PROVATE PER VOI

Suzuki Swift: ricca, briosa e senza fronzoli

Prova pubblicata su alVolante di
marzo 2018
  • Prezzo (al momento del test)

    € 18.890
  • Consumo medio rilevato

    17,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    97 grammi/km
  • Euro

    6
Suzuki Swift
Suzuki Swift 1.0 Boosterjet Hybrid S 2WD
L'AUTO IN SINTESI

Compatta, spaziosa, vivace in ripresa e moderata nei consumi, la Suzuki Swift 1.0 Boosterjet S Hybrid è un’utilitaria a cinque porte che soddisfa sia nell’uso in città sia su strada aperta. Il merito va anche al peso limitato dell’auto e all’efficienza del tre cilindri turbo, abbinato a un piccolo motore elettrico che la rende ibrida. La guida è gradevole e la dotazione ricca: ha anche i fari full led, il cruise control adattativo, il navigatore e la telecamera di retromarcia. Peccato solo che gli interni usino plastiche poco raffinate e che il bagagliaio (seppur ampliato rispetto al vecchio modello) non si possa dire molto capiente.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
4
Average: 4 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
5
Average: 5 (1 vote)
Ripresa
5
Average: 5 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
4
Average: 4 (1 vote)
Sterzo
3
Average: 3 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
4
Average: 4 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Un’ibrida che scatta 

Compatta ma con un abitacolo spazioso, scattante eppure economa, maneggevole ma non scomoda: la Suzuki Swift è una cinque porte sfiziosa (ma con le plastiche interne “povere” nell’aspetto) che riunisce una serie di doti non facili da trovare insieme. Grazie alla nuova piattaforma, ora ha un baule dalla capienza quanto meno discreta (265 litri, 54 in più di prima) e perde peso: con 875 kg, è fra le auto più leggere in assoluto. Anche per questo motivo, la Swift ibrida (al tre cilindri turbo 1.0 è collegato, tramite una cinghia, un motore-generatore elettrico da 2,6 CV) si guida con piacere e va forte. Non importa quale delle cinque marce sia inserita: riprende comunque con vigore (e senza esagerare con la rumorosità). C’è anche non ibrida: la Cool (a quasi € 3.000 in meno, ma senza fari full led, cruise control adattativo, navigatore e telecamera di “retro”) e l’automatica (che costa quasi la stessa cifra e offre un’identica, ricca dotazione). I test EuroNCAP hanno assegnato a questa versione della Swift (dotata di serie della frenata automatica di emergenza a tutte le velocità, oltre che degli avvisi in caso di rischio di assopimento del guidatore e di uscita involontaria di corsia) quattro stelle su cinque.

VITA A BORDO
4
Average: 4 (1 vote)
Grande e sportiveggiante

Plancia e comandi
La posizione di guida della Suzuki Swift è piuttosto rialzata, mentre lo stile è moderatamente sportivo, con strumenti tondi, illuminati di rosso e inseriti in profondi coni antiriflesso, e volante a tre razze piatto nella parte bassa. Semplice e classica la plancia, con una fascia orizzontale chiara che la snellisce un po’; il sistema multimediale (con display tattile di 7”) include il navigatore e i protocolli per l’uso integrato del telefonino Android Auto e Apple CarPlay, ma è “vecchio stile”. Pur se gli assemblaggi sono realizzati con attenzione, le plastiche rigide e lucide danno un aspetto economico all’interno; giudizio positivo per la presenza dei braccioli imbottiti in tutte le porte, delle maniglie d’appiglio sul soffitto e delle cinture di sicurezza con attacco superiore regolabile in altezza. D’altro canto, le alette parasole sono corte se usate di lato, i comandi del “clima” automatico hanno scritte poco visibili se non si accendono le luci, e solo l’alzavetro del guidatore è automatico.

Abitabilità
L’abitacolo è arioso, grazie ai vetri ampi, al parabrezza piuttosto verticale, e quindi distante dai sedili, e all’ampio spazio in tutte le direzioni; quattro adulti viaggiano senza problemi, e anche in cinque ci si può stare. I sedili anteriori hanno fianchetti molto pronunciati: trattengono bene il corpo in curva.  

Bagagliaio
La soglia di accesso è a 71 cm da terra (un valore nella media) e 23 cm più in alto del piano di carico. Il vano è alto (55 cm) e regolare, ma poco profondo (61 cm) e rifinito un po’ spartanamente: un tappetino in feltro sul fondo e plastica per le pareti laterali.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Beve poco e dà sicurezza

In città
A volte le buche si ripercuotono un po’ troppo nell’abitacolo, ma per il resto le vie cittadine sono il pane della Suzuki Swift: le riprese sono prontissime, il cambio si manovra senza indecisioni e il volante si gira con due dita. Il sistema ibrido riesce a riavviare il tre cilindri (che si spegne automaticamente nelle code) senza vibrazioni, e garantisce consumi di tutto rispetto: 16,7 km/litro nel nostro percorso standard di prova.

Fuori città
In queste situazioni il 1.0 consuma pochissimo (21,1 km con un litro di benzina) e sale di giri con grande facilità; passati i 60 km/h, la quinta si può tenere anche in salita e nei sorpassi. La tenuta di strada in curva è buona e, soprattutto, l’auto dà fiducia perché la risposta dello sterzo è progressiva e il comportamento privo di sorprese; potenti ma fin troppo pronti i freni. 
 
In autostrada
La Suzuki Swift 1.0 ha una buona direzionalità anche alle elevate andature, e non è troppo rumorosa; la quinta lunga (bastano 3000 giri per marciare a 130 km/h) non ammoscia la capacità di ripresa e consente di consumare poco: 14,7 km con un litro di benzina. Utile (e non certo frequente su auto di questa categoria) il cruise control che tiene in automatico la distanza di sicurezza.

PERCHÉ SÌ

Abitabilità
La carrozzeria è corta, ma ospita bene quattro adulti (ed eventualmente cinque).

Dotazione
Nel prezzo, non eccessivo vista la meccanica raffinata, sono compresi molti accessori.

Maneggevolezza
È un’auto facile da guidare nel traffico, e maneggevole sui percorsi “tutte curve”.

Motore
Il tre cilindri, con il piccolo aiuto dell’unità elettrica, garantisce ottime prestazioni e bassi consumi.

PERCHÉ NO

Bagagliaio
Il vano è più grande di quello del vecchio modello, ma non è né ampio né di facile accesso. Ed è finito in economia.

Dettagli interni
Parasole corti, comandi del “clima” poco visibili, cassetto senza luce: qualche difettuccio c’è.

Impianto multimediale
Il sistema include anche il navigatore, ma ha una grafica superata.

Plastiche
La plancia e i rivestimenti delle porte paiono robusti, ma non appagano l’occhio. 

SCHEDA TECNICA
Motore a benzina  
Cilindrata cm3 998
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 82 (111)/5500
Coppia max Nm/giri 170/2000-3000
   
Motore elettrico  
Potenza massima kW (CV)/giri 1,9 (2,6)/n.d.
Coppia max Nm/giri 50/n.d.
Batteria ioni di litio
   
Emissione di CO2 grammi/km 97
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 384/174/150
Passo cm 245
Posti 5
Peso in ordine di marcia kg 875
Capacità bagagliaio litri 265/947
Pneumatici (di serie) 185/55 R16
Serbatoio litri 37


Dati dichiarati. Auto in prova equipaggiata con gomme Bridgestone Ecopia EP150.

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in 4a a 6000 giri   195,4 km/h 195 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 9,5   10,6 secondi
0-400 metri 16,6 136,2 km/h non dichiarata
0-1000 metri 30,7 168,1 km/h non dichiarata
       
RIPRESA Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h in 4a 32,6 162,5 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h in 5a 32,0 151,7 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h in 4a 6,2   non dichiarata
da 80 a 120 km/h in 5a 11,2   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   16,7 km/litro 20,8 km/litro
Fuori città   21,1 km/litro 20,0 km/litro
In autostrada   14,7 km/litro non dichiarato
Medio   17,2 km/litro 23,3 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   36,3 metri non dichiarata
da 130 km/h   63,0 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   10,0 metri non dichiarato
Suzuki Swift
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
55
44
33
20
33
VOTO MEDIO
3,4
3.367565
185
Aggiungi un commento
Ritratto di Mark R
17 maggio 2018 - 23:20
Mi vien da ridere.... Definito ibrido con 2.6cv ahahah persino il mio compressore ha più cv... E poi dicono che consuma poco.... La Yaris fa molto meglio con un 1.5 4 cilindri e probabilmente costa anche meno (al momento del test la Yaris nel 2014 costava 20k.... 1k in più.... Senza dubbio saprei cosa scegliere).... E soprattutto è un FULL Hybrid non un micro hybrid.
Ritratto di GiO1975
18 maggio 2018 - 10:46
ovviamente non c'è confronto con una yaris, ma nell'insieme e nel consumo fuori città, ha numeri davvero interessanti.
Ritratto di NeroneLanzi
18 maggio 2018 - 17:59
Soprattutto, in condizioni reali, quando le anno a te estate (vedi quattroruote di un paio di mesi fa) le micro ibride finiscono per consumare meno delle full hybrid. I cavalli espressi dalla componente elettrica sono una bellissima cosa sulla carta, ma su una vettura non plug-in non supportano i consumi in maniera efficace quanto quello di un microibrido
Ritratto di Mark R
18 maggio 2018 - 22:09
Italiano a parte, che rende poco comprensibile il commento... Non penso che con la suzuki uno riesca a fare i 30km/l come la Yaris (c'è gente che fa consumi del genere... Come io arrivo ai 25 di media annuale sulla prius V2)... Sulla prova di alvolante consumo medio di 19.2; quindi il motore elettrico anche sulle non plug full hybrid supporta in maniera più efficace rispetto a sistema micro
Ritratto di NeroneLanzi
19 maggio 2018 - 12:49
Ti chiedo scusa per la sintassi, ho scritto velocemente e male dal cellulare. Ti invito comunque a leggere l'articolo che ho citato. Trovi i consumi divisi per cicli: urbano, statale, autostrada. La differenza la Yaris la fa effettivamente, ma solo in urbano. Se esci dal ciclo cittadino consuma di più sia di Baleno che di Swift. Non perchè sia progettata male o abbia dei problemi, è semplicemente una banale questione di fisica: appena le frenate si fanno meno frequenti le batterie da ausilio passano ad essere un impedimento.
Ritratto di Mark R
19 maggio 2018 - 13:33
Mah... io vedo che con la mia prius V2 non è così... Perchè quando vado ad una velocità costante 85-90kmh consumo 3.9-4.0l/100km... il motore termico dà sempre un filo di energia alla batteria poichè l'efficienza del termico è alta ed è in surplus... Quando il sistema ritiene che la batteria è sufficientemente carica, stacca il termico e va di elettrico per anche 2km e alla fine il consumo media si attesta a 3.8-3.9l/100km questo fuori dall'urbano.... Penso che in 12 anni di utilizzo e 210.000km so come funzioni... non è una semplice questione banale di fisica.... A priori non sai delle cose su come funziona l'ibrido toyota, quindi si ricade nelle solite leggende metropolitane. Per esempio con questo pieno sono a 1076km e non sono ancora in riserva (il serbatoio è da 44l effettivi)... eppure faccio il 70-75% di extraurbano un 5% di autostrada e il restante urbano..... Molto probabilmente con questo pieno arriverò sui 1120km... ovvero i 3.9l/100km di media effettiva sul pieno.... E con un'auto di 12 anni con 210.000km, senza aver sostituito batterie, freni... solo manutenzione ordinaria.
Ritratto di NeroneLanzi
20 maggio 2018 - 14:58
Mark, non ti sto dicendo che un full hybrid non sia efficiente. Quello che sto affermando, alla luce di prove fatte al di fuori dei cicli omologativi (che sappiamo come sono realizzati), è che non è efficiente tanto quanto un micro ibrido. Puoi aver anche percorso due milioni di km sulla tua Prius, ma questo non ha nulla a che fare con un confronto puntuale tra la attuale Yaris, una Baleno e una Swift.
Ritratto di Mark R
20 maggio 2018 - 19:34
Secondo me non ti è chiaro che con la Yaris le percorrenze medie sono ben più alte... Con un motore 1.5 a 4 cilindri e non un 1.0 3 cilindri... Non so come fai a dire che il micro ibrido sia più efficiente del full hybrid di Toyota.... Io prima ho fatto riferimento alla prius V2 del 2006 per il semplice motivo che fa percorrenze più alte... Tenendo conto che è più grande come auto e che la tecnologia adottata è di 14 anni fa....
Ritratto di NeroneLanzi
21 maggio 2018 - 14:29
Lo dico dopo aver preso visione delle prove effettuate. Su Yaris 1.5 lo scostamento dal combinato dichiarato è del 38%. Su una Swift 1.0 è del 27%. Su una Baleno 1.2 è del 25%. Nel dettaglio, sulle prove in statale, dove una Yaris 1.5 fa segnare un 19,2, Swift e Baleno segnano rispettivamente 20,4 e 21,3. Se si passa in autostrada si arriva a 12,5 con Yaris e a 14,3 e 16,3 per le due Suzuki. La differenza il full hybrid la fa in città, fuori perde la sua efficacia. La ragione è semplice ed è spiegata sopra.
Ritratto di Mark R
21 maggio 2018 - 14:31
Io continuo a dirti che fuori in statale fa i 30km/l gente come me fa queste percorrenze con l'ibrido Toyota.... Io per dire consumo meno del dichiarato
Pagine