NEWS

Fiat Argo: tutto sulla nuova utilitaria

1 giugno 2017

Lunga 400 cm, la Fiat Argo ha motori fino a 139 CV e alza gli standard qualitativi della Fiat in Brasile.

Fiat Argo: tutto sulla nuova utilitaria

NUOVO APPROCCIO - L’utilitaria Mobi e il pick-up Toro hanno sancito un deciso cambio di rotta per la divisione brasiliana della Fiat, che intende curare maggiormente la qualità di bordo anziché privilegiare solo la robustezza. Questo approccio viene ripreso anche dall'utilitaria Fiat Argo, lunga 400 cm, su cui l’azienda ripone grandi aspettative dopo aver scontato un deciso e preoccupante calo delle vendite. La Argo è del tutto nuova e verrà costruita nell’impianto che la Fiat possiede a Betim, dove ha investito grossi capitali per aggiornare le strutture e modernizzare l’intero processo costruttivo. Il miglioramento è visibile fin dalla carrozzeria: ha forme più scolpite e zone lavorate meglio rispetto a modelli di qualche anno fa, segno che la fabbrica sta raggiungendo standard qualitativi più vicini agli impianti europei. La Fiat ha lavorato inoltre sui dettagli e scelto luci diurne a led, non ancora diffuse sui modelli venduti in Brasile.

TECNOLOGIE AL VERTICE - La plancia della Fiat Argo si rifà alla Tipo ed è sviluppata su due livelli: nella parte superiore c’è lo schermo da 7 pollici in stile tablet, rivestito con un inserto plastico ad effetto nero lucido, mentre in quella inferiore si trovano i comandi per la climatizzazione e la presa Usb per ricarica lo smartphone. L’abitacolo è fra i più ampi della categoria, stando alle informazioni provenienti dalla Fiat, secondo cui il baule misura 300 litri ed i sedili sono comodi anche per passeggeri di alta statura. Il sistema multimediale Uconnect prevede le connettività Apple CarPlay e Android Auto. L’equipaggiamento della Fiat Argo comprende inoltre il sistema d’ingresso senza chiavi, uno schermo multifunzione nel quadro strumenti da 3,5 pollici, il climatizzatore automatico e lo specchietto retrovisore interno che si scurisce da solo. In termini di sicurezza sono previsti il controllo di stabilità, l’assistente alle partenze in salita e il controllo di trazione.

LA OPENING PER 1000 - I motori della Fiat Argo sono i benzina della nuova famiglia FireFly: il 3 cilindri 1.0 da 77 CV e il 4 cilindri 1.3 da 109 CV il cui arrivo è confermato anche sui modelli europei. C'è poi il noto 4 cilindri 1.8 da 139 CV previsto anche in abbinamento al cambio automatico EAT6 a sei rapporti e alla versione sportiva HGT, con ruote in lega da 16 pollici, dettagli di colore rosso sulla carrozzeria, sospensioni dalle tarature sportive e terminale di scarico cromato. I primi 1.000 esemplari verranno proposti nel ricco allestimento Opening Edition, con ruote in lega ad effetto brunito e verniciatura bicolore: la carrozzeria sarà blu Portofino, il tetto e gli specchi neri. La Fiat ha confermato che la Argo non arriverà sul mercato europeo.

Aggiungi un commento
Ritratto di Mattia Bertero
1 giugno 2017 - 16:05
3
ARGO. Si vede che ha una linea tipicamente da Sud America, noi europei abbiamo gusti diversi. Inoltre se venisse importata da noi dovrebbe praticamente essere riprogettata a causa delle normative dei Crash Test europei che sono nettamente più severi rispetto a quelli sud-americani.
Ritratto di nicktwo
1 giugno 2017 - 16:13
senza polemica, e' solo per il dubbio: la ford ecosport non si trovava nelle stesse condizioni (di essere nata per i mercati suddamericani) eppure la vendono in europa? ...saluti
Ritratto di Ale94
1 giugno 2017 - 16:24
Esatto anche se non vende molto...
Ritratto di ogiad
1 giugno 2017 - 16:45
Dopo il restyling (hanno tolto la gomma dietro e cambiato qualche plastica messo dei cerchi in lega più belli) vende molto di più (secondo me ora ne vendono 50000 all'anno che non è pochissimo)... con la Argo potrebbero fare uguale con anche meno spesa. Effettivamente il problema potrebbe essere l'euro encap, la piattaforma è la totalmente nuova mp1, non si sa quanto sia a posto da quel punto di vista
Ritratto di Mattia Bertero
1 giugno 2017 - 17:01
3
X NICKTWO. Penso che qualcosa hanno cambiato per poter passare i crash test europei come per esempio la 500 o la 4C vendute in USA che la FCA ha leggermente modificato nella zona dei paraurti per fargli passare le normative degli Stati Uniti. Una volta ho letto un articolo su Quattroruote (non ricordo quale numero è stato diversi anni fà) che avevano paragonato alcuni modelli che si vendevano sia nel mercato Sud-Americano che in quello europeo ed è venuto fuori che i modelli Sud-Americani testati con le normative europee erano molto meno sicuri rispetti ai modelli per l'Europa. D'altronde, se ci pensi, un'azienda cerca sempre di avere un guadagno da quello che produce, un auto per il mercato brasiliano deve rispettare solamente le regole del mercato brasiliano perché non è tenuta a fare oltre...
Ritratto di nicktwo
1 giugno 2017 - 17:11
ma penso concorderemo che, in mancanza (sembra) di una futura segmento b specificamente europea, avranno pensato di dar luogo a una vettura che senza grandi stravolgimenti potrebbero poi arrivare in europa... il tutto ovviamente se, a prescindere dal fatto di aver al momento affermato che non se ne fa niente, hanno voluto investire sul progetto un minimo in piu' per tenersi aperte diverse opzioni di strategia commericale... ... ... ***a proposito del "non se ne fa niente": fra le ipotesi non imoh andrebbe scartata quella che tendenzialmente si cerca di portare la clientela verso quanto e' al momento gia' disponibile presso i propri scaffali (e non di tenerla in sospeso, ma senza acquistare niente, verso futuri prodotti), ergon ci starebbe tutto che poi in verita' l'arrivo di questa argon in europa era piu' o meno previsto e prima o poi avviene... himo... saluti
Ritratto di Mattia Bertero
1 giugno 2017 - 17:28
3
Questo non l'ho possiamo sapere. La Tipo per esempio sta avendo successo nonostante l'impronta del progetto sia da mercato emergente, però se si pensa anche alla Uno e alla Palio brasiliana che da noi non si sono viste...inoltre c'è da dire che la Punto non ha quasi mai avuto successo al di fuori dei nostri confini e giustamente Marchionne non vuole rischiare di creare un possibile flop europeo quando in Europa Fiat vende grazie al brand 500. Contando poi, che se parliamo di Italia, la Fiat ormai ha dirottato i clienti della Punto verso la Tipo (per il prezzo competitivo e avendo una macchina più spaziosa) e verso la Panda (sfruttando la sua praticità e versatilità), una nuova segmento B marchiata Fabbrica Italiana Automobili Torino la vedo ancora lontana ad arrivare.
Ritratto di Babbalaa
2 giugno 2017 - 08:56
Per la Ecosport credo dipenda dal fatto che basta che un'auto sia un suv e la si vende tranqullamente, a prescindere da tutto il resto
Ritratto di Leonal1980
2 giugno 2017 - 09:23
3
Si infatti se ne vedono veramente poche, ed in più fa ribrezzo.
Ritratto di Ale94
1 giugno 2017 - 16:24
Fiat vuole riprendersi il trono di 1º costruttore in Brasile perso nel 2016 per colpa di Chevrolet. Questa macchina ha davvero tutte le carte in regola per ridare a Fiat la prima posizione. Auto moderna, carina d esterica e gamma completa. Come sono cambiate le cose rispetto a quando Fiat vendeva la Fiat Uno degli anni '80 fino a qualche annetto fa. Non concordo sul fatto che in Europa non venga importata pazzesco! Abbiamo la Punto che ha 12 anni suonati è disponibile in 1 sola versione è anche base. Importare questa vendendola a 9.950 completa di clima e 5 porte vorrebbe dire un successone da parte di FCA. Poi a loro cosa costa? Quasi nulla la macchina già c è bastano 2 modifiche e cambio di nome e ottieni una segmento B economica e che riesce vendere parecchi anni sul mercato a costo 0. Fiat sveglia!
Pagine