PROVATE PER VOI

Opel Astra: sveglia la frenata, tranquillo il resto

Prova pubblicata su alVolante di
giugno 2010
Pubblicato 08 giugno 2010
  • Prezzo (al momento del test)

    € 16.750
  • Consumo medio rilevato

    12,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    129
  • Euro

    5
Opel Astra
Opel Astra 1.4 16V Elective

L'AUTO IN SINTESI

La versione base della berlina compatta tedesca è equipaggiata come si deve e non costa una fortuna. Su strada è comoda e sicura, anche se il motore 1.4 risulta un po’ sottodimensionato. Ben costruita e offerta a un prezzo conveniente.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
2
Average: 2 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
2
Average: 2 (1 vote)
Ripresa
2
Average: 2 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
5
Average: 5 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Dotazione
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

Non fa rinunciare alla sicurezza

Nella gamma delle Opel Astra è la versione che costa meno, ma non per questo impone rinunce in fatto di cura costruttiva o di dotazione: materiali e finiture interne sono di qualità, e l’equipaggiamento di serie comprende tutto quanto occorre per la sicurezza, a partire dagli airbag a tendina (estesi ai posti dietro) per arrivare ai poggiatesta attivi e alla pedaliera “collassabile”. Silenziosa e confortevole, offre una tenuta di strada elevata e ha freni potenti, ma dal motore non si può pretendere più di tanto: il 1.4 da 101 CV ha, infatti, il suo bel da fare per muovere gli oltre 1300 kg della berlina tedesca, e questo va a scapito della ripresa e dei consumi (elevati soprattutto in città). L’abitacolo è spazioso, anche se sul divano viaggiano realmente comodi soltanto due adulti. Un po’ al di sotto delle aspettative, considerato che la carrozzeria è lunga 442 cm, la capacità del bagagliaio.

La nuova Opel Astra ha una linea riuscita, che non manca di personalità: il frontale è piuttosto aggressivo e le fiancate, parecchio sagomate, le donano una bella dose di dinamismo. Lunga 442 cm offre una buona abitabilità, anche se dietro si sta molto più comodi in due che in tre; la capacità del bagagliaio, inoltre, è un po’ inferiore a quella delle rivali di dimensioni simili.

La versione provata dell'Opel Astra è quella più a buon mercato, ma non impone rinunce né in termini di cura costruttiva – gli interni sono realizzati con materiali di qualità e ben rifiniti – né per quanto riguarda la dotazione di sicurezza, visto che, oltre ai controlli elettronici di trazione e stabilità, sono di serie anche gli airbag per la testa, i poggiatesta attivi (che in caso di tamponamento riducono il rischio di “colpo di frusta”) e la pedaliera con sistema Prs, che si sgancia in caso d’urto.

Il comfort di marcia è elevato grazie alla valida insonorizzazione e alle sospensioni morbide, come pure è valido comportamento stradale: facile da guidare grazie alla dolcezza dei comandi, la berlina tedesca ha buoni freni e non delude in fatto di tenuta di strada e stabilità. Ciò che, invece, lascia a desiderare è la brillantezza di marcia: i 101 CV erogati dal motore 1.4 a benzina non sono molti per una vettura che pesa oltre 1300 kg, e ciò incide negativamente su ripresa e consumi.

Con questo motore si può avere soltanto l’allestimento Elective: è quello “base”, ma risulta tutt’altro che povero dal momento che comprende, fra l’altro, il “clima” manuale, la radio con lettore cd e mp3 e il cruise control. Volendo, e senza spendere un’esagerazione, la si può arricchire con i fendinebbia, oppure rimpiazzare i cerchi di serie (di 16 pollici) in acciaio con quelli in lega di 17 pollici.

VITA A BORDO

3
Average: 3 (1 vote)
Un ponte di comando sin troppo ricco

L’aspetto del “ponte di comando” è molto moderno, ma la grande quantità di manopole e pulsanti che affolla la consolle rende difficile individuare rapidamente quelli di impiego più frequente, quali i controlli del “clima” o della radio; migliorabile anche la posizione dei comandi degli alzavetro, alquanto arretrati. Lo spazio abbonda soprattutto davanti, dove troviamo poltrone dall’imbottitura rigida ma confortevole, anche se dal profilo poco pronunciato e dunque scarsamente efficaci nel trattenere il corpo in curva. Il divano, invece, risulta comodo soltanto per due: l’eventuale terzo passeggero si trova fra i piedi la consolle che sporge fra i sedili anteriori e l’ingombrante tunnel centrale. A dispetto del fatto che l’Astra sia fra le vetture più lunghe della sua categoria, la capacità del bagagliaio è nella media; il vano è ben rifinito e si sfrutta bene anche in altezza (tanto che come optional si può avere anche un comodo doppio fondo), ma non è il massimo per quanto riguarda l’accessibilità, perché l’imboccatura - non molto ampia - è posta a una notevole altezza da terra.

Plancia e comandi
La movimentata plancia della Opel Astra regala un bel colpo d’occhio, sebbene la predominanza di tinte scure e i finestrini piccoli facciano apparire un po’ buio l’abitacolo. Imponente la consolle, sulla quale sono raggruppati praticamente tutti i comandi (al punto che si fatica a orientarsi a causa del gran numero di tasti, alcuni dei quali anche piccoli). Di alto livello la qualità dei materiali e delle finiture, e utili i vani dove riporre piccoli oggetti, dislocati un po’ ovunque. Seppure non refrigerato, il cassetto di fronte al passeggero è ampio e ben fatto. Il cruscotto, che abbina quattro quadranti analogici all’ampio schermo lcd del computer di bordo, è ben leggibile (per quanto i numeri negli strumenti siano piccoli).

Abitabilità
L’abitacolo dell'Opel Astra è spazioso soprattutto davanti, con le ampie poltrone – quella di guida è regolabile anche in altezza – in grado di accogliere persone di ogni taglia, e contraddistinte da un’imbottitura “solida” ma comoda. Peccato che, essendo poco sagomate, non siano molto efficaci nel trattenere il corpo in curva, e che la piccolissima leva di regolazione dello schienale si raggiunga con difficoltà. In aggiunta, il profilo spiovente del tetto costringe i passeggeri posteriori a fare attenzione alla testa nell’accedere al divano, che è sì accogliente, ma solo per due: chi occupa il posto centrale viene infastidito dalla presenza del tunnel e dal mobiletto che sbuca fra i sedili davanti.

Bagagliaio
La soglia a 73 cm da terra e non a filo del pavimento, assieme all’imboccatura che si restringe verso il basso, complicano il carico di bagagli grossi e pesanti; la capienza è nella media della categoria, ma delude un po’ se si considera che l’Astra è più lunga della maggior parte delle rivali. In compenso, la regolarità del profilo interno permette di sfruttare al meglio lo spazio a disposizione, e come optional si può avere il pavimento che si alza di 15 cm: non costa caro e permette di ricavare un utile doppio fondo “nascosto”. Abbattendo lo schienale la profondità utile arriva a 172 cm ma, purtroppo, il pavimento non rimane piatto.

COME VA

4
Average: 4 (1 vote)
Comoda e sicura, ma non trattatela da sportiva

Lo sterzo leggero, il cambio (in verità dalla corsa un po’ lunga) e la frizione morbidi da azionare, assieme alla progressiva erogazione del motore, rendono piacevole la guida nel traffico. Tuttavia, la visibilità non è ottimale: i montanti anteriori, molto lunghi, danno fastidio nelle svolte strette e agli incroci, mentre quelli posteriori lasciano vedere poco durante le manovre. Le morbide sospensioni favoriscono il comfort e rendono la vettura molto gradevole da guidare, almeno finché non si adotta uno stile più aggressivo: in questo caso il rollio diventa evidente e anche lo sterzo tende a perdere un po’ di consistenza. La sicurezza, comunque, non viene meno: la tenuta di strada è elevata e anche al limite le reazioni sono progressive e gestibili con facilità. L’Astra è comoda e silenziosa anche in autostrada, per quanto sia proprio in questo frangente che più si risente della mancanza di vivacità del motore: quando occorre riguadagnare velocità dopo un rallentamento, scalare è indispensabile.

In città
I montanti anteriori, che sono molto lunghi e inclinati, interferiscono fastidiosamente con la visuale quando ci si approssima a un incrocio oppure a una rotonda, mentre quelli posteriori impediscono di vedere correttamente cosa c’è dietro nelle manovre in retromarcia (i sensori sono un optional consigliabile). Per il resto, nelle vie cittadine l’Astra si muove bene: è sufficientemente agile, e grazie alla dolcezza dei comandi (dallo sterzo alla morbida frizione), per niente affaticante. Ciò che, invece, nel traffico si rivela “pesante” è il consumo: si sfiorano a malapena gli 11 km/l.

Fuori città
Il temperamento del motore, che offre un’erogazione dolce e regolare ma non è certo un “mostro di potenza”, fa prediligere la guida tranquilla, che è, oltretutto, quella che meglio si sposa con la taratura del servosterzo elettrico: quest’ultimo è molto leggero e abbastanza preciso, ma se si cerca sportività lascia percepire una certa mancanza di consistenza che va a discapito del feeling di guida. Lo stesso vale per le sospensioni, che sono morbide e rispondono alle esigenze del comfort, ma se si forza il ritmo non riescono a contenere il rollio; il che, beninteso, non intacca la sicurezza: tenuta di strada e stabilità dell'Opel Astra sono elevate, e le reazioni sempre progressive anche nelle brusche manovre d’emergenza.

In autostrada
L’abitacolo dell'Opel Astra è bene insonorizzato e le sospensioni, sui rattoppi, si comportano come si deve: i viaggi autostradali scorrono comodi e tranquilli, con la rassicurante sensazione di stabilità che emerge quando si affrontano i curvoni veloci. Affidabile anche la frenata: l’impianto è potente e resistente agli strapazzi, e la vettura – nelle violente decelerazioni – non perde precisione. Ma se si incontra un falsopiano, oppure se si deve recuperare velocità dopo un rallentamento, al motore viene “il fiato corto”: per fargli tirare fuori un po’ di vivacità si è costretti a scalare marcia.

QUANTO È SICURA

5
Average: 5 (1 vote)
In caso d’urto la pedaliera si sgancia

Tutto quanto occorre per la protezione degli occupanti è di serie, come pure fanno parte dell’equipaggiamento standard i controlli elettronici della trazione e della stabilità. Volendo, la dotazione può essere intergrata con l’Opel Eye, una telecamera che “legge” i segnali stradali e li visualizza sul cruscotto, e con i fari bixeno a orientamento automatico. Il massimo del punteggio ottenuto nei crash test effettuati dall’EuroNcap conferma che, nel definire il progetto dell’Astra, alla sicurezza è stata riservata notevole attenzione.

Alle cinque stelle (la valutazione massima) ottenute nei crash test EuroNcap corrispondono punteggi specifici del 95% per quanto riguarda la protezione degli occupanti, dell’84 % per i bambini sistemati su seggiolini Isofix e del 46% per la tutela dei pedoni in caso di investimento; inoltre, ai sistemi di assistenza alla guida è stato assegnato un punteggio del 71%. Oltre all’Esp, l’equipaggiamento della Opel Astra comprende una ricca dotazione di sistemi di protezione passiva: il “set” di airbag include quelli a tendina estesi anche posteriormente, le cinture di sicurezza sono provviste di doppio pretensionatore e i poggiatesta anteriori sono di tipo attivo (riducono il rischio di colpo di frusta in caso d’urto). Sono di serie pure la pedaliera con sistema PRS (si sgancia in caso di impatto violento salvaguardando gli arti inferiori del guidatore), e il cruise control. Si pagano, invece, a parte i fari bixeno a orientamento automatico e l’Opel Eye, una telecamera che riconosce i segnali stradali che richiedono attenzione ripetendoli in forma grafica nel cruscotto.
 

NE VALE LA PENA?

4
Average: 4 (1 vote)
Versione “base” soltanto nel prezzo

L’allestimento Elective è quello d’accesso alla gamma e il solo che si può avere con il motore 1.4 da 101 CV, ma non risulta affatto povero: offre di serie tutto quanto si possa desiderare sotto il profilo della sicurezza e del comfort. Il rovescio della medaglia è rappresentato dalle prestazioni, condizionate dal peso rilevante e dunque poco emozionanti, e dai consumi, che sono superiori alle aspettative. Esteticamente moderna e gradevole, è una berlina dall’abitacolo spazioso che ben risponde alle esigenze della famiglia: offre una buona abitabilità e un discreto bagagliaio. Fra i punti a favore, vanno annoverati l’elevata cura costruttiva e il comfort, ottimo in tutte le condizioni.
 

La nuova Opel Astra è adatta a chi desidera una berlina da famiglia e bada al sodo, ma non vuole rinunciare a una vettura attraente e moderna: viene offerta a un prezzo leggermente inferiore a quello delle dirette concorrenti ma non per questo risulta peggio equipaggiata. Certo, non offre prestazioni particolarmente elevate e i consumi sono superiori alle aspettative, perciò chi vuole maggiore brio, oppure percorre molti chilometri l’anno, farà bene a considerare versioni più potenti, magari turbodiesel. In caso contrario questa versione Elective, che è la “base” ma non è per niente povera, rappresenta un buon acquisto: offre di serie una dotazione di sicurezza di prim’ordine, comprendente dispositivi che di solito fanno parte della lista degli optional a pagamento, e anche sotto il profilo del comfort non lascia affatto a desiderare. Consigliabile arricchirla con i sensori di parcheggio e i fari antinebbia; se si bada anche all’estetica, con un modesto sovrapprezzo si possono avere i cerchi in lega di 17 pollici.
 

PERCHÈ SÌ

Dotazione
L’Opel Astra è una berlina conveniente, soprattutto se si tiene conto del ricco equipaggiamento di serie: nessuna delle dirette concorrenti può vantare un altrettanto favorevole rapporto fra prezzo ed equipaggiamento.

Freni
Anche da velocità elevata ci si ferma in poco spazio, con la vettura che resta sempre stabile e intuitiva da controllare. L’impianto non perde efficacia nemmeno quando viene sottoposto a un utilizzo intenso.

Interni
L’abitacolo, oltre a essere molto gradevole esteticamente, è realizzato con materiali di qualità e rifinito con una cura degna di vetture di categoria superiore. Non manca qualche finezza, come la soffusa illuminazione rossa alla base della leva del cambio.

Sicurezza
Di serie c’è tutto quanto serve per proteggere adeguatamente gli occupanti, compresi i poggiatesta anti-colpo di frusta, gli airbag per la testa estesi ai posti dietro e il sistema PRS che in caso d’impatto scollega la pedaliera rendendola meno offensiva per gli arti inferiori del conducente.

PERCHÈ NO

Consolle
A fronte di materiali e finiture che non prestano il fianco a critiche, quel che lascia perplessi è il gran numero di tasti presenti nella consolle, per giunta piccoli e simili fra loro: per distinguerli e azionarli rapidamente bisogna acquisire pratica.

Consumi
Il 1.4 ha soltanto 101 CV e risulta un po’ sottodimensionato in rapporto al peso della vettura: ne risentono i consumi, elevati soprattutto in città e in ogni caso ben peggiori di quanto ottimisticamente promesso dal Costruttore.

Ripresa
Del motore si apprezza la regolarità di funzionamento, ma il brio lascia a desiderare: in quinta marcia la spinta si stempera parecchio e – anche se non si viaggia a pieno carico – per guadagnare rapidamente velocità è indispensabile scalare.

Visibilità
La visuale di tre quarti posteriore è condizionata dalla forma dei finestrini, che si restringono verso la coda, e dai voluminosi montanti (e i sensori di parcheggio si pagano a parte). Nelle curve strette o agli incroci si è infastiditi pure dai montanti anteriori, lunghi e inclinati e, dunque, inevitabilmente nel campo visivo.

SCHEDA TECNICA

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 4a a 5900 giri   181,2 km/h 178 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 13,4   14,2 secondi
0-400 metri 19,0 119,1 km/h non dichiarata
0-1000 metri 34,8 149,7 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 41,5 129,4 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 39,9 115,8 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 27,7   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   10,9 km/litro 13,9 km/litro
Fuori città   14,5 km/litro 22,2 km/litro
In autostrada   11,1 km/litro non dichiarato
Massimo   6,1 km/litro non dichiarato
Medio   12,2 km/litro 18,2 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   37,4 metri non dichiarata
da 130 km/h   61,8 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   142 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,8 metri 10,9
Cilindrata cm3 1398
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 74 (101)/6000
Coppia max Nm/giri 130/4000
Emissione di CO2 grammi/km 129
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 442/181/151
Passo cm 269
Peso in ordine di marcia kg 1313
Capacità bagagliaio litri 370/1235
Pneumatici (di serie) 205/50 R 16

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 4a a 5900 giri   181,2 km/h 178 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 13,4   14,2 secondi
0-400 metri 19,0 119,1 km/h non dichiarata
0-1000 metri 34,8 149,7 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 41,5 129,4 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 39,9 115,8 km/h non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 27,7   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   10,9 km/litro 13,9 km/litro
Fuori città   14,5 km/litro 22,2 km/litro
In autostrada   11,1 km/litro non dichiarato
Massimo   6,1 km/litro non dichiarato
Medio   12,2 km/litro 18,2 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   37,4 metri non dichiarata
da 130 km/h   61,8 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   142 km/h  
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,8 metri 10,9
Cilindrata cm3 1398
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 74 (101)/6000
Coppia max Nm/giri 130/4000
Emissione di CO2 grammi/km 129
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 442/181/151
Passo cm 269
Peso in ordine di marcia kg 1313
Capacità bagagliaio litri 370/1235
Pneumatici (di serie) 205/50 R 16
Opel Astra
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
55
44
26
7
5
VOTO MEDIO
4,0
4
137
Aggiungi un commento
Ritratto di SteVr
13 luglio 2010 - 11:14
Che l'Astra sia un'auto molto più moderna e sportiva che elegante ok, ma che mi vieni a dire che la Nuova Meriva e specialmente l'Insignia non sono eleganti, qui la spari davvero grossa! L'Insignia è l'auto elegante per eccellenza, anche seppur molto sportiva, ma se guardi la 4 porte Cosmo e la confronti con tutte le altre auto del segmento, Mercedes e Bmw incluse, noti un'auto elegante come poche nella storia dell'automobile. Specie se la paragoni alla Serie 3 attuale, dove emerge soprattutto la sportività del modello (giustamente, come si esige da una Bmw) e alla barocca Classe C, che con la serie attuale secondo me hanno fatto una caduta di stile ed eleganza davvero enorme (forse per questo che molti clienti della vecchia Classe C, quella bella filante ed elegante, sono passati ad Opel!). Peggio ancora se guardi la grezza A4 berlina: davvero anonima se paragonata all'Insignia ... E se poi guardi quell'obrobrio di C5 o la nuova 508, peggio ancora ... Secondo me, come eleganza, l'Insignia ha solo un'alternativa, un po' datata ma ancora stupenda: la Bmw Serie 5 prodotta dal 1995 al 2002: sarà vecchia, ma ha ancora un fascino ed una classe fantastici!
Ritratto di cris25
10 luglio 2010 - 18:43
1
quello che penso di loro e poi lo so che eleganti tu intendi bmw audi mercedes ecc... comunque non ci posso fare niente se ho un debole per questo marchio!!!!
Ritratto di marco.78
10 luglio 2010 - 19:16
ma quando mai....i motori aspirati opel fanno pena.... l'unico degno di nota in casa opel è il 1.6 turbo....
Ritratto di SteVr
13 luglio 2010 - 11:18
Invece la Golf 6 1.6 da 95 cv a gpl e 102 a benzina è fantastico ... o il 1.4 Fiat da 77cv ... Non certo il 1.4 Opel da 100!!! Ma per piacere ... Motori aspirati Opel che fanno pena, ma senti che discorsi ... Quando con la tecnologia Twin Port bruciano addirittura parte dei gas di scarico per risparmiare carburante, una tecnologia simile al Valvetronic Bmw che qualsiasi altro costruttore standard si sogna ...
Ritratto di SteVr
13 luglio 2010 - 11:30
La nuova Astra (vista anche mercoledì scorso in concessionaria) è molto bella, molto curata, con stile e personalità in un mondo di auto bene o male fotocopia ... Però la Elective (che pure era in salone a fianco della Cosmo) non rende come, appunto, la Cosmo ... E' bella, però ... La Cosmo è quella giusta, e questo sia per l'Astra che per l'Insignia (non a caso in Italia il 94% delle Insignia sono vendute in allestimento Cosmo!) ... Per quanto riguarda il motore, va detto che oltre i 20.000 km diventano molto più piacevoli questi aspirati, però concordo che se uno usa l'auto nel ciclo misto (città, statale, autostrada, montagna) a benzina il motore più adatto sarebbe il 1.4 T, sia da 120 che da 140cv non importa, ma Turbo, proprio per un discorso di piacevolezza ed equilibrio alla guida. Per i diesel, secondo me il più adatto è il 1.7 125cv o il 2.0 con cambio robotizzato automatico / manuale ... Ad ogni modo, indipendentemente dal motore, direi che Astra ed Insignia devono avere gli ottimi fari A.F.L., sia per un banale discorso di estetica che per un ben più profondo problema di sicurezza: una volta che uno li ha provati, mi capisce!
Ritratto di marco.78
13 luglio 2010 - 17:24
in effetti hai ragione...anche gli aspirati di altre case non è che vadano poi benissimo... le macchine diventano sempre più pesanti e più "tappate"....e gli aspirati come ben sappiamo hanno una coppia non stratosferica e sopratutto non ai bassi regimi.... io sono un profondo estimatore e sostenitore dei motori turbo (sia diesel che benza)..... vanno meglio...sono più gradevoli e corposi nellerogazione e, se vogliamo, consumano anche meno ^_^
Ritratto di RENAULT
14 luglio 2010 - 15:11
non mi dice niente...propio non mi piace questo marchio...l'unica che forse mi attira un poò di più e la insigna berlina super full opzional...le altre tipo corsa,meriva,astra,vabbè zafira...non mi piaccionoi per niente!
Ritratto di petaros
18 luglio 2010 - 20:45
Sono finalmente entrato in possesso di una astra 1400 turbo, allestimento Cosmo, e sinceramente devo dire che va molto bene. Una cosa che, secondo me,non va bene è il tachimetro: quando segna 130 km/h realmente va a 119/120 km/h, controllato con un gps. Vi chiedo se sapete se si può riprogrammarlo diversamente. Attendo vostre gentili risposte.
Ritratto di Samovar84
18 luglio 2010 - 21:47
Urge una tua dettagliata recensione magari corredata di foto sulle prove lettori, che ne dici? Sono assolutamente curioso: le Astra cominciano a vedersi finalmente numerose. per quanto riguarda l'eccessivo scarto del tachimetro non posso aiutarti: prova chiedere direttamente all'assistenza Opel!!
Ritratto di petaros
19 luglio 2010 - 09:01
Ti ringrazio per la risposta, per quanto concerne il mio parere sulla qualità sara mia cura scriverti quanto prima. L'ho ritirata ai primi di luglio ed ho solo 800 km ma posso dirti che il consumo,almeno per me, è contenuto, circa 7 litri per 100 km. olio sempre uguale. Oggi vado all'assistenza per il tachimetro e poi ti saprò dire la loro risposta. Ti saluto L.
Pagine
Annunci

Opel Astra usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Opel Astra usate 20143.1007.98044 annunci
Opel Astra usate 20155.9909.00035 annunci
Opel Astra usate 20167.49011.12068 annunci
Opel Astra usate 20177.90011.51049 annunci
Opel Astra usate 201810.85014.6409 annunci
Opel Astra usate 201914.30017.18019 annunci

Opel Astra km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Opel Astra km 0 201722.38023.2802 annunci
Opel Astra km 0 201816.90018.3303 annunci
Opel Astra km 0 201915.90018.68057 annunci
Opel Astra km 0 202017.70019.7906 annunci