NEWS

Formula E: riparte il campionato 2020

Pubblicato 18 giugno 2020

La sesta stagione del campionato mondiale di Formula E si concluderà con tre doppie in agosto presso l’aeroporto di Berlino.

Formula E: riparte il campionato 2020

Dopo la lunga pausa dovuta alla pandemia finalmente torna la Formula E. Questo periodo di stop è stato colmato con l’organizzazione da parte della federazione di un campionato virtuale parallelo, denominato “race at home” composto da 8 gare e vinto dal pilota della Mercedes-Benz EQ Stoffel Vandoorne.

Gli organizzatori hanno quindi deciso che è il momento di tornare in pista optando per una soluzione che prevede tre doppie gare in rapida successione il 5-6, l’8-9 e il 12-13 agosto 2020 nella pista ricavata all’interno dell’aeroporto Tempelhof di Berlino. Le gare tedesche completeranno quindi il calendario della sesta stagione del campionato mondiale di Formula E portando il numero totale degli ePrix a 11.

Prima dello stop a causa del Covid-19 erano già state disputate cinque gare con il pilota della Ds Techeetah, Antonio Felix da Costa, in testa alla classifica con 11 punti di vantaggio su Mitch Evans della Panasonic Jaguar Racing. Da Costa cercherà di conquistare il suo primo titolo iridato di campione di Formula E entrando così a far parte della ristretta cerchia di campioni insieme al compagno di scuderia e due volte campione in carica Jean-Eric Vergne.

La Formula E e la FIA per questa ripresa del campionato in modo sicuro hanno lavorato in stretta collaborazione con i team e le autorità locali per definire delle precise regole. Al fine di minimizzare il rischio di contagio le gare verranno disputate a porte chiuse con solo il personale essenziale e i piloti presenti all'evento. Stando alle linee guida del governo tedesco, ci sarà un numero massimo di 1.000 persone in loco, inclusi i fornitori locali e il personale medico, inoltre ogni team potrà portare non più di 20 persone (tutte le altre operazioni non indispensabili verranno eseguite in remoto).

I protocolli per la salute e sicurezza, oltre all’utilizzo di mascherine, il distanziamento sociale e percorsi studiati per evitare assembramenti, includono anche i test per il coronavirus obbligatori prima delle gare e lo screening in loco ogni giorno. 





Aggiungi un commento
Ritratto di Pavogear
18 giugno 2020 - 20:14
Che farsa. Tutte le gare sulla stessa pista. Persino la NASCAR muovendosi da un anello all'altro hanno più variabilità nei layout delle piste. Spero che quest'annata storta faccia aprire gli occhi agli organizzatori della formula E e che capiscano che non ha senso fare un campionato fatto di gare su soli circuiti cittadini. Se utilizzassero circuiti veri avrebbero molti meno problemi anche in situazioni come questa (vedasi formula 1 e MotoGP) e le gare sarebbero molto più avvincenti
Ritratto di Giulio Menzo
22 giugno 2020 - 09:55
2
Vero, solo circuiti cittadini in un campionato sono poco interessanti