Partecipa ai nuovi forum

CREA UNA DISCUSSIONE
Provincia sulla targa
12 gennaio 2015 - 18:35
Ritratto di Mattia Bertero
alVolante di una
Kia Stonic 1.0 T-GDI 120 CV Energy
Ciao a tutti. Questa volta vi chiedo una cosa legata alla legge. Se si copre con uno stampino solamente la provincia indicata sulle targhe si incorre a qualche sanzione? Vi spiego: mia madre ha appena acquistato la sua nuova macchina e come targa ha la provincia di Genova (GE) visto che si tratta di un'usato della Liguria. Noi abitiamo in provincia di Cuneo (CN) e le vorrebbe coprire la provincia indicata con uno stampino (per una sua personale insofferenza per il Liguri, niente di personale ma a noi Piemontesi i Liguri ci stanno un po' alti :-) ). E' possibile farlo senza incorrere a sanzioni oppure no? Grazie in anticipo.
Aggiungi un commento
Ritratto di Flavio Pancione
12 gennaio 2015 - 19:07
7
Cos'è razzismo bonario quanto inutile? La farei doppia la multa..
Ritratto di Mattia Bertero
13 gennaio 2015 - 15:11
3
Esagerato!!!! Sono i classici dissapori che esistono da regione a regione se non da provincia a provincia. Non è che mia madre ha fatto una scenata quando ha visto la sigla GE...
Ritratto di nkkollaw
24 novembre 2018 - 21:44
Perché, i liguri sono una razza..?
Ritratto di M93
12 gennaio 2015 - 19:11
Ciao Mattia, da quel che so, la mancanza dell'anno e della provincia non pregiudicano l'integrità e la validità della targa: l'importante è non alterare i sette caratteri alfanumerici che compongono la stessa e che consentono di identificare e riconoscere un particolare veicolo. Credo che un adesivo o la rimozione della sigla di provincia non implichi alcuna violazione e che produca alcuna sanzione. Per essere certo e andare sul sicuro, ti conviene chiedere alla Motorizzazione... Un saluto.
Ritratto di PongoII
13 gennaio 2015 - 10:10
7
Quando furono modificate le targhe "modello 93", le prime alfanumeriche senza provincia, fu inserita la possibilità e sottolineo possibilità di apporre per un rigurgito di romanticismo la sigla della provincia. Poi, per un presunto scopo di controllarne la correttezza delle revisioni (ma de che? se poi non ti danno un nuovo bollino?), anche l'anno d'immatricolazione. Entrambi gli adesivi sono facoltativi ed i venditori più preparati ti chiedono (oltre al classico "pari o dispari") se intendi che vengano applicati. Ciò non toglie che, dal 93, le auto possano essere immatricolate in qualsiasi provincia italiana e, tranne casi rari, restino "nate" in quella motorizzazione. Quindi, applica pure lo stemma della Brigata Alpina Cuneense...
Ritratto di M93
13 gennaio 2015 - 11:32
Grazie per la tua conferma PongoII ;) Spero che i dubbi (legittimi) di Mattia inerenti alla questione siano stati del tutto fugati. Un saluto. Marco.
Ritratto di Mattia Bertero
13 gennaio 2015 - 15:13
3
Grazie per i chiarimenti a tutti e due. L'auto in questione è una Toyota Aygo prima serie del 2011 quindi ha il sistema di targhe che è in vigore adesso. Basta un piccolo stampino. In ogni caso mi informo meglio.
Ritratto di PariTheBest93
12 gennaio 2015 - 19:15
3
Il mio vicino ha sulla sulla sua targa (al posto della provincia) un adesivo della repubblica salentina da anni e anni. Come ha già detto marco, non dovrebbero esserci problemi in quanto la targa in se non viene compromessa. Poi alcune targhe non hanno proprio né la provincia né l'anno (a due cifre), quindi nessun dubbio. PS Qual è la nuova auto?
Ritratto di Flavio Pancione
12 gennaio 2015 - 19:29
7
Parla di auto usata, è piu probabile che si riferisce al vecchio sistema di targa. Sono molto rare le targhe nuove con anno e provincia
Ritratto di Moreno1999
12 gennaio 2015 - 20:24
4
Il vecchio sistema di targa (da AA000AA fino a BB999HG) non prevedeva spazi "blu" dove inserire i due bollini e dove lasciare la sigla italiana e la bandiera europea. Se intendi le targhe di auto più vecchie, l'inserimento dei due bollini inizialmente veniva effettuato direttamente dalla concessionaria. Secondo me dovrebbero renderli obbligatori, tanto risalire all'anno di immatricolazione è facilissimo e anche la provincia ben trovabile tramite internet (vedi sotto). Altrimenti farebbero meglio a rendere le lettere più visibili (specialmente la G, troppo simile alla C e la Y che è molto schiacciata e diventa quasi una T) e a rimuovere direttamente la banda blu destra (come in quasi tutti gli stati europei, tranne Italia, Francia e Albania che hanno copiato il nostro sistema. I bollini dovrebbero comunque essere consegnati insieme al libretto dell'auto e ogni concessionario dovrebbe averli. Io personalmente proporrei di introdurre le targhe personalizzate (per ora è solo un concetto astratto) oppure come in Svizzera di legare la targa al proprietario dell'auto e non all'auto stessa (non cambiare mai la targa)
Ritratto di PariTheBest93
12 gennaio 2015 - 20:33
3
Esatto. Comunque con il 50ino è così: la targa è intestata al proprietario non al mezzo. Infatti la mia vespa ha la targa del mio ex scooter fatta nel 2008, e sinceramente mi fa impressione una targa vecchia su un modello nuovo. Per l'anno e la provincia non conosco il metodo esatto, forse dipende solo dal concessionario in questione!
Ritratto di Flavio Pancione
12 gennaio 2015 - 23:26
7
Fino al 94 le province erano nella targa del tipo BN XXXXX
Ritratto di Moreno1999
13 gennaio 2015 - 07:13
4
Si la vecchia macchina di mio padre era "MI 1X1111" ovviamente con gli 1 e la X che rappresentano lettere e numeri. Era in due pezzi quella targa
Ritratto di M93
13 gennaio 2015 - 11:38
Concordo pienamente Moreno, come avevo già avuto modo di dirti in una discussione inerente la questione delle targhe: sarebbe bello poter introdurre un sistema, semplice e funzionale, come quello adottato in Svizzera e in altri Paesi. Un saluto.
Ritratto di Mattia Bertero
13 gennaio 2015 - 15:15
3
La macchina è del 2011 quindi con l'attuale sistema di targa.
Ritratto di Mattia Bertero
13 gennaio 2015 - 15:06
3
L'auto in questione è una Toyota Aygo prima serie del 2011 targata appunto Genova. Ho scritto la prova la settimana scorsa ma non l'hanno ancora pubblicata.
Ritratto di PariTheBest93
13 gennaio 2015 - 18:38
3
Quindi alla fine siete stati di parola e avete preso l'aygo, sebbene il precedente modello (comunque bello e valido)
Ritratto di Mattia Bertero
13 gennaio 2015 - 20:01
3
Alla fine si. Abbiamo girato in lungo ed in largo, cercando inizialmente una utilitaria ma abbiamo trovato solamente auto con troppi chilometri rispetto a quanti ne volevamo (intorno ai 70000 Km, noi pensavamo intorno ai 40000-50000 massimo), al budget che avevamo in mano (6000-8000 euro). Poi alla Toyota a pochi chilometri da casa abbiamo visto questa Aygo Now Connect in perfette condizioni targata Genova con soli 16000 Km il prezzo 7500 comprese 4 gomme invernali (obbligatorie in questo periodo a Cuneo) e la voltura. Non male. Come ho già detto aspetto che AlVolante pubblichi la prova.
Ritratto di Moreno1999
12 gennaio 2015 - 19:59
4
Prima di tutto....che macchina è? Seconda cosa, puoi rimuovere benissimo la sigla ma è piuttosto difficoltoso. Noi comunque abbiamo sempre messo sia anno che provincia, se la targa dispone di questo spazio un motivo ci sarà e mi secca lasciarli vuoti. Quindi anno e MI (anche se MB, la provincia dietro l'angolo, ha una sigla allettante essendo le mie iniziali) sempre e comunque!
Ritratto di Mattia Bertero
13 gennaio 2015 - 15:09
3
L'auto è una Toyota Aygo del 2011. La provincia è in piccolo a destra sullo spazio blu, come nelle targhe attuali. Basta un piccolo stampino sopra, non togliere il blocco come le auto di una volta.
Ritratto di Moreno1999
13 gennaio 2015 - 19:12
4
Seppur non sia bella quanto il modello attuale, è stato un modello di successo e indubbiamente valido (anche se un po' minuscolo all'interno). Quindi buon acquisto! Comunque cambiando argomento è da circa una settimana che la Mazda è stata riparata con successo, peccato per i 130 € :/ ma ora parte benissimo ed è tornata quella di sempre. 165.000 km
Ritratto di Mattia Bertero
13 gennaio 2015 - 19:56
3
Ah, bene. Alla fine era proprio la centralina???
Ritratto di Moreno1999
13 gennaio 2015 - 20:44
4
Si, più la pulizia del corpo farfallato e qualche altro piccolo intervento di manutenzione. Gli anni si fanno sentire? Il solo pensiero mi mette paura, sinceramente spero proprio di NO! Vorrei i 200.000, sicuramente. Poi, vada come vada, resterà sempre la mia auto. Un poco emotivo eh?! Ma ci sono troppo legato. Piangerò al suo funerale!
Ritratto di Mattia Bertero
14 gennaio 2015 - 16:24
3
Credo che un po' tutti noi siamo affezionati alla macchina che si possiede. Non ho mai dimenticato la Yaris, la mia prima macchina, è stata una conquista, fu la prima cosa importante che comprai con i miei soldi lavorando. Infatti l'Aygo in questione di mia madre ha lo stesso motore che aveva la mia Yaris e devo ammettere che ho provato un po' di nostalgia nel guidarla (ho già scritto la prova ma AlVolante non l'ha ancora pubblicata) Quando l'ho fatta demolire mi sono tenuto le chiavi di riserva, l'unica cosa che mi rimane di lei. Certo, sono anche affezionato alla Polo che ho adesso ma la prima non si scorda mai. Le macchine purtroppo vanno e vengono purtroppo, più invecchiano più inevitabilmente hanno problemi o piccoli/grandi interventi da fare. E' la vita.
Ritratto di Moreno1999
12 gennaio 2015 - 20:03
4
Ah e comunque ci sono dei bei siti internet grazie ai quali si può risalire alla provincia di immatricolazione dell'auto (prima immatricolazione)... quindi supponiamo che la tua auto sia targata XX999XX, immatricolata la prima volta a Bergamo... l'auto risulta sempre bergamasca. Fonte: www.targheitaliane.com
Ritratto di Fr4ncesco
13 gennaio 2015 - 17:26
Come ti hanno già detto non c'è alcuna violazione, perchè in pratica non alteri lo stato della targa ma solo degli elementi non obbligatori, che tra l'altro trovo abbastanza inutili. Inoltre vedo spesso sardi coprire la provincia con la bandiera della loro regione, addirittura ho visto un auto di un militare americano che invece al posto della bandiera europea aveva applicato lo stemma della USAF...
Ritratto di PongoII
13 gennaio 2015 - 20:07
7
Non circolano più con le auto targate "AFI" (Air Force Italy)?? Quando ero nell'Esercito a Treviso e nel triveneto in generale ne vedevo parecchie, anche uno scuolabus in stile americano per i loro figli...
Ritratto di Fr4ncesco
14 gennaio 2015 - 03:00
AFI sta per "Allied Forces in Italy" e vale sia per i veicoli militari che per quelli privati del personale NATO presente in Italia. Detto ciò, per motivi di sicurezza, dal 2003 è stato chiesto al personale di utilizzare le targhe italiane piuttosto che quelle AFI, così da non distinguersi più tra il resto delle auto circolanti. Adesso questa targa è usata quasi esclusivamente sui mezzi militari, su quelli privati non ne vedi più, però se hai una buona conoscenza delle auto, sia per i modelli, sia per le specifiche USA (luci di posizione, di ingombro ecc) riconosci comunque le auto dei militari americani. L'ultima volta l'ho vista anche io proprio su uno scuolabus.
Ritratto di TheStig_97
13 gennaio 2015 - 18:08
Mi unisco agli altri confermandoti che non si incorre in nessuna violazione. L'autosalone dove lavora mio padre importa spesso auto dal Nord Italia e le date e le province le cancella spesso.
Ritratto di ottavio1956
13 marzo 2016 - 20:01
salve propongo le nuove targhe per regione cosi ,in alto il nome della regione la numerazione alfa numerica i colori fondo giallo e numeri lettere blu o neri e ogni regione solo la sigla di capoluogo ciao cosa ne pensate
Ritratto di Luasterix
18 gennaio 2017 - 18:05
Sapessi come ci state sulle palle voi piemontesi, che nonostante ci snobbiate venite tutti gli anni in vacanza da noi persino in inverno a romperci le palle. E proprio voi piemontesi siete i peggiori, non spendete nemmeno un euro, se potete vi portate da casa anche la carta igienica!!!!!!!!!!!!!! Da noi(Sanremo) vi rubavate perfino i fiori delle aiuole !!!!!!!!! Oltre alla Provincia copritevi anche la faccia che c'è l'avete ben tosta !!!!!!! Da noi si dice piemontese falso e cortese, mai proverbio fu più azzeccato!!!!!! Saluti. Luca.