NEWS

Aston Martin DBS Superleggera: profumo di storia

26 giugno 2018

La casa inglese presenta la sua nuova super-GT che ha voluto chiamare con due nomi che fanno parte della storia della casa: DBS e Superleggera.  

 Aston Martin DBS Superleggera: profumo di storia

NUOVA AMMIRAGLIA SUPER GT - L’Aston Martin DBS fu una splendida gran turismo del 1967. Il marchio Touring Superleggera è stato per tanti anni uno dei nomi più prestigiosi del made in Italy automobilistico, che collaborò molte volte con la casa inglese. Ora i due nomi ritornano di nuovo a incontrarsi con una sportiva di razza che prende il nome Aston Martin DBS Superleggera. La linea dell'Aston Martin DBS Superleggera esprime al meglio ciò che la vettura rappresenta: la nuova ammiraglia della casa inglese in sostituzione della Vanquish S. Lo stile è al tempo stesso elegante e grintoso, nella migliore delle tradizioni delle vere sportive, specie quelle del passato con cui la nuova DBS con il nome che ha evidentemente vuole fare riferimento.

5,2 LITRI CON DOPPIO TURBO - Quanto alla personalità sportiva i numeri del motore non lasciano dubbi: V12 a doppio turbo di 5,2 litri con 725 CV a 6.500 giri, con 900 Nm di coppia da 1.800 a 5.000 giri. La velocità massima è di 337 km/h con l’accelerazione 0-100 km/h realizzabile in 3,4 secondi. Non da meno i dati di ripresa: l'Aston Martin DBS Superleggera passa da 50 a 100 miglia all’ora in soli 4,2 secondi.

SOSPENSIONI E TRASMISSIONE ADEGUATE - Nonostante la grande potenza e la grande coppia disponibili, sull'Aston Martin DBS Superleggera è una due ruote motrici, ovviamente quelle posteriori. Per permettere una guida non proibitiva per i non piloti, la trasmissione comprende il differenziale autobloccante meccanico con torque vectoring. Le sospensioni anteriore hanno uno schema con i doppi bracci trasversali forgiati mentre al posteriore c’è un articolato sistema multi-link. Quanto al cambio è uno ZF automatico a otto rapporti. Chi è al volante può scegliere tra tre modalità, sia per il cambio che per le sospensioni: GT, Sport e Sport Plus. 

DOTAZIONE TECNOLOGICA - Anche se la denominazione è d’altri tempi, la dotazione dell'Aston Martin DBS Superleggera è in battuta con i tempi. L’equipaggiamento comprende, tra le tante cose, anche la telecamera a 360 gradi. Non manca il sistema multimediale già visto sulla DB11, di origine Mercedes, che può essere controllato tramite il rotore posta nella console centrale. Infine l’allestimento interno, di livello elevato, nella realizzazione e nella scelta dei materiali, quali le imbottiture in pelle morbida e con inserti in alcantara. Per le ruote l’Aston Martin offre la possibilità di scelta tra i cerchi forgiati a "Y" standard e quelli forgiati a doppio raggio forgiato. Tutti due con diametro di 21 pollici.

ARRIVA IN AUTUNNO - Il lancio dell'Aston Martin DBS Superleggera è programmato per il terzo trimestre del 2018, con prezzi di 225 mila sterline in Gran Bretagna e 274 mila euro in Germania e 304 mila dollari negli Stati Uniti.

Aston Martin DBS Coupé
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
18
0
0
0
0
VOTO MEDIO
5,0
5
18


Aggiungi un commento
Ritratto di Gordo88
27 giugno 2018 - 13:36
Dietro sa un po di porsche panamera però nel complesso è molto cattiva.. così bassa e larga sembra una supercar
Ritratto di mika69
27 giugno 2018 - 14:57
Ma esticazzi si può dire ?!
Ritratto di PaoloPerego
27 giugno 2018 - 16:06
Sono da sempre un estimatore Aston Martin: classe, eleganza, sportività, tecnologia sopraffina. E anche questa superleggera è semplicemente meravigliosa Una perla ulteriore che si aggiunge al mondo AM.
Ritratto di Paolo.bravo
27 giugno 2018 - 20:43
Veramente notevolissima!
Ritratto di Arreis88
27 giugno 2018 - 21:51
Esteticamente le supercar inglesi.....altro pianeta.
Ritratto di Cruiser956
30 giugno 2018 - 18:06
1
Semplicente splendida, anche se non si può non notare che nel posteriore "Panamerreggia " un tantino
Ritratto di APasin
4 luglio 2018 - 09:41
Molto bella, notevole. Comunica raffinatezza, e poi sportività.
Ritratto di Fulminebianco
11 luglio 2018 - 15:59
L'ultima cosa di cui la Gran Bretagna si può ancora vantare a livello automobilistico
Ritratto di markcooper
15 luglio 2018 - 11:45
ma io la voglio anche in italia...
Pagine