PROVATE PER VOI

Toyota Prius: vuole più curve che benzina

Prova pubblicata su alVolante di
maggio 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 30.950
  • Consumo medio rilevato

    22,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    76 grammi/km
  • Euro

    6
Toyota Prius
Toyota Prius 1.8 Hybrid E-CVT Style
L'AUTO IN SINTESI

Ibrida dalle forme particolari, la quarta serie della Toyota Prius ha una nuova scocca e una meccanica rivista da cima a fondo per migliorare al contempo consumi, emissioni inquinanti e piacere di guida. In effetti, l’auto è eccezionalmente economa (fa oltre 22 km/litro in media) ed è valida per maneggevolezza e tenuta di strada; migliorato anche il cambio, che è ottimo nel traffico, ma nelle accelerate decise fa salire ancora troppo di regime il 1.8 (e la frenata è un po’ “lunga”). L’abitacolo è futuribile, ma con qualche plastica sottotono in rapporto al prezzo; non un granché lo spazio sul divano (in larghezza e per la testa) mentre è piuttosto ampio il bagagliaio. La dotazione di serie è buona, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza.

Posizione di guida
4
Average: 4 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
3
Average: 3 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
3
Average: 3 (1 vote)
Frenata
3
Average: 3 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
Va quasi “ad aria” ed è sicura

In questa quarta serie, la Toyota Prius, l’ibrida più venduta al mondo, cambia parecchio. Media dalle dimensioni generose (è lunga 454 cm, sei più di prima) molto particolare ed elaborata, nasce su una nuova piattaforma modulare ed è stata radicalmente aggiornata nella meccanica: il 1.8 a benzina da 98 cavalli e il motore elettrico da 72 (per 122 cavalli combinati), ma anche le batterie (al nichel-metallo idruro) e la particolare trasmissione automatica sono stati rivisti per migliorare al contempo consumi, emissioni inquinanti e piacere di guida. In effetti, l’auto è eccezionalmente economa (fa oltre 22 km/litro in media, e addirittura 25 in città), ha delle prestazioni discrete e si guida con piacere: è maneggevole e tiene bene la strada, anche se le sospensioni sono piuttosto rigide sulle buche. Fa segnare netti passi avanti anche il cambio, che è ottimo nel traffico; solo nelle accelerate decise fa salire ancora troppo di regime il 1.8. La frenata, però, è un po’ “lunga”. L’abitacolo è futuribile ma qualche particolare meriterebbe maggior cura, mentre la forma affusolata della carrozzeria limita lo spazio sul divano; niente male la capienza del bagagliaio. Le cinque stelle ottenute nei più recenti crash test Euro NCAP confermano che si tratta di un’auto sicura, e ben equipaggiata al riguardo: ha di serie i fari full led con abbaglianti automatici, il cruise control adattativo con frenata automatica di emergenza (sia per i tamponamenti sia per il rischio di investire qualcuno), l’head-up display, l’avviso per l’abbandono involontario della corsia di marcia e il controllo degli angoli ciechi dei retrovisori esterni. Chi cerca il massimo dell’economia nei consumi può scegliere la Active: con le più “scorrevoli” ruote di 15 pollici (invece che di 17), la percorrenza media dichiarata arriva a 33,3 km/litro (30,3 per l’auto del test).   

VITA A BORDO
3
Average: 3 (1 vote)
Molto moderna, ma sul divano…

Plancia e comandi
Arrotondata e molto sviluppata in profondità, la plancia della Toyota Prius è assai moderna: due display, fianco a fianco sotto la larga palpebra centrale, sostituiscono il cruscotto. La sporgente e spigolosa consolle nera lucida ospita il “clima” bizona (che varia automaticamente flussi e portata in base al numero di passeggeri, migliorando il comfort e limitando l’assorbimento di energia) e l’altro schermo, a sfioramento e di 7”, del sistema multimediale; il navigatore e il valido hi-fi dello specialista Jbl sono optional nel pacchetto Tech. La posizione di guida è bassa e allungata, ma la visibilità resta buona (“retro” escluse, a causa anche del lunotto tagliato in due parti). Il rivestimento dei sedili in pelle (traforata al centro per migliorare la traspirazione) è un optional raffinato, mentre le plastiche meno in vista sono di tipo economico (bene, però, le lavorazioni e i montaggi). La vaschetta bianca nel tunnel ha una piastra per la ricarica senza fili degli smartphone predisposti (cioè, con l’interfaccia Qi).

Abitabilità
La Toyota Prius è molto spaziosa davanti, dove l’unica critica (per quanto riguarda la posizione di guida) riguarda le regolazioni piuttosto limitate del volante. Dietro, invece, al notevole agio per le gambe si accompagna un divano fatto solo per due: oltre a non essere molto largo, al centro è decisamente poco ospitale. Anche lo spazio per la testa è adeguato al massimo per persone di statura media; chi è alto, tocca il soffitto.

Bagagliaio
Il vano è accessibile con facilità (portellone molto grande e soglia di carico a 69 cm da terra), ampio e studiato con cura: il feltro del rivestimento è piuttosto spesso e pare robusto, e sulle pareti laterali ci sono dei ganci appendiborse che reggono fino a quattro chilogrammi. L’altezza sotto il tendalino piuttosto ridotta (43 cm) ne limita però la sfruttabilità, e manca un vano nascosto: sotto il pianale c’è solo un preformato in plastica.

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada notevole e cambio discreto

In città
L’ottima percorrenza registrata (25 km con un litro di benzina) è il pregio più eclatante della Toyota Prius, ma non l’unico: la trasmissione automatica perfettamente fluida consente di muoversi in pieno relax e, selezionando la modalità di guida Power, anche con brio. Ingombri e raggio di sterzata non sono certo da utilitaria, ma nelle manovre l’elettronica dà una grossa mano (anche se i sensori di parcheggio sono solo optional). 

Fuori città
Anche lontani dal traffico a colpire di più sono i bassi consumi (23,8 km/litro, un valore che solo le migliori diesel riescono ad avvicinarle), ma anche sterzo, agilità e tenuta di strada sono più che soddisfacenti. L’auto si comporta bene nelle manovre d’emergenza e nella guida brillante, a patto di non aspettarsi scatti poderosi; l’unico vero neo è un po’ di rumore di rotolamento delle gomme e il fatto che il 1.8, nelle riprese decise (come nelle salite ripide e nei sorpassi) schizzi al massimo dei giri. I freni non garantiscono spazi d’arresto molto brevi, ma la stabilità è sempre notevole.

In autostrada
La marcia a velocità alta e costante è la situazione meno favorevole alle ibride, che recuperano energia che altrimenti andrebbe sprecata quando l’auto rallenta. Ma la meccanica raffinata e l’ottima aerodinamica della Toyota Prius consentono validi risultati anche in questo caso: a 130 km/h fissi, si fanno 16,1 km/litro. L’auto non è rumorosa (quasi assenti i fruscii d’aria) e ha un’ottima stabilità: non servono correzioni col volante. Comodo il cruise control che regola la velocità in base ai veicoli che precedono.

PERCHÉ SÌ

Consumi
Tra le vetture provate fino a oggi, le uniche a consumare meno sono state quelle elettriche...

Dotazione di sicurezza
Di serie ci sono molti un gran numero di dispositivi elettronici, che servono a evitare gli incidenti o a limitarne le conseguenze.

Guida in città
Le riprese pronte e vigorose e la trasmissione automatica sono l’ideale nel traffico. 

Tenuta di strada
È una vettura maneggevole e rassicurante in curva.

PERCHÉ NO

Divano
Lo spazio per la testa è limitato, e il posto centrale è solo per le emergenze.

“Effetto scooter”
La trasmissione automatica è migliorata, ma nelle accelerate decise il 1.8 “schizza” a un regime alto e costante: è fastidioso.

Particolari interni
Alcune plastiche sono economiche, e non mancano elementi poco curati (come il cassettino).

Rumore delle gomme
La buona insonorizzazione generale evidenzia un certo “rombo” proveniente dai pneumatici.

SCHEDA TECNICA
Motore a benzina  
Cilindrata cm3 1798
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 72 (98)/5200
Coppia max Nm/giri 142/3600
   
Motore elettrico  
Potenza massima kW (CV)/giri 53 (72)/n.d.
Coppia max Nm/giri 63/n.d.
   
Potenza massima complessiva kW (CV) 100 (136)
   
Emissione di CO2 grammi/km 76
No rapporti del cambio autom. CVT + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 454/176/147
Passo cm 270
Peso in ordine di marcia kg 1375
Capacità bagagliaio litri 502/1633
Pneumatici (di serie) 215/45 R17

 

 

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
in Drive   184,5 km/h 180 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 11,5   10,6 secondi
0-400 metri 18,1 127,3 km/h non dichiarata
0-1000 metri 32,7 163,9 km/h non dichiarata
       
RIPRESA In drive Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 30,3 163,2 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 28,8 164,5 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 3,5   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 8,2   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   25 km/litro 30,3 km/litro
Fuori città   23,8 km/litro 30,3 km/litro
In autostrada   16,1 km/litro non dichiarato
Medio   22,2 km/litro 30,3 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   39,1 metri non dichiarata
da 130 km/h   65,9 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   135 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   11,7 metri 10,8

 

Toyota Prius
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
54
27
36
25
79
VOTO MEDIO
2,8
2.782805
221
Aggiungi un commento
Ritratto di gjgg
19 gennaio 2017 - 22:45
1
Ma che macchine avete avuto? Il 90% delle persone che conosco ci ha fatto l'intero corso della vita dell'auto con la frizione di serie
Ritratto di Fr4ncesco
19 gennaio 2017 - 14:04
Sorprendente la manovrabilità, credevo che sterzo e telaio su questa vettura fossero più blandi e in curva si comportasse come un barcone. Il CVT invece è inutile criticarlo, è fatto così come la linea che può piacere o no ma è comunque in funzione dell'efficienzia aerodinamica e di stampo futuristico. Dentro invece non mi convincono i particolari di colore bianco mentra la strumentazione è nel posto più giusto che ci possa essere, lì alla portata del campo visivo. Dovessi prendere un'ibrida nata come ibrida prenderei però la Kia Niro. La Ioniq ha il doppia frizione ma ha comunque una linea particolare che sembra di 2 generazioni di Prius fa, la Niro invece sembra una vettura classica tendente allo sportiveggiante anche se dal vivo me l'aspettavo più grande.
Ritratto di gjgg
19 gennaio 2017 - 22:48
1
Fra l'altro come già specificato il Niro è anche più performante, nonostante suv vs berlina, visto che a Vairano gira 1 secondo meglio. E consuma nemmeno il 10% peggio
Ritratto di KlausK
19 gennaio 2017 - 14:21
uhmm, dalle foto sembra alta e stretta con una cintura posteriore troppo elevata rispetto alle ruote. Esteticamente non è entusiasmante. C'è chi dirà che la linea è condizionata dal CX, allora perchè la concorrenza ( BMW I8, Tesla, ecc) ci riesce? Se fosse così la linea doveva rimanere invariata sin dai tempi in cui è uscita la prima serie, perchè già a quei tempi si sottolineava questa forma di "castrazione" estetica, invece le modifiche sono state effettuate ma sempre sulla scia del tipo " è elettrica per forza deve avere questo stile"
Ritratto di MAXTONE
19 gennaio 2017 - 14:43
Ma cosa c'entra la i8 che costa come 5 Prius ed ha una disposizione meccanica all'opposto? E la Tesla che è una berlina di lusso ma soprattutto elettrica (l'elettrico non impone vincoli estetici in virtu della massima semplicità e compattezza del powertrain) e costa anch'essa un botto cosa c'entra con un auto popolare come Prius?
Ritratto di KlausK
19 gennaio 2017 - 18:26
quindi la Prius che costa 5 volte meno è autorizzata ad avere una linea penosa? Secondo questo ragionamento chi vuole un'auto popolare ibrida è costretto a prendersi un guscio di lamiera deforme? Mi auguro che fra qualche anno ci siano dei miglioramenti sotto questo aspetto, perchè come si dice anche l'occhio vuole la sua parte
Ritratto di gjgg
19 gennaio 2017 - 22:52
1
La Mazda MX-5 costa anche meno e ha una linea spettacolare. Ma anche la Ioniq, ancora meno costosa, ha una linea sorprendentemente piacevole ed equilibrata,. Moderna direi
Ritratto di spidilino
19 gennaio 2017 - 17:21
ma dove è scritto ? e chi lo dice che un auto con queste prerogative debba essere per forza Brutta? kilodice che non possa essere piacevole anche alla vista
Ritratto di Frect
20 gennaio 2017 - 10:17
Basta guardarla.. Anche quest'anno volevano vincere il titolo di auto più brutta e dopo questa lo vinceranno sicuramente
Ritratto di UNO45
19 gennaio 2017 - 14:33
manco i taxisti la compreranno ... ma cosa si fumano ultimamente in Toyota?
Pagine