreta e a eventuali errori rimedia l’Esp, anche se fra le curve è meglio guidare in souplesse. La buona insonorizzazione e le sospensioni morbide – che comunque non penalizzano la precisione – rendono godibili anche i viaggi autostradali. Grazie alla trazione integrale con differenziale bloccabile e al sistema che limita automaticamente la velocità in discesa ci si può destreggiare su fondi a bassa aderenza, ma la ridotta altezza da terra sconsiglia di cimentarsi in passaggi molto impegnativi.

In città
Nel traffico la posizione di guida rialzata della Kia Sportage aiuta a valutare gli ingombri della carrozzeria – peraltro non eccessivi – complice la buona visibilità di cui si gode davanti e di lato; dietro, invece, la visuale è scarsa e nelle manovre in retromarcia bisogna fidarsi dei sensori (di serie). Nonostante i cerchi di 18” equipaggiati con gomme ribassate, il comfort è buono anche sui fondi tormentati: il merito va alle capacità filtranti delle (morbide) sospensioni. Nelle continue ripartenze in coda si desidererebbe un cambio dagli innesti meno contrastati.

Fuori città
Sia il motore, che dà il meglio ai regimi intermedi, sia l’assetto, pensato in funzione del comfort prima che dell’agilità, fanno sì che la Sportage sia davvero godibile nella guida in souplesse. Per contro, affrontando le curve “alla garibaldina” emerge la tendenza al sottosterzo (ossia ad allargare la traiettoria con il muso) e inevitabilmente si provoca l’intervento dell’Esp. Valida la frenata, nonostante la risposta un po’ brusca dell’impianto, mentre è da migliorare la taratura del servosterzo: il comando manca di prontezza e di progressività.

In autostrada
La sesta marcia è di riposo, e così a 130 orari il motore “ronfa” abbastanza silenziosamente intorno ai 2500 giri; ma per la stessa ragione, dopo un rallentamento è facile ritrovarsi “sotto coppia”, e per riprendere in fretta velocità si è obbligati a scalare in quinta. Oltre che dalla valida insonorizzazione, il contributo al comfort arriva dalle morbide sospensioni, che isolano bene dai rattoppi ma che pure assicurano la giusta stabilità alla vettura nei curvoni veloci. Ragionevoli i consumi: si fanno sempre ben più di 11 km/l.

Nel fuori strada
L’assenza delle marce ridotte e la limitata luce a terra (17,2 cm) consigliano di limitare le proprie velleità fuoristradistiche a qualche facile sterrato, ma ciò non toglie che la trazione integrale permanente (con ripartizione automatica della coppia fra i due assi) possa essere risolutiva su fango e neve. Anche perché se l’aderenza è molto critica, con la funzione “Lock” si può bloccare il differenziale centrale; e per affrontare le discese impegnative c’è il limitatore di velocità, che frena automaticamente impedendo alla vettura di superare gli 8 km/h.
 

QUANTO È SICURA

5
Average: 5 (1 vote)
Senza punti deboli

Alle cinque stelle ottenute nei crash test EuroNcap si accompagna una dotazione completa: gli airbag sono sei, e logicamente non mancano il controllo elettronico della trazione e della stabilità: trattandosi di una vettura destinata anche ad affrontare percorsi fuoristradistici, l’Esp è di tipo escludibile. Chi vuole il massimo può aggiungere i fari allo xeno, ma i fendinebbia sono di serie, come pure il cruise control.

Come si conviene a una vettura destinata a essere utilizzata anche su sterrato, l’Esp può essere escluso. Della dotazione di serie fanno parte pure sei airbag e i poggiatesta attivi (che in caso di impatto riducono gli effetti del cosiddetto “colpo di frusta), oltre al regolatore elettronico di velocità e ai fendinebbia. Si pagano invece a parte i fari allo xeno, ma sono offerti a un prezzo tutt’altro che proibitivo. La moderna progettazione della Sportage trova positivi riscontri anche nei crash test EuroNcap: al massimo punteggio globale (cinque stelle) si accompagnano valori parziali di notevole livello, con 93 punti su cento per quanto riguarda la protezione degli occupanti, 86 su cento per i bambini e 49 per la tutela dei pedoni in caso di investimento. L’efficacia dei dispositivi di sicurezza, infine, è stata valutata con 86 punti percentuali.

NE VALE LA PENA?

3
Average: 3 (1 vote)
Una suv da famiglia

Davvero spaziosa in rapporto alle dimensioni della carrozzeria, è una suv versatile: più comoda che sportiva, si presta a lunghi e confortevoli viaggi con la famiglia senza risultare impacciata in città. Non è adatta ai percorsi impegnativi, ma grazie alla valida trazione integrale si muove bene su fango e neve. Garantita ben sette anni, fra le frecce al suo arco ha l’ottimo rapporto fra prezzo e dotazione, e arricchirla con qualche optional non costa troppo. La qualità delle plastiche, però, appare sottotono rispetto al resto.

La linea è sportiva, ma questa coreana ha un carattere “pacioso” che la rende la scelta giusta per chi in una suv cerca soprattutto comodità: le sospensioni morbide sono studiate per offrire il massimo comfort e, anche se questa scelta non penalizza stabilità e tenuta di strada, poco si adattano alla guida brillante. In rapporto alle dimensioni esterne – abbastanza contenute da non pregiudicare l’impiego cittadino – l’abitabilità è ottima: c’è molto spazio anche per chi viaggia dietro, oltre a un bagagliaio capiente e regolare. Peccato che le plastiche utilizzate nell’abitacolo appaiano sottotono, ancor più se paragonate alla buona qualità dei sedili in pelle che nella Class sono di serie. Considerando i contenuti tecnici e la generosa dotazione, comunque, questa coreana rappresenta un buon affare, e anche se la si arricchisce con il comodo cambio automatico e con il navigatore (che integra la telecamera di retromarcia) il preventivo non lievita in misura eccessiva.
Senza rinunciare al generoso 2.0 turbodiesel e alla trazione integrale AWD (utile su una vettura di questo tipo, che pur senza essere una vera fuoristrada si presta alle gite in montagna e a qualche sterrato) si può risparmiare qualcosa ripiegando sulla Active, che ha una dotazione semplificata. Nella valutazione va tenuto conto anche dei sette anni di garanzia: nessuna rivale offre altrettanto.

PERCHÈ SÌ

 
 

Garanzia
Sette anni di copertura sono parecchi, e anche il limite di percorrenza di 150.000 km è congruo: una bella tranquillità, anche se per alcune parti ci sono delle limitazioni (due anni per la batteria, tre per il sistema audio e navigazione, cinque per la verniciatura).

Comfort
L’insonorizzazione è valida e il motore – complice la sesta marcia “distesa” che in autostrada lo fa lavorare a un regime contenuto – si fa sentire pochissimo. Ottime le capacità “filtranti” delle (morbide) sospensioni.

Sedili
Oltre ad avere il rivestimento in pelle di serie, sono davvero ben conformati e accoglienti per gli occupanti di ogni taglia. Pratico e preciso il comando a rotella con cui si registra l’inclinazione degli schienali anteriori.

Dotazione
In rapporto a quel che costa la Sportage è davvero ben dotata, sia per ciò che riguarda estetica e comfort, sia in merito alla sicurezza. E nemmeno arricchirla con qualche “lusso”, come il navigatore o il doppio tetto in vetro, costa un’esagerazione.

PERCHÈ NO

 
 

Servosterzo
La risposta dello sterzo non è lineare: risulta “dura” nei primi gradi di rotazione per poi alleggerirsi eccessivamente. Colpa della taratura del servocomando elettrico, che penalizza anche la precisione di guida.

Rollio
La contropartita da pagare all’elevato comfort che le sospensioni garantiscono anche sullo sconnesso emerge nei percorsi tortuosi, sottoforma di dondolii nei cambi di direzione e di un sensibile rollio nelle curve affrontate velocemente.

Visibilità
Il lunotto, dalla forma schiacciata, non consente una corretta visuale: nelle manovre in retromarcia non resta che fare affidamento sui sensori (di serie). Davanti le cose vanno meglio, sebbene il montante sinistro disturbi un po’ nelle svolte strette.
 
Finiture
A parte quelle utilizzate per la parte superiore della plancia, che sono morbide, le plastiche hanno un aspetto piuttosto povero e anche il livello di finitura mal si sposa con la qualità dei rivestimenti in pelle che, invece, è buona.

SCHEDA TECNICA

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3600 giri   187,2 km/h 181 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 10,4   11,3 secondi
0-400 metri 1,2 136,1 km/h non dichiarata
0-1000 metri 32,1 157,3 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 35,8 154,3 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 34,2 147,2 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 14,2   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   12,4 km/litro 14,3 km/litro
Fuori città   14,5 km/litro 18,5 km/litro
In autostrada   11,5 km/litro non dichiarato
Medio   13,0 km/litro 16,7 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,0 metri non dichiarata
da 130 km/h   65,1 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,0 metri non dichiarato
Cilindrata cm3 1.995
No cilindri e disposizione 4
Potenza massima kW (CV)/giri 100 (136)/4000
Coppia max Nm/giri 323/1800-2000
Emissione di CO2 grammi/km 156
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (manuale) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 444/186/164
Passo cm 264
Peso in ordine di marcia kg 1525
Capacità bagagliaio litri 564/1353
Pneumatici (di serie) 235/55 R 18

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3600 giri   187,2 km/h 181 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 10,4   11,3 secondi
0-400 metri 1,2 136,1 km/h non dichiarata
0-1000 metri 32,1 157,3 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 35,8 154,3 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 34,2 147,2 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 14,2   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   12,4 km/litro 14,3 km/litro
Fuori città   14,5 km/litro 18,5 km/litro
In autostrada   11,5 km/litro non dichiarato
Medio   13,0 km/litro 16,7 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,0 metri non dichiarata
da 130 km/h   65,1 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,0 metri non dichiarato
Cilindrata cm3 1.995
No cilindri e disposizione 4
Potenza massima kW (CV)/giri 100 (136)/4000
Coppia max Nm/giri 323/1800-2000
Emissione di CO2 grammi/km 156
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (manuale) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 444/186/164
Passo cm 264
Peso in ordine di marcia kg 1525
Capacità bagagliaio litri 564/1353
Pneumatici (di serie) 235/55 R 18
Kia Sportage
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
37
26
39
15
26
VOTO MEDIO
3,2
3.23077
143


Aggiungi un commento
Ritratto di fabio.1977
25 maggio 2011 - 10:09
Siamo in Italia, posso dare anche una garanzia di 10 anni, tanto quando succede qualcosa mi invento qualcosa per non passare l'inconveniente in garanzia.. Interessante l'esempio dello sterzo, su un sito molto cliccato riguardo gli autopareri ho letto questo guasto su di una kia venga di ottobre 2010, il proprietario dice che deve aspettare più di un mese per il piantone di sterzo.. Io lavoro in un'officina multimarche. Comunque comprate kia e tanti auguri.. Passo e chiudo.
Ritratto di Franchigno
25 maggio 2011 - 16:33
Io alla Hyundai di Trieste (Alpina)qualsiasi guasto(quasi nulli)me l'hanno sempre passato in garanzia senza pagare nulla sia dei pezzi che della manodopera.I disonesti purtroppo li trovi sempre e non solo alla Kia....!!!per quanto rigurda il non passare in garanzia adirittura uno sterzo voglio vedere se chiamo la sede centrale se non me lo cambiano,li faccio andare in galera...!!!Ad ogni buon conto...aspettare un mese non vuol dire che non glielo cambiano....
Ritratto di fabio.1977
27 maggio 2011 - 10:07
Che bello, qualcuno pensa ancora che la gente va in galera per queste cose in questo paese, piacerebbe anche a me sognare come quando avevo 10 anni.. Comunque visto che non ho lanciato io l'esempio dello sterzo, volevo chiedere questo: di kia venga ne hanno vendute 3 e io vi posso dare il link dove lamentano questo inconveniente. Di Yaris che ne hanno vendute 3 milioni e quindi con tantissime probabilità in più, mi dite dove posso leggere questo incidente dello sterzo? Ovviamente scritto in data antecedente questo messaggio..
Ritratto di jtagliaz
31 maggio 2011 - 14:47
Volevo far leggere questo articolo per far capire la validita' del marchio Kia.. "Secondo le note statistiche di JD Power, Kia ha incrementato il livello qualitativo sul mercato USA meglio di ogni altro costruttore generalista nel 2007, salendo dal 24° del 2006 al 12° posto in classifica, dominata da nomi come Porsche e Lexus. In particolare la Kia Rio si è imposta per il secondo anno consecutivo contro concorrenti come Honda Jazz e Hyundai Accent, mentre la piccola monovolume Carnival, che negli Stati Uniti ha il curioso nome di “Sedona” è al secondo posto nella specifica categoria, dietro alla Chevrolet Express. Nella classifica generale Kia lotta proprio con Hyundai, avanti di una sola posizione, ma con molti più anni di presenza sul mercato." io sono abbastanza neutrale perche' sono nazionalista come vetture...a parte essere stato proprietario di una golf ed un'audi a4...per il resto tutte italiane ma devo dire che la qualita' delle coreane e' diventata ottima...ho 3 amici felicissimi proprietari di due Sorento e un vecchio Sportage, quest'ultimo ha 240.000 km e ancora va' bene.
Ritratto di jtagliaz
31 maggio 2011 - 15:01
Questo invece e' un'articolo di un mese fa'... "La Casa Coreana Kia con il lancio della nuova gamma e i debutti col botto di Sportage e Optima(modelli pluripremiati) è cresciuta praticamente in tutti i mercati in cui è presente registrando ben 890 milioni di dollari rispetto ai 466 del primo trimestre dell'anno scorso. hyundai invece si è superato generando utili per ben 1.7 miliardi di dollari...
Ritratto di fabio.1977
3 giugno 2011 - 10:17
Provate a scrivere: problemi kia su google Aspetto ancora che il tizio dello sterzo mi dia il link dove leggere il problema sulla toyota yaris..
Ritratto di speedy74
3 giugno 2011 - 10:31
Non mi intendo molto di motori e statistiche varie, so che mio marito ha comprato una kia 6 mesi fa e sono più le volte che è dal meccanico che a casa..
Ritratto di Richy
8 giugno 2011 - 02:56
Dunque...ma un Audi Q5 con il nulla cosmico a bordo vale € 41.000 ? Una Tiguan, che è una concreta cacata vale € 35.000 ? Una Bmw X1(118d) altra megaporcata vale € 34.000 ? Le due suv gemelle nate da mitsubishi che propongono Peugeot/Citroen valgono € 35.000 ? La MB GLK il top del suvnonsuv vale € 42.000 ?. Questa Kia con € 30.400 ve la portate a casa con il cambio automatico e fullfulloptional, per le altre sopra sforiamo per tutte i 40.000 anche 45.000 a parità di dotazione. Allora che ci compro con i 10.000/15.000 che risparmio....nulla e ho risparmiato un botto di soldi oppure mi compro UN'ALTRA AUTO utilitaria senza particolari ripieghi. Io ho avuto solo Vw e Audi....ma ragazzi....questi ormai hanno sforato davvero....se penso che Hyndai e Kia in 10 anni si sono guadagnati una fetta di mercato consistente vuol dire che questi ci vedono lungo e i signori tedeschi, che ricordo sono i top peggiori in termini di assistenza (cifre globali), vogliono solo fare macchine belle e costose. In realtà posso testimoniare di non aver mai avuto un problema anche fuori garanzia con Passat/A4/A6....un pò anche per fortuna....ma lo stesso posso dire per una micra dci con 90.000 km e zero zero problemi o una mitsubishi ASX 18d 150cv AWD, pagata 23.000 e oggi con 57.000 KM perfetta !!! e pagata un caxxxo........VIVA LE AUTO NON TEDESCHE (tranne fiat e lancia SIK !!)
Ritratto di tonioc
9 giugno 2011 - 19:07
1
bellissima auto!! l'apprezzo molto e sn indeciso se comprare questa o la ix35!!
Ritratto di emergency
14 giugno 2011 - 17:47
Signori sette anni di garanzia chi li a mai visti tutti assieme neanche le doicland (tedesche di germania )possono spingersi a tanto visto che si rompono tanto prima Io non ho nulla sulle tedesche ma nemmeno non disprezzo il lavoro di altre case automobilistiche e penso che la Kia sia una SUV di tutto rispetto Il mio collega di lavoro ha una sportage quello prtecedente, e mi ha riferito che non lo cambierebbe con altre auto SUV di pari o superiore concorrenza, ha quasi 180mila km e a dir suo dovrebbe farne altrettanti senza patema d'animo e quando cambierà senza dubbio prenderà il modello nuovo.Che posso dire forse anche io opterò in futuro per un auto del genere, ma per ora aspetto.
Pagine
Annunci

Kia Sportage usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Kia Sportage usate 20159.20013.90043 annunci
Kia Sportage usate 201613.49916.62039 annunci
Kia Sportage usate 201713.90017.87066 annunci
Kia Sportage usate 201814.99018.35048 annunci
Kia Sportage usate 201916.70021.24036 annunci
Kia Sportage usate 202022.90025.6907 annunci
Kia Sportage usate 202120.40021.7002 annunci

Kia Sportage km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Kia Sportage km 0 201822.00022.5002 annunci
Kia Sportage km 0 201920.37027.96017 annunci
Kia Sportage km 0 202020.49022.24024 annunci
Kia Sportage km 0 202120.49023.56023 annunci