NEWS

Tüv report 2012: ecco le auto con meno difetti

12 dicembre 2012

L'ente che si occupa delle revisioni ha elaborando i risultati di 8,1 milioni di “collaudi” effettuati in Germania da luglio 2011 e giugno 2012.

Tüv report 2012: ecco le auto con meno difetti

LE REVISIONI COME BANCO DI PROVA - L’efficienza tedesca consente di avere a disposizione statistiche interessanti, non disponibili in altri Paesi. Per esempio un’analisi degli esiti delle revisioni effettuate dai centri Tüv (8,1 milioni di vetture revisionate tra il luglio del 2011 e il giugno del 2012), con i risultati ordinati per marca dei veicoli, la loro età e le difettosità riscontrate. Queste informazioni vengono raccolte e pubblicate ogni anno con il rapporto Tüv. 


Mazda 3.

SUPREMAZIA NIPPO-TEDESCA - L’esito della ricerca è un trionfo per le case tedesche e giapponesi, che occupano tutte le posizioni di eccellenza. Tra le auto d’età tra i due e tre anni a svettare è la Volkswagen Polo, con indice di difettosità del 2,2%, seguita dalla Mazda 3 (2,7%) e dall’Audi Q5 (2,8%). Dei dieci modelli in testa alla classifica della categoria, quattro sono di marca tedesca, sei sono giapponesi.
 

Audi Q5.
 
4-6 ANNI - Nella fascia da 4 a 6 anni, la più affidabile è risultata la Toyota Prius, con il 4% di difettosità. Dietro la Prius, la Mazda 2 (4,8%), Toyota Auris (5%). 4 le giapponesi nelle top ten del gruppo, le altre son tutte tedesche (considerando tedesca anche la Ford Fiesta). 
 

Toyota Prius.
 
6-7 ANNI - Situazione analoga tra le auto di 6 e 7 anni, con la Porsche 911 in testa (6,2% la percentuale di esemplari risultati con difetti). Dietro la Porsche la Toyota Corolla Verso (6,6%) e la Toyota Prius (7,0%). 7 giapponesi e 3 tedesche nel gruppett0o delle dieci auto più affidabili per questa età.
 

La Porsche 911 serie 997.
 
8-9 ANNI - Ancora la Porsche 911 leader anche per le auto di 8 e 9 anni, con indice dell’8,8%. Alle sue spalle la Toyota Avensis (9,9%) e la Honda Jazz (10,7%). Anche in questa fascia di età, 3 tedesche e sette giapponesi. 
 
10-11 ANNI - Stessa situazione anche tra le più anziane, di 10 e 11 anni: al primo posto la Porsche 911 (11%), seguita dalla Toyota RAV4 (14,2%) e dalla Mercedes SLK (16,9%). 4 tedesche e 6 giapponesi nelle prime dieci. 
 

Dacia Logan.
 
LE “MAGLIE NERE” - E se ci sono delle migliori inesorabilmente ci sono anche delle peggiori. La Dacia Logan è la “maglia nera” tra le auto più giovani, di due o tre anni, di cui sono stati classificati 132 modelli. Le Logan con difetti sono risultate il 13,3%. La penultima è la Fiat Doblò (12,3%), preceduta dalla Daihatsu Sirion (12%). Ancora la Dacia Logan in ultima posizione anche nella fascia delle auto di 4 e 5 anni (121 modelli in graduatoria). A precederla in questo caso sono la Renault Kangoo (23,2%) e la Renault Laguna (23%). Per la fascia di età di 6 e 7 anni la percentuale più alta di difettosità l’ha fatta registrare la Chrysler PT Cruiser, con il 32,6%. La precedono la Fiat Stilo (31,6%) e la Mercedes Classe M (30%) (toh, una tedesca, anche se costruita negli Usa). Con il 36,8% di esemplari difettosi, la Chrysler PT Cruiser è risultata avere la maggiore difettorità anche tra le auto di 8 e 9 anni (87 modelli classificati). Infine le più difettose tra le più vecchie, le auto di 10 e 11 anni (69 modelli classificati). Qui l’ultima è risultata l’accoppiata Fiat Bravo e Brava, con il 38,9% di esemplari difettosi. Davanti al duplice modello Fiat, la Ford Galaxy (38,3%) e la Ford Ka (37,8%).
 

Fiat Doblò.
 
AUMENTA LA DIFETTOSITÀ - A parte l’aspetto delle classifiche delle più e meno affidabili, il rapporto Tüv consente anche di cogliere alcuni dati più generali. Per esempio, il rapporto rileva che dall’anno precedente è aumentata la percentuale di auto su cui sono state riscontrate carenze significative: il 20% contro il 19,7% dell’anno prima. Al contrario sono diminuite quelle con difetti lievi: il 24,9% contro il 26,3% precedente, e ancora più notevole il fatto che è cresciuta la quota delle auto senza difetti: il 55,1% invece del 53,9%. 
 
AUMENTA CONTA L’ETÀ - La percentuale delle auto con difetti gravi si è confermata molto sensibile agli anni di vita delle vetture. Rispetto al rapporto precedente in quattro fasce di età su cinque la relativa è aumentata. Soltanto per le auto di 6 e 7 anni c’è stata una diminuzione, da 17,5% a 17,2%). Una tendenza parallela e opposta è rilevabile per le auto su sono stati riscontrati difetti lievi. La percentuale è diminuita in tre fasce su cinque, mentre le altre due sono rimaste invariate). Sono anche cresciute le percentuali delle auto senza difetti delle fasce di età più “giovani”, fino a quelle di 7 anni, mentre si sono abbassate le percentuali delle due fasce di età più alte.
 

Daihatsu Sirion.
 
I CHILOMETRI PERCORSI - Interessanti anche i dati relativi alle percorrenze medie rilevate. Per le auto di 2-3 anni è stata rilevata una percorrenza media di 47 mila km (50 mila nel rapporto precedente); 72 mila km quella delle auto di 4-5 anni (70 mila nel rapporto dell’anno scorso); 92 mila quella per le auto di 6-7 anni; 111 mila per quelle di 8-9 anni e 126 mila per quelle di 10-11 anni (le percorrenze di queste fasce di età sono rimaste invariate). 
 
PROBLEMI AI FARI - La difettosità più frequenti sono state quelle relative all’impianto di illuminazione, questo per le auto di tutte le fasce di età, crescendo progressivamente dall’8,3% per le auto di 2-3 anni al 28,5% per quelle di 10-11 anni.

 

Aggiungi un commento
Ritratto di Montreal70
12 dicembre 2012 - 12:51
Queste classifiche dicono tutto e nulla, non considerano l'auto nella loro interezza. Così facendo, una Passat può far bella figura, pur essendo la croce dei suoi possessori, che ne rimpiangono l'acquisto. Il motore è la parte più importante di una vettura e non può restare fuori da un simile studio.
Ritratto di Fisto
12 dicembre 2012 - 17:33
Ci ho messo dentro una bellissima auto! http://youtu.be/YseajXWE1q4
Ritratto di money82
12 dicembre 2012 - 20:21
1
Penso che le case automobilistiche in grado di presentare auto a listino da più di 39 anni siano ben poche al mondo, poi se giudichi "inutile" la classifica del tuv dovresti proprio non considerare il commento di qualche conoscente o la lettura di qualche blog.
Ritratto di Montreal70
13 dicembre 2012 - 00:17
Classifiche come quelle Jd power vedono le giapponesi in vetta e le tedesche non proprio brillanti. Se poi vuoi fare della passat un esempio di affidabilità... Vallo a dire ai membri di Vw passat class action. Ognuno ha la sua. A leggere i loro post sembra che sia normale cambiare gli iniettori due volte nel ciclo vitale dell'auto. Ma se Money82 dice che non è così, di sicuro ha ragione. Chi sono io per contraddirlo?
Ritratto di money82
13 dicembre 2012 - 09:26
1
Quindi le classifiche che non hanno le tedesche in vetta sono veritiere mentre le altre fasulle? Molto democratico come ragionamento...quello che è certo è che nel tuv o nel j d power le tedesche sono davanti a fiat.
Ritratto di Montreal70
13 dicembre 2012 - 09:38
Fatto sta che ne Fiat, ne Chrysler, sono state obbligate dagli Stati Uniti a richiamare centinaia di migliaia di auto in una botta sola perchè pericolose. OBBLIGATE. Poi se insisti nel dire che lo studio del TUV sia veritiero sulla reale affidabilità, problema tuo.
Ritratto di money82
13 dicembre 2012 - 17:14
1
Ma il jd power è veritiero o no?
Ritratto di Montreal70
13 dicembre 2012 - 17:23
Non è un dogma assoluto, ma la sua credibilità è nettamente superiore. Anche perchè i polli sono solo qui. In America è il consumatore che comanda e ha tutti gli strumenti per non farsi abbindolare.
Ritratto di money82
13 dicembre 2012 - 20:48
1
Scusa Montreal ma il tuo mi sembra semplicemente un patetico stratagemma per mettere in buona luce fiat...la chrysler va a gonfie vele negli usa e ne capiscono di auto...qui la fiat fa pena e allora sono polli...peccato che l' articolo di alvolante che testimonia una crescita a livello mondiale delle premium tedesche non ti dia proprio ragione, visto che proprio negli usa ci siano dei picchi importanti audi +18%, bmw +40% mercedes +12%...e ho detto tutto....scommetto che quelli che le hanno acquistate sono i "polli" immigrati dall' europa...eh già...
Ritratto di Montreal70
14 dicembre 2012 - 09:28
Visto? Mi confermi quello che ho scritto sotto, sei un tifoso coi paraocchi che non perde occasione per infangare il nemico. E anche paranoico a quanto pare.
Pagine