PROVATE PER VOI

Seat Arona: ha più grinta che cilindri

Prova pubblicata su alVolante di
gennaio 2018
Pubblicato 21 novembre 2018
  • Prezzo (al momento del test)

    € 21.470
  • Consumo medio rilevato

    15,9 km/l
  • Emissioni di CO2

    113 grammi/km
  • Euro

    6
Seat Arona
Seat Arona 1.0 EcoTSI 115 CV Xcellence
L'AUTO IN SINTESI

Crossover compatta ma con tutto lo spazio che serve a una giovane famiglia, la Seat Arona equipaggiata con questo piccolo tre cilindri a benzina sorprende per l’ottimo rapporto fra le prestazioni e i consumi. Le doti di guida consentono di sfruttare facilmente e con piena soddisfazione il brio del motore: sterzo, cambio, stabilità e maneggevolezza meritano voti molto buoni. Le finiture nel complesso soddisfano, anche se qualche dettaglio è sottotono; ottima la dotazione, anche per quanto riguarda la sicurezza. 

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÈ COMPRARLA
Pratica e grintosa

La Seat Arona è una crossover decisamente compatta (la lunghezza è di 414 centimetri) basata sull’utilitaria Ibiza, della quale riprende la moderna meccanica, il pianale e le linee spigolose; più alta di 11 centimetri, riesce però a fare di meglio sia nell’abitabilità sia nel bagagliaio (la capienza sotto la cappelliera è di 400 litri, 45 in più). Inoltre, la distanza minima da terra del sottoscocca di 19 cm (3,8 in più) consente di affrontare con maggiore efficacia e tranquillità i tratti non asfaltati e quelli innevati, mentre la posizione di guida sopraelevata regala una migliore visibilità e sensazione di controllo. Stabile e rapida in curva, asseconda la guida disinvolta cui invita il grintoso 1.0 turbo (che trasmette a terra senza problemi i 116 cavalli grazie al sistema di antipattinamento elettronico Xds). Il tre cilindri consuma davvero poca benzina, e a velocità costante lavora in silenzio. Ma sfruttandolo a fondo (e quando è al minimo) lascia filtrare lievi vibrazioni. La Seat Arona è un’auto realizzata con precisione (pur se i materiali interni non sono sofisticati) e riccamente equipaggiata; già la meno costosa Reference ha i cerchi in lega, la frenata d’emergenza automatica a ogni velocità e i sensori di distanza posteriori. La Xcellence aggiunge un impianto multimediale più raffinato e con navigatore, il “clima” bizona, l’accesso e l’avviamento senza chiave, gli specchietti esterni sbrinabili e quello interno autoanabbagliante. Quanto alla sicurezza, nelle prove dell’Euro NCAP la Seat Ateca si è comportata molto bene: cinque stelle complessive, con voti alti un po’ in tutte le prove (incluso il test dell’investimento del pedone, dove la frenata automatica di emergenza si è rivelata efficace). 

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
Tecnologica con piccoli nei

Plancia e comandi
L’ampio abitacolo della Seat Arona riprende lo stile esterno, basato su spigoli e linee tese. In questa Xcellence i sedili e il soffitto sono neri, ma estesi inserti in colore bianco nella plancia, nelle porte anteriori e nel volante regalano una maggiore luminosità e vivacità; le plastiche, tutte rigide, sono realizzate e montate con precisione e lo spazio per i piccoli oggetti è notevole. Gradevoli le luci d’ambiente (bianche o rosse) e lo sportivo cruscotto, con indicatori a led per la temperatura del liquido di raffreddamento e il livello della benzina; peccato solo che la scala del tachimetro si infittisca al crescere della velocità, tanto che oltre i 120 km/h non si legge con precisione, e che alcune spie delle luci siano poste nel pomello sulla sinistra della plancia, fuori dal campo visivo del guidatore. Lo schermo dell’impianto multimediale è un po’ troppo in basso, ma c’è da dire che le informazioni principali si ripetono nel cruscotto; sono di serie i protocolli Android Auto e Apple CarPlay, che consentono di usare il proprio smartphone dall’impianto dell’auto, il sistema per la ricarica senza fili dei cellulari e il valido navigatore; optional l’hi-fi Beats da 300 W (dal suono molto “pulito”) e la radio digitale Dab. 

Abitabilità
I centimetri abbondano in altezza, ma anche nelle altre direzioni lo spazio è buono. Abbastanza avvolgenti, le poltrone anteriori della Seat Arona si regolano anche in altezza, con una leva; per l’inclinazione dello schienale c’è un pomello (che consente movimenti milimetrici), mentre il bracciolo centrale è largo e generosamente imbottito. Il divano è comodo anche al centro, ma il tunnel sul pavimento disturba un po’; sono di serie gli alzavetro elettrici, ma non le maniglie di appiglio sul soffitto. E i braccioli delle porte sono duri. 

Bagagliaio
L’apertura è regolare e ampia. Feltro robusto riveste le pareti e il fondo, che può essere posizionato su due livelli (11 i centimetri di differenza); con il piano nella posizione di massimo carico l’altezza basta per due valigioni, e resta spazio per un paio di piccoli trolley. Manca, però, il divano scorrevole presente in alcune rivali. Abbassando gli schienali non si crea un piano, ma il vano è profondo; utili i due elastici di fissaggio sui lati e i quattro ganci sul fondo. 

COME VA
5
Average: 5 (1 vote)
Sicura e molto economa

In città
Compatta e in grado di girare in poco spazio, la Seat Arona è agile e si parcheggia senza grossi problemi, anche perché ha i sensori di distanza posteriori; utili la frenata automatica d’emergenza e l’allarme che, in retromarcia, avvisa di eventuali veicoli in arrivo (pacchetto Sentinel). Il 1.0 vibra lievemente al minimo, ma garantisce un ottimo sprint con consumi davvero bassi: abbiamo percorso 15,6 km con un litro di benzina.

Fuori città
La Seat Arona sa anche tirare fuori gli artigli: sfruttando i quattro rapporti inferiori la velocità sale decisa, accompagnata dal rombo “ruvido” (non sgradevole per gli sportivi) del tre cilindri. L’aderenza in curva è ottima, lo sterzo progressivo, il rollio ben controllato. Su queste strade, abbiamo percorso 18,5 km/l: niente male.

In autostrada
La sesta lunghissima (a 130 km/h il contagiri segna solo 2800) azzera in pratica la “voce” del 1.0, e pure i fruscii dell’aria sulla carrozzeria sono abbastanza smorzati; discrete le riprese (ma in quinta si recupera velocità molto prima). Ben salda sulla strada, l’auto dà sicurezza. Il consumo rilevato, pari a 13 km con un litro, non è certo elevato. Ma la più aerodinamica Ibiza, con lo stesso motore, ne aveva percorsi 14,7.

PERCHÈ SÌ

Consumi
Con risultati così (eccellenti in città e buoni su strada aperta) il diesel ha senso solo per chi davvero “vive” in auto.

Guida
L’auto è agile e ha un’ottima tenuta di strada; piacevole da condurre, dona subito confidenza.

Prestazioni
Il motore è piccolo, ma spinge con notevole energia.  

Tecnologia
Di serie o a richiesta, sono disponibili molti dei più utili dispositivi elettronici.

PERCHÈ NO

Dettagli dell’abitacolo
Mancano le maniglie sul soffitto, i portabibite sono poco profondi e alcune spie si vedono poco.

Divano
A differenza di quello di qualche rivale, non è scorrevole: la praticità di carico ne risente un po’.

Plastiche
Quelle dell’abitacolo sono tutte dure; non sono fatte male, ma ci saremmo attesi di meglio.

Ruvidità del 1.0
Al minimo, o quando lo si sfrutta a fondo, il tre cilindri produce delle sottili vibrazioni.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 999
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 85 (116)/5000-5500
Coppia max Nm/giri 200/2000-3500
Emissione di CO2 grammi/km 113
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 414/178/155
Passo cm 257
Peso in ordine di marcia kg 1112
Capacità bagagliaio litri 400/1280
Pneumatici (di serie) 205/60 R16
I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 5a a 4700 giri   182,6 km/h 182 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 9,5   9,8 secondi
0-400 metri 16,9 132,2 km/h non dichiarata
0-1000 metri 31,2 163,6 km/h 31,5 secondi
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 5a 38,3 148,4 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 6a 36,3 137,3 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 5a 12,5   non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 6a 16,4   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   15,6 km/litro 16,9 km/litro
Fuori città   18,5 km/litro 23,3 km/litro
In autostrada   13,0 km/litro non dichiarato
Medio   15,9 km/litro 20,4 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   37,1 metri non dichiarata
da 130 km/h   64,5 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   132 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,4 metri 10,6
Seat Arona
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
26
47
47
41
48
VOTO MEDIO
2,8
2.81818
209
Aggiungi un commento
Ritratto di Bruce91
24 gennaio 2019 - 22:22
Mah prova a fartela sistemare onestamente non mi pare anzi...vero è che come assetto è un pò più rigido/sportivo di quello che uno si può aspettare ma non ho mai sentito questi colpi secchi dall'anteriore. Dopo 3 mesi io metto come difetti la poca luce nei sedili dietro e i 4 alzacristalli poco comodi da trovare senza togliere gli occhi dalla guida, per il resto ottima.
Ritratto di maxabarth
24 gennaio 2019 - 23:04
Ho chiesto la sostituzione dell'auto tramite un legale, visto che è stata riparata (ho trovato i vetri anche dentro l'attacco cintura posteriore destra che non si agganciava) più profili plastici staccati, montante riverniciato, guarnizioni rovinate, perciò vedremo gli sviluppi, e poi tornerò a una Peugeot.
Ritratto di maxabarth
24 gennaio 2019 - 22:25
Ho quest'auto (purtroppo).Mi piacerebbe sapere se quando l'hanno provata non hanno trovato neanche un dosso rallentatore o qualche buca, si sarebbero accorti che le sospensioni non assorbono quasi per niente le asperità, e nel percorrere i dossi artificiali a una velocità max 20Km orari, nella fase di discesa e rilascio dell'ammortizzatore si sente un colpo secco provenire dalla sospensione anteriore, la mia lo fà in modo abbastanza accentuato, ho provato anche quella di un mio collega e presenta il difetto anche quella in modo minore della mia, e nel forum dei possessori quasi tutti lamentano questo difetto.(e non ero abituato a un supercar supercostosa e superconfortevole, ma a una peugeot 206SW che rimpiango) Ho deciso di comprare questa auto leggendo le prove delle riviste che erano tutte positive, e nessuna si è accorta di questo? possibile? mi viene da pensare che queste prove non siano proprio obiettive. Non aggiungo che mi è stata consegnata dal gruppo VW un'auto nuova che scoperto dopo 4 giorni risultava riparata, magari questo contribuisce al giudizio, ma non sono solo io a lamentarmi, e a tutti è stato detto che è l'assetto, le gomme ribassate ecc.. Sono soddisfatto solo del motore e consumi del 95CV. Se volessero provare la mia sui dossi rallentatori è a disposizione.
Ritratto di supermax63
25 gennaio 2019 - 02:10
Quanto da Lei segnalato è preoccupante ed inquietante.Non oso immaginare quanto sia seccato anche se il termine sarebbe più colorito. Le auguro di risolvere il pasticcio al meglio e al più presto
Ritratto di Hollwer99
10 febbraio 2019 - 21:08
Personalmente trovo il segmento delle B suv molto interessante,sono vetture che mi sembrano molto polivalenti,sicuramente hanno un plus rispetto alle vetture dalle quali derivano e,sinceramente, mi sembrano abbastanza agili in città,piuttosto sicure,confortevoli e ricche nelle dotazioni ( sempre rispetto alle utilitarie) e sicuramente hanno le carte in regola per confermarsi anche come prima auto di famiglia,tuttavia,quello che mi dispiace è che troppo spesso queste vetture,aventi anche una discreta altezza da terra ma conservando,almeno da quello che si legge perchè non ho avuto modo di guidarne,più che discrete doti stradali è appunto l'assenza della possibilità della trazione integrale (ovviamente non permanente) o di sistemi elettronici (differenziale autobloccante elettronico) in grado di dare un plus di motricità rispetto alla versione 4x2 ma anche di direzionalità su fondi viscidi che a parere mio andrebbero,se inseriti di serie,ad arricchire il potenziale di queste vetture regalando anche maggiore sicurezza anche senza andare a spendere troppo;insomma,senza di questi sistemi è come se non si riuscire a sfruttare tutto il potenziale che queste vetture potrebbero offrire. Nel caso di questa vettura è davvero un peccato perchè con pochi accorgimenti si andrebbe a creare un equilibrio perfetto fra agilità,piacere di guida,costi e doti tecniche che,per la mia esperienza,mi sarebbero frequentemente utili visto. Attendo fiducioso una versione con migliori doti di motricità magari fornite da un propulsore elettrico !
Ritratto di Mattia Bertero
10 febbraio 2019 - 23:10
3
X HOLLWER99. Possiedo da 10 mesi una Kia Stonic 1.0. É la mia prima esperienza con un b-suv e devo dirti che mi ritengo molto soddisfatto. È la mia tutto fare, l'ho presa per avere un'altezza da terra maggiore visto che vado in montagna due/tre volte a settimana a fare Alpinismo. Ti dirò che non sento assolutamente la mancanza di una trazione integrale, in famiglia si va in montagna dagli anni 60 e non abbiamo mai avuto una macchina con trazione integrale, e siamo saliti sempre dove volevamo arrivare in ogni stagione. Logicamente avere una trazione integrale é un surplus non da poco ma per il 90% della gente risulta inutile. La mia Stonic é molto buona in fondi scivolosi, sono già salito in montagna durante alcune nevicate e sono salito senza problemi. Per me bastano delle ottime gomme. Poi se abitassi costantemente in montagna opterei senza indugiare su un 4x4 come il Jinmy oppure un Vitara.
Ritratto di Hollwer99
10 febbraio 2019 - 23:43
Ciao,grazie per aver risposto, sicuramente conta molto l'esperienza del guidatore,e non mi ritengo un esperto,diciamo che su neve io considero la combinazione peso,altezza,direzionalità ma soprattutto prudenza...dopo viene la motricità e sicuramente un anteriore,alla peggio se la cava con le catene se e nei rari casi dove le termiche arrancano(credo che capiti molto raramente),però vedo che per certi aspetti concordi con me nel senso che magari un differenziale elettronico o una trazione integrale sarebbero un bel plus! La trazione integrale è un plus che sicuramente la volta che ti serve benedici,ed è per questo che dovrebbe esserci almeno a richiesta perché può capitare di ripartire o di perdere aderenza su un tornante innevato o ghiacciato oppure,nel mio caso,di avere problemi in ripartenza in salita non su neve ma magari su bagnato fango o brecciolino avendo un rimorchio che grava sul posteriore togliendo peso dalla trazione. Sul differenziale io vorrei provare quello di Peugeot o fca e capire se è una soluzione valida visti i costi bassi,la mancanza di parti da manutenzionare e pagare care al momento dell'acquisto...comunque la mia non voleva essere una critica al 4x2 che rispecchia al 99% le esigenze di tutti,ma solo un "pensa che bello se ci fosse la possibilità di sfruttare a pieno vetture che hanno già un peso,dimensioni e costi "contenuti" !
Ritratto di Mattia Bertero
11 febbraio 2019 - 12:03
3
Si l'avevo capito che non era una critica la tua, ho voluto solo dirti della mia esperienza con il mio attuale b-suv a trazione anteriore. Concordo assolutamente con te che una trazione integrale o un selettore di modalità che simula un 4x4 é una cosa che potrebbe essere utile e completa il quadro utilizzo che questi Crossover potrebbero avere ma se guardi l'utenza dei b-suv alla stragrande maggioranza non gli serve. Già li pubblicizzano come Suv cittadini da usare prevalentemente in città, cosa a mio avviso poco sensata, già la mia Stonic ha 120 cv é sarebbe sprecatissima se la utilizzassi solo in città. Per questo che le case offrono il 4x4 non per tutte le motorizzazioni e molte case non lo offrono nemmeno, sarebbe una spesa inutile in più per loro. Poi il 4x4 aiuta tanto é vero ma secondo la mia esperienza é molto sopravvalutato da molta gente che non necessiterebbe di quello. Nelle mie macchine ho sempre preso gomme al top sia estive e invernali e le cambio ogni 4 anni indifferentemente dall'usura del battistrada e, credimi, anche per percorrere le strade di montagna sterrate in estate e innevate in inverno bastano per salire. Per chi vuole e gli serve davvero un 4x4 punta a mezzi più specialistici come il Jimny dove anche la sua costruzione come telaio, sospensioni, carrozzeria é adatta al vero fuoristrada.
Pagine
Annunci

Seat Arona usate

Prezzo minimoPrezzo medio
Seat Arona usate 201717.50017.9304 annunci
Seat Arona usate 201814.80017.08040 annunci
Seat Arona usate 201915.90017.23017 annunci

Seat Arona km 0 per anno

Prezzo minimoPrezzo medio
Seat Arona km 0 201815.50017.74014 annunci
Seat Arona km 0 201916.40019.80049 annunci