NEWS

Confronto prezzi: Alfa Romeo Stelvio contro BMW X3

8 settembre 2017

Due suv fresche di debutto: la BMW è alla terza generazione, la sfidante è la prima vettura di questo genere dell’Alfa Romeo.

Confronto prezzi: Alfa Romeo Stelvio contro BMW X3

BASTA GUARDARLE - Scordiamoci le linee spigolose, quasi da videogioco, delle concorrenti nippo-coreane. In 470 cm di lunghezza, l’italiana e la tedesca riassumono gli elementi che le rendono immediatamente riconoscibili: tutta curve l’Alfa Romeo Stelvio (a sinistra nella foto qui sopra), un insieme di linee tese e armoniche la nuova BMW X3 (a destra). Per entrambe, l’aspetto già suggerisce la grinta che la meccanica è in grado di esprimere.

SCELTA (QUASI) OBBLIGATA - Nella gamma motori dei due modelli vi sono anche brillanti propulsori a benzina, ma in questa categoria il diesel la fa ancora da padrone nei volumi di vendita: abbiamo messo a confronto la versione a gasolio più potente a disposizione dell’Alfa con quella meno potente della BMW, che risultano le più vicine nel prezzo, e sostanzialmente confrontabili nelle prestazioni che sono in grado di fornire. Sia il motore dell’Alfa Romeo Stelvio sia quello della BMW X3 sono a quattro cilindri, ma il primo ha una cilindrata di quasi 150 centimetri cubi superiore (2143 contro 1995) e beneficia di 19 CV in più (209 contro 190, disponibili rispettivamente a 3750 e 4000 giri/min). La coppia massima è corposa, ma anche qui il propulsore italiano fa valere la sua maggiore cubatura e sopravanza quello tedesco di 70 Nm (470 contro 400 Nm, a 1750 giri per entrambe). Le due vetture sono analoghe anche per quanto riguarda la trasmissione (integrale) e il cambio (automatico a otto rapporti); nel listino dell’Alfa Romeo Stelvio sono presenti anche versioni a gasolio a due ruote motrici (con “soli” 181 CV), mentre la BMW X3, almeno per ora, viene venduta in Italia unicamente con trazione xDrive. Molto simile la velocità massima dichiarata (215 l’Alfa, 213 la BMW), mentre nello scatto (sempre dichiarato) da 0 a 100 km/h la Stelvio guadagna 1,4 secondi (6,6 contro 8,0 della X3).


Fra gli allestimenti disponibili, per la suv italiana abbiamo scelto il ricco Executive, paragonabile alla tedesca in versione xLine. Ecco i prezzi di listino:

Marca e modello

Motore

Allestimento

Prezzo

Alfa Romeo Stelvio

2.2 turbodiesel Q4 – 209 CV

Executive

€ 54.550

BMW X3

2.0 turbodiesel xDrive – 190 CV

xLine

€ 56.700


Tanto per cominciare, l’Alfa Romeo fa segnare un risparmio non indifferente (2.150 euro). Ma vediamo quanto dovremo spendere per equipaggiare le due vetture allo stesso modo.
 

Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbodiesel 209 CV Q4 Executive

 

BMW X3 xDrive20d xLine

€ 54.550

Prezzo di listino dell’auto (chiavi in mano)

€ 56.700

non disponibile

airbag per le ginocchia del guidatore

non disponibile

non disponibili

airbag laterali posteriori

non disponibili

€ 500

antifurto con allarme

€ 500

di serie

avviso superamento involontario linea di corsia

€ 2.360 (1)

di serie

barre sul tetto longitudinali

di serie

di serie

cambio automatico a 8 rapporti

di serie

di serie

cerchi in lega di 18 pollici

di serie (2)

€ 2.200

cerchi in lega di 20 pollici

€ 1.390

di serie

chiave elettronica

€ 610

di serie

climatizzatore automatico bizona

di serie (3)

€ 350

comandi cambio con palette al volante

€ 160

di serie

comando per impostare differenti modalità di guida

di serie

di serie

controllo della velocità in discesa

di serie

€ 1.200

cruise control adattativo

€ 2.360 (1)

di serie (4)

fari bixeno o bi-led a orientamento automatico in curva abbaglianti assistiti

€ 160 (4)

di serie

fendinebbia

di serie

€ 1.400 (5)

hi-fi Harman Kardon

€ 1.120 (5)

di serie

monitoraggio dell’angolo cieco posteriore

€ 2.360 (1)

di serie (6)

navigatore con schermo di 8,8 pollici e comandi vocali

di serie (6)

di serie

retrovisore interno auto-anabbagliante

di serie

di serie

retrovisori esterni auto-anabbaglianti

di serie

di serie

retrovisori esterni ripiegabili elettricamente

di serie

di serie

ricezione digitale della radio (Dab)

€ 330

€ 290

ruotino

€ 260

€ 1.000

sedili anteriori con regolazione elettrica e memoria lato guida

€ 1.130

€ 700

sedili anteriori, volante e ugelli lavavetro riscaldabili

€ 600

€ 1.000

sedili in pelle

€ 1.400

di serie

sensori di parcheggio anteriori e posteriori

di serie

di serie

telecamera posteriore

€ 570 (7)

€ 1.700

tetto in vetro apribile elettricamente

€ 1.550

€ 1.000

vernice metallizzata

€ 950

€ 420

vetri posteriori scuri

€ 400

€ 66.310

Prezzo finale (chiavi in mano)

€ 70.190

 

(1) pacchetto Driving Assistant Plus, che comprende: avviso di uscita involontaria dalla corsia di marcia e assistenza per mantenersi in corsia, cruise control adattativo, monitoraggio dell’angolo cieco posteriore. Il cruise control adattativo è disponibile anche come optional singolo, a € 1.230;
(2) di 19” di serie per la X3. Per la Stelvio, i cerchi di 19" costano da 1.000 a 1.200 euro;
(3) trizona per la BMW. Anche la Stelvio ha comunque le bocchette per i passeggeri posteriori; 
(4) fari bi-led per la BMW (che, però, li ha già di serie senza abbaglianti assistiti), bixeno per l'Alfa Romeo;
(5) con 16 altoparlanti e potenza di 600 W per la BMW, 14 altoparlanti e 900 W per l'Alfa Romeo; 
(6) con schermo di 8,8” per l'Alfa Romeo e di 6,5” per la BMW (che può averlo anche di 10,2” a € 920);
(7) il prezzo comprende anche il sistema di parcheggio automatico (agisce su sterzo, acceleratore e freno);


Alfa Romeo Stelvio 2.2 Turbodiesel 209 CV Q4 Executive

QUESTI ACCESSORI LI HA SOLO LEI

BMW X3 xDrive20d xLine

non disponibili (8)

ammortizzatori attivi a controllo elettronico

€ 1.020

non disponibili

comandi gestuali

€ 260

non disponibile

head-up display

€ 1.010

non disponibile

lettore cd nella plancia

di serie

non disponibile

localizzazione satellitare dell’auto rubata

€ 900 (9)

non disponibili

pneumatici run flat

di serie

non disponibile

predisposizione Apple CarPlay

€ 310

non disponibile

riscaldamento a vettura ferma con telecomando

€ 1.550 (10)

non disponibile

sintonizzatore tv

€ 1.020

non disponibile

sterzo sportivo a demoltiplicazione variabile

€ 260

non disponibile

telecamere surround view

€ 1.050

 

(8) la Stelvio ha un optional denominato "Alfa Dynamic Suspension" (350 euro), che consiste in un sistema passivo di ammortizzatori dotati una valvola capace di variarne idraulicamente lo smorzamento, adattandone la risposta alle diverse condizioni di guida;
(9) il prezzo non comprende le spese di montaggio presso la concessionaria;
(10) il comando a distanza avviene tramite "Display Key", una chiave con schermo a sfioramento con cui è anche possibile visualizzare diversi dati sullo stato della vettura: l’ora, il livello del serbatoio e la relativa autonomia, lo stato della chiusura centralizzata, dei finestrini e del tetto apribile. Chi è interessato soltanto alle funzioni di visualizzazione della Display Key può ordinarla da sola, pagandola € 260.


TIRIAMO LE SOMME - Il vantaggio iniziale dell’Alfa Romeo Stelvio sale parecchio a fine confronto (da 2.150 euro arriva a 3.880). Anche per la sua nuova X3, la BMW applica infatti la consueta politica commerciale di offrire alla clientela la possibilità di “vestire” su misura la propria auto, attingendo a una vasta scelta di accessori a pagamento e magari rinunciando a qualche dispositivo che, in genere, è presente di serie nelle vetture di questa classe. È difficile, per esempio, pensare che l’acquirente di una X3 disdegni la chiave elettronica o la radio Dab; di conseguenza, si rassegnerà a sborsare quasi 1.000 euro per due accessori che la rivale monta all’origine. Ulteriori 2.360 euro sono richiesti al cliente della BMW X3 per il pacchetto Driving Assistant Plus, importante ai fini della sicurezza: solo uno dei componenti di questo pacchetto (il cruise control adattativo) è a pagamento nell’Alfa Romeo Stelvio, gli altri due sono di serie. Per il resto, la bilancia pende un po’ dall’una e un po’ dall’altra parte, arrivando a essere perfettamente in equilibrio solo per i 500 euro chiesti da entrambe per l’antifurto con allarme. Chi non ha problemi di portafogli trova nella BMW X3 parecchie tentazioni in più. Senza arrivare alle raffinatezze dei comandi gestuali o della Display Key che visualizza a distanza diverse funzioni dell’auto, stupisce che non si possano avere nell’Alfa Romeo Stelvio dispositivi di attualità come l’head-up display o il collegamento per utilizzare il proprio smartphone attraverso i comandi della vettura.  Vince l’Alfa Romeo, dunque? Dal punto di vista economico sì: chi volesse equipaggiare le due suv in modo equivalente troverebbe con la Stelvio un conto più leggero da pagare, oltretutto dopo aver già risparmiato oltre 2.000 euro sul prezzo di listino. Gli incontentabili, invece, troveranno nella lista optional della BMW X3 una scelta più ricca: quelli in esclusiva che mostriamo nell’ultima tabella (e che non rappresentano oltretutto la totalità degli accessori disponibili), fanno salire il conto di oltre 7.000 euro.

Aggiungi un commento
Ritratto di PongoII
8 settembre 2017 - 12:00
7
A costo di essere preso per fazioso e benché preferirei che l'Alfa continuasse a fare berline... la linea dello Stelvio mi piace maggiormente di quella della BMW, che pare aver ammorbidito solo quella delle precedenti serie. Cavalleria, forse anche troppa per l'Alfa, ma so che in questi casi è come il seno della tua donna, più ce n'è, meglio è... Il panorama degli accessori è fin troppo costellato anche di opzioni superflue per entrambe. Il prezzo (ed il Cuore) dicono Alfa.
Ritratto di BARRACUDA74
8 settembre 2017 - 12:48
A me sinceramente sembrano ne piu' ne meno uguali... come tutti i suv del resto.
Ritratto di MAXTONE
8 settembre 2017 - 21:57
L'unica cosa che preferisco della BMW è il lettore CD integrato nella plancia (senza il bisogno di dover attaccare un lettore esterno alla presa AUX), l'infotainment e le plastiche degli interni. Bellissima la Stelvio soprattutto in rosso Alfa con i cerchi da 20 ma gli interni soprattutto la plancia, mi ricordano eccessivamente quelli Mazda. Nulla di che ma li avrei preferiti più caratterizzati e ispirati a quelli Maserati.
Ritratto di federico p
9 settembre 2017 - 23:15
Signor MaxTone capisco che lei ami il lettore CD in un auto ma in ogni articolo lo deve ribadire? Lei ovviamente lo può ripetere ancora altre mille volte però poi diventa ripetitivo grazie e scusi se mi sono permesso di dire questo ma l'ho trovata un po' ripetitivo
Ritratto di MAXTONE
10 settembre 2017 - 20:10
X Federico: il fatto è che qui il mio commento era del tutto pertinente perché abbiamo chiaramente una comparativa di prezzi e accessori di serie e nella colonna "Questi li ha soltanto lei" si evince chiaramente che sulla BMW c'è un elemento che addirittura potrebbe far pendere l'ago della bilancia a favore della X3 nel caso persone come me o supermax fossero giustamente assai interessate a tale accessorio anche perché purtroppo con le plance di oggi è impossibile smontare l'infotainment di serie per montarne uno dotato di lettore CD/DVD e neanche siamo al caso delle audiocassette quando i lettori sparirono dalle plance intorno ai primi anni 2000 perché nessuno più le usava, i CD/DVD o Audio book sono ben più diffusi oggi di quanto non lo fossero le cassette nel 2004 per cui ritengo assai prematuro togliere la possibilità di avere il lettore CD perlomeno in opzione come accade su Fiesta 2018 o sulle Peugeot (sulla maggior parte delle Citroen mi pare sia di serie).
Ritratto di twinturbo
11 settembre 2017 - 06:11
Va comunque ricordato che fra attacchi usb e 12v sparsi oramai in ogni dunque e soprattutto bluetooth e ricarica wireless al giorno d'oggi collegare un elemento multimediale aggiuntivo al sistema di base è un gioco da ragazzi. Presumibilmente ritenuto in Alfa che il fruitore di CD ha una visione relativamente personale dell' infoteinment avranno ritenuto di lasciargli campo libero e per cui se vuole il caricatore singolo o multiplo, con la fessura o a sportellino da tenere nel bracciolo o nel cassetto o sotto il sedile o nel portabagagli gli hanno lasciato libertà senza compromettere l' estetica e la funzionalità piazzandolo di un certo tipo o in un certo posto che poi al 90% dei casi magari avrebbe portato a lamentele tipo 'ma lì prende solo polvere', 'che me ne faccio del caricatore singolo che su un cd originale ci stanno al massimo una quindicina di canzoni' et similia
Ritratto di twinturbo
11 settembre 2017 - 06:23
Invece con la configurazione Alfa nessun vincolo e per cui massima flessibilità e quindi massima soddisfazione perché scegli il cliente tipologia marca e modello, e sceglie il cliente ubicazione e disposizione. Io per esempio cone fruitore di cd originali del lettore singolo in plancia proprio non sarei soddisfatto, esigendo almeno una doppia batteria da caricatori da 6. Con 12 Cd, ossia circa 200 brani pronti disponibili già si inizia a ragionare
Ritratto di twinturbo
11 settembre 2017 - 06:25
* coMe fruitore
Ritratto di twinturbo
11 settembre 2017 - 06:26
* coMe fruitore
Ritratto di twinturbo
11 settembre 2017 - 06:27
* coMe fruitore
Pagine