PROVATE PER VOI

Porsche Panamera Sport Turismo: prestazioni da supercar e un baule ampio

Prova pubblicata su alVolante di
ottobre 2018
Pubblicato 23 aprile 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 166.088
  • Consumo medio rilevato

    9,1 km/l
  • Emissioni di CO2

    215 grammi/km
  • Euro

    6
Porsche Panamera Sport Turismo
Porsche Panamera Sport Turismo 4.0 V8 Turbo

L'AUTO IN SINTESI

Pur non essendo una vera e propria famigliare, la Porsche Panamera Sport Turismo ha il lunotto meno inclinato e un portellone più ampio rispetto a quelli della berlina. La linea è riuscita, con la parte posteriore aggressiva ma equilibrata nei volumi, e al contempo viene facilitato l’accesso al baule e si possono caricare un po’ più di bagagli e ospitare cinque passeggeri (la Panamera “normale” è omologata per quattro). Del tutto simile la guida, che, con il 4.0 V8 biturbo da 549 CV, è da vera sportiva. I più importanti sistemi di aiuto alla guida, però, sono a pagamento.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
5
Average: 5 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
5
Average: 5 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
5
Average: 5 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Aiuti alla guida
2
Average: 2 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)

PERCHÈ COMPRARLA

È comoda, spaziosa e tecnologica

Più spaziosa della berlina, questa versione “quasi famigliare” offre cinque posti (ma il quinto, al centro del divano, è molto scomodo), una migliore abitabilità posteriore (per via del tetto più squadrato) e un buon bagagliaio. E pure la linea appare più equilibrata. La Porsche Panamera Sport Turismo, comunque, non perde un briciolo del suo carattere. Il 4.0 V8 biturbo da 549 CV è corposo già sotto i 2000 giri, e diventa una “belva” agli alti regimi, regalando prestazioni fenomenali: inserendo il Launch Control (ogni componente meccanico lavora per offrire la massima accelerazione nelle partenze) incluso nel pacchetto Sport Chrono optional, lo “0-100” viene “bruciato” in soli 3,4 secondi. Il resto della vettura è studiato per controllare tanta esuberanza: con la trazione 4x4, le sospensioni pneumatiche (di serie) e le ruote posteriori sterzanti (oltre 2.000 euro), l’auto è sicura e molto precisa in curva. Degno di nota anche il comfort: rumori e scossoni sono ben attutiti. Tanti gli optional “tecnologici”, come l’assistenza alla guida notturna (con una telecamera a infrarossi), e l’InnoDrive, un cruise control adattativo che “prevede” curve e incroci. In un’auto così costosa, però, almeno il mantenimento in corsia e il monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori dovrebbero essere inclusi nel prezzo.

VITA A BORDO

5
Average: 5 (1 vote)
Viaggi in prima classe

Plancia e comandi
L’abitacolo della Porsche Panamera Sport Turismo (che nella parte anteriore è uguale a quello della berlina) è elegante e moderno ed è rifinito con quell’attenzione per i dettagli propria delle auto di lusso. Colpisce anche lo schermo di 12” del sistema multimediale: ha una grafica gradevole e consente perfino di orientare le bocchette d’aerazione centrali muovendo un cursore virtuale (ma la risposta è lenta e imprecisa). Ricavati su una superficie liscia, i tasti piatti nella consolle sono belli, ma difficili da riconoscere al tatto (col risultato che bisogna cercarli con lo sguardo, rischiando di distrarsi). Chiara invece la strumentazione: ai lati del contagiri analogico ci sono quattro strumenti digitali, con i dati del computer di bordo, il tachimetro e altre informazioni (da impostare con i tasti nel volante). Un gradevole tocco di sportività è dato dal selettore tondo nelle razze del volante (nel pacchetto Sport Chrono): serve per scegliere fra le modalità di guida Normal, Sport, Sport Plus e Individual. Premendo il  tasto Sport Response al centro, l’auto fornisce il massimo delle prestazioni per 20 secondi.

Abitabilità
Davanti si sta davvero bene, e anche dietro, nei due posti laterali, non ci si può lamentare. È proprio nella parte posteriore, infatti, che la Porsche Panamera Sport Turismo cambia rispetto alla berlina: qui ci sono tre posti (stretto e scomodo quello centrale) e il soffitto lascia più spazio sopra la testa. I sedili sportivi offrono di serie la registrazione elettrica con memoria (anche per il piantone dello sterzo e per i retrovisori) e sono riscaldabili. Quelli ventilati, con regolazione dell’intensità, sono optional, come pure il “clima” a quattro zone, con le bocchette separate per chi sta dietro.

Bagagliaio
Il vano è rifinito con notevole attenzione ed è piuttosto ampio: 520/1390 litri, invece dei 500/1340 della Panamera “normale”. Pratici il grande portellone (la bocca d’accesso più ampio di quella della berlina) e il pavimento interno a filo della soglia. Reclinando la parte centrale dello schienale del divano (diviso in tre parti) si caricano pure gli sci.

COME VA

5
Average: 5 (1 vote)
Ingombrante e velocissima

In città
La Porsche Panamera Sport Turismo ha misure davvero “extralarge” e una seduta bassa, che certo non aiutano a disimpegnarsi negli spazi ristretti. Tuttavia, nel traffico si beneficia della fluidità e della prontezza di risposta del motore, e della dolcezza del cambio e dello sterzo a taratura variabile, più leggero a bassa andatura (di serie con le ruote posteriori sterzanti). In modalità Normal le sospensioni ad aria filtrano a dovere le irregolarità della strada. Il consumo rilevato è stato di 6,5 km/l: alto, ma proporzionato a dimensioni e potenza.

Fuori città
La Porsche Panamera Sport Turismo ha una meccanica che si esprime al massimo nella guida sportiva e nei percorsi tortuosi, dove si apprezzano la stabilità, la tenuta di strada e la precisione in curva. La vettura ispira sicurezza ed è così facile da guidare che si deve fare attenzione a non farsi prendere la mano: si va veloci senza accorgersene. Strapotenti i freni. Il consumo? 10,2 km/l.

In autostrada
A 130 km/h il motore (che è prontissimo ad alzare il ritmo non appena si affonda il piede destro sull’acceleratore) lavora a 1600 giri in ottava marcia (le ultime due sono di “riposo”), contribuendo all’eccellente comfort acustico. A questa velocità abbiamo rilevato 10,4 km con un litro di benzina. Efficaci i fari a matrice di led con PDLS Plus (€ 1.086), che adattano il fascio luminoso all’andamento della strada e in funzione delle altre auto. 

PERCHÈ SÌ

Comfort
Le poltrone sono comode, le sospensioni pneumatiche efficaci nell’assorbire le irregolarità dell’asfalto e l’insonorizzazione è curata: quattro adulti viaggiano nel comfort.

Finiture
L’assemblaggio dei pannelli e i materiali sono di alto livello.

Guida
Nonostante la mole, la Sport Turismo è un’auto maneggevole (anche grazie alle ruote posteriori sterzanti) e divertente come una vera sportiva.

Motore
Esente da vibrazioni e fluido ai bassi regimi, l’esuberante V8 biturbo offre una spinta esagerata e ha un allungo che esalta. Ed è ben abbinato al PDK a otto marce.

PERCHÈ NO

Bocchette dell’aria
La regolazione di quelle centrali motorizzate non è pratica. 

Comandi a sfioramento
I tasti piatti attorno alla leva del cambio non si distinguono al tatto: bisogna individuarli con lo sguardo. Può essere pericoloso.

Dotazione
Alcuni utili sistemi di ausilio alla guida dovrebbero essere di serie. Specialemnte considerando il prezzo “pesante”.

Infotainment
Non sono disponibili, neppure pagando, né Android Auto né la ricarica senza fili per gli smartphone.

SCHEDA TECNICA

Carburante benzina
Cilindrata cm3 3996
No cilindri e disposizione 8 a V 90°
Potenza massima kW (CV)/giri 404 (549)/5750-6000
Coppia max Nm/giri 770/1960-4500
Emissione di CO2 grammi/km 215
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (autom. doppia frizione.-seq.) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 505/194/143
Passo cm 295
Posti 5
Peso in ordine di marcia kg 2035
Capacità bagagliaio litri 520/1390
Pneumatici (di serie) 275/40 R20 ant. 315/35 R20 post.
Serbatoio litri 90

I NOSTRI RILEVAMENTI

VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 6000 giri   305,1 km/h 304 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 3,4   3,6 secondi
0-400 metri 11,6 193,8 km/h non dichiarata
0-1000 metri 21,2 249,0 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE S+ Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 20,6 248,4 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 199 248,9 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 1,3   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 2,2   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   6,5 km/litro 7,6 km/litro
Fuori città   10,2 km/litro 13,5 km/litro
In autostrada   10,4 km/litro non dichiarato
Medio   9,1 km/litro 10,5 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   34,1 metri non dichiarata
da 130 km/h   57,4 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   131 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,9 metri 11,4
Porsche Panamera Sport Turismo
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
53
18
19
19
35
VOTO MEDIO
3,2
3.243055
144


Aggiungi un commento
Ritratto di flavio84
24 aprile 2019 - 15:19
Devi anche fare un distinguo:qusnti muoiono di morti evitabili(tipo quelli che muoiono x farsi i selfie o truccarsi o parlare al cellulare), e quanti x cause diverse. Gli adas, aiuteranno pure, ma non eliminano i cretini! Cmq il mio discorso era:se compro un porsche da 500cv, lo compro x il gusto di guidarlo, non per farlo guidare all elettronica!
Ritratto di deutsch
24 aprile 2019 - 15:29
4
per flavio 84. lasciamo stare cosa ci fa con una porsche da 500 cv perchè non mi viene in mente niente di legale. adas e piacere di guida non mi sembra interagiscono e i cretini sono limitati proprio dagli adas. questi ultimi (gli adas) infatti non guidano al posto suo ma intervengono quando il guidatore si dimentica di fare la frenata richiesta (aeb) oppure ti segnalano veicoli nell'angolo cieco, mantengono la distanza dal veicolo che precede (cruise control adattivo) mantengono in corsia l'auto che la sta involontariamente abbandonando. per questo si chiamano assistenti di guida e non guida autonoma (ad oggi nemmeno legalmente possibile)
Ritratto di Cosworth141090
28 aprile 2019 - 11:04
Mi permetto: questa correlazione tra presenza di ADAS/mancanza di rapporto di guida della propria auto io proprio non lo concepisco. Cioè, molto spesso leggo commenti su questo forum di utenti che, come critica principale agli ADAS, adducono la castrazione del piacere di guida della propria auto. Ma seriamente? Nemmeno quando furono introdotti obbligatoriamente dispositivi quali ABS ed ESP sentii mai una polemica in tal senso, e si tratta di dispositivi ben più "invasivi" rispetto alla guida (tanto da essere stati resi disattivabili su determinate auto utilizzabili anche a fine sportivo). Qui invece parliamo di dispositivi che, fintanto che la situazione non lo richiede (e si parla di situazioni di PERICOLO, pertanto si spera piuttosto rare), se ne stanno buoni per i fatti loro. Piacere di guida e ADAS sono due rette parallele, le quali si incontrano solo in circostanze rare, pericolose e soprattutto che mettono a repentaglio la propria/altrui incolumità. Per quale motivo ci si sente devirilizzati da un dispositivo che non incide minimamente su tutti quei parametri che rendono una auto piacevole da guidare? Perché continuano ad addurre come principale critica alla loro presenza, la nostra bravura di guida? Punto primo: l'errore o la distrazione sono dietro l'angolo PER TUTTI;punto secondo, in strada non siamo MAI soli. Quindi, la presenza di ADAS su una Porsche è davvero così scandalosa?
Ritratto di Thunder1
24 aprile 2019 - 16:02
1
La categoria assicurativa dimostra solo che non hai avuto sinistri, non che sei prudente e rispettoso. Per essere un buon conducente il cds bisogna interpretarlo e non seguirlo alla lettera. Se c'è la doppia linea piena e limite 90 km/h tu cosa fai, la superi oppure rimani nella tua corsia pur sapendo che c'è una buca di 10 cm che ti può bucare lo pneumatico? Quando vedi un cartello su una strada extraurbana con limite 40 km/h continui a viaggiare a 70-80-90 oppure freni di colpo per andare a 40 km/h anche se non c'è nessun pericolo nei prossimi 2 km? Potrei continuare con decine di esempi… Nessuno di noi rispetta alla lettera il cds, ognuno lo interpreta a modo suo reputando alcune violazioni meno grave di altre.
Ritratto di deutsch
24 aprile 2019 - 16:36
4
la categoria assicurativa dimsotra che almeno negli ultimi 14 (ma in verità molto di più, non avendone mai provocato uno dal 1993) non ho provato incidenti. chiaro può anche capitare a chi non rispetta il cds. resta il fatto che sono una persona molto rispettosa delle regole della strada. il codice non lo si interpreta lo si rispetta, poi se vuoi aprire una diatriba tra chi va a 135 in autostrada, per compensare lo scarto tachimetrico dell'auto o dellautovelox - e non è il mio caso - e chi a 250 fai pure, so benissimo di essere una voce fuori dal coro perchè guido tranquillo. se poi tu stesso ammetti che non rispetti il cds, purtroppo so bene che sei in buona compagnia ma ciò non è consolante
Ritratto di Thunder1
24 aprile 2019 - 16:51
1
Mi piacerebbe essere il tuo passeggero anche per soli 100 km per dimostrarti le decine e decine di infrazioni che fai al cds senza rendertene neanche conto probabilmente. Guidare tranquillo non è sinonimo di guidare in modo responsabile, in Germania ci sono padri di famiglia che vanno a 250 km/h in autostrada pur guidando responsabilmente, in Italia invece molti non hanno ancora imparato a tenere la corsia libera più a destra pur guidando a 130 km/h, non è che se per il cds italiano è assurdo andare a 250 allora vuol dire che lo deve essere per tutti, per i tedeschi sarebbe assurdo trovarsi qualcuno che usa la corsia di sorpasso senza sorpassare. Rispettare i limiti italiani è impossibile, perché ti troverai una valanga di cartelli 30 o 40 km/h sparsi in giro a caso. Prova a guardare meglio la segnaletica e ti renderai conto di viaggiare anche tu spesso ben oltre i limiti, senza neanche volerlo.
Ritratto di deutsch
24 aprile 2019 - 17:43
4
temo che ti annoieresti in macchina con me visto che mi pare di capire che abbaimo due andature diverse. per me potrebbero far si che la macchina adegia la velocità ai cartelli coi limiti e non mi cambierebeb nulla. potrebbero anche togliere i tutor e fare i controlli direttamente da casello a casello, ma non solo su velocità ma anche su assciruazione revisione, bollo divieti di circolazione ect, ed anche qui non mi cambierebbe nulla. goditi il limite di 130 italico perche germania a parte (solo in alcuni tratti) in tutti gli altri paesi i limiti sono come i nostri o inferiori
Ritratto di Thunder1
24 aprile 2019 - 19:04
1
Non ci credo, non mi convinci. Qua in Lombardia è impossibile percorrere 100 km senza trovare una valanga di cartelli con limite 30 e 40 km/h sulle strade extraurbane messi in giro a caso. Nessuno rispetta queste prese in giro, sfido chiunque a dimostrarmi il contrario.
Ritratto di deutsch
24 aprile 2019 - 20:21
4
Sono piu aperto di quello che pensi e ritengo ci siamo molti limiti messi sproposito per compensare errori progettuali o far casa, e sono contro tali abusi. Andrebbero regolati o puniti tali abusi. Ps sono in lombardia pure io
Ritratto di Roomy79
24 aprile 2019 - 11:59
1
Piu che altro se hai una porsche (tipo questa) si presume che tu abbia i soldi...
Pagine
Annunci

Porsche Panamera sport turismo usate

Porsche Panamera sport turismo km 0 per anno