PROVATE PER VOI

Kia Venga: spaziosa, briosa, un po’ rumorosa

Prova pubblicata su alVolante di
maggio 2010
Pubblicato 07 maggio 2010
  • Prezzo (al momento del test)

    € 18.000
  • Consumo medio rilevato

    15,9 km/l
  • Emissioni di CO2

    124
  • Euro

    5
Kia Venga
Kia Venga 1.4 CRDi WGT 90 CV EX
L'AUTO IN SINTESI

Accattivante nella linea, è una monovolume adatta alla città, ma pure generosa in fatto di spazio per passeggeri e bagagli. Il 1.4 diesel è vivace e parco nei consumi, ma l'insonorizzazione è migliorabile. Per la dotazione e la garanzia di 7 anni, il prezzo è alletante.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
2
Average: 2 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
2
Average: 2 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Dotazione
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÈ COMPRARLA
Grande dentro e ben dotata

Ha una carrozzeria dagli ingombri contenuti che permette di cavarsela senza problemi in città, ma offre pure un’abitabilità che ha poco da invidiare a quella delle monovolume più grandi: volendo, ci si sta in cinque senza eccessivi sacrifici, e quattro adulti viaggiano come pascià. Fra le sue carte vincenti c’è una dotazione davvero completa in rapporto al prezzo, oltre alla garanzia di ben sette anni. Su strada si fa apprezzare per la buona tenuta in curva e per la vivacità del 1.4 turbodiesel, sottolineata dal cambio a sei marce. I consumi sono bassi in tutte le condizioni, ma il comfort non è il massimo perché le sospensioni rigide assorbono male le asperità, e l’insonorizzazione del motore è migliorabile.

Con i suoi 407 cm di lunghezza, la Kia Venga  permette di affrontare senza problemi il traffico cittadino e non mette in difficoltà al momento di cercare parcheggio. Ma, nonostante le dimensioni esterne contenute, la nuova monovolume coreana dispone di un abitacolo molto accogliente: è in grado di ospitare quattro adulti con tutti i comfort, e anche in cinque non ci si deve stringere più di tanto. Adatto alle esigenze della famiglia anche il bagagliaio.

I 90 CV del 1.4 turbodiesel della Kia Vengasi fanno sentire e, grazie anche al cambio a sei marce, la guida risulta divertente e gratificante (pur se in sesta la spinta si fa consistente solo dopo aver superato i 1500 giri). Tutt’altro che esagerati i consumi, tanto che fuori città è facile percorrere 18 km con un litro di gasolio. Il rovescio della medaglia risiede nella sua percettibile rumorosità, che assieme alle sospensioni rigide riduce la qualità del comfort.

La tenuta di strada e la stabilità sono più che soddisfacenti, e il comportamento stradale davvero sicuro: d’altra parte l’Esp è di serie, come pure l’Abs integrato dal sistema che “riconosce” le frenate d’emergenza e aumenta automaticamente la potenza decelerante. Lo sterzo è sufficientemente leggero a bassa velocità e in manovra, ma quando l’andatura aumenta la rapidità di risposta e la precisione non peggiorano.

Il rapporto fra prezzo e dotazione della Kia Venga è piuttosto favorevole (sono di serie anche i cerchi in lega, il climatizzatore, la radio con cd, il vivavoce Bluetooth  per il telefono cellulare e le prese Aux e Usb), ma a rendere la Kia Venga ancor più allettante è la garanzia eccezionalmente estesa: si è coperti per sette anni oppure 150.000 km. Per risparmiare si può scegliere l’allestimento LX, ma la potenza del motore ha 77 CV invece di 90, e si deve rinunciare ai retrovisori elettrici, ai sensori di distanza e ai fendinebbia.

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
Cinque persone in quattro metri

Gli interni sono sobri ed eleganti, con il volante e la consolle ravvivati da inserti color alluminio. Peccato che le plastiche, per quanto bene assemblate, siano piuttosto rigide e di aspetto economico, e che il bel cruscotto non spicchi per completezza. In compenso, i comandi sono correttamente disposti e facilmente individuabili. Per essere una vettura lunga poco più di quattro metri offre un’abitabilità eccellente: il divano scorrevole permette di decidere se dare più spazio ai bagagli oppure ai passeggeri e, all’occorrenza, può ospitare tre adulti senza troppi sacrifici. Comodi e ben profilati anche i sedili davanti. Il bagagliaio è ai vertici della categoria in fatto di ampiezza e risulta piuttosto versatile: è prevista anche la possibilità di regolare l’altezza del pavimento portandolo a filo della soglia, così da facilitare le operazioni di carico e scarico di oggetti pesanti.

Plancia e comandi
L’abbinamento fra superfici grigie, nere e color alluminio conferisce un aspetto accattivante alla plancia e alla consolle della Kia Venga, ma la qualità delle plastiche non è eccezionale: seppure bene assemblate, sono dure ed economiche. La disposizione dei comandi è corretta e basta un minimo di abitudine per trovare al volo il pulsante o la manopola giusta, come pure è funzionale lo schermo del computer di bordo collocato sulla sommità della consolle. Esteticamente riuscito e ben leggibile, il cruscotto pecca, però, di completezza: mancano il termometro del liquido di raffreddamento e la spia che segnala l’accensione degli anabbaglianti.

Abitabilità
Il divano che scorre longitudinalmente di 13 cm è una bella comodità: quando è in posizione completamente arretrata lo spazio per le gambe dei passeggeri posteriori abbonda. Perciò quattro adulti viaggiano decisamente comodi e l’eventuale quinto non è penalizzato, anche perché il profilo della seduta è piatto e nel pavimento non c’è il tunnel a togliere spazio ai piedi. Nei lunghi viaggi, a bordo della Kia Venga, si apprezza anche il corretto supporto offerto dalle poltrone anteriori, dal profilo avvolgente e adeguatamente “consistenti” nell’imbottitura. Ben fatto il cassetto davanti al passeggero, refrigerato dal “clima” (ma purtroppo privo di serratura), cui si aggiungono un comodo pozzetto a fianco della leva del freno a mano e un portaoggetti alla base della consolle.

Bagagliaio
Oltre che facendo scorrere in avanti e indietro il divano, il bagagliaio - che per ampiezza si pone al top della categoria - può essere “modulato” anche regolando l’altezza del pavimento: se non occorre sfruttare il massimo spazio verticale disponibile, lo si può rialzare di 16 cm livellandolo alla soglia di carico (e formando un doppiofondo); con i pacchi ingombranti e pesanti è una bella comodità, tanto più se si considera che sul pavimento non si formano gradini neanche reclinando lo schienale del divano. Alla praticità contribuiscono anche l’ampiezza del portellone e il regolare profilo interno.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Si difende bene su ogni tipo di percorso

La posizione di guida rialzata che favorisce la visibilità (tranne dietro, ma nei parcheggi vengono in soccorso i sensori), assieme ai comandi dolci da azionare, rendono la guida in città gradevole e poco stressante. Peccato che il motore, proprio ai regimi inferiori, infastidisca con il suo ruvido pulsare, e che le sospensioni mal digeriscano i fondi tormentati dei centri storici. Paradossalmente la rumorosità del piccolo turbodiesel si riduce a velocità autostradale, quando, però, viene sostituita da quella di rotolamento delle gomme. Le prestazioni sono, in ogni caso, vivaci, con il cambio a sei marce che aiuta a rimediare a quel minimo di pigrizia che si riscontra fino a quando si superano i 1500 giri. Lo sterzo rapido e preciso, assieme alle notevoli qualità dinamiche, rendono questa monovolume divertente da guidare anche sui percorsi tortuosi.

In città
Se non fosse per il motore, che ai bassi regimi costringe ad ascoltare il suo fastidioso ticchettìo, e per le sospensioni che reagiscono poco progressivamente sul pavè e sulle rotaie del tram, la Kia Venga sarebbe una “cittadina” perfetta: è pronta nello spunto e molto maneggevole, e ha comandi dolci da azionare a partire dallo sterzo, che in manovra è leggerissimo. Inoltre, la posizione di guida rialzata favorisce la visibilità, specialmente davanti e di lato. Dietro, invece, a causa dei massicci montanti e del lunotto piccolo, c’è poco da fare. Ma nei parcheggi ci si aiuta con i sensori di distanza, che sono di serie.

Fuori città
Il cambio a sei marce aiuta a far “lavorare” il piccolo turbodiesel al regime migliore, anche perché per godere della spinta giusta bisogna oltrepassare i 1500 giri o - in sesta marcia - i 70 km/h. Le prestazioni sono, comunque, vivaci, e ben si sposano con una guidabilità superiore alla media, che poco o nulla risente dell’altezza della carrozzeria: fra le curve la maneggevolezza è ottima e il rollio davvero contenuto. Sincere e prevedibili le reazioni nelle manovre d’emergenza, con l’Esp che interviene di rado e in maniera mai invadente. Buono il consumo: di media con la Kia Venga si percorrono più di 18 km/l.

In autostrada
La sesta marcia permette di tenere i centotrenta orari a un regime di tutto riposo, ossia 2600 giri: se ne avvantaggiano il comfort (perché il rombo del motore non dà fastidio) e i consumi, visto che i 14 km/l sono a portata “di piede”. Resta il fatto che, dopo un rallentamento, se si vuole riprendere velocità in fretta, è meglio scalare una marcia, soprattutto se a pieno carico o in falsopiano. Non è, invece, soddisfacente l’insonorizzazione dell’abitacolo rispetto al rumore di rotolamento delle gomme, che si percepisce distintamente, mentre sono irreprensibili la tenuta di strada e la stabilità nei curvoni veloci, come pure, nelle frenate d’emergenza, il mordente e la resistenza dell’impianto.

QUANTO È SICURA
4
Average: 4 (1 vote)
Tutto il necessario è di serie

Per quanto riguarda la sicurezza, non c’è nulla da aggiungere: l’equipaggiamento di serie comprende sei airbag (quelli che proteggono la testa si estendono ai posti dietro), i poggiatesta attivi, l’Esp, i fendinebbia e il cruise control. Positivo il riscontro ottenuto nei crash test EuroNcap – effettuati nel 2010 e dunque seguendo la procedura più recente e rigorosa – nei quali la Venga ha ottenuto un punteggio totale di quattro stelle su un massimo di cinque.

Dall’EuroNcap arriva la promozione, ma senza lode: le stelle ottenute dalla Venga sono quattro (su un massimo di cinque), con un punteggio del 79% per la protezione degli occupanti, del 66% per i bambini e del 64% per la tutela dei pedoni in caso di investimento; è, invece, del 71% la valutazione assegnata ai sistemi di assistenza alla sicurezza. Va comunque specificato che l’esemplare sottoposto alle verifiche era privo degli airbag laterali e di quelli per la testa (anteriori e posteriori) che fanno, invece, parte della dotazione di serie del modello da noi provato. Sono inclusi nel prezzo anche i fendinebbia e il cruise control, oltre che, naturalmente, i controlli elettronici di trazione e stabilità. Presente anche il sistema di assistenza alla frenata di emergenza, che riconosce la rapidità e l’intensità con cui viene premuto il pedale del freno e, se necessario, aumenta ulteriormente la potenza decelerante.

NE VALE LA PENA?
4
Average: 4 (1 vote)
Non gioca solo sul prezzo basso

Ha un motore brillante in rapporto alla cilindrata, non particolarmente silenzioso ma parco nei consumi. Maneggevolissima in città, è una monovolume che si fa apprezzare anche nei percorsi ricchi di curve, dove sfoggia positive caratteristiche di guida e stabilità. Ottimo il rapporto fra le dimensioni esterne e l’abitabilità: lo spazio non manca né per i passeggeri, né per i bagagli.
Tenuto conto della completa dotazione e della garanzia di sette anni, può essere un ottimo affare.

Fra le monovolume compatte, la Kia Venga è una delle più convenienti: ha una dotazione completa sotto ogni profilo e non costa un’esagerazione, tanto più se si tiene conto dell’eccezionale durata della garanzia (un “dettaglio” che dovrebbe anche ridurre l’effetto-svalutazione: uno dei punti a sfavore delle vetture coreane). La Kia Venga ha sospensioni rigide (che sullo sconnesso non favoriscono il comfort), ma, in compenso, fra le curve tenuta di strada e guidabilità si rivelano superiori alla media. Certo, chi fa parecchia autostrada si potrebbe lasciar tentare dalle maggiori prestazioni della più costosa e potente 1.6 CRDi da 116 CV; tuttavia, questa considerazione nulla toglie alle valide caratteristiche del 1.4 turbodiesel, piacevolmente vivace in rapporto alla cilindrata e parco nei consumi, seppure un po’ rumoroso ai regimi inferiori.

PERCHÈ SÌ
 
 

Accelerazione
La Venga scatta bene al semaforo: pronto nel prendere i giri, il 1.4 turbodiesel è capace di un generoso allungo; e il cambio a sei marce, veloce e preciso negli innesti, permette di sfruttarne al meglio le caratteristiche.

Dotazione
Tutto quel che serve davvero – compresi gli utili sensori di parcheggio – è compreso nella dotazione di serie, cosicché le eventuali aggiunte da fare riguardano accessori non propriamente indispensabili (come i sedili in pelle o la vernice metallizzata).

Garanzia
La garanzia “record” di ben sette anni (oppure 150.000 km) è una prerogativa di alcuni modelli della Kia: si tratta di un bel vantaggio, che influisce positivamente anche sulla tenuta del valore dell’auto.

Spazio
Oltre a essere abbondante, si gestisce e si modula con facilità grazie al divano scorrevole: l’abitabilità è superiore a quanto le compatte dimensioni della carrozzeria lascerebbero immaginare, e anche la capacità del bagagliaio si pone ai vertici della categoria.

PERCHÈ NO
 
 

Comfort
Sui fondi sconnessi le sospensioni, rigide, trasmettono qualche sobbalzo di troppo. Ma ciò che più compromette il comfort è il rombo del motore, sensibile soprattutto ai bassi regimi, e il rumore di rotolamento delle gomme che, invece, emerge a velocità elevata.

Cruscotto
La grafica è gradevole e la leggibilità buona, però le spie sono poche e manca il termometro dell’acqua, importante per non rischiare di compromettere l’integrità dei moderni turbodiesel (che non vanno “maltrattati” prima di aver raggiunto l’ottimale temperatura di funzionamento).

Plastiche
All’estetica curata e rigorosa del cruscotto e della plancia non corrisponde altrettanta attenzione nella selezione dei materiali: le plastiche sono rigide e non nascondono la ricerca della riduzione dei costi.

Visibilità posteriore
La scelta di offrire i sensori di parcheggio inclusi nel prezzo appare “dovuta”: la visibilità, posteriore, infatti, è condizionata negativamente dal taglio dai finestrini (che vanno a restringersi verso la coda) e dal lunotto, piccolo e distante dal suolo.
 

SCHEDA TECNICA
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 5a a 4000 giri   168,3 km/h 167 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,2   14,5 secondi
0-400 metri 18,2 119,3 km/h non dichiarata
0-1000 metri 34,1 147,6 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 42,1 138,4 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 37,9 133,7 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 17,49   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,5 km/litro 17,9 km/litro
Fuori città   18,2 km/litro 23,3 km/litro
In autostrada   14,1 km/litro non dichiarato
Massimo   8,3 km/litro non dichiarato
Medio   15,9 km/litro 21,3 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,4 metri 35
da 130 km/h   64,1 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   135 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,4 metri 10,4 metri
Cilindrata cm3 1396
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 66(90)/4000
Coppia max Nm/giri 220/1750-2750
Emissione di CO2 grammi/km 124
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 407/177/160
Passo cm 262
Peso in ordine di marcia kg 1270
Capacità bagagliaio litri 440-570/1486
Pneumatici (di serie) 205/55 R 16
I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 5a a 4000 giri   168,3 km/h 167 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 12,2   14,5 secondi
0-400 metri 18,2 119,3 km/h non dichiarata
0-1000 metri 34,1 147,6 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 42,1 138,4 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 37,9 133,7 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 17,49   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,5 km/litro 17,9 km/litro
Fuori città   18,2 km/litro 23,3 km/litro
In autostrada   14,1 km/litro non dichiarato
Massimo   8,3 km/litro non dichiarato
Medio   15,9 km/litro 21,3 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   38,4 metri 35
da 130 km/h   64,1 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   135 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,4 metri 10,4 metri
Cilindrata cm3 1396
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 66(90)/4000
Coppia max Nm/giri 220/1750-2750
Emissione di CO2 grammi/km 124
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 407/177/160
Passo cm 262
Peso in ordine di marcia kg 1270
Capacità bagagliaio litri 440-570/1486
Pneumatici (di serie) 205/55 R 16
Kia Venga
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
14
27
37
23
31
VOTO MEDIO
2,8
2.772725
132
Aggiungi un commento
Ritratto di Marius444
27 dicembre 2010 - 15:54
Anch'io ho detto a grandi linee -in concessionaria Hyundai- la tua stessa frase: "Poi le due auto praticamente sono la stessa cosa..." Il tipo della Hyundai m'ha guardato e detto:"Diciamo allora che loro sono la Skoda e noi la Volkswagen..." ;-))
Ritratto di vincenzo.natella
27 dicembre 2010 - 13:36
Non ho ben capito la differenza fra la KIA VENVA e la I X 20 HYUNDAI.
Ritratto di fabio.1977
27 maggio 2011 - 10:18
Buongiorno, sono possessore di una kia venga 1.4 crd 90CV Acquistata a novembre, a dicembre si ferma perchè si ghiaccia il gasolio e la paraffina intasa il filtro gasolio, questo a 600 km, arrivo in officina e dopo che il capofficina (persona molto maleducata) mi degna di uno sguardo, mi dice che la colpa non è ne del concessionario ne di kia e che devo pagarmi il filtro (dopo 600 km che ho comprato una macchina nuova), l'ho raccontato a un mio ex collega di quando facevo il meccanico e a qualche mio cliente titolare di altri concessionari e mi hanno detto tutti che è ridicolo perdere la faccia per un filtro e dopo solo 600 km di vita.. Poi c'è da dire che mia moglie ha una Yaris 1.4 commonrail 90 cv, proprio come la mia kia, parte la mattina presto per andare al lavoro che fa molto più freddo delle 09:00 quando vado via io, la macchina ha 5 anni, facciamo gasolio nello stesso posto (in cui siamo andati a chiedere spiegazioni e avevano delle tabelle di certificazione della qualità del gasolio), ma la macchina è perfetta ancora adesso.. Comunque cambio il filtro a mie spese e il Fenomeno del capofficina mi dice di mettrere 2 litri di benzina sul pieno di gasolio nel periodo invernale, chiedo conferma un paio di volte perchè sapevo che nel commonrail era dannoso mettere anche poca benzina e alla fine faccio come ha detto l'"esperto".. Il tempo di finire il pieno e un iniettore comincia a battere come un martello pneumatico e la macchina andare come a tre cilindri.. Torno dal fenomeno prima di Natale che mi dice di di portarla dopo il 10 gennaio, così a Natale invece di andare via con la macchina nuova vado con l'infallibile Toyota di mia mogie.. comunque poi arriva il 10 gennaio porto la macchina al concessionario, mi danno il carro funebre sostitutivo da 5km con un litro e aspetto più di una settimana per sentirmi dire che l'ispettore della kia ha detto che il quarto iniettore è rovinato per causa combustibile sbagliato, mi viene accennato che devo pagare io l'iniettore visto il motivo, al che mi arrabbio sul serio e alla fine viene cambiato in garanzia, anche qui ho provato a chiedere a gente che lavora nel settore e la risposta è stata sempre la stessa: ma non te li hanno cambiati tutti e quattro? Comunque poi il bello è che il Fenomeno (io gli darei una medaglia) va a dire al venditore e al meccanico che io ho fatto la cavolata di mettere la benzina nel serbatoio, complimenti forse bisogna fargli un monumento più che una medaglia.. Passa un mese o poco più e come era ovvio comincia a battere un'altro iniettore, mi reco al concessionario e sfortuna vuole che non batte più, la mattina dopo puntualmente si ripresenta, chiamo il concessionario e mi dicono che l'officina è chiusa, allora parlo col venditore che mi ha venduto la macchina e perdo le staffe, ci risentiamo 2 giorni dopo e mi dice di portare la macchina che me la sistemano, quindi solito carro funebre sostitutivo (stavolta con spia abs e airbag accesa e contachilometri che non funziona, infatti visto con chi ho a che fare faccio subito un filmato con il cellulare prima che arriva una multa per velocità che non potevo controllare, secondo voi il fenomeno direbbe che non andava il contachilometri? Di sicuro lo sapeva, perchè ho registrato anche dopo che ho riconsegnato la macchina e lui che diceva che era l'ultimo viaggio perchè la rottamavano..) aspetto tre settimane prima che arrivano 4 iniettori e la valvola egr, quindi a Pasqua vado via con la solita infallibile Yaris.. Dopo Pasqua ritiro la macchina e arriviamo a questo momento, la macchina non va bene, gli iniettori battono un po menoma continua a girare male, va bene 10-20 km e poi ne fa altrettanti a girare male, devi schiacciare l'acceleratore a fondo per vincere quel momento in cui entra il turbo e compensa la mancanza, oltretutto consumamolto di più. Scuse assurde aggiuntive : quando avevo detto che la Yaris di mia moglie con caratteristiche analoghe andava bene, mi è stato detto che il gasolio nel filtro si era ghiacciato perchè la venga è un euro 5 e quindi ha più pressione nel collettore comune ( il gasolio ghiaccia prima di arrivare nel collettore comune probabilmente perchè non adeguatamente isolato, una volta nel collettore comune va solo negli iniettori e poi polverizzato o in reflusso al serbatoio), queste sono le scuse che inventano ai clienti che purtroppo non sanno come funziona un motore.. Sono andato in officina circa 10 volte e quasi tutte le volte c'era una kia venga sul ponte, per curiosità chiedevo il motivo e mi veniva detto che era li per un tagliando, però l'unica volta che ho visto un meccanico che ci lavorava sopra stava togliendo il filtro del gasolio per lo stesso mio motivo.. Personalmente l'ho comprata perchè mi piaceva esteticamente, ho letto la prova su una rivista in cui ne parlavano bene, prezzo buono, 7 anni di garanzia. mi sono dimenticato che siamo in Italia e basta pagare per far scrivere quello si vuole su un giornale, la garanzia non è esattamente come negli stati uniti, il prezzo buono spesso corrisponde a una pessima qualità.. In fine vorrei dare un consiglio: io che ho fatto pure il meccanico per 9 anni ufficialmente e ora come secondo lavoro ci sono cascato come un pollo, ma se a voi interessa una macchina che vada bene di sicuro e che fin che la tenete ci farete solo i tagliandi state su HONDA oppure TOYOTA, ho visto tante di queste macchine essere a più di 400.000 km e aver eseguito solo i tagliandi, anche personalmente, tra me, mia moglie, miei genitori e amici, zero problemi con le HONDA e TOYOTA che abbiamo avuto e abbiamo ancora, rivorrei la mia TOYOTA di 10 anni che ho dato dentro per comprare sta scatola della kia..
Ritratto di gig
6 ottobre 2011 - 14:15
BELLA MACCHINA. MA MI PIACE DI PIù LA IX20,è HYUNDAI!
Ritratto di Spike
13 giugno 2013 - 18:28
Ciao Fabio,per un attimo ho pensato di leggere il solito commento sullo sportage 1.7crdi :) ma evidentemente mi sbagliavo.Non sapevo che questo problema fosse diffuso anche sul 1.4crdi.Da panico. Quanto al gasolio che si ghiaccia ti devo dare contro purtroppo.Ma non lo sai che nei motori hyundai-kia le leggi della fisica cambiano....scherzi a parte...un mio amico per sbaglio ha messo 7litri di benzina su un pieno di gasolio e il furgoncino nissan(dci) fortunatamente non ha suito danni.Materiali molto delicati sui motori kia quindi.Certo che anche tu.... :) sui vecchi diesel aspirati in russia si andava al 50% di benzina...ma non con il rail.Buona fortuna
Ritratto di WHITEFISH37
8 settembre 2016 - 23:27
Ehi, ma come si fa a prendere minimamente in considerazione una macchina senza non dico il termometro ma neanche la spia del liquido di raffreddamento e senza UDITE UDITE! La spia degli abbaglianti! Ma andassero a venderle in mongolandia ste bufale! Ma la radio ce l'ha? (Per 18.000 € spero proprio di sì!).
Ritratto di raffaele13
10 luglio 2018 - 12:58
Alcuni pregi sono d'accordo ma per i difetti ne avete mancati molti. La venga ha un gioco nelle pinze dei freni che quando si becca una strada con piccoli dissestamenti l avantreno diventa molto rumoroso. La casa madre opta per una modifica che non risolve del tutto il problema e non dura in eterno, 6/7 mesi è tutto come prima cioè un casino. Ammortizzatori posteriori nelle strade dissestate specialmente in curva l auto sobbalza perdendo la traiettoria. Casa madre cambia ammortizzatori i ma la soluzione è pari a 0. Ho risolto io montando i Monroe. Scricchioliii vari dalle plastiche interne, cinture di sicurezza rumorose zizizizizizi mi sembra il letto di mia nonna. Frizione che slitta specialmente a freddo. Giusto per rendere l idea parlo di un auto con 34mila km e sono tutti problemi comuni con altri venghisti basta andare su fb kia venga italia. Per il modello gpl ci sono da registrare le valvole insomma un lavoro che fanno credere che è missione di 007 e quindi costa 600 euro non entra nemmeno in garanzia. Garanzia 7 anni una grande cavolata dopo 30 mila km il 90% dei componenti non sono in garanzia e se qualcuno è in garanzia c'è il trabocchetto. Esempio : si rompe il volano è in garanzia 100mkm ok chi conosce la meccanica sa nel momento in cui si cambia il volano si deve fare anche la frizione che non è in garanzia perché la perdi a 30 mila e il costo è una mazzata dietro al collo. Parliamo dei costi dei tagliandi? Hahahha il primo 280 fino al settimo 1720 euro mi faccio una bella risata perché il tagliando lo faccio io e la garanzia non ho bisogno a questi livelli scarsi. Vogliamo parlare della gentilezza di kia ovviamente dove ho comprato io l auto a Pesaro? Ok nel momento che non riuscivano che pesci prendere telefonicamente mi hanno liquidato. " ci scusi per lei non possiamo più far niente si rivolga un altra officina buona vita". (in possesso registrazione telefonata). Kia Italia casa madre come ha risolto al mio richiamo vada da un altro e vediamo di risolvere. Ok mi sono messo in garage e ho risolto io pezzi di marca e cervello attivo aiuto morale e visivo di mio padre ex meccanico ex collaudatore in pista all alfa. Per la prossima auto vi auguro buona vita.
Pagine
Annunci

Kia Venga usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Kia Venga usate 20136.9007.8204 annunci
Kia Venga usate 20145.9007.8308 annunci
Kia Venga usate 20153.8008.1404 annunci
Kia Venga usate 201611.90011.9001 annuncio
Kia Venga usate 201710.85010.8501 annuncio
Kia Venga usate 201811.90012.3306 annunci

Kia Venga km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Kia Venga km 0 201912.70014.0705 annunci