PROVATE PER VOI

Volvo XC90: comfort ok, visibilità poca

Prova pubblicata su alVolante di
gennaio 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 67.550
  • Consumo medio rilevato

    12,8 km/l
  • Emissioni di CO2

    152 grammi/km
  • Euro

    6
Volvo XC90
Volvo XC90 D5 AWD Geartronic Inscription
L'AUTO IN SINTESI

Tra le maxi-suv, la nuova Volvo XC90 è una delle più confortevoli, soprattutto con le sospensioni pneumatiche dell’auto del test (valgono gli oltre 2.500 euro extra per averle) che isolano efficacemente l’abitacolo dalle asperità del fondo stradale. Il resto lo fa l’ottima insonorizzazione: rumori esterni e rombo del “duemila” turbodiesel sono ben filtrati. A proposito del motore, i 224 cavalli di questo quattro cilindri, supportato da un cambio automatico a otto marce, assicurano un discreto brio, ma lo scatto non è certo tra le doti migliori di quest’auto, che a vuoto sfiora i 2000 kg. Lo spazio a bordo non è male, neppure per chi siede nei due sedili a scomparsa in terza fila (optional). Peccato però per la visibilità, scarsa...

Posizione di guida
5
Average: 5 (1 vote)
Cruscotto
4
Average: 4 (1 vote)
Visibilità
3
Average: 3 (1 vote)
Comfort
5
Average: 5 (1 vote)
Motore
4
Average: 4 (1 vote)
Ripresa
4
Average: 4 (1 vote)
Cambio
4
Average: 4 (1 vote)
Frenata
5
Average: 5 (1 vote)
Sterzo
4
Average: 4 (1 vote)
Tenuta di strada
4
Average: 4 (1 vote)
Qualità/prezzo
3
Average: 3 (1 vote)
PERCHÉ COMPRARLA
È SICURA, MA NON SEMPRE GENEROSA

Questa suv di grandi dimensioni è moderna, ben rifinita e ricca di sistemi di sicurezza: nelle valutazioni Euro NCAP, oltre ad aver conquistato cinque stelle, è stata l’unica tra le vetture esaminate nel 2015 a ottenere il massimo punteggio per la dotazione di dispositivi in grado di prevenire gli incidenti (di serie ha la frenata automatica d’emergenza in grado di riconoscere pedoni e ciclisti, persino di notte). Alla guida, le sospensioni pneumatiche dell’esemplare del test filtrano in modo impeccabile le irregolarità dell’asfalto, senza compromettere la tenuta di strada, che comunque deve fare i conti con le quasi due tonnellate di peso. Negli spazi stretti invece sono i 495 cm di lunghezza e i 192 di larghezza a pesare, soprattutto se si considera che la visibilità dal posto di guida della Volvo XC90 non è il massimo, in particolare (ma non solo) attraverso il piccolo lunotto. Non aiutano neppure il frontale massiccio e gli spessi montanti che delimitano parabrezza e finestrini. Rimediano in parte le telecamere del pacchetto Visual Park Assist, anche se quella posteriore fa apparire gli ostacoli un po’ troppo lontani. Il duemila da 224 cavalli assicura una discreta vivacità ed è affiancato da un cambio automatico a otto marce abbastanza rapido e assai confortevole. Peccato che quest’ultimo sia privo di palette al volante per la selezione manuale delle marce (va utilizzata la leva tra i sedili): non sono previste neppure tra gli optional. Questi ultimi includono invece una serie di dispositivi utili, ma non certo a buon mercato: si spendono poco meno di 500 euro per i vetri dietro scuri, quasi 800 per il sistema di accesso senza chiave (che alcune utilitarie offrono di serie) e oltre 1.600 per i sensori dell’angolo cieco dei retrovisori abbinati al cruise control adattativo (sono nel pacchetto Intellisafe Pro). Per il resto, invece, la Volvo XC90 D5 AWD Inscription del test non è avara: cerchi di 20”, fari a led, interni in pelle e cruscotto virtuale, oltre al selettore per le modalità di guida con una funzione specifica per l’off-road e una per ridurre i consumi di gasolio. Tra gli extra, un raffinato hi-fi Bower & Wilkins da ben 1400 watt.

VITA A BORDO
5
Average: 5 (1 vote)
QUALITÀ E SPAZIO NON MANCANO

Plancia e comandi
L’abitacolo della Volvo XC90 ha forme sobrie e non delude quanto a finiture: eleganti la pelle che riveste i sedili e gli inserti in alluminio delle porte e della plancia. Al centro di quest’ultima spicca lo schermo di 9”, che si utilizza come un tablet, dal quale si controllano diverse funzioni di bordo, incluse le regolazioni dei sedili anteriori e del climatizzatore. Una soluzione d’effetto, ma in qualche caso potrebbe essere più rapido e pratico avere a disposizione un paio di tasti. Alcuni piccoli pulsanti, invece, gestiscono le principali funzioni dell’impianto audio. Il cruscotto virtuale di 12,3 pollici è a colori e configurabile: può mostrare anche le mappe del navigatore.

Abitabilità
Lo spazio non manca, ma dei tre sedili scorrevoli (per un totale di 12 cm) della seconda fila quello al centro è decisamente più stretto degli altri (il frazionamento è 40/20/40). I due posti (optional) a scomparsa non sono affatto scomodi e non è neppure difficile accedervi facendo avanzare e reclinando gli schienali della fila centrale: molto più complicato, piuttosto, estrarli dal baule quando occorre utilizzarli.

Bagagliaio
Oltre che ben rifinito, il bagagliaio della Volvo XC90 è ampio se si viaggia in cinque, ma anche con tutti i sette sedili in posizione d’uso lo spazio non è male: 56 centimetri in profondità tra la terza fila di posti e la battuta del portellone (che di serie si apre elettricamente, e passando semplicemente un piede sotto il paraurti ordinando il pacchetto Versatility). Con le sospensioni ad aria, un tasto può abbassare la soglia di carico da 76 a 71 centimetri: non molto, ma meglio che niente…

COME VA
4
Average: 4 (1 vote)
PROMOSSA NEI VIAGGI

In città
A causa della lunghezza e della larghezza, la Volvo XC90 richiede attenzione negli spazi ristretti; in manovra, il sistema di telecamere a 360 gradi del Visual Park Assist (optional) è un prezioso aiuto. In marcia, si apprezza la frenata automatica d’emergenza (di serie), che individua anche pedoni e ciclisti e interviene pure se si rischia un urto frontale svoltando a un incrocio. Non esagerati, considerato il tipo di auto, i consumi rilevati: 11,4 km/litro.

Fuori città
Il quattro cilindri spinge fluido, con un buon brio, senza “bere” eccessivamente (14,7 km/litro il valore rilevato) né fare troppo rumore: ottima l’insonorizzazione. In curva, lo sterzo è preciso (ma non così rapido nel riallineamento) e la tenuta di strada elevata per un’auto di questa mole; potenti e ben modulabili i freni, mentre l’Esp interviene tempestivamente e nella misura adeguata. Efficaci le sospensioni pneumatiche (optional).

In autostrada
I consumi (12,1 km/litro) non sono spropositati considerati il frontale imponente e l’elevata altezza di ques’auto. Ma nei viaggi è soprattutto il notevole comfort a spiccare: le sospensioni pneumatiche “livellano” l’asfalto e, a 130 km/h, il cambio automatico fa lavorare (in ottava marcia) il motore a soli 1950 giri, riducendone il rumore di fondo. Nelle manovre d’emergenza, che richiedono rapidi cambi di traiettoria, la vettura, per quanto pesante, si rivela stabile. 

Fuori strada 
La modalità “Off-road” (che grazie alle sospensioni ad aria fa aumentare di 4 cm l’altezza da terra) e il controllo della velocità (10 km/h) nelle discese ripide non bastano a fare di questa vettura una vera fuoristrada: il peso si fa sentire e nei passaggi stretti l’agilità è scarsa. Mancano pure le marce ridotte, mentre le gomme sportive e i cerchi di 20 pollici sono a costante rischio di rottura e la carrozzeria è priva di protezioni contro graffi dovuti a rami o a pietrisco.

PERCHÉ SÌ

COMFORT 
L’abitacolo è ben isolato dai rumori (così si apprezza al meglio anche l’hi-fi Bower & Wilkins da 1400 watt) e dalle irregolarità del terreno: il merito va pure alle sospensioni pneumatiche (optional).

FINITURE 
La qualità si nota persino nei tappetini, in spessa moquette. Inappuntabile la pelle (di serie) che riveste le poltrone.

SPAZIO 
L’abitacolo è tutt’altro che angusto, il bagagliaio è ampio e dietro la terza fila di sedili trova posto un paio di borsoni.

TECNOLOGIA 
Gli interni trasmettono un senso di modernità grazie anche al display di 9” da cui si controllano tutte le funzioni. Tanti i dispositivi di sicurezza.

PERCHÉ NO

FUORI STRADA 
Oltre a non avere le marce ridotte, ormai rare, questa suv ha gomme (e cerchi) per un uso stradale. Inoltre, la sua mole non aiuta in off-road.

OPTIONAL 
L’auto (che non è a buon mercato) “regala” gli interni in pelle, ma poi fa pagare accessori come i vetri posteriori scuri.

POSTI DIETRO 
Il sedile centrale della seconda fila (con frazionamento 40/20/40) è stretto. E quelli a scomparsa nel baule non sono affatto pratici da estrarre.

VISIBILITÀ 
Dietro si vede poco: rimedia solo l’elettronica, anche se bisogna abituarsi al grandangolo della telecamera. Davanti, qualche problema c’è: il cofano è alto e i montanti spessi.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1969
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 165 (224)/4250
Coppia max Nm/giri 470/1750-2500
Emissione di CO2 grammi/km 152
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 495/192/178
Passo cm 298
Peso in ordine di marcia kg 1920 (1953*)
Capacità bagagliaio litri n.d.-721/1886**
Pneumatici (di serie) 275/45 R20

Auto in prova equipaggiata con gomme Michelin Latitude Sport 3. *Valori con la terza fila di sedili (optional); **per la versione a sette posti 314/692/1868

I NOSTRI RILEVAMENTI
VELOCITÀ MASSIMA   Rilevata Dichiarata
    216,5 km/h 220 km/h
       
ACCELERAZIONE Secondi Velocità di uscita Dichiarata
0-100 km/h 8,8   7,8 secondi
0-400 metri 16,4 139,5 km/h non dichiarata
0-1000 metri 29,8 178,4 km/h non dichiarata
       
RIPRESA IN DRIVE S Secondi Velocità di uscita Dichiarata
1 km da 40 km/h 27,2 177,6 km/h non dichiarata
1 km da 60 km/h 26,6 179 km/h non dichiarata
da 40 a 70 km/h 2,7   non dichiarata
da 80 a 120 km/h 6   non dichiarata
       
CONSUMO   Rilevato Dichiarato
In città   11,4 km/litro 15,6 km/litro
Fuori città   14,7 km/litro 18,2 km/litro
In autostrada   12,1 km/litro non dichiarato
Medio   12,8 km/litro 17,2 km/litro
       
FRENATA   Rilevata Dichiarata
da 100 km/h   36,1 metri non dichiarata
da 130 km/h   61,1 metri non dichiarata
       
ALTRI VALORI   Rilevati Dichiarati
A 130 km/h effettivi il tachimetro indica   133 km/h non dichiarata
Diametro di sterzata tra due marciapiede   12,1 metri non dichiarata

 

Volvo XC90
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
131
65
29
8
35
VOTO MEDIO
3,9
3.929105
268
Aggiungi un commento
Ritratto di lorenzoo_e
5 settembre 2016 - 19:31
auto fantastica, veramente ben fatta in tutto, unica pecca quel 4 cilindri...... se avesse un 6 cilindri sarebbe perfetta. il mio suv preferito complimenti a volvo ancora.
Ritratto di mirko.10
5 settembre 2016 - 19:35
2
Scoop, scoop, scoop! POCO FA' HO VISTO QUEST'AUTO FERMA IN AUTOSTRADA, cofano posteriore aperto e giubotto appeso alla serratura che sventolava. Non era un problema al motore, almeno, il cofano anteriore era chiuso...quindi non avrebbe fuso. Un signore di una certa età alla guida e fermo ad aspettare...star fuori era vergognoso? Problemi all'eletronica dell'auto che l'avrebbe messa al tappeto o il proprietario messo al tappeto dalla troppa ed evoluta elettronica?
Ritratto di mirko.10
5 settembre 2016 - 21:47
2
Potevano però mettere delle placchette cromate per coprire i vari bulloni delle cerniere degli sportelli.
Ritratto di luperk
6 settembre 2016 - 00:38
apparte che non c'è ragione per preferirla ad un più confortevole, spazioso e sportivo Audi Q7, ma gli interni sembrano quelli di un auto di 20000 euro.
Ritratto di AlexTurbo90
6 settembre 2016 - 00:40
No scusate ma... 0-100 km/h dichiarato: 7.8 secondi; rilevato: 8.8 secondi? 1 secondo peggio del dichiarato? WTF
Ritratto di Fxx88
6 settembre 2016 - 08:58
3
Adoro quest'auto. E' il mio suv preferito insieme alla gle.
Ritratto di rallo
6 settembre 2016 - 12:01
Vista qualche sera fa parcheggiata. IMPONENTE non rende assolutamente l'idea! Cerchi da 21", cromature nel punto e in quantità giusta e mascherina anteriore stupenda. Mi piacciono molto anche i led anteriori a "Martello di Thor". Certo, una linea così massiccia non può risultare filante, ma di sicuro non assomiglia ad un contenitore del burro come ha detto qualcuno, dal vivo fa tutto un altro effetto.
Ritratto di marcoluga
21 maggio 2017 - 23:36
Una sola osservazione. L'uso del tablet per comandare tutte le funzioni, deve stare tra i "perché no" non tra i perché sí. Sbaglio o la Polizia ha stabilito senza ombra di dubbio che la maggior parte degli incidenti oramai avviene a causa delle distrazioni? Bé allora qui la paladina della sicurezza, ha cannato alla grande.
Ritratto di dagoildingo
12 agosto 2017 - 02:10
...furgone di lusso... oppure un costoso furgone...?! Vexata Quaestio...!!
Pagine