Maglie d'acciaio contro l'inverno

19 dicembre 2009
Vivere con l'auto
Catene, ragni e calze sono una valida alternativa alle gomme termiche. Costano meno e stanno nel baule. Ma quali preferire?
Cosa offre il mercato per guidare sulla neve

Le catene da neve su una Alfa Romeo 159, un auto a trazione anteriore (c'è anche con la trazione integrale). Per questo le abbiamo montate sulle ruote davanti.Il cartello che indica l'obbligo di utilizzare le catene.

I pneumatici invernali vanno sempre più diffondendosi, specialmente tra chi nei periodi freddi è costretto a percorrere strade spesso innevate. Nonostante la loro efficacia (leggi qui la prova), sono ancora in molti a preferire le tradizionali catene. Costano molto meno, rubano poco spazio e a volte sono insostituibili: in caso di condizioni limite anche un'auto 4x4 equipaggiata con pneumatici invernali può essere costretta a metterle.

In questi anni i produttori hanno ideato diverse soluzioni per rendere più pratico e veloce il montaggio delle catene. Esistono diverse misure, per tutti i pneumatici e anche con maglie sottili per quelle gomme che, a causa dei grossi cerchi, sui libretti di istruzioni vengono indicate come “non catenabili”. Inoltre, affianco alle classiche catene si stanno diffondendo sistemi alternativi come i ragni e le calze. Quali preferire? Ve lo diciamo scoprendo pro e contro di ogni soluzione.

L'importante è ricordarsi che tutti e tre questi prodotti devono avere il timbro che indichi la loro conformità alla norma CUNA NC 178-01 o alla ON V 5117. Sono le uniche omologazioni riconosciute in Italia: il TÜV ha valore legale solo in Germania.

Inoltre bisogna porre attenzione al cartello (in foto) che raffigura la ruota “catenata” con sfondo blu: in quel caso c'è l'obbligo di circolazione con le catene (secondo la legge vanno bene anche le gomme da neve). Chi non rispetta il cartello rischia una multa di 76 euro (fuori dai centri abitati) e la sottrazione di due punti della patente. Nel caso di un secondo controllo nella stessa giornata, a differenza di altre infrazioni del codice della strada, è possibile ricevere una ulteriore multa da 80 euro e il taglio di tre punti della patente.

 

Continua a pagina 2 >
 

Le tre "strade" per affrontare neve e ghiaccio

Le "classiche" catene da neve. Una soluzione "abbordabile" che va bene su quasi tutte le vetture.I ragni rappresentaziono una soluzione costosa ma adatta a chi monta cerchi di grosse dimensioni e quindi spesso non catenabili.Le "calze" sono facili da montare e ingombrano poco nel baule. Però non sono omologate e se la Polizia fa un controllo rischiate una multa.

Catene da neve: ce ne sono di tutti i tipi e prezzi

Le catene da neve sono composte da una rete di maglie che abbraccia il pneumatico offrendo la giusta trazione, anche sui tratti ghiacciati. I modelli più evoluti sono dotati di sistemi di tensionamento che aiutano a fissarle in modo veloce e corretto. Normalmente le maglie misurano 12 mm, ma ci sono modelli da 7 e 9 mm adatti per le auto che hanno un assetto sportivo o pneumatici larghi e quindi lasciano spazio a sufficienza tra il fianco della gomma e la sospensione o tra il battistrada e il passaruota.

Le catene da neve sono imbattibili sulla neve profonda. Ce ne sono di vari tipi e prezzi ma hanno dei limiti: trasmettono fastidiose vibrazioni obbligando a procedere a velocità ridotta, obbligano a fermarsi per toglierle quando la strada è pulita e il loro montaggio richiede sempre un minimo di pratica. Insomma non sono la soluzione ideale per chi odia il “fai da te”.

Ragni: sono pratici, ma non costano poco

I ragni potrebbero rappresentare la giusta soluzione per chi adotta cerchi molto grandi che non permettono l'utilizzo delle catene. Questi ultimi infatti si agganciano sul fianco della ruota e hanno ingombri di pochi millimetri. L'unico inconveniente è rappresentato dall'adattatore che deve essere fissato sul mozzo a inizio stagione. I ragni però hanno un costo molto elevato rispetto alle catene (si possono superare i 300 euro), sono molto ingombranti da tenere nel baule e provocano fastidiose vibrazioni, anche peggiori di quelle provocate dalle catene.

Calze: le infili come un guanto, ma sono “illegali”

Le “calze” essenzialmente sono delle fodere in tessuto in materiale sintetico. Offrono diversi vantaggi, soprattutto a chi non è pratico con le catene. Prima di tutto possono essere montate anche sulle gomme non catenabili. Il montaggio è molto più facile delle tradizionali catene e occupano poco spazio nel bagagliaio. Inoltre non provocano vibrazioni. C'è da dire, però, che quando serve una “presa” elevata (come su una rampa) sono poco adatte. Inoltre non sono omologate e la Polizia potrebbe farvi una multa. Attenzione a utilizzarle su tratti non innevati. Si strappano con facilità.

 

Continua a pagina 3 >

Consigli utili: quando e in che modo usarle. E come conservarle

Pulire le catene a fine stagione è un buon modo per tenerle a lungo senza che le maglie o i dispositivi di tensionamento possano essere danneggiati dal sale raccolto durante l'inverno sulle strade.

Le catene, i ragni e le calze vanno sempre montati sulle ruote motrici. Per sapere quali sono sulle vostra auto potete consultare il libretto di istruzioni del veicolo o, se ne fosse sprovvisti fare attenzione a quelle che slittano in fase di partenza su neve o ghiaccio. Sulle 4x4 non conviene montarle dove preferite: per avere il massimo della resa bisogna attenersi da quanto dichiarato dal Costruttore. Le catene vanno utilizzate solo quando il manto stradale è ben innevato.

Su asfalto si corre solo il rischio di romperle e causare danni all'auto. Se procedendo con le catene installate si avvertono delle vibrazioni è normale. In ogni caso è preferibile non eccedere con la velocità: i Costruttori consigliano di non superare i 50 km/h. Quando si è costretti a montare le catene da neve è bene essere equipaggiati con dei robusti guanti: così si proteggono le mani da freddo, sporco e possibili escoriazioni.

Ricordatevi di indossare il giubbino catarifrangente per essere ben visibili. Se non si è pratici con il montaggio delle catene da neve, è bene esercitarsi a casa: si eviterà di perdere tempo e prendere freddo in mezzo alla strada nel momento del bisogno. Per garantire lunga vita alle catene, a fine inverno conviene lavarle con cura. Acqua e sapone e una spazzola aiutano a togliere lo sporco, specialmente nei più delicati dispositivi di tensionamento. Prima di riporle nella loro confezione assicurarsi che siano ben asciutte.

Aggiungi un commento
Ritratto di Franc-one
28 dicembre 2009 - 15:02
io è da 2 anni che ho i calzetti le autosock....mi trovo strabene le consiglio a tutti. L'unico svantaggio è che le devi togliere sull'asfalto altrimenti si distruggono e le devi asolutamente lavare dopo la nevicata altrimenti il sale le spezza e non valgono piu niente...comunque tirando le somme sono meglio delle catene secondo me visto che distruggono lo sterzo. Poi se si vive in posti dove nevica molto allora meglio le catene...
Ritratto di MASSIMO69
30 dicembre 2009 - 13:57
Il prodotto che hai compreto non è male ne ho sentito parlare bene però so che è caro e siccome come hai tu stesso detto quando non c'è neve le devi togliere allora secondo me comprati 4 gomme invernali e per 6 mesi sei a posto. Con neve, ghiaccio, pioggia e frenate d'emergenza
Ritratto di Ari
2 gennaio 2010 - 17:23
Al fuoristrada cosa mettere? Certamente le catene, ma si trovano facilmente? Cosa mi consigliate?
Ritratto di Al86
3 gennaio 2010 - 00:24
Se scegli le catene (che considero la scelta migliore, sopratutto se vai fuoristrada dove la neve non viene spazzata) ne devi comprare due paia perchè le devi mettere su entrambi gli assi (vista la trazione integrale) al limite se il tuo è un foristrada vecchia maniera con ancora la trazione integrale inseribile te la pui cavare con due mettendole sull'asse posteriore, si trovano praticamente ovunque e il costo non dovrebbe essere eccessivo; le gomme da neve sono molto più comode delle catene perchè le monti ad inizio stagione e le togli a fine stagione senza doverti preoccupare se passi in zone dove non c'è più neve e dovresti avere anche un'ottima tenuta sulla neve fresca, il mio consiglio e montare le gomme invernali su altri 4 cerchi così non devi andare dal gommista a fine stagione per cambiarle (in ogni caso però il conto è più salato che a prendere le catene). Per le calze non saprei cosa consigliarti, non le ho mai usate ma ho visto con la forte nevicata che ha fatto prima di natale un'auto che le montava e slittava più lei che le altre senza catene, comunque credo che se scegli le calze ne devi sempre prendere 4 da mettere su tutte le ruote, però ufficialmente non sarebbero in regola col codice della strada quindi qualche poliziotto pignolo potrebbe farti storie. I ragni invece te li sconsiglio perchè già costano un'occhio della testa un solo paio, per il fuoristrada la spesa raddoppia, però hanno di buono che sono facili da mettere.
Ritratto di Ari
22 gennaio 2010 - 19:08
Grazie per i consigli, sei stato esaudiente. Comunque il mio è un fuoristrada duro e puro... ricordi il vecchio Mistubischi?...ecco è proprio quello, chiamato per lungo tempo Galloper.
Ritratto di Al86
28 gennaio 2010 - 20:37
è a questo che servono i forum, comunque qualunque cosa scegli (catene, gomme, calze o ragni) il mio consiglio è di non badare troppo al risparmio e di motare su entrambi gli assi così sfrutti appieno la trazione integrale e sei più sicuro.
Ritratto di stefanotos
3 gennaio 2010 - 21:01
Io durante l'inverno viaggio con le gomme termiche, ma tengo sempre nel bagagliaio le autosock, da montare sulle ruote posteriori in caso di strada con curve e in discesa, se in presenza di lastroni di ghiaccio: le ruote motrici e sterzanti infatti con le termiche si riesce a controllarle, a differenza delle posteriori che in contropendenza scivolano facendo partire la coda della macchina verso valle; tutt'altra cosa con il grip fornito dalle calze da neve! A distanza di anni dalla loro nascita nei Paesi nordeuropei, dove con la neve hanno molta più confidenza di noi, nonostante la loro efficacia in Italia non sono ancora state omologate. Ti viene da pensare che ci sia sotto qualcosa...
Ritratto di bozze
5 gennaio 2010 - 13:35
anch io dopo diversi anni ho provato a montare le gomme invernali sulla vw fox di mia moglie. il risultato è eccezzionale! il problema della coda che ti parte è risolvibile col tuo sistema, ma il consiglio che posso dare a tutti è di acquistare un auto con esp. Ho sentito dire che nel 2011 sarà montato si tutte le autovetture. Comunque anche con le gomme invernali.... la prudenza aiuta molto. Buona giornata
Ritratto di marcoloryluca
15 gennaio 2010 - 23:37
Ho acquistato per la prima volta le gomme termiche in quanto temo le insidie del freddo ghiaccio pioggia e neve. E' trascorso un mese da quando le ho montate e non pensavo proprio che fossero cosi performanti in tenuta e grip in qualsiasi situazionione di asfalto, purtroppo ho avuto la peggio in questi ultimi 15 giorni dell'anno, nel mio paese a Treviso. Sono andato da più gommisti per farmi consigliare quali montare e gran parte di loro mi hanno proposto le Dunlop Winter Sport 3D, alla fine è stata un ottima scelta.
Ritratto di ally68
4 gennaio 2010 - 23:58
LO SCORSO ANNO HO ACQUISTATO LE CALZE PER LA MIA MITSUBISHI SPACESTAR E DEVO DIRE CHE MI SONO STATE UTILISSIME VISTO CHE OLTRE ALLA SEMPLICITA' DI MONTAGGIO, MI HANNO PORTATO OVUNQUE, PECCATO CHE NON SIANO OMOLOGATE, PERCHE' AVREBBERO UN GRANDE SUCCESSO.
Pagine

DA SAPERE PER CATEGORIA

listino
Le ultime entrate
  • Porsche Panamera Sport Turismo
    Porsche Panamera Sport Turismo
    da € 103.502 a € 166.088
  • Infiniti QX30
    Infiniti QX30
    da € 39.990 a € 44.560
  • Opel Corsa
    Opel Corsa
    da € 12.590 a € 22.450
  • Chevrolet Corvette Cabriolet
    Chevrolet Corvette Cabriolet
    da € 88.000 a € 129.340
  • Chevrolet Corvette Coupé
    Chevrolet Corvette Coupé
    da € 82.900 a € 124.240

PROVATE PER VOI

I PRIMI CONTATTI

  • Suzuki Swift 1.0 Boosterjet S
    € 18.890
    La nuova Suzuki Swift è una piccola ma spaziosa cinque porte, che si guida molto bene; ottimo il “mille” a tre cilindri. Piuttosto povere le plastiche nell'abitacolo.
  • Mazda CX-5 2.2 D Exceed 4WD
    € 40.000*
    Rifatta nella carrozzeria e negli interni, la Mazda CX-5 appare più affilata e moderna, nonché meglio rifinita. Vivace il 2.2 a gasolio da 175 CV.
  • Ferrari GTC4Lusso T 3.9 V8 DCT HELE
    € 234.745
    La nuova Ferrari GTC4Lusso T è la versione a trazione posteriore della granturismo presentata nel 2016. Ed è la prima quattro posti del Cavallino a montare un inebriante V8 biturbo.