NEWS

Formula E 2019, risultato gara E-Prix di Parigi: vince Frijns. Classifica e calendario.

27 aprile 2019

Formula E, ordine d’arrivo dell’E-Prix di Parigi 2019: vince l’olandese della Envision Virgin al termine di una gara segnata dalla pioggia.

Formula E 2019, risultato gara E-Prix di Parigi: vince Frijns. Classifica e calendario.

NUOVO VINCITORE - Robin Frijns sulla Envision Racing n°4 (foto qui sopra) vince l’e-prix di Parigi 2019: è l’ottavo vincitore in otto gare del mondiale di Formula E. Nella capitale francese, sul circuito più corto del campionato con 14 curve, la gara è condizionata dal maltempo che, rendendo la pista molto scivolosa, causa parecchi incidenti: diversi fasi di gare a velocità controllata e Safety Car hanno quindi dettato tempi e modalità che hanno portato alla bandiera a scacchi. In seconda posizione Andre Lotterer sulla Techeetah n°36 (foto qui sotto), seguito da Daniel Abt con l’Audi n°66 (foto più in basso) che chiude il podio di Parigi.

SORPASSI A RAFFICA - Nella prima posizione in griglia c’è Rowland. La partenza è lanciata per evitare guai al via, visto l’asfalto leggermente scivoloso per la pioggia caduta prima della gara. Buemi sale subito in seconda pizza, lo seguono Frijins e Massa. Brutto botto al termine del primo giro per Rowland, probabilmente per aver osato troppo su una parte di pista con poco grip. Carta bianca per Buemi. All’ombra del podio, Andre Lotter cerca di passare Gunther e dà spettacolo in cerca della sua prima vittoria in Formula E. In soli tre giri, i sorpassi totali sono 21: la dimostrazione lampante che noia e Formula E non possono essere accomunate.

PODIO CONTESO - A dieci minuti dal via, tutti e tre i piloti di testa passano nella zona di pista che attiva l’attack mode, un’iniezione di potenza supplementare di 25 kW per 4 minuti. La lotta si fa ancora più accesa con Frijins che prova in tutti i modi a scavalcare Buemi e con Massa che non vuole lasciarsi scappare i primi due nella sua migliore prestazione, almeno fino a questo momento, in Formula E. Alle loro spalle, Lotterer passa Gunther e poi subito dopo Massa, portandosi in zona podio. Buemi, poco dopo, infila la strada che porta ai box per una foratura, causata da un pizzico di Frijins, e cambio gomme. Frijins è primo, seguito da Lotterer e da Massa. Non c’è tempo di rifiatare dalla serie dei sorpassi che Abt con l’Audi supera Massa. 

IL DILUVIO - Comincia una pioggia torrenziale. La pioggia può rimescolare le carte, di nuovo. Mancano 30 minuti alla fine della corsa, non sono previsti cambi gomme dal regolamento. È una fase cruciale della gara, in cui bisogna gestire la situazione senza fare errori. Tutti rallentano. Fino al regime di full course yellow che impone i 50 chilometri orari costanti a tutte le vetture, congelando così le posizioni. Passano altri 6 minuti, la pioggia allenta la sua presa e la gara torna in bandiera verde. Si ricomincia ma c’è pochissima aderenza e Sims va contro il muretto con la sua BMW. Di nuovo full course yellow per permettere di togliere la monoposto da una curva e per sistemare la barriera.

GARA QUASI AD ELIMINAZIONE - Siamo a 15 minuti dalla bandiera a scacchi, la gara ricomincia con le posizioni da podio che restano immutate alla ripartenza. Soltanto Massa scivola dalla quarta alla settima piazza dopo un errore. Il tracciato è molto scivoloso, la monoposto elettriche scodano di continuo. Ed arriva un nuovo incidente tra Mortara e Lynn. Ancora tutti a 50 all’ora e posizioni di nuovo congelate. Sembra una gara ad eliminazione. Entra anche la safety car che ricompatta il gruppo e rimescola le carte a dieci minuti dalla fine. Al momento la classifica vede Frijns, Lotterer e Abt nelle prime tre posizioni. Di Grassi con l’altra Audi è quarto. D’Ambrosio, il leader del mondiale, è ottavo.

SI RIPARTE PER POCO - La gara riparte con due minuti da correre, in cui tutto può succedere. Rientrata la safety car, Frijns prova di nuovo a scappare e sembra riuscire nell’intento. Ma passano solo due curve e c’è un nuovo incidente con una vettura a muro. Ancora full course yellow. Quando sembra che la gara finisca così, tornano le bandiere verdi. Sono poche centinaia di metri, le posizioni restano invariate.

> QUI L'ORDINE D'ARRIVO E LE CLASSIFICHE



Aggiungi un commento
Ritratto di Utubm
28 aprile 2019 - 07:06
Quello che mi stupisce sempre è l'abisso di godibilità che c'è rispetto alla obsoleta F1. Perché non solo la gara delle Formula E è più divertente ma anche tutto il "prodotto" è meglio confezionato a livello di spettacolo.
Ritratto di Rikolas
29 aprile 2019 - 08:15
Quello che mi stupisce è sapere che ci sono ancora quei 4 gatti che seguono questa buffonata. La F1 è un altro pianeta, sia tecnologicamente che motoristicamente, non come quelle orribili "zanzare" della Formula E, fanno veramente schifo.
Ritratto di ForzaItalia
29 aprile 2019 - 08:54
Il pubblico della FE è in BOOOM pesantissimo, affluenze sempre in aumento, spettacoli di ogni genere, coinvolgimenti, manifestazioni serate ecc ecc... mi disp per il tuo fegato ridikolas
Ritratto di otttoz
28 aprile 2019 - 08:01
tracciato scivoloso,incidenti a ripetizione...cosa si aspetta a far disputare le gare negli appositi circuiti nati per togliere pericolose competizioni dalle vie cittadine?
Ritratto di Mbutu
28 aprile 2019 - 15:29
Secondo me l'assurdità è non prevedere il cambio gomme.
Ritratto di RS
29 aprile 2019 - 14:51
Ci si arriverà, in fondo è ancora in fase di rodaggio la Formula E. Non potrà continuare in eterno in circuiti cittadini... In più la tecnologia elettrica per questi livelli è in continuo miglioramento, qualche cosa cambierà nei prossimi anni.

PROSSIMO GP

Bern FE 2019
ORARI
Sabato 22 Giugno
Prove 108:45 - 09:45
Prove 211:15 - 12:00
Qualifiche13:30 - 14:45
Gara18:00