Il risparmio a portata di click

8 giugno 2009
Vivere con l'auto
È facile trovare ghiotte occasioni nei siti che vendono pneumatici. Però bisogna sapere quali scegliere e farsi valere se qualcosa non va: su Internet si hanno le stesse tutele di chi va nei negozi "tradizionali". Ma gli sconti possono arrivare al 30%.
Per spendere poco basta avere internet e un po' di pazienza

Prima di ordinare, prendete nota delle misure delle gomme della vostra vettura, inclusi indice di carico e codice di velocitàSulla spalla del pneumatico ci sono tutte le informazioni necessarie a cambiarloConsultate più siti: si può cercare una marca specifica o tutti i penumatici disponibili nella vostra misura. E non fermatevi al prezzo. Verificate le condizioni e chi è il venditore

Cambiare i pneumatici senza svenarsi. Possibile? Sì, basta darsi un po’ da fare. Consultando più gommisti o girando per centri commerciali a caccia di offerte. Oppure, navigando in Internet: il risparmio (che dipende dalla misura e dal tipo di gomme) può arrivare al 30%, contando anche il montaggio.

IL ROVESCIO DELLA MEDAGLIA - Ormai sono tanti i siti (anche stranieri) che vendono pneumatici. Ma, proprio per questo, bisogna fare attenzione a non imbattersi in quelli sbagliati. Verificate che il venditore sia identificabile (nome, indirizzo, partita IVA), che emetta fattura e che abbia previsto una procedura chiara per restituire la merce, qualora ci ripensiate: la legge, per l’acquisto “a distanza”, concede due settimane. Da considerare anche il fatto che si paga in anticipo e che manca il “contatto diretto” con un gommista. 

BASTA FARE QUATTRO PASSI NELLA RETE. POI C'È SOLO DA ATTENDERE - Per acquistare pneumatici su Internet ci sono tre strade: rivolgersi ai siti specializzati (i motori di ricerca ne indicano almeno una decina); puntare sui negozi “tradizionali” che vendono anche on line; infine, collegarsi ai siti di aste (tipo eBay) e a quelli che offrono occasioni. 

L’INFORMAZIONE È TUTTO - Specie nell’ultimo caso, è importante accertare chi è il venditore prima di concludere l’affare (spesso vengono utilizzati nomi di fantasia). Se si tratta di un privato, non potrà rilasciarvi lo scontrino, né tanto meno darvi una garanzia (che, per legge, è di due anni dall’acquisto): piuttosto, rinunciate. Comunque, siate pronti a pagare in anticipo. 

PERCHÈ FANNO SPENDERE MENO - Ma come fanno alcuni siti a garantire prezzi così bassi? Facile: comprano grandi quantitativi di pneumatici direttamente dai Costruttori o sui mercati esteri, e così spuntano condizioni migliori rispetto a quelle dei gommisti. 

Questi, infatti, spesso acquistano da un distributore, che a sua volta compra dalla filiale italiana del produttore, la quale si rifornisce dalla Casa madre. Più passaggi ci sono, più il prezzo finale aumenta.

LA CONSULENZA DEL GOMMISTA HA IL SUO PREZZO - Senza contare che le filiali dei produttori devono sobbarcarsi costi che i siti non sostengono. 

Per esempio, quelli relativi alla formazione e all’aggiornamento tecnico dei gommisti, perché siano sempre in grado di consigliare ai clienti i prodotti “giusti” (in base alla vettura, ai chilometri percorsi e allo stile di guida). 

CHIEDE SEMPRE UN PREVENTIVO - Su Internet si sceglie da soli da una lista di prodotti. Per valutare l’effettiva convenienza, a parità di modello, non dimenticate di chiedere anche un preventivo a un gommista: di solito, per pneumatici di misure e marche molto diffuse il divario è più basso. Mentre se cercate un prodotto particolare, poco venduto dai gommisti, Internet può farvi risparmiare fino al 30%.


Sui siti giusti anche Internet vi tutela

Ci sono 14 giorni di tempo se avete cambiato di idea. Se rimandate indietro le gomme nessuno dovrà obbiettarvi nullaLa spedizione delle gomme avviene solo a pagamento eseguito: potete scegliere tra bonifico, assegno o carta di credito

E SE SORGONO DEI PROBLEMI? - Comprare su Internet non vuol dire avere meno tutele. Anzitutto, per legge (decreto legislativo 190/2005), ci sono 14 giorni di tempo dall’ordine per cambiare idea: è il cosiddetto “diritto di recesso”. Però, si dovranno rispedire le gomme al venditore a proprie spese.

FATEVI SEMPRE RILASCIARE UNA FATTURA - In caso di pneumatici non conformi all’ordine (per misure, modello o difetti visibili) bisogna presentare un reclamo. Alcuni siti prevedono una procedura via e-mail. In alternativa, per l’acquisto da venditori che hanno sede in altri Paesi nell’Unione Europea, esiste un apposito modulo scaricabile dal sito del Centro europeo dei consumatori (www.ecc-netitalia.it).

Lo stesso può essere usato anche per far valere il diritto alla garanzia, che dura due anni dall’acquisto: è importante controllare prima dell’ordine che il sito rilasci la fattura. 

SOLO IL PAGAMENTO DÀ VIA LIBERA ALLA SPEDIZIONE - L’ultimo passo per fare un ordine su Internet è il pagamento: è possibile scegliere tra bonifico (a volte su un conto estero: valutatene il costo), assegno o carta di credito.

In questo caso, se avete timori a usare la vostra, acquistatene una prepagata in banca o in posta. Soltanto dopo il pagamento, il venditore darà il via alla spedizione (pochissimi siti fanno pagare al ricevimento della merce). Il tutto richiede una decina di giorni.

FATEVI MANDARE LE GOMME IN UNA OFFICINA - Prima di procedere all’acquisto controllate che il sito abbia una rete di officine convenzionate dove farvi montare le gomme, e verificate il costo del servizio: solo così potrete valutare la vera convenienza rispetto al gommista. Comodo farsi spedire le gomme presso l’officina scelta.

Aggiungi un commento
Ritratto di Dareios
7 febbraio 2011 - 21:53
Più premo il tasto per accelerare e più accelerare, infatti se finisco nella sabbia uscendo di strada da una pista, sul pc, mi ritrovo sempre a farmi 10 secondi di testacoda perchè il tasto è a bottone quindi non puoi regolare la pressione, mentre sulla xbox 360, basta premer di poco e l'auto ti esce dalla sabbia andando a 5/10 km/h, ottimi per non slittare e andare in testacoda. Messa così la trazione posteriore non è malvagia neanche nei giochi, se si ha la possibilità di modulare la potenza a disposizione. Chiedo a veterani e ai visitatori del sito che vogliono parlare di auto vere. Comunque non potete immaginare la mia gioia quando ho scoperto che in un gioco c'era la Brera Q4 da 260 cv... Sbav, sempre meglio guidarla virtualmente che non guidarla per niente... Ora ho trovato un gioco in cui c'è la 75 Turbo Evoluzione...
Ritratto di Dareios
7 febbraio 2011 - 21:54
Più premo il tasto per accelerare e più accelerare, infatti se finisco nella sabbia uscendo di strada da una pista, sul pc, mi ritrovo sempre a farmi 10 secondi di testacoda perchè il tasto è a bottone quindi non puoi regolare la pressione, mentre sulla xbox 360, basta premer di poco e l'auto ti esce dalla sabbia andando a 5/10 km/h, ottimi per non slittare e andare in testacoda. Messa così la trazione posteriore non è malvagia neanche nei giochi, se si ha la possibilità di modulare la potenza a disposizione. Chiedo a veterani e ai visitatori del sito che vogliono parlare di auto vere. Comunque non potete immaginare la mia gioia quando ho scoperto che in un gioco c'era la Brera Q4 da 260 cv... Sbav, sempre meglio guidarla virtualmente che non guidarla per niente... Ora ho trovato un gioco in cui c'è la 75 Turbo Evoluzione...
Ritratto di Dareios
7 febbraio 2011 - 21:54
Più premo il tasto per accelerare e più accelerare, infatti se finisco nella sabbia uscendo di strada da una pista, sul pc, mi ritrovo sempre a farmi 10 secondi di testacoda perchè il tasto è a bottone quindi non puoi regolare la pressione, mentre sulla xbox 360, basta premer di poco e l'auto ti esce dalla sabbia andando a 5/10 km/h, ottimi per non slittare e andare in testacoda. Messa così la trazione posteriore non è malvagia neanche nei giochi, se si ha la possibilità di modulare la potenza a disposizione. Chiedo a veterani e ai visitatori del sito che vogliono parlare di auto vere. Comunque non potete immaginare la mia gioia quando ho scoperto che in un gioco c'era la Brera Q4 da 260 cv... Sbav, sempre meglio guidarla virtualmente che non guidarla per niente... Ora ho trovato un gioco in cui c'è la 75 Turbo Evoluzione...
Ritratto di Dareios
7 febbraio 2011 - 21:54
Più premo il tasto per accelerare e più accelerare, infatti se finisco nella sabbia uscendo di strada da una pista, sul pc, mi ritrovo sempre a farmi 10 secondi di testacoda perchè il tasto è a bottone quindi non puoi regolare la pressione, mentre sulla xbox 360, basta premer di poco e l'auto ti esce dalla sabbia andando a 5/10 km/h, ottimi per non slittare e andare in testacoda. Messa così la trazione posteriore non è malvagia neanche nei giochi, se si ha la possibilità di modulare la potenza a disposizione. Chiedo a veterani e ai visitatori del sito che vogliono parlare di auto vere. Comunque non potete immaginare la mia gioia quando ho scoperto che in un gioco c'era la Brera Q4 da 260 cv... Sbav, sempre meglio guidarla virtualmente che non guidarla per niente... Ora ho trovato un gioco in cui c'è la 75 Turbo Evoluzione...
Ritratto di Dareios
7 febbraio 2011 - 21:54
Più premo il tasto per accelerare e più accelerare, infatti se finisco nella sabbia uscendo di strada da una pista, sul pc, mi ritrovo sempre a farmi 10 secondi di testacoda perchè il tasto è a bottone quindi non puoi regolare la pressione, mentre sulla xbox 360, basta premer di poco e l'auto ti esce dalla sabbia andando a 5/10 km/h, ottimi per non slittare e andare in testacoda. Messa così la trazione posteriore non è malvagia neanche nei giochi, se si ha la possibilità di modulare la potenza a disposizione. Chiedo a veterani e ai visitatori del sito che vogliono parlare di auto vere. Comunque non potete immaginare la mia gioia quando ho scoperto che in un gioco c'era la Brera Q4 da 260 cv... Sbav, sempre meglio guidarla virtualmente che non guidarla per niente... Ora ho trovato un gioco in cui c'è la 75 Turbo Evoluzione...
Ritratto di Dareios
7 febbraio 2011 - 21:54
Più premo il tasto per accelerare e più accelerare, infatti se finisco nella sabbia uscendo di strada da una pista, sul pc, mi ritrovo sempre a farmi 10 secondi di testacoda perchè il tasto è a bottone quindi non puoi regolare la pressione, mentre sulla xbox 360, basta premer di poco e l'auto ti esce dalla sabbia andando a 5/10 km/h, ottimi per non slittare e andare in testacoda. Messa così la trazione posteriore non è malvagia neanche nei giochi, se si ha la possibilità di modulare la potenza a disposizione. Chiedo a veterani e ai visitatori del sito che vogliono parlare di auto vere. Comunque non potete immaginare la mia gioia quando ho scoperto che in un gioco c'era la Brera Q4 da 260 cv... Sbav, sempre meglio guidarla virtualmente che non guidarla per niente... Ora ho trovato un gioco in cui c'è la 75 Turbo Evoluzione...
Ritratto di Dareios
7 febbraio 2011 - 21:56
Perdonami Fede ma allora beh... Parlando di trazione posteriore virtuale, con ps1, ps2, ps3, psp e xbox, non riesci a gustartela perchè hanno il comando dell'acceleratore non analogico ma a pulsante.
Ritratto di Dareios
7 febbraio 2011 - 21:57
Su questo la xbox 360 ti assicuro che è molto più realistica avendo sul dorso 2 tasti analogici per il freno e per l'acceleratore che più vengono premuti più assolvono il loro dovere (come nella realtà).
Ritratto di Dareios
7 febbraio 2011 - 21:58
Su questo la xbox 360 ti assicuro che è molto più realistica avendo sul dorso 2 tasti analogici (a grill.etto) per il freno e per l'acceleratore che più vengono premuti più assolvono il loro dovere (come nella realtà).
Ritratto di Dareios
7 febbraio 2011 - 21:59
Su questo la xbox 360 ti assicuro che è molto più realistica avendo sul dorso 2 tasti analogici (a grill.etto[mi considera spam questa parola...]) per il freno e per l'acceleratore che più vengono premuti più assolvono il loro dovere (come nella realtà).
Pagine

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Toyota C-HR
    Toyota C-HR
    da € 24.700 a € 30.400
  • Seat Leon SC
    Seat Leon SC
    da € 23.750 a € 36.600
  • Volkswagen Golf Variant Alltrack
    Volkswagen Golf Variant Alltrack
    da € 32.150 a € 36.400
  • Lexus LC
    Lexus LC
    da € 105.500 a € 115.500
  • Ssangyong Korando
    Ssangyong Korando
    da € 20.550 a € 30.450

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Opel Ampera-e base
    € 40.000
    Elettrica al 100%, la Opel Ampera-e ha 204 CV e consente un’autonomia reale superiore ai 350 km: quanto basta per trasferimenti a medio raggio. Lunghi, però, i tempi di ricarica.
  • BMW Serie 4 Cabrio 430i Luxury Steptronic
    € 63.220
    Leggermente ritoccata (assieme alla Coupé e alla Gran Coupé), la nuova BMW Serie 4 Cabrio si presenta ancor più grintosa. Nella guida sa abbinare sportività e comfort. Ordini già aperti.
  • BMW Serie 5 530e iPerformance Luxury
    € 65.150
    La nuova BMW 530e è la versione ibrida ricaricabile della berlina tedesca: grazie alle batterie al litio può percorrere in elettrico una trentina di chilometri, senza emettere gas né rumore. Il baule, però, perde 120 litri.