PROVATE PER VOI

Opel Astra: lo sprint non si fa pagare

Prova pubblicata su alVolante di
gennaio 2016
Pubblicato 20 giugno 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 25.500
  • Consumo medio rilevato

    19,6 km/l
  • Emissioni di CO2

    103 grammi/km
  • Euro

    6
Opel Astra
Opel Astra 1.6 CDTI 136 CV Innovation

L'AUTO IN SINTESI

Rinnovata da cima a fondo nel 2015, la Opel Astra ha una carrozzeria dalla linea moderna, con forme grintose, slanciate e parecchie nervature nel cofano e nelle fiancate che muovono le superfici. Evidente il cambiamento anche negli interni, dove risalta la plancia attraversata da un’ampia fascia a contrasto, con lo schermo a sfioramento di 8” del sistema multimediale, che integra il navigatore e il servizio di connettività e assistenza OnStar (gratuito il primo anno): può inviare chiamate di emergenza al soccorso stradale, oppure richiedere informazioni di vario tipo, compresa la presenza di ristoranti sulla strada che si sta percorrendo. Tanti gli optional tecnologici, tra cui i fari a matrice di led IntelliLux, che adattano automaticamente l’illuminazione per non abbagliare i veicoli che si incrociano o si seguono. Maneggevole e gradevole da guidare, anche su percorsi tortuosi, l’Astra è un’auto comoda e sicura, e con il 1.6 a gasolio da 136 CV consuma davvero poco. Scarsa la visibilità posteriore e poco ampio il baule.

Posizione di guida
5
Average: 5 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
5
Average: 5 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA

Con la sua linea aggressiva e slanciata, a un primo sguardo la Opel Astra non sembra poi così diversa dal modello precedente: invece, è tutta nuova ed è più compatta e leggera grazie a un’efficace cura dimagrante. Nel comportamento su strada, i cambiamenti le hanno conferito una maggiore agilità, abbinata a notevoli doti di tenuta di strada, stabilità e frenata: nelle strade ricche di curve si apprezzano la precisione dello sterzo e la valida taratura delle sospensioni. Il 1.6 turbodiesel da 136 CV è un po’ “ruvido”, ma non fa troppo rumore ed è brillante, pur senza avere una potenza esagerata. In particolare, ha consumi quasi da utilitaria: in media abbiamo percorso quasi 20 km/l, superando i 18 in città. Comoda anche nei lunghi trasferimenti autostradali e poco affaticante in città, questa macchina fa soffrire un po’ solo in manovra, a causa della visibilità posteriore scarsa. Le poltrone ventilate, con quella di guida dotata di funzione massaggio e con 18 regolazioni elettriche (500 euro), sono ampie, ben conformate e confortevoli. Nel bracciolo ci sono le due prese Usb e Aux. Il divano, che ha la seduta ampia e lo schienale con la giusta inclinazione, non è scomodo neppure per chi siede al centro (e il tunnel è basso). Pratiche le due prese Usb (40 euro): sono in abbinamento agli interni in pelle. Intelligente il sistema OnStar della Opel Astra che consente di fare chiamate di emergenza al soccorso stradale (tasto rosso: in caso di sinistro grave si attiva da solo) e di contattare un operatore (tasto blu) anche per chiedere l’indirizzo di un ristorante o sapere perché si è accesa una spia nel cruscotto. Con una app per smartphone, poi, verifica lo stato e la posizione dell’auto e, in caso di furto, col Gps permette alle forze dell’ordine di individuarla. Quanto alla dotazione, quella della Innovation (la versione più costosa) è completa: di serie ci sono i cerchi in lega di 17”, i sensori di distanza davanti e dietro, il “clima” bizona, il cruise control e i poggiatesta anteriori attivi. Tanti gli optional tecnologici, tra cui utli sistemi di ausilio alla guida quali la frenata automatica d’emergenza e il controllo della corsia di marcia (che interviene sullo sterzo).

VITA A BORDO

5
Average: 5 (1 vote)
PRATICA E BEN RIFINITA

Plancia e comandi
La plancia e la consolle, separate da un profilo satinato, hanno forme semplici; i dettagli sono curati e i materiali gradevoli al tatto. La strumentazione della Opel Astra è completa e ben leggibile. Lo schermo del computer di bordo mostra le informazioni dei sistemi di ausilio alla guida, come l’Opel Eye che segnala, tra l’altro, i limiti di velocità e la distanza di sicurezza dal veicolo che precede. Anche la disposizione dei comandi è migliorata: la consolle è meno fitta di tasti e appare più ordinata. Ancora tanti (e troppo piccoli), invece, i pulsanti nelle razze del volante, mentre quelli per gli alzavetro elettrici (nei pannelli porta) sono troppo arretrati. Parecchi anche i vani portaoggetti, ma non troppo capienti. Il cassetto di fronte al passeggero anteriore è ampio, ha tre portamonete, un portapenna e l’apertura frenata. Peccato che manchi la bocchetta dell’aria refrigerata dal “clima”. 

Abitabilità
Entrando in auto ci si trova in un abitacolo arioso e accogliente, che consente di viaggiare comodi anche in cinque. Davanti lo spazio è abbondante, ma pure dietro si sta bene (soprattutto in due): la testa e le gambe di adulti alti fino a 180 cm non sono sacrificate. C’è un po’ meno agio, invece, per le spalle, se si viaggia in tre. 

Bagagliaio
La bocca è regolare, ma la capacità è solo discreta: il vano dell’Astra non è né largo né alto. L’interno, comunque, è ben rifinito; sotto il piano di carico ci sono il ruotino e alcuni scomparti. Con il divano abbassato si forma un piano piatto, che permette di far scorrere gli oggetti da stivare, per spingerli sul fondo. Pratici i due ganci sulle pareti per ancorare i bagagli e la luce sul lato destro. Se si vogliono stipare le valigie per una vacanza in quattro, però, si deve faticare un po’: è meglio usare borse flosce, che si adattano meglio agli spazi.

COME VA

4
Average: 4 (1 vote)
VA BENE PER CHI MACINA TANTI CHILOMETRI

In città
Lo sterzo e la frizione della Opel Astra richiedono poco sforzo, i primi tre rapporti del cambio non sono lunghi e il 1.6 risponde con sufficiente prontezza: nel traffico l’auto è maneggevole e poco affaticante. Nelle manovre in retromarcia, però, si vede poco: i sensori di distanza (di serie, anteriori e posteriori) sono indispensabili per non rischiare la vernice dei paraurti nei parcheggi.

Fuori città
Tra le curve l’auto tedesca dà il meglio di sé: è pronta negli inserimenti e mostra una notevole tenuta di strada (ma un comando per regolare la risposta del motore e del servosterzo avrebbe reso ancor più divertente ed efficace la guida “allegra”). Elevata la sensazione di sicurezza che si ha al volante, anche per merito del potente impianto frenante. Bassi i consumi.

In autostrada
A velocità costante, il motore (che a 130 km/h lavora a 2500 giri) si fa sentire poco nell’abitacolo; sono avvertibili solo alcuni fruscii aerodinamici, che, comunque, non danno troppo fastidio. Nella guida in relax si apprezza il comfort offerto dalle sospensioni, mentre in velocità la macchina ha un comportamento prevedibile: nei curvoni non si scompone e, per fare sorpassi in emergenza, non è necessario scalare una marcia.

PERCHÈ SÌ

Consumo
Il quattro cilindri 1.6 turbodiesel è efficiente e, assieme ai rapporti ben studiati del cambio, concorre a fare della tedesca una delle più parche tra le medie da noi provate.

Frenata
L’impianto è ben dimensionato e consente di ottenere risultati davvero apprezzabili, sia in termini di spazi d’arresto sia come resistenza alla fatica.

Guida
Pur essendo un’auto per famiglie, e con una potenza non esagerata, è divertente e vivace senza essere scomoda. Può dare delle soddisfazioni anche a chi ama il comportamento sportivo.

Tenuta di strada
Sicura e dalle reazioni prevedibili, la vettura in curva si corica poco di lato.

PERCHÈ NO

Baule
La sua capacità è solo discreta (l’altezza interna è ridotta per via del pavimento alto), ed è scomodo da riempire per via della soglia di carico alta, a 72 cm da terra.

Comandi
Quelli nelle razze del volante sono tanti e richiedono un po’ di tempo per familiarizzare con le loro funzioni. Troppo arretrati i tasti (nel bracciolo lato guida) per gli alzavetro elettrici.

Regolazioni
Visti il carattere piuttosto brillante dell’auto e la novità del progetto, si sente la mancanza di un comando per variare la risposta del motore e dello sterzo, presente in alcune rivali.

Visibilità posteriore
È penalizzata dal lunotto piccolo e alto, che segue la “coda” bombata.

SCHEDA TECNICA

Cilindrata cm3 1598
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 110 (136)/3500-4000
Coppia max Nm/giri 320/2000-2250
Emissione di CO2 grammi/km 103
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 437/187/149
Passo cm 266
Peso in ordine di marcia kg 1275
Capacità bagagliaio litri 370/1210
Pneumatici (di serie) 225/45 R17

 

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
    203,4 km/h 205 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 8,8   9,6 secondi
0-400 metri 16,4 136,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 30,1 172,0 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 34,6 166,7 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 32,0 163,2 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 5a 10,3   non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 9,8   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   18,2 km/litro 22,2 km/litro
Fuori città   22,2 km/litro 28,6 km/litro
In autostrada   17,2 km/litro non dichiarato
Medio   19,6 km/litro 25,6 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,3 metri non dichiarata
da 130 km/h   59,5 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   136 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,9 metri 11,1

 

Opel Astra
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
96
109
119
74
71
VOTO MEDIO
3,2
3.181235
469
Aggiungi un commento
Ritratto di francu
22 giugno 2016 - 11:47
ma siamo sicuri che non ci sia un errore e il tempo e" di 9,8 e non 8,8,anche perche sarebbe la prima volta che esiste una discrepanza cosi grande e normalmente e' sempre peggiore e non migliore dei dati della casa,poi non sarebbe la prima volta di piccoli errori da parte di al volante,peccato che da gennaio la producano col ponte torcente solo la 160 biturbo diesel e la turbo benzina rimangono con le sospensioni indipendenti,questa e' col ponte torcente o no,se no tutto quello che e' stato scritto su tenuta e resto non vale piu
Ritratto di carletto86
26 luglio 2016 - 16:31
Ti assicuro che non si tratta di un errore di battitura, l'ho provata la settimana scorsa e a dalla prima alla terza attacca al sedile, sembra più un 2.0 bello pieno che un 1.6, non ho potuto fare lo sparo da fermo perché avevo il venditore a fianco, ma a naso si riescono ad ottenere i 10s sullo 0-100 in tutta souplesse, senza andare nella zona alta del contagiri.:-)
Ritratto di Pellich
28 giugno 2016 - 12:51
La circostanza sacrosanta che non si possa correre sulle nostre strade, non toglie il fatto che in rapporto alla potenza questo motore è più brillante del 2.0 175CV dell'Alfa. In questo caso non si discute la macchina in termini assoluti, ma in termini relativi .. e con riferimento a questo aspetto particolare (rilevamento cronometrico), ciò è indiscutibile.
Ritratto di Pagani_Z
20 giugno 2016 - 20:41
1
E ma l'Alfa arriva addirittura a 213,8 km/h con i suoi mega fantastici 175 cv, mentre le banali tedesche con 163 cv si fermano a solo 234,0 km/h http://www.alvolante.it/prova/bmw-serie-3
Ritratto di dfly81
20 giugno 2016 - 21:40
Mi sembra strano che la casa dichiari 9,6 secondi e il reale sia quasi un secondo meglio... di solito succede che il reale sia superiore al dichiarato, non il contrario. Anche perchè le case provano in condizioni ottimali le prestazioni e soprattutto perchè non avrebbe senso commercialmente dichiarare dati di accelerazione superiori al reale... Credo più plausibilmente si tratti di un errore di battitura dei risultati (mi aspetterei uno 0-100 in 9.8 secondi), infatti su altre testate online risultano valori di accelerazione 0-100 anche 10.3 secondi misurati (più o meno in linea con la Giulietta 120CV diesel che accelera da 0-100 in 10.2 secondi http://www.alvolante.it/primo_contatto/alfa-romeo-giulietta-2016)
Ritratto di serjaromil
24 giugno 2016 - 01:07
Cavolo, meglio la mia yaris 1.4 d. Da 0 a 100 in 10,8 secondi, allora
Ritratto di danck87
21 giugno 2016 - 11:28
2
questo è il 1.6 fca nuovo.. non è tedesco o gm..
Ritratto di autolog
21 giugno 2016 - 15:12
Bravo ngelotto, peccato solo che il dato di Astra sia un errore di battitura di Alvolante ahahahahah Naturalmente gli utenti troll alla PaganiZ si sono subito fiondati... non c'erano dubbi. Ma quando la finirete di fare figure di m...?
Ritratto di otttoz
20 giugno 2016 - 19:28
questa va forte...c'è la versione equitalia free?
Ritratto di carletto86
20 giugno 2016 - 21:34
Non molto riuscita con quell'anteriore parecchio anonimo, peró con quel 1.6 che con soli 600 euro in piú diventano 160cv, fa davvero passare in secondo piano tutto!
Pagine
Annunci

Opel Astra usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Opel Astra usate 20143.1007.85045 annunci
Opel Astra usate 20155.9909.11036 annunci
Opel Astra usate 20167.49011.05070 annunci
Opel Astra usate 20177.90011.45049 annunci
Opel Astra usate 201810.85014.62010 annunci
Opel Astra usate 201914.30016.82017 annunci

Opel Astra km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Opel Astra km 0 201722.38023.2802 annunci
Opel Astra km 0 201816.90018.3303 annunci
Opel Astra km 0 201915.90018.67054 annunci
Opel Astra km 0 202017.70018.7104 annunci