PROVATE PER VOI

Skoda Superb Wagon: comfort e spazio ok, dotazione così così

Prova pubblicata su alVolante di
luglio 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 35.160
  • Consumo medio rilevato

    17,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    121 grammi/km
  • Euro

    6
Skoda Superb Wagon
Skoda Superb Wagon 2.0 TDI 150 CV Executive DSG
L'AUTO IN SINTESI

La Skoda Superb Wagon è la versione famigliare della Superb è la wagon più capiente in vendita in Italia: è fatta con cura, ma in fatto di sicurezza e di praticità ha alcune lacune nella dotazione (e non è neppure “regalata” come le Skoda di un tempo). Anche grazie agli ammortizzatori elettronici (optional), l’auto fa del comfort la sua bandiera; curata anche l’insonorizzazione. A muoverla c’è un 2 litri a gasolio che spinge quanto basta, con consumi buoni ma non da record: anche inserendo la modalità Eco, che favorisce le percorrenze a scapito delle prestazioni, abbiamo rilevato in media poco più di 17 km/l.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
3
Average: 3 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
5
Average: 5 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Grande e comoda, ma si fa pagare

Tra le concorrenti la Skoda Superb Wagon è quella con più spazio per i bagagli: supera la Volkswagen Passat Variant (che è più cara), con la quale condivide piattaforma e meccanica. Ampia e ben fatta, è lunga ben 486 cm. Ridotti i fruscii e il rumore di rotolamento delle gomme. Si viaggia sul velluto anche con gli ammortizzatori elettronici (optional) regolati sulla taratura più “rigida”. Il 2.0 turbodiesel da 150 CV è il motore più equilibrato tra quelli proposti: spinge adeguatamente, è ben insonorizzato e, in modalità Eco (le prestazioni ne risentono, ma le percorrenze migliorano), non richiede troppo gasolio. Questo propulsore non ha un ampio arco d’utilizzo, ma il rapido cambio robotizzato a doppia frizione lo mantiene ai regimi ottimali (quello manuale permette di risparmiare quasi 2.000 euro, ma fa “lavorare” di più): rapido nei passaggi di marcia, solo in partenza risulta meno fluido dei migliori automatici con convertitore di coppia. Le palette al volante, però, si pagano a parte.

Del 2.0 TDI c’è anche una variante da 190 CV, che ha maggior vigore, soprattutto intorno ai 1500-2000 giri, ma costa 1.500 euro in più. Grazie pure alle gomme maggiorate (di 18”, un optional montato sull’auto provata), i limiti di tenuta di strada sono elevati: a tutta prova la stabilità nelle manovre d’emergenza. La Executive del test ha una dotazione solo discreta e fa pagare a parte dispositivi come la frenata automatica d’emergenza e i sensori di controllo dell’angolo cieco. L’Ambition (senza fari bixeno e Gps) fa risparmiare oltre 1500 euro. La Style (più ricca) offre invece un hi-fi migliore (dal suono davvero cristallino e potente), sedili in Alcantara e profili color acciaio. Non mancano due portaombrelli nei pannelli delle porte e un raschiaghiaccio dietro lo sportello di rifornimento (di serie) mentre si pagano le pratiche prese Usb e da 12 e 230 volt. Ampi e attrezzati i portaoggetti: quelli nella plancia e sotto il bracciolo centrale sono refrigerati. Raccomandabile l’hi-fi con 12 altoparlanti: costa il giusto (poco più di 500 euro) e fa invidia a sistemi ben più cari. Per la radio digitale Dab, però, bisogna sborsare un extra. 

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
Poca fantasia nelle linee, molta nelle soluzioni

Plancia e comandi
Caratterizzato da un design essenziale e da colori scuri, l’abitacolo della Skoda Superb Wagon è curato, ma “freddino”. Il cruscotto è molto semplice (informa su ciò che serve, ma niente di più) e lo schermo multifunzione a colori si paga a parte. Scomodo il tasto del contachilometri parziale. I comandi del “clima” (trizona optional, di serie monozona) sono troppo in basso: azionandoli, si rischia di distrarsi dalla guida. 

Abitabilità
Se non fosse per il tunnel centrale, alto e largo, che intralcia le gambe del quinto passeggero, il voto sarebbe ancora migliore: di spazio ce n’è tanto. Le poltrone (a richiesta sono disponibili con dispositivo di riscaldamento) sono comode: non stringono troppo il corpo. 

Bagagliaio
Lo spazio destinato ai bagagli è enorme. Per poter essere sfruttato al meglio, però, va completato con alcuni optional: la cappelliera ad avvolgimento automatico, i tasti nel baule per ripiegare il divano e (per evitare uno “scalino” di 11 cm quando il divano è giù) il piano di carico ad altezza variabile. Numerosi i ganci e gli anelli nel baule, e pratici i fermacarico posizionabili con il velcro.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Stabile e sicura, non delude in comfort

In città
Le dimensioni rilevanti della Skoda Superb Wagon possono creare qualche imbarazzo nel traffico, ma il cambio robotizzato e lo sterzo leggero riducono l’impegno. I sensori di distanza sono di serie solo dietro: quelli anteriori si pagano a parte. In modalità Comfort, gli ammortizzatori intelligenti (un altro optional) “lisciano“ rotaie e pavé. Niente di eccezionale i consumi da noi rilevati: 14,9 km/l.

Fuori città
Fra le curve è meglio passare dalla modalità Comfort (nella quale la carrozzeria si inclina in un modo che può risultare fastidioso) alla Sport: lo sterzo (preciso quanto serve, per equipaggiare una tranquilla auto da famiglia) si fa un po’ più consistente, ma il comfort non ne risente particolarmente. Più stabile che agile (comunque, mai “impacciata”), l’auto offre una frenata ben modulabile. Pagando un extra, le marce si comandano anche con le palette al volante. Buone le percorrenze: secondo i nostri strumenti si attestano a 19,6 km/l.

In autostrada
Grazie all’efficace insonorizzazione e al motore che, a 130 km/h, “lavora” in silenzio a 2200 giri, i chilometri scorrono via veloci. In modalità Eco, in rilascio il cambio “stacca” la trasmissione per sfruttare l’abbrivio e risparmiare gasolio; se si sfiora il pedale del freno, la trazione si reinserisce per favorire la successiva ripresa. Nella media i consumi: 16,4 km/l rilevati a 130 km/h.

PERCHÉ SÌ

COMFORT
È una wagon ben insonorizzata che, specie con le sospensioni elettroniche (optional), fa viaggiare nella bambagia.

PRATICITÀ
Tanti i vani (ben due sono refrigerati) e molte le idee per migliorare la vita a bordo, come gli ombrelli estraibili e i blocchetti fermacarico col velcro.

SPAZIO
Per le persone è abbondante: dietro è quasi impossibile “toccare” con le ginocchia le poltrone. Ma è parecchio pure quello per i bagagli.

PERCHÉ NO

DOTAZIONE DI SICUREZZA
Un’auto da famiglia come questa non dovrebbe far pagare la frenata automatica d’emergenza e l’allarme per l’uscita di corsia.

OPTIONAL PER IL CARICO
Lo spazio c’è, ma il fondo ad altezza variabile e la cappelliera che si avvolge da sola sono a richiesta.

QUINTO POSTO
Chi siede nel centro del divano viaggia a gambe divaricate: colpa del tunnel largo.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1968
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 110 (150)/3500-4000
Coppia max Nm/giri 340/1750-3000
Emissione di CO2 grammi/km 121 (122*)
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (robotizzato a doppia frizione) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 486/186/148
Passo cm 284
Peso in ordine di marcia kg 1445
Capacità bagagliaio litri 660/1950
Pneumatici (di serie) 215/55 R 17

 

Dati dichiarati. Auto in prova equipaggiata con gomme Pirelli P Zero Nero 235/45 R 18.
*Con i cerchi di 18’’

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 6a a 3500 giri   210,2 km/h 216 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 8,7   9 secondi
0-400 metri 16,4 137,4 km/h non dichiarata
0-1000 metri 30,2 173,4 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DS Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 28,2 173,5 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 27,1 174,2 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 2,7   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 6,5   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   14,9 km/litro 18,2 km/litro
Fuori città   19,6 km/litro 23,3 km/litro
In autostrada   16,4 km/litro non dichiarato
Medio   17,2 km/litro 21,3 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   36,7 metri non dichiarata
da 130 km/h   63 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   136 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,5 metri 11,7

 

Skoda Superb Wagon
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
58
48
21
16
19
VOTO MEDIO
3,7
3.67901
162
Aggiungi un commento
Ritratto di all'avanguardia della truffa2
29 dicembre 2016 - 09:16
Un problema mio??? E' sempre giusto e doveroso, ricordare una politica commerciale e industriale gravemente scorretta, protratta per un decennio, ad opera di un solo gruppo automobilistico, a seguito di accurate indagini svolte fino ad oggi.
Ritratto di all'avanguardia della truffa2
29 dicembre 2016 - 15:24
Se riuscissero a non truffare...il problema si risolverebbe alla radice
Ritratto di MarioGolf
28 dicembre 2016 - 15:08
Risparmierò anche a comprare i pezzi di ricambio dall'America
Ritratto di all'avanguardia della truffa2
28 dicembre 2016 - 17:45
tutto il parco auto americano da ....raccattare!
Ritratto di all'avanguardia della truffa2
29 dicembre 2016 - 15:20
sono 11 milioni di problemi donati a ignari clienti, che spero siano rispediti, in buona parte, al "generoso" mittente.
Ritratto di MarioGolf
28 dicembre 2016 - 20:10
Sì perché i pezzi americani sono di qualità superiore a quelli italiani
Ritratto di MAXTONE
27 dicembre 2016 - 21:32
Oddio il dsg non è che dia chissà che doti di ripresa rispetto a un classico automatico con convertitore di coppia o meglio ancora un CVT, quest'ultimo consente riprese fulminee infatti basta vedere nel traffico come i T-Max si lascino indietro chiunque, comprese moto stradali 600 belle pistaiole, e questo nonostante un t max abbia un quarto della metà dei cavalli di una moto ipersportiva stradale
Ritratto di Fxx88
27 dicembre 2016 - 22:00
3
Max ti abbiamo già spiegato perché devi smetterla di parlare di tmax. Continua a parlare di lexus che è l'unica cosa che conosci. In ogni caso non mi spiego perché non montino un bel CVT su alcuna auto da corsa visto che è così performante. Che scemi in f1 o nel wrc a continuare a sviluppare cambi sequenziali e non un affidabilissimo e soprattutto ipersportivo CVT. Smettila di trollare, ti prego.
Ritratto di Lucio88
28 dicembre 2016 - 08:09
Ciao , se posso, ovviamente non si può paragonare un Tmax che rimane uno scoter a una moto qualunque essa sia sono proprio diversi come concezione, anche se honda sta proponendo con Integra una moto "crossover" fra i 2 mondi x così dire.. comunque avevo letto che all'inizio degli anni 90 la Williams F1 di Newey , quella famosa x le sosp attive, iniziò la sperimentazione di una trasmissione cvt, con risultati sorprendenti nel loro circuito un vantaggio di 2 secondi rispetto loro stessi, la Fia vietò tale soluzione in quanto sarebbero stati troppo superiori agli avversari. dire però che una trasmissione cvt non sia all'altezza lo trovo inesatto
Ritratto di Ivan92
27 dicembre 2016 - 22:12
6
Max ti assicuro che un 600 sportivo anche in sesta marcia al minimo se apre si mangia un TMax (per carità ottimo scooter, ma rimane appunto uno scooter) la vera ragione perchè questo non accade (o si spera che nessuno lo faccia) è perchè con un 600 sportivo se apri da semaforo a semaforo ti ritrovi tranquillamente ad oltre 250 km/h, mentre con il TMax apri tranquillamente quanto vuoi tanto oltre i 130 km/h non vai a meno di tenere aperto per oltre un chilometro. Poi generalizzando si può dire che quelli con i scooteroni al 99% c'è l'hanno solo per evitare le code e fare slalom fra le auto fregandosene delle regole stradali, non per il piacere di avere una due ruote. Mentre i motociclisti al 99% hanno la moto per il piacere di guidarla e quindi la usano il più lontano possibile dal traffico e dai centri urbani senza fare a gara con nessuno. Ti invito a guardare questo filmato che mostra cosa può fare un incosciente con una moto sportiva https://www.youtube.com/watch?v=iDYwUcSJgPk e sconsiglio tutti i lettori di cercare di imitarlo. Se volete provare l'adrenalina pagatevi un track day e sfogatevi in un ambiente sicuro.
Pagine