NEWS

Formula E: Bird vince la prima gara della stagione 2017-18

2 dicembre 2017

Nella prima delle due gare sulla pista di Hong Kong, l’inglese della DS Virgin arriva davanti a Vergne e Heidfeld.

Formula E: Bird vince la prima gara della stagione 2017-18

BIRD VOLA DI NOME E DI FATTO - Sam Bird (nella foto sopra) vince la prima gara stagionale di Formula E. A Hong Kong, dove si svolgerà una seconda gara domani 3 dicembre, il pilota inglese della DS Virgin Racing fa sua la prima delle due gare del fine settimana che apre il campionato dedicato alle monoposto elettriche. Una prova di forza da parte di Bird, capace di guadagnare il gradino alto del podio nonostante una penalità di 8 secondi scontata in pit lane per aver oltrepassato una linea di demarcazione all’interno della stessa pit lane.

SPETTACOLO VERO - Nelle fasi iniziali, la gara è stata interrotta per il brutto incidente del debuttante Andre Lotterer: il tedesco è finito contro il muro alla curva 3 del circuito cittadino, distruggendo la sua Techeetah. Le vetture sono quindi rientrate in pit lane in bandiera rossa per permettere di liberare e di sistemare la pista. Subito dopo la ripartenza, Jean Eric Vergne ha afferrato il comando della gara con l’unica Techeetah rimasta in gara. Il francese ha tenuto la prima posizione per 20 giri, fino al “numero” di Bird che nella curva 6 è riuscito a infilare Vergne diventando così il leader della gara. L’inglese ha mantenuto la posizione fino alla bandiera a scacchi; alla fine di gara 1, Bird ha chiuso con un vantaggio di oltre 11 secondi nei confronti di Vergne.

SE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO - Dietro Bird, pilota capace di dividersi con successo tra la Formula E e il mondiale WEC in cui corre con la Ferrari 488 della AF Corse, si è scatenata una bella lotta per il secondo posto. Vergne se l’è dovuta vedere con un altro veterano delle corse che contano, Nick Heidfeld sulla Mahindra Racing. Alla fine, il francese non ha ceduto agli attacchi del tedesco, mantenendo il gradino medio del podio e lasciando quello più basso ad Heidfeld. Bella lotta, a sinonimo di uno spettacolo che la Formula E promette e mantiene, anche tra il campione della seconda stagione, Sebastian Buemi, e l’attuale numero 1 in carica Lucas di Grassi: tra lo svizzero della Renault e.dams e il brasiliano in forza all’Audi Sport Abt Schaeffler, c’è stato un confronto serrato per la sesta posizione. Confronto spuntato da Di Grassi che, però, è valso a poco: il campione in carica è stato costretto al ritorno ai box per un problema tecnico sulla monoposto.

HONG KONG ROUND 1: L'ORDINE D'ARRIVO

Aggiungi un commento
Ritratto di Rikolas
2 dicembre 2017 - 16:13
Formula E, raccapricciante. Automobiline copia/incolla tutte uguali col motore del mio rasoio da barba e le pile Duracell, il tutto condito dal suono di un macchinina telecomandata per bambini di 3 anni. Per favore eliminate questo pseudo-sport per deficienti e torniamo a parlare di MOTORI! Andate a vedere cos'era il motorsport 20/30 anni fa, altro che ste scemate...
Ritratto di Raffaelorenz
2 dicembre 2017 - 17:11
Anche per me è raccapricciante, ma non esattamente per gli stessi motivi, ok per il discorso copia e incolla, (il fornitore è unico per tutti a prescindere dal logo appiccicato), il rumore invece per me non è un problema, per i bimbi che vogliono sentire il rombo è alle porte un "tecnologico" impianto audio che ne riproduce il suono (pazzesco ma oggi appare normale sta idiozia, vogliono farlo anche in F1...), è invece indigeribile il bonus di potenza ad un singolo pilota deciso dal pubblico con un SMS.
2 dicembre 2017 - 18:30
Per me dovrebbero lavorare sul suono elettrico come lavorano anche sul suono dei motori a combustione, le caratteristiche per renderlo più suggestivo ci sono, basta implementarle e ad onore del vero non è che quello dei V6 ibridi sia gran roba. Concordo sul fan boost, mi sembra una cag***a.
Ritratto di Rikolas
3 dicembre 2017 - 01:00
Non si può migliorare un suono elettrico e nemmeno avrebbe un senso, la verità è che questo tipo di motore non è adatto per questo tipo di sport. L'appassionato vuole sentire il sound di um V12/10/8, vuole ascoltare la melodia dell'aria che esce dagli scarichi di auto molto potenti e quasi da fantascienza, vuole stupirsi ed emozionarsi ascoltando le frequenze generate dalle risonanze emesse di motori tradizionali... cosa può fare un tristissimo impianto sonoro che SIMULA un motore a combustione? È semplicemente un idea demenziale che purtroppo sta prendendo piede anche su alcune auto di serie (308 GTI...ridicola!). No signori, qui stiamo uccidendo il motorsport, la passione,la tecnica. Il motore elettrico va bene sui treni, sui filobus e al massimo sulle microcar da città, su tutti gli altri veicoli è inutile, dispendioso e inquinante (si sposta solo il problema, non lo so risolve). Percui anche la F1 dovrebbe abbandonare l'ibrido e tornare a far divertire la gente perchè questa è la vera missione dello sport
Ritratto di Raffaelorenz
3 dicembre 2017 - 09:14
Ecco, quando leggo che il motorsport si sta uccidendo a causa del sound.... mi cascano le braccia.
Ritratto di v8sound
3 dicembre 2017 - 14:33
Puoi pensarla come vuoi, ci mancherebbe. Come ha scritto Rikolas gli appassionati vogliono sentire il sound, vero, non riprodotto artificialmente. La passione (per il motorsport) è la "risultante" di una serie di componenti, dove il sound ha un suo perché... Pensa che in F1 hanno dovuto ricorrere a delle modifiche tecniche per rendere il suono (se così vogliamo chiamarlo) delle attuali monoposto più coinvolgente. Che tu sia un appassionato o meno non lo so, nel caso lo fossi saresti comunque un'eccezione a pensarla in questo modo.
3 dicembre 2017 - 15:09
Non ho capito a chi hai risposto, se a me forse non hai capito perché non ho parlato di suono artificiale ma di quello generato dagli accumulatori che danno quella specie di ronzio. Dicevo che potrebbero lavorare su quel suono per renderlo più gradevole, come già fanno per i motori a combustione che in primis Ferrari lavora specificatamente per renderlo piacevole o JLR che per i suoi V8 ha interpellato chi produce i fiati. Quindi non mi riferivo affatto a suoi artificiali ma naturali e affinati come già fanno con quelli a benzina/gasolio o con gli strumenti musicali.
3 dicembre 2017 - 15:13
Lungi da me a preferire le auto elettriche sono il primo critico ma essendo appassionato di auto penso a come si potrebbero rendere appetibili anche quelle elettriche senza virtualizzarle con suoni digitali.
Ritratto di v8sound
3 dicembre 2017 - 17:36
x Fr4ncesco. Ho risposto a Raffaelorenz
3 dicembre 2017 - 18:31
Ah ok, dalla smartphone non capivo l'ordine.
Pagine