Partecipa ai nuovi forum

CREA UNA DISCUSSIONE
Marchio DS
05 settembre 2015 - 19:21
Ritratto di Ercole1994
alVolante di una
Fiat Punto 1.2 3 porte HLX
Secondo voi,è stato un bene scorporare il ramo DS, dalla casa madre Citroen? Oppure no? A voi i commenti! :)
Aggiungi un commento
Ritratto di M93
5 settembre 2015 - 21:49
Ottimo quesito, a cui credo che si potrà rispondere in modo coerente e completo solo tra qualche anno, dopo che DS avrà una linea di prodotti sviluppati ex-novo, diversa vere da ciò che avviene oggi. In Cina, è da sempre un brand a sè stante, mentre nel resto del mondo no. Certo è che inserire sul mercato un nuovo brand di lusso è un'impresa tutt'altro che semplice: prima cosa, data l'attuale situazione in cui versa Citroen (e anche PSA) e seconda cosa, la complessità nel ritagliarsi nel mercato, una nicchia esclusiva, senza continui rimandi alla ex casa madre. Nutro qualche perplessità rispetto a questo genere di operazioni commerciali ma, nello stesso tempo, auguro a DS il meglio, a patto che siano tecnologicamente avanti, con uno stile d'avanguardia e una qualità costruttiva al top. La Divine DS in questo senso promette davvero bene. Tu cosa ne pensi? Un saluto.
Ritratto di Ercole1994
5 settembre 2015 - 22:25
Cosa ne penso? Beh per il momento mi sembra una mossa un po azzardata, perché in primis le DS attuali vengono percepite come delle Citroen di lusso, senza una propria identità, non basta un cambio di mascherina (a mio parere poco riuscito) per avere una percezione diversa rispetto a prima,ma fare proprio dei modelli ex-novo che si distinguano soprattutto per la sofisticatezza degli interni,per tecnologie all'avanguardia (la strada dell'ibrido è ottima, da estendere anche al 1.6 THP,oltre che il 2.0 BlueHDi) e delle linee originali ma senza forzature (un po come la vera DS del 1955),solo con questi concetti si può avere una percezione di "diverso",di personale e senza copiature,ma intanto comandano i soldi e il mercato, quindi vedremo come sarà l'avventura della neonata DS.Infine vorrei dire che apprezzo molto gli attuali prodotti DS,in particolar modo la 3 berlina, davvero bella esteticamente e da guidare, oltre che la 5,molto originale ed elegante, con interni che non hanno nulla da invidiare alle tedesche. Poi c'è la 4,che è quella che apprezzo meno, ma nel suo piccolo è anche lei interessante.Un saluto anche a te! :)
Ritratto di PongoII
5 settembre 2015 - 22:38
7
Ciao Ercole. Senza ripetere l'accurata disamina di Marco, con la quale concordo in pieno, aggiungo la mia idea: nella situazione attuale, lanciare un nuovo marchio è equivalso a fondare un nuovo partito... ce ne sono già troppi per potersi ritagliare l'adeguato spazio (commerciale, in questo caso). D'altronde anche la BMW e l'Audi avrebbero potuto scorporare la propria linea SUV ("X" e "Q"), dato che ricalcano un'analoga filiera di segmenti di auto "normali" ma non l'hanno (ancora) fatto. E credo che le vendite siano migliori del comparto DS. Ma spesso le politiche commerciali sono frutto di speculazioni che possono o meno andare a buon fine, e qui credo che ci troviamo nella seconda casistica...
Ritratto di Ercole1994
5 settembre 2015 - 22:51
Ciao Pongoll,parto con il dire che il marchio DS deve prima farsi una nomea proprio forte (cosa un po complicata visto che la triade era e rimarrà sempre forte),ma se continuano la strada che hanno intrapreso inizialmente come sub-brand Citroën (cioè ottime rifiniture interne e buona tecnologia),forse potrebbero farcela, ma come ho già detto in precedenza, tempo e denaro decideranno tutto, un po come succederà con la Giulia per quanto riguarda la nostra amata Alfa!
Ritratto di TheStig_97
6 settembre 2015 - 09:53
Ciao Ercole, concordo con quanto detto precedentemente da Marco e Gabriele. Io non avrei scorporato il marchio da Citroen, anzi avrei trasformato il marchio del Double Chevron in quello che vogliono far diventare DS. Mi spiego: Peugeot nel gruppo PSA fa la parte della generalista alla "tedesca", con prodotti ben fatti e dal design più convenzionale e di Citroen ne avrei fatto la casa che puntasse al Premium, però senza ispirazioni dai marchi tedeschi e con soluzioni fuori dagli schemi. Adesso in PSA si ritrovano con 3 marchi, di quale solo uno (Peugeot) vende bene e porta liquidità, mentre Citroen si ritrova con una gamma abbastanza ampia ma le vendite restano inferiori a quelle di Fiat, e DS che ancora non ha una sua identità. Comunque potremo dare un giudizio definitivo solo tra qualche hanno, quando il marchio avrà una gamma completa e non collegata a Citroen come quella attuale di cui solo la DS5 (peraltro l'unica che mi ricordi l'originale DS del '55) non si accavalla con la gamma dell'altro marchio. Un saluto.
Ritratto di Ercole1994
6 settembre 2015 - 11:16
Bene, a quanto ho capito nei vostri commenti, siamo più o meno sulla stessa linea di pensiero, concordiamo soprattutto nel fatto che ci vogliono anni per vedere i primi veri frutti della DS con design e tecnologia un po diversa.Comunque spero sviluppino anche altri motori (affiancare un 2.0 THP all'attuale 1.6,oppure ripescare il 3.0 V6 HDi della C5) e migliorino ancora la qualità degli interni, davvero lussuosi sulla 5! Un saluto anche a te :)
Ritratto di rikykadjar
6 settembre 2015 - 13:24
3
Ciao, la Ds secondo me andava scorporata perché sono modelli premium come la A3 e la A1, infatti per ora produce modelli di segmento. B e C come fa Audi ricarrozzando e facendo più belle le Volkswagen. Stessa cosa farà Bmw facendo la X1 su base Mini. Poi bisognerà vedere fra 3-4 anni se i modelli futuri saranno basati su Citroën o meno. (Visto che la gamma si estenderà verso l' alto). Poi visto i commenti degli altri utenti, io per il gruppo PSA, posizionerei Peugeot come generalista, Citroën come alternativo, ovvero farei delle auto come la Cactus e Ds come premium. Un saluto. Riccardo