PROVATE PER VOI

Peugeot 308: il comfort con sprint

Prova pubblicata su alVolante di
novembre 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 26.470
  • Consumo medio rilevato

    14,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    112 grammi/km
  • Euro

    6
Peugeot 308
Peugeot 308 1.2 PureTech Turbo 130 CV GT Line EAT6
L'AUTO IN SINTESI

Col tre cilindri turbo da 131 cavalli la Peugeot 308 è una valida berlina tuttofare: ha il brio che serve per muoversi disinvolti e, perché no, per togliersi qualche soddisfazione, e non fa rinunciare a una buona fluidità di marcia. E i consumi non sono esagerati, anche con il cambio automatico a sei marce. Inoltre, in questa versione rinnovata, la cinque porte francese aggiunge tanti aiuti alla guida (come l’avviso d’involontario cambio di corsia con correzione della traiettoria), che incrementano la sicurezza e il comfort. Quest’ultimo si conferma una delle migliori doti della cinque porte francese, che può contare su un abitacolo spazioso e ben isolato da buche e rumori. Tuttavia, attivando la modalità Sport, le casse dell’hi-fi amplificano il rombo del motore in modo innaturale e, alla lunga, fastidioso.

Posizione di guida
3
Average: 3 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
4
Average: 4 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Più sicurezza

Il leggero aggiornamento della Peugeot 308 riguarda l’aspetto (sempre elegante ma con un frontale diverso nei paraurti e nella mascherina in posizione più verticale) e la dotazione di sicurezza: ora sono disponibili sistemi come gli avvisi anti-colpo di sonno e di involontario cambio di corsia (con il pacchetto Safety c’è pure la correzione automatica della traiettoria), oltre che di riproduzione nel cruscotto dei segnali stradali “letti” dal radar nella parte anteriore dell’auto. Altri, già presenti, sono stati potenziati: per esempio, quello di frenata automatica d’emergenza è in grado di evitare anche l’investimento dei pedoni. Tutte dotazioni che dovrebbero accrescere il già elevato punteggio (cinque stelle) ottenuto dalla vettura in versione pre-aggiornamento nei crash test che l’Euro NCAP ha effettuato nel 2013.

Per il resto la Peugeot 308 conferma le sue qualità, come l’abitacolo ben rifinito e spazioso (dote comune pure al baule), oltre a una guida gradevole. I 131 cavalli del vispo tre cilindri turbo a benzina e il cambio automatico a sei marce morbido e abbastanza veloce, rendono la vettura briosa e non troppo assetata. L’auto è reattiva nei cambi di direzione e, inserita la modalità Sport, l’acceleratore risponde più prontamente, la trasmissione automatica tiene più a lungo le marce e lo sterzo diventa più ”corposo”. Ma, la “voce” del motore amplificata in modo artificiale dall’impianto audio può infastidire. Disattivati gli... effetti sonori, emerge il comfort: la Peugeot 308 è ben insonorizzata e ha sospensioni solide ma non al punto di mettere in crisi la schiena. La sportiveggiante GT Line è la versione più ricca con questo 1.2. Rinunciando al cambio automatico si risparmiano 1.500 euro; in questa configurazione l’Allure, priva dei fari full led ma non del navigatore e di aiuti alla guida come l’avviso di uscita involontaria di corsia, costa 23.520 euro. Senza questi accessori, per la Active bastano 21.470 euro: ha, comunque, il climatizzatore bizona e i sensori posteriori di distanza. 

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
La posizione di guida è particolare

Plancia e comandi
L’originale cruscotto sottile sembra appoggiato sulla plancia della Peugeot 308 ed è in posizione rialzata. Fornisce molte informazioni e, inserita la funzione Sport, s’illumina in rosso. Ma il contagiri può disorientare: la sua lancetta ruota in senso antiorario. Inoltre, il piccolo volante corsaiolo s’impugna bene, ma va tenuto in basso, per non coprire l’area inferiore del cruscotto (e, comunque, la corona “intercetta” lo sguardo quando lo si indirizza agli strumenti). Uno schermo tattile di 9,7” raggruppa i vari servizi di bordo: una scelta che riduce il numero di tasti nella consolle ma che obbliga a scorrere i vari menu anche per cambiare le impostazioni del “clima”. Quanto all’impianto d’infotainment, sono presenti i protocolli Android Auto e Apple CarPlay, ma non la radio digitale Dab e le app di sistema (c’è quella per il cellulare). Inoltre, i comandi vocali non si possono usare col navigatore.

Abitabilità
Nella Peugeot 308 anche quattro adulti di alta statura stanno comodi. Per un quinto, al centro del divano, sono d’intralcio il tunnel sul pavimento e il mobiletto (dotato di presa di 220 V) fra i sedili. La posizione di guida prevede accoglienti e ben regolabili sedili sportivi (di serie per la GT Line), ma con fianchetti assai sporgenti, che si urtano facilmente con il gomito. 
 
Bagagliaio
La Peugeot 308 è fra le più capienti berline medie di questa categoria: sotto la cappelliera trovano posto due maxi valigie rigide, e resta spazio per almeno altre tre borse. La soglia di carico è lontana dal suolo (70 centimetri), tuttavia l’accesso al baule è facilitato dall’apertura estesa e regolare del portellone. Il vano, ben sfruttabile, è rivestito a dovere. Ma, a divano giù, si crea un gradino di 9 centimetri e le pareti sono prive di ganci per le borse. Utile la botola comunicante con l’abitacolo.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Può far divertire o coccolare

In città
L’abitacolo accogliente della Peugeot 308 e l’efficace assorbimento delle sconnessioni della strada da parte degli ammortizzatori, garantiscono un buon comfort. Con il cambio automatico e il sistema di frenata automatica d’emergenza (quest’ultima è nel pacchetto Safety) le code si affrontano più serenamente. Nelle manovre è utile lo sterzo piuttosto leggero ma, nelle retromarce, sono d’intralcio i larghi montanti posteriori del tetto. Apprezzabile il consumo: 12,8 km/l.

Fuori città
Selezionata la modalità Sport col tasto fra i sedili, la Peugeot 308 si presta anche alla guida brillante: è agile e ha verve. Lo sterzo è pronto e, grazie al volante piccolo, sembra ancor più diretto. Il cambio non è sempre puntuale nel selezionare le marce, ma la situazione migliora inserendole manualmente con le levette dietro il volante. Assai contenuto il consumo: nel corso della prova, abbiamo misurato 17 km/l. Efficaci i freni.

In autostrada
Confortevole pure sulle giunzioni dei viadotti e silenziosa (a 130 km/h, in sesta marcia, il motore lavora a 2750 giri vibra poco), la Peugeot 308 è stabile nelle curve affrontate a velocità sostenuta e rapida nelle riprese dopo i rallentamenti. Il consumo rilevato pari a 13,2 km/l non è elevato, ma ci sono rivali meno assetate. 

PERCHÉ SÌ

Baule
Quanto a capienza, non ci si può proprio lamentare.

Comfort
L’abitacolo è spazioso e ben insonorizzato. Nonostante i pneumatici sportivi, le sospensioni “lisciano” quasi tutte le buche.

Finiture
Gli interni sono costruiti con cura; i materiali sono di qualità e di aspetto gradevole.

Guida
L’auto diverte per la sua agilità e trasmette una sensazione di sicurezza.

PERCHÉ NO

Comandi
Raggruppati nello schermo tattile al centro della plancia, quelli dei servizi di bordo non sono pratici da azionare.

Rombo
Può non piacere a tutti il rumore del motore ricreato dall’impianto audio nella modalità di guida Sport, è artificiale: può infastidire.

Visibilità posteriore
Non è certo delle migliori. Bisogna affidarsi ai sensori di distanza (di serie, sia quelli anteriori sia quelli posteriori).

Volante
Pur essendo piccolo e sportivo, può disturbare la “lettura” del cruscotto e obbligare a qualche compromesso nella posizione di guida.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 1199
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 96 (131)/5500
Coppia max Nm/giri 230/1750
Emissione di CO2 grammi/km 112
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (automatico) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 425/180/146
Passo cm 262
Peso in ordine di marcia kg 1150
Capacità bagagliaio litri 420/1273
Pneumatici (di serie) 225/45 R17


Auto in prova equipaggiata con gomme Michelin Pilot Sport 3 225/40 R 18

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 5a a 5300 giri   199,8 km/h 200 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 9,7   9,8 secondi
0-400 metri 16,9 132,5 km/h non dichiarata
0-1000 metri 31,0 167,7 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE S Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 29,2 166,5 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 27,7 168,1 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 2,9   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 7,2   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   12,8 km/litro 16,9 km/litro
Fuori città   17,0 km/litro 23,3 km/litro
In autostrada   13,2 km/litro non dichiarato
Medio   14,7 km/litro 20,4 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   35,9 metri non dichiarata
da 130 km/h   61,6 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,5 metri 10,4
Peugeot 308
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
187
217
99
69
84
VOTO MEDIO
3,5
3.539635
656
Aggiungi un commento
Ritratto di grande_punto
8 maggio 2018 - 14:18
3
Non sopporto tutti questi luoghi comuni sulle auto francesi. In famiglia ne abbiamo avute diverse e ci siamo sempre trovati bene, ottimi gli interni di tutte e non hanno mai avuto problemi.
Ritratto di MauroD
15 giugno 2018 - 14:33
1
Odio quando la gente parla male delle auto francesi senza mai averne avuta una. Gli interni delle francesi sono solidi e duraturi, anche di più di certe auto tedesche. Adesso vorrei confrontare gli interni della mia "banale" utilitaria Renault del 2009 con 133k km e quelli della Golf del 2011 con 103k di un amico. Risultato? La mia Clio è perfetta, la Golf ha tutti i sedili consumati e i tasti graffiati.
Ritratto di Pellich
8 maggio 2018 - 12:04
".. ha il brio che serve per muoversi disinvolti e, perché no, per togliersi qualche soddisfazione.. " .. per agile e piantata che sia, quali soddisfazioni puoi ottenere da una 130 cavalli con un peso vettura normale? Non diaciamo sciocchezze ..
Ritratto di Giuliopedrali
8 maggio 2018 - 12:08
Comunque per chi sostiene che l'elettrico in Italia non ci sarà mai, ed è pure una legittima preoccupazione, guardatevi i dati, tra le auto veramente costose, cioè sopra i 100.000€ l'unica che vende davvero è la Tesla...
Ritratto di Turbodiesel
8 maggio 2018 - 13:56
2
attualmente è la migliore del segmento... aspetto la nuova focus...
Ritratto di Pellich
8 maggio 2018 - 14:13
..del segmento C "generalista". La nuova Focus sarà il nuovo riferimento a mio parere. Ovviamente non disturbiamo le "premium".
Ritratto di Giuliopedrali
8 maggio 2018 - 18:03
Be la Nio es8 è sicuramente la migliore auro del mondo da un mese da quando c'è, su tutto il resto non c'è certezza...
Ritratto di Moreno1999
8 maggio 2018 - 19:20
4
La Nio ES8? Scherziamo? Un carrozzone con il muso da finta Lamborghini?
Ritratto di Giuliopedrali
9 maggio 2018 - 08:30
Stratosferica la Nio es8 avanti di 5 anni rispetto a qualsiasi altra auto, offre quello che offre una Tesla, anzi di più a metà prezzo, la linea è migliore della lambo e rende in pratica inutile la concorrenza...
Ritratto di Turbodiesel
11 maggio 2018 - 19:48
2
@barracuda74: prima di tutto non c'è bisogno di incaz.zarsi in questa maniera! poi a mio avviso è la migliore del segmento come qualità materiali, linea, motorizzazioni, tenuta, posizione di guida, prezzo eccetera... anche la mazda3 rispecchia tutte queste caratteristiche. ovviamente non tiriamo in ballo le varie premium come a3, serie 1, classe a...
Pagine