NEWS

Formula E: si delinea la stagione 2021

Pubblicato 30 novembre 2020

La Formula E avrà la sua prima gara in notturna che si disputerà il 26 febbraio 2021 in Arabia Saudita, sul circuito di Diriyah.

Formula E: si delinea la stagione 2021

La settima stagione di Formula E, a cui è stato riconosciuto da parte della FIA lo status di campionato mondiale, prenderà il via il 16 gennaio 2021 con l’ePrix di Santiago del Cile. Lo scorso sabato 28 novembre i team, al fine di preparare l’inizio di stagione, sono tornati in pista sul circuito “Ricardo Tormo” di Valencia, a tre mesi dal finale della stagione 6. I test dureranno fino al 1 dicembre. 

Tra le novità previste, vi è quella che anche la Formula E, così come avviene ormai da diverso tempo in Formula 1, avrà la sua gara in notturna. Si tratta dell’ePrix di Diriyah che si correrà in Arabia Saudita, nel doppio appuntamento del 26 e del 27 febbraio 2021 alle ore 18 (ora italiana). Al fine di conformarsi con lo spirito sostenibile della Formula E, gli organizzatori per illuminare la pista utilizzeranno una sofisticata tecnologia a led di ultima generazione, che è in grado di ridurre i consumi del 50% rispetto a un sistema tradizionale. Ad alimentarla saranno le energie rinnovabili, su cui il paese arabo sta puntando molto. 

IL CALENDARIO PROVVISORIO

Gara 1 Santiago, Cile

16 gennaio 2021

Gara 2 Santiago, Cile

16 gennaio 2021

Gara 3 Diriyah, Arabia Saudita

26 febbraio 2021

Gara 4 Diriyah, Arabia Saudita

27 febbraio 2021

Il resto delle date è ancora da confermare

 

Sanya, Cina

13 marzo 2021

Roma, Italia

10 aprile 2021

Parigi, Francia

24 aprile 2021

Monaco, Monaco

8 maggio 2021

Seoul, Corea del Sud

23 maggio 2021

Da confermare

5 giugno 2021

Berlino, Germania

19 giugno 2021

New York City, Stati Uniti

10 luglio 2021

Londra, Regno Unito

24-25 luglio 2021

 

Al primo ePrix di Santiago del Cile, seguirà il 17 gennaio, un altro round, che si disputerà sempre sulla pista cilena. Il 16 e il 17 febbraio sarà poi la volta dei due ePrix di Diriyah. Al momento la FIA, oltre alla conferma dei quatto ePrix iniziali, non ha ancora stabilito il calendario completo della settima stagione, che verrà diffuso a inizio 2021

La FIA, con l’obiettivo della riduzione dei costi di sviluppo, ha deciso di estendere a due anni la validità dell’omologazione; le squadre, quindi, in base alle proprie possibilità economiche, possono sia omologare un nuovo motopropulsore che sarà valido per il 2020-21 e il 2021-22, sia correre la settima stagione utilizzando la tecnologia esistente, prima di omologare un nuovo motore nella stagione 2021-22. L’Audi ad esempio ha scelto di realizzare un nuovo propulsore (che dovrà utilizzare per due anni), mentre il team DS Techeetah, che nella passata stagione si è aggiudicato sia il titolo costruttori che quello piloti, affronterà la nuova stagione con la stessa vettura, la DS E-Tense FE20, così da ottemperare alle linee guida della serie per il contenimento dei costi.





Aggiungi un commento