PROVATE PER VOI

Smart forfour: Personalità tanta, sprint così così

Prova pubblicata su alVolante di
marzo 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    € 14.310
  • Consumo medio rilevato

    14,9 km/l
  • Emissioni di CO2

    97 grammi/km
  • Euro

    6
Smart forfour
Smart forfour 70 passion
L'AUTO IN SINTESI

Lunghezza a parte, linea e personalità della Smart forfour sono quelle della versione a due posti. A bordo, però, c’è spazio per quattro (ma il baule è piccolo e distante da terra). Agilissima in città e piacevole da guidare fra le curve (preciso lo sterzo), non brilla per le prestazioni: pur silenzioso, il 1.0 a tre cilindri a benzina ha poco sprint e non è particolarmente economo. Il Passion è uno degli allestimenti più “ricchi”, ma fa pagare a parte i fendinebbia e il kit per riparare le gomme.

Posizione di guida
2
Average: 2 (1 vote)
Cruscotto
3
Average: 3 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
3
Average: 3 (1 vote)
Ripresa
2
Average: 2 (1 vote)
Cambio
5
Average: 5 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
3
Average: 3 (1 vote)
Dotazione
2
Average: 2 (1 vote)
Qualità/prezzo
2
Average: 2 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Un “poker” da città
Di 70 cm più lunga della fortwo, la Smart forfour ha due posti in più (abbastanza comodi) ma un bagagliaio altrettanto piccolo. Nonostante il passo allungato, l’agilità rimane esemplare; soddisfa anche lo sterzo, leggerissimo in manovra e sufficientemente preciso quando si esce dall’ambito urbano. Per ottenere un po’ di verve dal 1.0 a benzina da 70 CV, però, si deve mettere mano al ben manovrabile cambio manuale a cinque marce. Anche se comprende l’airbag per le ginocchia del guidatore, i cerchi in lega e il “clima” automatico, la dotazione della Passion - che non è la versione più povera – va integrata a pagamento.
 
 
Pur essendo più lunga di 80 cm rispetto alla classica fortwo, la nuova Smart fourfour non supera i 350 cm di lunghezza totale: una “taglia” da perfetta cittadina, agile e facile da parcheggiare. Ovviamente è stato maggiorato anche il passo, e sono state aggiunte due porte per l’accesso al divano, omologato per due posti e abbastanza accogliente (ma il tetto in vetro, optional, ruba qualche centimetro in altezza). 
 
Frutto di un progetto condiviso con la Renault (la nuova Twingo utilizza la medesima base), questa citycar tedesca è spinta da un 1.0 da 70 CV montato fra le ruote posteriori: una soluzione che ha costretto a rialzare il bagagliaio, invero piccolo (come nella due posti) e soggetto a scaldarsi a causa della vicinanza con la meccanica; sotto il pavimento manca lo spazio per il ruotino, e il kit di riparazione si paga a parte.
 
Le dimensioni compatte, il volante leggero da girare e il raggio di sterzata di soli 8,6 metri permettono di districarsi agevolmente nel traffico, ma la precisione dello sterzo e la tenuta di strada della nuova Smart fourfour non deludono nemmeno fuori città. Dal motore, invece, ci saremmo aspettati maggiore verve: per ottenere un po’ di brio in accelerazione e in ripresa si deve spesso ricorrere al dolce e preciso cambio manuale a cinque marce. Nella norma i consumi.
 
L’airbag per le ginocchia del guidatore è di serie (ma mancano quelli posteriori per la testa), come pure il cruise control e, nel caso della passion, il “clima” automatico e i cerchi in lega di 15”. Malgrado il prezzo superiore a quello delle rivali, restano da pagare a parte non solo i fendinebbia ma, addirittura, la regolazione in altezza del volante e del sedile di guida, che è offerta in pacchetto con i retrovisori esterni provvisti di registrazione elettrica.
VITA A BORDO
3
Average: 3 (1 vote)
Praticità al potere
Ben rifinito nonostante qualche elemento in plastica un po’ economica, l’abitacolo è originale nello stile e piacevolmente luminoso; i comandi sono a portata di mano, ma le regolazioni in altezza del volante e del posto guida sono a pagamento. L’abitabilità è buona davanti, un po’ meno dietro, anche perché lo schienale del divano è parecchio verticale e lo spazio sopra la testa non abbonda. Ai minimi termini la capacità di carico che, però, può essere notevolmente aumentata rinunciando ai posti dietro e, se necessario, ripiegando anche lo schienale della poltrona destra.
 
 
Plancia e comandi
Luminoso e originale, l’abitacolo della nuova Smart fourfour è ben rifinito per quanto gli elementi in plastica bianca (nell’auto in prova, ma si possono avere anche neri) siano qualitativamente inferiori al resto. A portata di mano i vari comandi, compresi quelli a sinistra della plancia (fra i quali il bottone per escludere lo Stop&Start); comodi i tasti nel volante, dai quali si controllano radio, vivavoce e cruise control. Il cruscotto “a mezzaluna” ha l’arco superiore dedicato alla scala del tachimetro e, al centro, lo schermo del computer di bordo; a pagamento può essere affiancato dal contagiri. Con sovrapprezzo c’è la Smartphone connection per gestire dal cellulare (via Bluetooth, e con specifiche app) l’impianto audio e il navigatore (anche offline).
 
Abitabilità
I quattro posti omologati sono “veri”, anche se quelli realmente comodi sono anteriori, costituiti da poltrone ampie e ben conformate che integrano il poggiatesta (e hanno la regolazione dello schienale a manopola, una rarità per la categoria); d’obbligo, però, l’esborso extra necessario per la registrazione in altezza del volante e del posto guida. Anche se adatto a due adulti, il divano ha lo schienale troppo verticale; inoltre, i finestrini posteriori si aprono a compasso (di pochi gradi), e chi è di statura elevata non ha molto agio per la testa (specialmente se la vettura è equipaggiata del tetto apribile in vetro opzionale). Ok la praticità, con portabibita previsti sia davanti sia dietro e una sufficiente quantità di portaoggetti, fra i quali un pratico cassettino nella consolle; ma lo sportello del vano di fronte al passeggero si paga a parte
 
Bagagliaio
Non enorme e squadrata, l’imboccatura è funzionale, anche se si devono fare i conti con la soglia a 77 cm dal suolo (mentre il dislivello rispetto al piano di carico è di soli 4 cm). L’altezza al tendalino (appena 36 cm) della nuova Smart fourfour è condizionata dalla presenza del tre cilindri sotto il pavimento, che trasmette anche calore ai bagagli. Con tutti i posti in uso si dispone di soli 185 litri di capacità, un valore fra i più bassi della categoria, ma reclinando lo schienale (in due parti) si arriva a 975, meglio di quanto facciano le rivali; inoltre, si può “chiudere” la poltrona destra e liberare un piano lungo 220 cm. Da notare che il cofano anteriore non cela alcun vano, ma soltanto i serbatoi dei liquidi (lavavetro, raffreddamento e freni).
COME VA
3
Average: 3 (1 vote)
Senza fretta, ti porta dove vuoi
L’elevata agilità e i comandi dolci da azionare rendono piacevole la guida in città dove, pure, si apprezza la discreta efficacia delle sospensioni sullo sconnesso; data la scarsa visuale posteriore, si può essere tentati dall’acquisto dei sensori di parcheggio. Anche se il ben manovrabile cambio aiuta a sfruttarlo al meglio, il 1.0 a benzina è pigro e nemmeno particolarmente economo, se non fuori città. Tenuta di strada e stabilità, però, sono di buon livello, la guida è sempre facile e sicura e l’insonorizzazione sufficiente anche in autostrada.
 
 
In città
Il 1.0 a tre cilindri a benzina della nuova Smart fourfour non è vivace, ma si difende con la regolarità di funzionamento, vibra poco ed è ben coadiuvato dal valido cambio manuale a cinque marce; dolci da azionare lo sterzo e la frizione. Le sospensioni lavorano bene anche sullo sconnesso (sebbene dietro, a causa del peso del motore, si soffra di qualche rimbalzo sulle asperità) e la maneggevolezza è ottimale: la vettura volta in un fazzoletto ed è facile da parcheggiare, anche se i sensori di distanza posteriori possono fare comodo perché il lunotto lascia vedere poco. Nonostante lo Stop&Start (non proprio dolcissimo in fase di riavvio del motore) i consumi non stupiscono: abbiamo rilevato 13,2 km/l.
 
Fuori città
Il cambio manuale, grazie alla corsa breve e agli innesti dolci e poco contrastati, è di non poco aiuto nella guida su strade extraurbane: ricorrervi spesso è necessario per “svegliare” un po’ il motore, eccessivamente pigro in accelerazione come nelle riprese (e le sue prestazioni calano ulteriormente quando si accende il “clima”). Ci si consola con i consumi abbastanza contenuti (18,9 km/l) e con la silenziosità, che è buona anche in accelerazione. Soddisfacenti, invece, la tenuta di strada e la sincerità di comportamento: al limite, è il muso ad allargare progressivamente la traiettoria (nonostante motore e trazione siano dietro), e l’Esp è puntuale ed efficace; niente male la risposta dei freni.
 
In autostrada
Non è nel suo habitat d’elezione, ma anche in autostrada la Smart fourfour permette di viaggiare con un buon livello di comfort: merito della buona insonorizzazione (disturbano un po’ soltanto i fruscii aerodinamici), del contenuto tasso di vibrazioni e della comodità delle poltrone. La stabilità è buona anche nei curvoni affrontati a velocità elevata e lo sterzo mantiene una discreta precisione, considerato che è quello di una citycar. Il consumo di benzina, però, cresce in proporzione all’andatura, tanto che nella prova abbiamo misurato appena 12,7 km/l.
QUANTO È SICURA
4
Average: 4 (1 vote)
L’indispensabile c’è, il resto è optional
Nei crash test, effettuati dall’Euro NCAP nel 2014 e quindi con le procedure più recenti, la Smart forfour è stata “promossa” con quattro stelle su cinque. Notevoli, per una citycar, i punteggi ottenuti negli ambiti di indagine specifici a eccezione di quello relativo ai sistemi di assistenza alla sicurezza: questo perché la dotazione di serie comprende sì l’airbag per le ginocchia del guidatore e il cruise control, ma alcuni ausili alla guida di ultima generazione sono a pagamento per quasi tutti gli allestimenti (cosa che vale anche per i fendinebbia).
 
 
Per ottenere una scocca resistente a dispetto delle piccole dimensioni della nuova Smart fourfour, i progettisti hanno utilizzato un elevato tasso di acciai ad alta resistenza (sia sottoposti a trattamento termico, sia multifase); all’interno, invece, sono stati impiegati rivestimenti bombati e deformabili, in grado di assorbire l’energia di eventuali urti riducendo le lesioni alle gambe dei passeggeri. La dotazione di airbag, tuttavia, manca degli elementi a tendina estesi ai posti dietro: sono, infatti, previsti i “cuscini” frontali, quello per le ginocchia del guidatore e quelli laterali combinati per torace e testa. Inclusi nel prezzo, inoltre, l’Esp con sistema anti-arretramento e il cruise control. La “ricca” proxy aggiunge alla dotazione di serie l’avviso di involontario abbandono della propria corsia di marcia, la prime anche i fendinebbia e l’avviso di scarsa distanza di sicurezza. Il fatto che alcuni degli accessori appena citati siano a pagamento per le altre versioni, ha fatto sì che l’Euro NCAP, applicando le recenti procedure in vigore dal 2014, promuovesse la Smart forfour con “sole” quattro stelle su cinque, seppure accompagnate da giudizi mediamente buoni per la maggior parte degli specifici ambiti di indagine: 78 punti percentuali per la protezione degli occupanti, 77 per i bambini, 65 per i pedoni e 56 punti per i dispositivi di ausilio alla sicurezza.
NE VALE LA PENA?
3
Average: 3 (1 vote)
Originale e funzionale, ma cara
Agilissima, adatta a quattro persone oppure a due con parecchi bagagli, e abbastanza confortevole pure fuori città: la forfour è una citycar a tutto tondo, anche se non ha un motore brillante (ma c’è sempre l’alternativa rappresentata dalla turbo da 90 CV). La qualità costruttiva non delude, le opzioni di personalizzazione sono parecchie e, a pagamento, è possibile integrare la dotazione di sicurezza con dispositivi all’ultimo grido. Tuttavia, in considerazione del prezzo, alcuni accessori irrinunciabili dovrebbero essere di serie. 
 
 
A differenza dell’omonima versione dismessa qualche anno fa, la nuova Smart forfour condivide la base tecnica e l’impostazione stilistica con la versione “originale”, ossia la due posti: questo la rende una delle proposte più personali (e meglio rifinite) della sua classe giustificandone, almeno entro certi limiti, il prezzo ai vertici della categoria. Meglio sarebbe, proprio in considerazione dell’esborso richiesto, che alcuni accessori fossero di serie anziché a pagamento: ci riferiamo, in particolare, alle indispensabili regolazioni in altezza del volante e del sedile di guida, al kit anti-foratura, ai fendinebbia e allo sportello del cassetto del passeggero. Anche perché, volendo spendere in optional, le tentazioni non mancano: si va dal tetto apribile (di serie c’è comunque quello trasparente in due parti oscurabili con tendine scorrevoli) ai pannelli della carrozzeria di colori diversi dal bianco e dal nero, alla cellula tridion color argento o bianco (di serie è nera), per finire coi dispositivi di ultima generazione che incrementano la sicurezza attiva. Per tutto il resto, questa citycar onora le promesse: agilissima nel traffico, offre spazio sufficiente per quattro persone e, se si viaggia in due, vanta un’inaspettata capacità di carico; inoltre, è piuttosto confortevole persino in autostrada. Fuori dall’ambito urbano, però, le manca un po’ di verve: una ragione per prendere in considerazione la variante turbo da 90 CV, magari con cambio robotizzato, che promette pure consumi simili.
PERCHÉ SÌ
Cambio
Ben manovrabile anche grazie alla ridotta escursione della leva, il manuale a cinque marce offre innesti precisi e fluidi: risulta pratico e gradevole da utilizzare anche quando lo si usa in continuazione, come nel traffico. 
 
Guida in città 
L’erogazione del motore è omogenea e priva di vibrazioni, i comandi sono leggeri da azionare e le dimensioni della vettura davvero compatte per una quattro posti: trovare parcheggio non è mai un problema.
 
Praticità
L’abitacolo è ricco di portaoggetti, e prevede soluzioni intelligenti come la poltrona destra “richiudibile” per fare spazio a oggetti lunghi. L’accesso a bordo e al vano bagagli è agevolato dall’ampio angolo di apertura di porte e portellone.
 
Sterzo
Offre un raggio di sterzata eccezionalmente contenuto e, grazie alla sua leggerezza, agevola non poco quando si manovra in spazi limitati. Inoltre, a velocità elevata mantiene una discreta precisione.
PERCHÉ NO
Bagagliaio
Poco capiente con tutti i posti in uso (appena 185 litri), e accessibile con difficoltà poiché la soglia è a 77 cm da terra, il vano tende anche a scaldarsi (assieme al contenuto) perché si trova giusto sopra il motore.
 
Posto di guida 
Di fatto, si è obbligati a spendere la cifra extra necessaria per ottenere la registrazione in altezza del volante e della poltrona, proposta nel pacchetto Comfort assieme alla regolazione elettrica dei retrovisori esterni.
 
Prestazioni
70 CV per una vettura che pesa appena 900 kg non sarebbero pochi, eppure il tre cilindri è poco incisivo in accelerazione e alquanto pigro nelle riprese: per “portare a casa un buon risultato” si deve ricorrere spesso al cambio.
 
Ruota di scorta 
Non è prevista, nemmeno sotto forma di ruotino, perché non c’è il posto dove sistemarla (sotto il piano di carico c’è il motore). Al problema si ovvia in parte con il kit gonfia e ripara che, però, è a pagamento.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 999
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 52 (71)/6000
Coppia max Nm/giri 91/2850
Emissione di CO2 grammi/km 97
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 350/167/155
Passo cm 249
Peso in ordine di marcia kg 900
Capacità bagagliaio litri 185-n.d./975
Pneumatici (di serie) 165/65-185/60 R15

 

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 4a   152,4 km/h 151 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 16   15,9 secondi
0-400 metri 20,2 111,3 km/h non dichiarata
0-1000 metri 37,1 138,8 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 40,4 127,3 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 38,8 118,2 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 4a 10,9   non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 28,2   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   13,2 km/litro 20,8 km/litro
Fuori città   18,9 km/litro 26,3 km/litro
In autostrada   12,7 km/litro non dichiarato
Medio   14,9 km/litro 23,8 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   37,8 metri non dichiarata
da 130 km/h   63,6 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   135 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   8,6 metri 8,7

 

 

Smart forfour
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
17
16
23
16
91
VOTO MEDIO
2,1
2.092025
163
Aggiungi un commento
Ritratto di Angelotorino
18 agosto 2015 - 15:12
Brutta, molto brutta, no grazie: meglio la Panda.
Ritratto di uboat118
18 agosto 2015 - 15:51
Comprata l'auto a gennaio modello edition. Da allora entro ed esco dall'officina. Sostituiti scatola dello sterzo, servosterzo, sospensione sinistra. Problemi alla centralina per ultimo il 13 agosto per cui ho chiamato il soccorso stradale. Consumi ELEVATISSIMI 13,5 km a litro. Se posso la rivendo. Per contratto avevo diritto all'auto sostitutiva......niente a piedi fino ad oggi.
Ritratto di francesko
18 agosto 2015 - 15:54
E' una delle auto più sproporzionate che abbia veduto. la linea demenziale è ovviamente figlia dello schema tecnico, altrettanto demenziale per una segmento B. Secondo me la vecchia forfour era molto più bella, e con un frontale ridisegnato sarebbe attuate tutt'oggi. avrebbero dovuto semplicemente rifate la Smart fortwo lunga 3,00 metri con un passo allungato di 25 cm rispetto all'attuale, magari con un terzo posto di fortuna in stile IQ Toyota, quest'ultima sì che era un gioiello di auto. Certo che se poi le vendi a 15k euro con le Aygo e compagnia che costano il 35% di meno, che numeri di vendita pensi di poter fare?
Ritratto di MaurizioSbrana
19 agosto 2015 - 08:33
1
Per concludere tutte le polemiche chiudo dicendo questo: Ho appena comprato una Forfour passione con cambio twinamic e radio touch screen da 7 pollici con mirrorlink. Sul mercato di simile c'è solo la twingo che però ha una qualità generale inferiore, provare per credere. A tutti i sostenitori delle varie Fiat, Hyundai, Opel, Toyota e gemelle dico: trovatemi un auto che ha il cambio a doppia frizione e non un robotizzato o un automatico semplice, che abbia 4 stelle euroncap nei test nuovi, che abbia tutti gli accessori che ho acquistato io, e che abbia anche l'esclusività della personalizzazione oltre ad un immagine come il brand Mercedes dietro, perché che che se ne dica io il contratto che ho in mano è su carta intestata Mercedes, trovatemi una sola altra auto con tutte le caratteristiche citate e vi prenderò sul serio, altrimenti sono tutte chiacchiere da rosiconi o da ignoranti o da sempliciotti o da "espertoni" come quelli che ho visto in 10 anni di lavoro nelle concessionarie, gente che alla fine però non sapeva nemmeno di cosa stava parlando. Saluti!
Ritratto di Helio
19 agosto 2015 - 18:52
AhAh.Giuro che se ne avessi la possibilità ti comprerei una Classe A. Già mi t'immagino a girare 24h su 24 per le strade del tuo paese finestrino aperto a urlare ai tuoi fortunati concittadini "C'HO IL MERCEDES!!!" [Il discorso della carta intestata, lo devo ammettere, fa di molto salire le tue quotazioni in ambito trollistico. Eri partito in sordina ma con questo colpo di reni finale c'hai dato una bella sferzata]
Ritratto di MaurizioSbrana
20 agosto 2015 - 08:23
1
E ovviamente tu guidi una classe e o una serie 5 o una a6...
Ritratto di MaurizioSbrana
20 agosto 2015 - 08:25
1
Hello mi fai morire da ridere, perché a parte le battute cretine e dire trollistico non mi hai ancora trovato una vera alternativa con le caratteristiche da me citate nel commento! L'ho detto, basta polemiche, solo risposte serie please
Ritratto di Helio
20 agosto 2015 - 16:41
Ahah, ma ti rendi conto? Cosa potrei mai razionalmente controbattere a uno che, se veramente esistesse nella realtà, adducesse come valida motivazione del suo acquisto "Ammira Helio, il contratto è su carta intestata MERCIEDESS!!!"
Ritratto di MaurizioSbrana
21 agosto 2015 - 11:18
1
Si ma alternative di acquisto non me ne dai eh?! A me sembri solo un buffone. .
Ritratto di Helio
21 agosto 2015 - 13:59
Seee, ma a che pro usare sti paroloni? Siamo qui per argomentare e io sarei felice di poter continuare a farlo, sia per cultura personale e sia per dare info a chi ne volesse magari anche per un eventuale acquisto. Ma non mi dai scelta: se le tue priorità sono 1) possibilità di estrema personalizzazione (che poi praticamente cosa significherà,ad esempio rispetto alle infinite combinazioni possibili su una 500?) 2) cambio doppia frizione (su un 70CV) 3) Touch screen da 7". È ovvio che la Smart sia l'unica auto per te. Vi siete fortunosamente trovati: tu che aspettavi un'auto proprio con tali peculiarità e il costruttore che proprio un'auto siffatta è andato a realizzare. Buon Acquisto e spero di leggere presto il tuo test drive; se mi viene magari qualche nuovo spunto da trattare te lo riferisco là.
Pagine