NEWS

L’auto da corsa del Politecnico di Milano

31 gennaio 2018

Il team dell’ateneo è composto di 90 studenti, che progettano la vettura e corrono nel campionato Formula SAE.

L’auto da corsa del Politecnico di Milano

STUDENTI DA CORSA - Auto da corsa, ideate e realizzate dagli studenti. Succede al Politecnico di Milano: nel Dipartimento di meccanica nasce una piccola ma pepata monoposto che partecipa alla Formula SAE, competizione internazionale di ingegneria nata negli Stati Uniti nel 1981. In Europa, questo campionato - che in alcuni Paesi è chiamato anche Formula Student - è sbarcato a Silverstone nel 1998. Da quel momento, sono stati tanti gli atenei del Vecchio Continente che hanno aderito alla serie in pista tanto che, ad oggi, sono oltre 500 i team che hanno partecipato alle gare della Formula SAE. L’ateneo milanese, tra i concorrenti fin dal 2004, corre con il suo team Dynamys PRC, composto da 90 studenti che frequentano diversi corsi di laurea.

LA MONOPOSTO “MADE IN MILANO” - A vedersi, sembra una formula rimpicciolita. Ma la monoposto creata dagli studenti del Politecnico va ben oltre la sua aria che si può definire simpatica. I suoi 70 CV del motore a combustione interna devono spingere un peso di soli 185 kg, consentendo un rapporto peso potenza decisamente interessante. Lo 0-100 km/h parla chiaro: 3,9 secondi, con un’accelerazione in curva di 2g. Il telaio è un monoscocca in fibra di carbonio e il pacchetto aerodinamico studiato ad hoc - con tanto di musetto, pendici laterali e alettone - completa una monoposto in chiave “baby” ma che di sicuro fa divertire i ragazzi alla guida. Niente al caso neanche dal punto di vista dell’elettronica, sviluppata su misura per ottimizzare le prestazioni. In sintesi, la Formula del team Dymais PRC un giocattolino che sa farsi valere nel campionato internazionale, composto da 13 gare di cui 6 in Europa.

Aggiungi un commento